Luson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il torrente omonimo, vedi Rio Luson.
Luson
comune
Luson/Lüsen
Luson – Stemma
Luson – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Josef Maria Fischnaller (SVP) dal 10/05/2015 (3° mandato)
Territorio
Coordinate 46°45′00″N 11°46′00″E / 46.75°N 11.766667°E46.75; 11.766667 (Luson)Coordinate: 46°45′00″N 11°46′00″E / 46.75°N 11.766667°E46.75; 11.766667 (Luson)
Altitudine 962 m s.l.m.
Superficie 74,41 km²
Abitanti 1 539[1] (31-12-2010)
Densità 20,68 ab./km²
Frazioni Monte/Berg, Valletta/Flitt, Masi/Huben, Croce/Kreuz, Pezzè/Petschied, Ronco/Rungg
Comuni confinanti Bressanone, Marebbe, Naz-Sciaves, Rodengo, San Lorenzo di Sebato, San Martino in Badia
Altre informazioni
Cod. postale 39040
Prefisso 0472
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021044
Cod. catastale E764
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 011 GG[2]
Nome abitanti lusonesi/Lüsner[3]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Luson
Luson
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Luson (Lüsen in tedesco) è un comune italiano di 1.543 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è compreso nella valle del rio Luson, che ha una particolare forma a mezza luna, che abbraccia il massiccio della Plose, terminando con il Sass de Putia. A nord-est il territorio del comune è costeggiato dalla catena dell'alpe di Rodengo, che lo separa dalla val Pusteria.

Il paese, che viene documentato storicamente per la prima volta nell'893 come Lusina, consiste di ben sette località, che sono situate quasi sempre sul lato destro della Valle di Luson, nelle montagne che portano lo stesso nome.

Le frazioni di Croce, Masi e Monte sono poste nella parte anteriore della valle, quelle di Valletta e Pezzè nella posteriore, mentre il villaggio di Luson e la frazione di Ronco si trovano nel punto centrale del comune, su di un grande conoide alluvionale.

Circa tre quarti del territorio comunale sono occupati da estesi pascoli alpini e superfici boschive.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il piccolo insediamento fu donato da re Arnolfo di Carinzia nell'893 ai vescovi di Bressanone[4]. Durante il medioevo esso era luogo giurisdizionale episcopale.

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Lusina nell'893, come Lusena nel 1142 e come Lysen nel 1265 e probabilmente ha un'origine preromana.[5][6]

L'origine del nome di "Luson" non può oggi essere stabilita con chiarezza, ma è da accettare la modifica nel tempo delle parole dell'alto tedesco antico "Lase" (strisce) ed "Ache" (fiume), dalla cui combinazione tematica di "Lasache" potrebbe essere derivata nella lingua parlata l'odierna denominazione di Luson.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma ritrae un cavaliere con armatura, a viso aperto con pennacchio e lancia in resta su un cavallo rivoltato a sinistra, entrambi di colore argento su sfondo rosso. Lo stemma, adottato nel 1967, riprende un motivo usato dall’amministrazione dei vescovi di Bressanone dal 1607.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è per la quasi sua totalità di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
97,77% madrelingua tedesca
1,39% madrelingua italiana
0,83% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Persone legate a Luson[modifica | modifica wikitesto]

Tra i cittadini celebri del Comune di Luson si ricordano Joseph Gargitter (1917-1991), vescovo di Bolzano-Bressanone, e Milo Manara, fumettista, nato nel 1945.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Croce[modifica | modifica wikitesto]

Croce (ted. Kreuz) è la frazione più avanzata od esterna nella valle del rio Luson, in direzione per Rodengo, e dal 1975 c'è una strada la quale collega la località con il capoluogo, dove ha sede il comune.[9]

Masi[modifica | modifica wikitesto]

La frazione di Masi (ted. Huben) è posta tra le Fosse di Costa (ted. Gostgraben) e le Fosse di Rio Cavo (ted. Gfasegraben).

Si ritiene che il suo nome derivi probabilmente dai resti dei tanti antichi servizi funerari rinvenuti nella località ed i due masi che vi si trovano.[9]

Monte[modifica | modifica wikitesto]

Le fattorie di Monte (ted. Berg) si trovano sopra le frazioni di Croce e di Masi, ed arrivano fino ai prati dell'Alpe di Luson.

Nel 1954 fu realizzata una teleferica per il trasporto delle merci, che collegava la località di Monte con il capoluogo comunale di Luson.

Nel 1967/68 venne costruita una funivia per il trasporto di persone, e nel 1968 si è portata a compimento una strada forestale, che è stata sempre più migliorata nel tempo ed ampliata di continuo.[9]

Pezzè[modifica | modifica wikitesto]

Pezzè (ted. Petschied) è la frazione più arretrata od interna nella Valle di Luson, che si caratterizza per numerose abitazioni di discendenza romanica, ed il toponimo della località deriva dal termine latina "picetum", che a sua volta proviene da "picea", nome latino dell'abete, equivalente cioè a 'pianta che produce pece', con il significato perciò di "bosco di abeti rossi".[9]

Ronco[modifica | modifica wikitesto]

La frazione di Ronco (ted. Rungg) si trova sulla fertile conoide alluvionale di Lana di Gorghetto (ted. Gargitter Lahn).

Il toponimo deriva dal sostantivo latino "runcus", il cui nome significa "radura", e dal verbo all'infinito "runcare", che vuol dire "dissodare" la terra, da cui derivano i termini italiani di ronca, roncola e roncare con lo stesso senso.

Ronco è oggi composta da 14 masi chiusi, ed il maso di Gorghetto (ted. Gargitt) è stato abbandonato definitivamente verso il 1900.[9]

Valletta[modifica | modifica wikitesto]

La frazione di Valletta (ted. Flitt) aveva in passato un solo unico casale, quello di Flitt, da cui prende il nome, ed il toponimo deriva dal termine ladino o romancio dal reto-romanico "ovile, oviletto", che significa infatti stalla delle pecore.

Dal 1971, la vecchia strada mercantile di accesso alla località è stata ricostruita, ampliata e trasformata in una carrozzabile.[9]

Villa[modifica | modifica wikitesto]

La località principale della valle di Luson è chiamata semplicemente Villa (ted. Dorf), che sta per paese o borgo, ed è la più recente frazione del comune di Luson.

I nomi delle case sono quasi esclusivamente di origine tedesca e sono derivati da botteghe o negozi di artigianato.

Nel centro del villaggio, che è stato quasi completamente distrutto da un incendio nel 1921, si trovano la chiesa di San Giorgio e San Chiliano, l'asilo, la scuola e la casa comunale, la sede locale dei Vigili del Fuoco, le pensioni turistiche e gli agriturismi, i negozi, le abitazioni residenziali e la canonica della parrocchia.[9]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 in carica Josef Maria Fischnaller SVP Sindaco

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Per l'avvento del Santo Natale 2010, il paese di Luson ha donato l'albero di Natale per la piazza San Pietro in Vaticano. L'albero, scelto tra altri 100 esemplari nella tenuta del maso Lengerei 1150 m) di Martin Ragginer, aveva 94 anni di età, era alto 34 metri, con un peso di circa 5 tonnellate, e con circa 300 stelle di paglia di decorazioni. Arrivato in Vaticano il 3 dicembre, veniva consegnato ufficialmente al Pontefice il 17 dicembre assieme ad una cinquantina di piccoli arbusti per le decorazioni degli interni.[10][11][12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 355.
  4. ^ Tiroler Urkundenbuch, sez. II: Die Urkunden zur Geschichte des Inn-, Eisack- und Pustertals, vol. 1: Bis zum Jahr 1140, a cura di Martin Bitschnau e Hannes Obermair, Innsbruck, Wagner, 2009, pp. 81s. n. 112 ("forestis ad Lusinam"). ISBN 978-3-7030-0469-8.
  5. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  6. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 226s. ISBN 88-7014-634-0
  7. ^ (EN) Heraldry of the World: Lüsen
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ a b c d e f g Elenco frazioni sul sito comunale
  10. ^ Arriva da Bressanone l'albero di Natale per piazza San Pietro | Alto Adige
  11. ^ http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/trentino/2010/11/26/visualizza_new.html_1677095326.html
  12. ^ A San Pietro arriva l'abete di Natale - Photostory Primopiano - ANSA.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Georg Prosch, Die Hof- und Flurnamen in Lüsen (Schlern-Schriften, 5), Innsbruck, Wagner, 1924.
  • (DE) Ernst Delmonego (a cura di), Lüsen: Natur - Kultur - Leben. Dorfbuch, Luson, Comune di Luson, 1988.
  • (DE) Ernst Delmonego, Lüsen 1914-1945: Schicksale einer unseligen Zeit, Bressanone, Weger, 2005.
  • Ernst Delmonego, Luson - chiese e cappelle. Diocesi di Bolzano-Bressanone, Decanato di Bressanone, Parrocchia di Luson, Sudtirolo, Passau, Peda, 2009. ISBN 978-3-89643-740-2
  • (DE) Paul Detomaso, Wir Lüsner: unsere Kulturgüter, Bräuche, Ausdrücke und Sagenwelt, Luson, Bildungsausschuss, 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4236722-0
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige