Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

San Candido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Candido
comune mercato
(DE) Innichen
(IT) San Candido
San Candido – Stemma
(dettagli)
San Candido – Veduta
In alto vista su Piazza San Michele, sullo sfondo la Rocca dei Baranci, al centro uno scorcio del centro pedonale ed in basso una vista sui tetti della località turistica
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Rosmarie Burgmann (Bürgerliste Lista Civica) dal 10-5-2015 (1º mandato)
Territorio
Coordinate 46°43′56.64″N 12°16′42.78″E / 46.7324°N 12.27855°E46.7324; 12.27855 (San Candido)Coordinate: 46°43′56.64″N 12°16′42.78″E / 46.7324°N 12.27855°E46.7324; 12.27855 (San Candido)
Altitudine 1 175 m s.l.m.
Superficie 79,85 km²
Abitanti 3 305[2] (31-12-2015)
Densità 41,39 ab./km²
Frazioni Monte San Candido, Prato alla Drava, Versciaco (di Sopra, di Sotto)
Comuni confinanti Dobbiaco, Innervillgraten (AT-7), Sesto, Sillian (AT-7)
Altre informazioni
Cod. postale 39038
Prefisso 0474
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021077
Cod. catastale H786
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 188 GG[3]
Nome abitanti sancandidesi/Innichner[1]
Patrono San Candido
PIL procapite (nominale) 34.600
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Candido
San Candido
San Candido – Mappa
Il territorio comunale
Sito istituzionale

San Candido (IPA: /sanˈkandido/, Innichen in tedesco IPA: /ˈiniçn/) è un comune italiano di 3 305 abitanti della provincia autonoma di Bolzano, in Trentino-Alto Adige, situato nell'Alta Pusteria.

Comune mercato dal 1303, San Candido è oggi una rinomata località turistica invernale ed estiva delle Dolomiti, incluso nel parco naturale Tre Cime.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

San Candido è situato nei pressi della sella di Dobbiaco, al di là dello spartiacque alpino, poiché attraversato dal fiume Drava, affluente del Danubio. San Candido e la vicina Sesto sono quindi tra i pochi comuni italiani non facenti parte della regione geografica italiana perché appartenenti al bacino idrografico del Danubio.

Il territorio di San Candido rappresenta l'ultima punta (ad occidente) di diffusione dell'harpfe, un caratteristico essiccatoio del grano costituito da due pali verticali congiunti da pali orizzontali.[5] Classificazione climatica: zona F.

Panorama di San Candido

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come India nel 769, Intihha nell'822 e Intichingen nel 1070 e deriva forse dal nome di persona latino Indius attraverso una forma *Intica.[6][7] Il nome italiano San Candido (peraltro già da tempo invalso nell'uso) è stato dato, accogliendo solo in parte il suggerimento di Ettore Tolomei (che aveva proposto San Candido alla Drava) da quello del compatrono della collegiata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla nascita del borgo alla prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Una rappresentazione di San Candido quando era dominio dei vescovi di Frisinga

I primi reperti che si hanno di San Candido si possono ricondurre al 1000 a.C., dove passarono da sud-est gli Illiri. In seguito, e precisamente nel IV secolo a.C. vi sono tracce di insediamenti Celti che fondarono un piccolo villaggio.[8]

I Romani dal 15 a.C., fondarono le province romane Rezia e Norico dentro la quale si trovava anche San Candido. L'impero romano iniziò a costruire alcune strade come ad esempio la via Claudia Augusta, che attraversava la località di San Candido e dove quindi i romani costruirono una prima stazione denominata Littamum di circa 500 abitanti.[8]

Alcuni gravi scontri vi furono verso la fine del VI secolo che coinvolsero la popolazione degli Slavi da est contro i Bavari da nord che con tutta probabilità distrussero l'allora paese di San Candido.[8]

Il borgo di San Candido, centro religioso dell'Alta Pusteria, si è sviluppato attorno al monastero di frati benedettini concesso dal duca Tassilone III di Baviera nel 769 durante la reggenza del vescovo Arbeo di Frisinga e quindi dall'abate Atto von Scharnitz per contrastare gli slavi, allora ancora pagani, al cristianesimo. Per secoli la dipendenza dal punto di vista ecclesiastico rimase alla diocesi di Frisinga (San Corbiniano), la più antica della Baviera. L'Imperatore del Sacro Romano Impero, Ottone I di Sassonia, concesse nel 965 a San Candido l'immunità, ciò significò che la marca divenne "indipendente dall'impero". Gli antichi legami con Frisinga hanno portato a stabilire un gemellaggio tra le due località.[8] Attorno all'anno 1140 l'allora monastero di frati benedettini venne mutato in una collegiata di tipo occidentale, ciò comporto l'insediamento di analoghi ecclesiastici e canonici.[8]

Nel tardo medioevo il territorio di San Candido conteneva Monguelfo a occidente fino a Abfaltersbach a oriente, a sud invece arrivava fino al Cadore; la massima estensione territoriale. Alcune famiglie di agricoltori provenienti da San Candido, colonizzarono nel corso del XIII secolo alcune località vicino all'attuale Tolmino in Slovenia.[8]

Lo stemma di comune mercato

Il re Alberto I d'Asburgo, concesse a San Candido il 15 luglio 1303 la marca quindi il diritto di essere un comune mercato. Nel 1554 scoppiò un grande incendio che distrusse l'intero paese, dato che la maggior parte delle abitazioni erano costruite in legno.[8]

Intorno alla metà del XIV secolo il tentativo di fare del paese un centro commerciale lungo la via per il Cadore e la Carinzia fu contrastato dai conti di Gorizia, successivamente conti del Tirolo, che non vollero che si creassero rivalità economiche con la vicina Lienz. Verso la fine del dominio iniziale, nel 1803 rimase sotto il territorio di San Candido solamente la parte del paese. Fu così che San Candido rimase soprattutto un centro religioso, gravitante attorno alla Collegiata, che nei secoli ha attratto migliaia di pellegrini. Il centro storico è quindi caratterizzato da numerosi luoghi di culto, oltre che da case signorili del XVIII e XIX secolo.[8]

Negli anni precedenti il primo conflitto mondiale, San Candido come l'intera regione storica del Tirolo godeva di un'economia prettamente turistica, che finì con lo scoppio della guerra.[9]

San Candido italiana[modifica | modifica wikitesto]

Una foto storica di San Candido dalla guida del TCI del 1935

Con lo scoppio della prima guerra mondiale, San Candido si ritrovò nelle immediate retrovie del fronte, diventando così centro ospedaliero. Nella spartizione, nel 1918, del Tirolo fra Austria e Italia, San Candido sarebbe teoricamente dovuta rimanere all'Austria, trovandosi al di là dello spartiacque alpino ma per ragioni militari fu assegnata all'Italia[10] con due grandi caserme: la Cantore e la Druso, la prima ancora affidata al 6º Reggimento Alpini.

La presenza del confine nella frazione di Prato alla Drava determinò anche la presenza di una nutrita schiera di funzionari italiani: Guardia alla Frontiera (oggi non più esistente), polizia di frontiera, uffici doganali, una stazione di Carabinieri, un Commissariato di Pubblica Sicurezza e una sezione della Guardia di Finanza.

Piazza San Michele al tramonto, agosto 2016

Tra le due guerre San Candido comincia ad essere frequentata da un turismo di élite, il quale però rimarrà isolato, senza diventare un vero e proprio fenomeno[11]. Solo dagli anni 2000 San Candido riesce ad imporsi come centro turistico e culturale nelle Dolomiti, attirando da diverse regioni d'Europa un turismo d'élite.[12]

San Candido ha costituito per anni il capolinea della linea ferroviaria che risaliva da Fortezza, mentre i sei chilometri di linea fino al confine, pur trovandosi in territorio italiano, erano gestiti dalle ferrovie austriache. Fino a che vi è stato un rigido controllo doganale, era caratteristica la presenza di treni-corridoio che univano Lienz, nel Tirolo orientale, con Innsbruck, capoluogo del Tirolo settentrionale.[13]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma mostra una torre d'argento merlata alla guelfa su due piani, con portale e saracinesca; sopra il portale uno stemma raffigurante la testa di un moro, coronato di un diadema d'oro, su sfondo azzurro. La torre è posata sul verde della campagna con lo sfondo rosso. Questo genere di raffigurazione ricorda che la località un tempo era sotto il dominio dei vescovi di Frisinga proprietari, dal 769 al 1803, di una vasta area nella regione. Lo stemma fu concesso dal Re Alberto d'Austria nel 1303.[14]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Collegiata di San Candido[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Collegiata di San Candido.

Il complesso della Collegiata di San Candido (Stiftskirche Innichen), considerato il più importante monumento romanico del Sudtirolo,[15] fu costruito a partire dal 1043 sul sito del monastero benedettino fondato nel 769 da Tassilone III di Baviera per convertire gli slavi allora insediati nella zona. Il poderoso campanile e l'atrio con il fonte battesimale precedono il grandioso interno a tre navate, che conserva numerose opere d'arte, tra le quali affreschi di Michael Pacher e il grande Crocifisso ligneo dell'altare maggiore.[16]

Chiesa del Convento dei Francescani[modifica | modifica wikitesto]

Il convento dei frati Francescani a San Candido

Il convento è affacciato sul rio Sesto, consacrata a San Leopoldo e costruita a fine Seicento. Con annesso chiostro. La costruzione della chiesa e del convento è fatta risalire, al seguito dell'arrivo dei primi frati francescani, nel 1691. Più precisamente vennero costruiti tra il 1693 e il 1697, quando avvenne la consacrazione delle chiesa da parte del Principe Vescovo di Bressanone e la consegna ufficiale all'ordine. La struttura fu progettata dal frate francescano Vitus Rastpichler proveniente dall'Ötztal, che rispettando la tradizione povera dell'ordine non presenta un alto campanile e poche difficoltà architettoniche e artistiche.[16] Notevole è la biblioteca storica del convento, oggi conservata a Bolzano.[17]

Subito dopo l'accesso principale è dislocata la cappella dedicata a Sant'Antonio. Dalla chiesa originale sono pochi gli oggetti che sono rimasti. Si sono salvati i dipinti degli altari laterali e quelli raffiguranti i santi francescani nella parete sud, mentre gli attuali altari sono opere del periodo del rococò. Tra il 1992 e il 1994 la struttura fu oggetto di uno scrupoloso restauro per riportarla al suo stato originario, facendole quindi ottenere il premio Europa Nostra.[16]

Chiesa Parrocchiale di San Michele[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Parrocchiale di San Michele, originaria del XII secolo con uno stile romanico. Fu rimaneggiata nel 1735 per adattarla allo stile barocco, che dati i molteplici ornamenti può apparire anche come stile rococò. Fu più volte distrutta nella sua storia e della chiesa originale oggi rimane solo il campanile cilindrico. Esternamente la chiesa presenta finestre ad arco con nicchie che custodiscono delle statue e con una grande facciata principale che dà sulla piazza del paese.[16]

Cappella di Altötting e del Santo Sepolcro[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella di Altötting e del Santo Sepolcro, a ridosso della linea ferroviaria, edificata dal 1653 dall'oste Georg Paprion dopo un pellegrinaggio in Terra Santa, come una copia in miniatura del Santo Sepolcro sul Calvario di Gerusalemme, armonizzata ad un edificio precedentemente costruito, che era a sua volta copia della Cappella delle Grazie di Altötting. Si tratta infatti di tre cappelle costruite l'una nell'altra. L'oste dopo il suo primo viaggio riportò come ricordo un osso di Sauro preistorico, che è appeso sul muro dell'ingresso principale, lato interno.[16]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

I Bagni Wildbad di San Candido[modifica | modifica wikitesto]

I bagni di San Candido
(LT)

« Natura in valle foro Inticae vicina acquis soteriis provocandis prodigior erat quam in aliis locisn »

(IT)

« La natura nella valle vicina al paese di San Candido é stata molto più prodiga che in altre parti aventovi portato delle acque curative »

(Josephus Plaseller)

Presso il paese di San Candido si trovano seriazioni rocciose profonde, costituite da filliadi quarzifere, conglomerati, basici, arenarie di Val Gardena e strati di Bellerophon. Da questi ultimi, nei boschi ai piedi della Rocca dei Baranci, a sud del paese, scaturiscono le sorgenti sulfuree e minerali dei Bagni di San Candido (Wildbad Innichen). I Bagni risultano frequentati sin dall'antichità ed appaiono per la prima volta in documenti del XVI secolo.

Nel 1856 il medico ungherese Johann Schreiber lì ingrandì, facendo nascere un sanatorio. Successivamente sua figlia con il marito, il conte Beckers, ingrandirono i Bagni fino a farli diventare un grande complesso alberghiero, il Grand Hotel Wildbad. Dopodiché i bagni divennero famosi, tanto che vi soggiornarono gli imperatori tedeschi Guglielmo II e Federico e quello austriaco Carlo I. Dopo il passaggio del Tirolo meridionale all'Italia, a seguito della prima guerra mondiale, lo stabilimento andò in declino. Fu messo all'asta negli anni '30, e lasciato all'incuria del tempo. Oggi è rimasta solo la struttura esterna dei Bagni, mentre l'interno del complesso si trova in pessimo stato.

Le sorgenti in realtà sono quattro, ognuna con un sapore diverso: una sulfurea, una ferrosa, la Lavaredo e la Keiserwasser.[18]

Attorno ai Bagni nel 1591 fu costruita una cappella dedicata a San Salvatore, ancora oggi consacrata e ben conservata. La cappella, consacrata nel 1594, era collegata a un eremo che fu soppresso nel 1786 dall'Imperatore Giuseppe II. Già in precedenza comunque vi era al posto della cappella un piccolo luogo di preghiera, che si è fatto risalire all'ottavo secolo. Con tutta probabilità si trattava di un luogo di culto precristiano.[19]

Nel 1968, in seguito alle ricerche del Professor Giovanni Malagó venne realizzato l'impianto di imbottigliamento di San Candido e quindi della commercializzazione delle acque minerali naturali Kaiserwasser e Lavaredo.[20]

Castello da caccia[modifica | modifica wikitesto]

Il castello da caccia

Il duca Pietro d'Acquarone, ministro della Real Casa dal 1939 al 1944, acquistò un piccolo "castello da caccia" posto a nord del centro abitato, nascosto dal bosco, così denominato perché al suo interno si trova una delle più ricche collezioni al mondo di trofei di animali grandi e rari.[21] In realtà tale manufatto è stato ricostruito dalle rovine di un vecchio castello.[22]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

La caserma militare Cantore a San Candido

Nel paese sono ancora presenti due caserme dell'Esercito Italiano: denominate "Druso"[23] e "generale Antonio Cantore". La prima è oramai in stato di abbandono, mentre la seconda alloggia ancora parte del 6º Reggimento.

Caserma Antonio Cantore[modifica | modifica wikitesto]

Costruita tra il 1910 e il 1911 per 657.000 corone (moneta utilizzata dall'allora impero austro-ungarico) e denominata "Kaiser Franz Josef" fu utilizzata dal Landesschützen-Regiment „Innichen“ Nr. III. Alla fine della prima guerra mondiale San Candido divenne italiana e la caserma passava al demanio militare solamente il 10 giugno 1951, dove fu utilizzata come sede del battaglione alpini "Bassano", che il 15 gennaio 1993 è stato inquadrato nel ricostituito 6º Reggimento alpini. Nel corso dell'anno 2002 il reggimento viene fatto trasferire a Brunico, presso la caserma "Lungramani" e il battaglione alpini "Bassano" lo seguì nel 2008. Attualmente è sede della compagnia 74ª d'addestramento del battaglione alpini "Bassano" che dal 2015 si è occupato di sorvegliare i confini dello stato a causa dell'emergenza migranti e nell'operazione Strade sicure. Saltuariamente viene sfruttata come centro addestramento alpino per truppe nazionali e non.[24]

Sacrario militare[modifica | modifica wikitesto]

Il sacrario militare di San Candido, costruito per custodire i corpi dei caduti italiani e austro-ungarici
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sacrario militare di San Candido.

Pochi metri fuori dal paese, in direzione di Versciaco, ovvero verso il confine di stato, si trova sulla destra un sacrario militare che conserva le spoglie di oltre 200 soldati morti durante la prima guerra mondiale. Si presenta con aspetto monumentale circolare a due balze. Fu costruito per custodire i corpi di 218 caduti italiani e di 10 caduti austro-ungarici.

Cimitero militare del Burg[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Grande guerra San Candido, si trovava nelle immediate retrovie del fronte e fu anche un centro ospedaliero; quindi un gran numero di morti per ferite oppure per malattie, sia dell'esercito austro-ungarico, che tra i prigionieri di guerra italiani o di altre nazioni dell'Intesa, trovò sepoltura in un cimitero posto sull'altura del Burg. Si arrivò fino a 700 tombe. Per anni tale cimitero fu curato dalle autorità pubbliche. Le salme dei prigionieri di guerra italiani furono trasferite al sacrario militare di Pocol. Dopo altri trasferimenti il cimitero fu abbandonato a sé stesso e solo nel 2003 il luogo è stato recuperato con interventi di estrema sobrietà, ma giudicati molto ben riusciti[25].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[26]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat informazioni Nr. 38 - 06/2012
85,06% madrelingua tedesca
14,64% madrelingua italiana
0,30% madrelingua ladina

Tradizioni e folklore[modifica | modifica wikitesto]

La leggenda dei giganti Huno e Hauno[modifica | modifica wikitesto]

Il nome in tedesco della Rocca dei Baranci, Haunold, deriva probabilmente dal cognome di un signore, certo Hunolt, proprietario dei boschi sotto la montagna. Esiste tuttavia una leggenda che fa risalire il toponimo alla lotta titanica fra giganti: Il gigante Hauno era a capo di un'orda che devastò la Pusteria e, prima di andarsene a razziare altrove, lasciò un manipolo di truppe presso Sillian a costruire il castello di Hunnenfels (probabilmente l'attuale castello Heinfels). In soccorso dei pusteresi apparve dai boschi un gigante chiamato Huno, che si dichiarò pronto ad aiutare i valligiani ed a espugnare il castello. La guerra fu cruenta e si risolse in una lotta tra i due giganti, dalla quale uscì vincitore Huno. Egli si stabilì sotto la Rocca dei Baranci, costruendo il monastero di San Candido. Dopodiché il gigante fu ucciso dai valligiani con uno stratagemma a causa delle sue esose richieste di cibo.

Questa leggenda è molto cara agli abitanti locali, tanto che è possibile trovare traccia di raffigurazioni dei due giganti in alcune case.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale è intitolata a Peter Paul Rainer, nato a San Candido il 10 agosto 1885 e morto il 2 marzo 1938 a Liberec; fu un apprezzato scrittore di lingua tedesca.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo dolomythos[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del Museo dolomythos si può ripercorrere la storia delle Dolomiti; infatti sono conservate nelle collezioni esposte resti di Rhyncosaurus, Chirotherium e di altri dinosauri vissuti nel Triassico e resti di piante e di coralli appartenenti al Giurassico, tutti accompagnati da modelli e pannelli illustrativi; non mancano neanche modelli geologici e geografici, i quali ripercorrono l'intera storia delle Dolomiti: da barriera corallina a catena montuosa.[27]

Museo della Collegiata[modifica | modifica wikitesto]

Il museo ospita il tesoro del Duomo, i libri risalenti dal XV secolo al XVIII secolo ed una grande raccolta di manoscritti, i quali fanno parte della biblioteca custodita del museo, una delle più importanti del Tirolo; nel Convento dei Francescani inoltre sono esposti numerosi reperti archeologici risalenti ai secoli dell'Impero romano ed una collezione di oggetti folkloristici.[28][29]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

A San Candido è ambientata la serie televisiva Un passo dal cielo, con Terence Hill.[30]

Persone legate a San Candido[modifica | modifica wikitesto]

Il due volte campione del mondo di slittino Christian Oberstolz, nato a San Candido

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Foto di Prato alla Drava, piccola frazione di San Candido

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di San Candido ha tre frazioni:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Un treno Flirt presso la stazione di San Candido

Sul suo territorio ha sede la Senfter, che, partita come azienda produttrice di speck, è diventata una holding con 1.800 dipendenti.[34] e 650 milioni di euro di fatturato[35]

Lo stabilimento di imbottigliamento di acque minerali Kaiserwasser tiene viva la gloriosa tradizione delle Wildbad (fonti del bosco) di San Candido. Secondo la tradizione, imperatore Francesco Giuseppe sarebbe stato solito recarsi in villeggiatura a San Candido per degustare l'acqua di queste fonti che è tuttora chiamata Kaiserwasser, per l'appunto, acqua dell'imperatore. Secondo un'altra ricostruzione è stato invece l'imperatore Carlo I d'Austria, ultimo sul trono austriaco, ad avere una preferenza per l'acqua di San Candido.

Il paese, assieme al vicino paese di Dobbiaco, è dotato di un'unica centrale di teleriscaldamento, alimentata dalla combustione degli scarti delle segherie, con grande vantaggio dal punto di vista ambientale.

Molto importante per lo sviluppo economico e turistico è stata la linea ferroviaria e la sua stazione. Attualmente sono in corso alcune proteste da parte di turisti e appassionati dei luoghi contro il progetto di spostamento della storica stazione.

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Vista sulla val di Dentro
Foto invernale scattata dalla cima della pista Untertal, sugli impianti del monte Baranci

Nel primo dopoguerra inizia il turismo invernale legato alle piste di sci dei Baranci e del monte Elmo e lo sci di fondo con piste per Sesto, San Candido e Dobbiaco, e da lì a Cortina d'Ampezzo; poi ancora da Monguelfo lungo la valle di Casies e ancora da Valdaora fino ad Anterselva.

Il successivo sviluppo è stato prevalentemente turistico, avallato dalla presenza di antiche locande e alberghi, fra cui spicca il Grauer Bär ("Orso Grigio") attestato dal 1745 e risulta essere il primo Gasthof (locanda) di San Candido.[36]

D'estate, oltre che come punto di partenza per escursioni ai Tre Scarperi o alle Tre Cime di Lavaredo, San Candido è diventata famosa per l'escursionismo in bicicletta, con la pista ciclabile per Lienz (ciclabile Dobbiaco - Lienz) che ha una discesa di 600 metri di dislivello, accessibile ai più, senza alcun particolare sforzo. La presenza della linea ferroviaria permette il ritorno in treno.

È inoltre possibile discendere sempre in bicicletta, ma in direzione opposta, la val Pusteria, attraverso la ciclabile della Pusteria.

Recentemente il paese ha ricevuto nuova visibilità e incrementato la propria attrattività turistica grazie all'ambientazione della serie televisiva Un passo dal cielo, finanziata e sponsorizzata dalla "Business Location Südtirol" (BLS), una società della provincia di Bolzano, che prevede un suo ampio ritorno in termini turistici.

Principali luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Molte mostre, incontri e concerti vengono organizzati periodicamente presso il "Centro Culturale Josef Resch".
  • Al Dolomythos (presso il Residence Alpenheim Wachtler) vi è una mostra permanente di fossili e minerali che rievocano la storia geologica delle Dolomiti, i protagonisti della loro scoperta scientifica e le leggende locali legate alle rocce di questa regione.[37]
  • A sud del paese, sopra una collinetta, si trova un bel parco giochi per bambini, ricco di giostre e altre strutture ludiche, immerse in un lariceto.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1952 1956 Walter Müller Sindaco
1956 1974 Walter Wachtler Sindaco
1974 1985 Franz Senfter Sindaco
1974 2010 Josef Passler SVP Sindaco
2010 2015 Werner Tschurtschenthaler SVP Sindaco
2015 in carica Rosmarie Burgmann Bürgerliste - Lista Civica Sindaco

[38]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La pista di alpine coaster Fun Bob che scende lungo la pista Baranci

San Candido è un paese ricco di strutture per lo sport invernale, ma anche per quello estivo. Caratteristica è la pista da sci "Baranci" che arriva fino al paese; nella sua frazione di Versciaco, arriva direttamente la cabinovia per le piste da sci del monte Elmo.

Fun bob[modifica | modifica wikitesto]

Durante l'estate la pista da sci viene sfruttata per installare un alpine coaster, un particolare tipo di scivolo, che è la prima pista da slittino estivo in Alto Adige. Più che slittino si tratta di un bob ancorato a una monorotaia che scende sino al paese. La pista lunga 1,7 chilometri, con pendenze massime del 40%, percorre un dislivello di 314 metri, raggiungendo velocità massime di 10 metri al secondo (all'interno del bob vi è però un limitatore di velocità).

L'attrazione è aperta al pubblico da metà giugno a metà settembre, ed è adatta anche ai bambini più piccoli che possono scendere in braccio al genitore se minori di sette anni.[40]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Lo scenario della fiction Un passo dal cielo è in parte ambientato in questa cittadina.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 561.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Parco naturale delle Tre Cime, altapusteria.info.
  5. ^ (DE) Harpfe. Zeitschrift für Landeskunde, n. 1, dicembre 2009.
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  7. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bozano: Athesia 1995, ISBN 88-7014-634-0, p. 165.
  8. ^ a b c d e f g h Storia di San Candido sul sito comunale
  9. ^ Turismo & guerra su touriseum.it
  10. ^ Giorgio Federico Siboni Il confine orientale
  11. ^ Autori delle Dolomiti, Parc Hotel Sole Paradiso: San Candido, Genova, Barabino & Graeve, 1933.
  12. ^ (IT) Egon Kühebacher, Il Turismo vecchio e nuovo, in Paesaggio culturale e artistico del territorio di San Candido, 2003, ISBN 8890116919.
  13. ^ I treni corridoio in discussione
  14. ^ (EN) Heraldry of the World: Innichen-San Candido
  15. ^ Touring Club Italiano: Piccole città, borghi e villaggi. Milano 2006
  16. ^ a b c d e Hochpustertal - vacanze in alto adige, cultura alta pusteria, chiese e cappelle in San Candido
  17. ^ (DE) Manfred Schmidt, Die Franziskaner-Bibliotheken Kaltern, Innichen, Signat und Klosterlechfeld, Bressanone, Provinz-Verlag, 2007.
  18. ^ Bagni di S. Candido / Sulfurea - S. Candido su provincia.bz.it
  19. ^ Escursione invernale ai Bagni di San Candido « Alta Pusteria Blog
  20. ^ akanai web technologies, Kaiserwasser: Storia & dati, su www.kaiserwasser.com. URL consultato il 13 agosto 2016.
  21. ^ La vendetta del camoscio bianco su altoadige.it
  22. ^ (DE) Valcastello Snow Polo su poloplus10.com
  23. ^ Caserma Druso su wikimapia
  24. ^ Caserma “Antonio Cantore” - San Candido (BZ) su vecio.it
  25. ^ Alta Pusteria
  26. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  27. ^ Agenzia internet SiMedia, Mostre del museo delle Dolomiti DoloMythos, su www.dolomythos.com. URL consultato il 13 agosto 2016.
  28. ^ Museo della Collegiata, su musei-altoadige.it.
  29. ^ Museo della Collegiata di San Candido, musei in Alto Adige, su www.sudtirol.com. URL consultato il 13 agosto 2016.
  30. ^ Un passo dal cielo su IMDb
  31. ^ Michael Edler, Franz Prey: Architetto/Architekt. Con saggi di Sandy Attia e Carlo Calderan, Vienna-Bolzano, Folio, 2009. ISBN 978-88-6299-002-8
  32. ^ Elmar Oberkofler, Peter Paul Rainer, in "Der Schlern" 59, 1985, pp. 657-669.
  33. ^ Johann Ganzinger, Egon Kühebacher, Der Apotheker Johann Stapf in Innichen (Tirol), Pionier einer pharmazeutischen Industrie in Österreich, in «Österreichische Apothekerzeitschrift», 46, 1992, pp. 41-46.
  34. ^ La stampa
  35. ^ Repubblica
  36. ^ (DE) Egon Kühebacher, Hotel Grauer Bär: die Geschichte des ältesten Gasthofs von Innichen. Zum Jubiläum des 250jährigen Familienbesitzes, Bolzano-Vienna, Folio, 1995.
  37. ^ Dolomythos - Dolomitenmuseum, Michael Wachtler
  38. ^ (DE) [http://www.gvcc.net/gemeindeamt/html/GEMEINDEN50-Jahre-dt.pdf Die Bürgermeister der Gemeinden Südtirols seit 1952] su gvcc.net
  39. ^ (DE) Partnerstädte
  40. ^ Pista da slittino estiva

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Kühebacher, Egon: Die Hofmark Innichen. Ein Heimatbuch für Einheimische und Gäste, a cura del Festkomitee "1200 Jahre Innichen". Bolzano 1969
  • (DE) Kühebacher, Egon: Kirche und Museum des Stiftes Innichen. Bolzano: Athesia 1993. ISBN 978-88-7014-721-6
  • (DE) Kühebacher, Egon: Das Kollegiatstift zu den Heiligen Candidus und Korbinian von Innichen. In: Dom- und Kollegiatstifte in der Region Tirol, Südtirol, Trentino in Mittelalter und Neuzeit = Collegialità ecclesiastica nella regione trentino-tirolese dal medioevo all'età moderna. A cura di Hannes Obermair, Klaus Brandstätter e Emanuele Curzel, Innsbruck: Wagner, 2006, p. 193-204. ISBN 978-3-7030-0403-2
  • Touring Club Italiano: Piccole città, borghi e villaggi. Milano 2006. ISBN 88-365-4145-3
  • (DEIT) Manfred Schmidt, Die Franziskaner-Bibliotheken Kaltern, Innichen, Signat und Klosterlechfeld / Le biblioteche francescane di Caldaro, San Candido, Signato e Klosterlechfeld (Erschließung Historischer Bibliotheken in Südtirol, 3), Bressanone, Provinz-Verlag, 2007. ISBN 978-88-88118-45-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN168700127 · LCCN: (ENn91008868 · GND: (DE4072832-8