Campo di Trens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Campo di Trens
comune
Campo di Trens/Freienfeld
Campo di Trens – Stemma
Campo di Trens – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Peter Faistnauer (lista civica Freie Liste Freienfeld Wipptal) dall'8-5-2016 (2º mandato)
Territorio
Coordinate 46°52′36″N 11°29′06″E / 46.876667°N 11.485°E46.876667; 11.485 (Campo di Trens)Coordinate: 46°52′36″N 11°29′06″E / 46.876667°N 11.485°E46.876667; 11.485 (Campo di Trens)
Altitudine 937 m s.l.m.
Superficie 95,39 km²
Abitanti 2 661[2] (28-2-2017)
Densità 27,9 ab./km²
Frazioni Castelpietra/Schloss Sprechenstein, Rio/Bache, Pruno/Elzenbaum, Flanes/Flans, Dosso/Gschließ, Mules/Mauls, Novale Basso/Niederried, Partinges, Fuldres/Pfulters, Rizzolo/Ritzail, Stilves/Stilfes, Trens, Valgenauna/Valgenäun
Comuni confinanti Fortezza, Racines, Rio di Pusteria, Sarentino, Val di Vizze, Vipiteno
Altre informazioni
Cod. postale 39040
Prefisso 0472
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021016
Cod. catastale B529
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 639 GG[3]
Nome abitanti campotrensini/Freienfelder[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Campo di Trens
Campo di Trens
Campo di Trens – Mappa
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Campo di Trens (Freienfeld in tedesco) è un comune italiano di 2 661 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica di Campo di Trens dal castel Tasso

Campo di Trens è situato nella Val d'Isarco, 24 km a nord di Bressanone e 6 km a sud di Vipiteno, lungo la strada statale SS 12 dove la valle si apre, poco prima di Mules, fino a giungere alla piana di Vipiteno. L'originale nucleo del paese di Trens è situato su una posizione elevata, del versante orientale del "Giogo di Trens", mentre il paese si è poi sviluppato verso valle sino alla statale; oltre questa vi è la ferrovia del Brennero, il fiume Isarco e l'autostrada A22 del Brennero. Del comune fanno parte anche gli abitati di Stilves e di Mules, il primo nella piana di fronte a Trens al di là del fiume, il secondo 5 km a sud all'entrata della omonima Valle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

La località era già abitata nella preistoria, come risulta dai reperti ritrovati presso la Chiesa di San Valentino a Valgenäun, così come nel periodo romano con la pietra miliare di Settimio Severo, risalente al 201 d.C., ritrovata a Campo di Trens; la lapide di Aurelia Ruffina e la pietra sacra dedicata al dio della luce Mitra ritrovati a Mules. Nel 450 il territorio fu invaso dai Bavari durante il loro spostamento verso sud. In un documento, risalente all'anno 827, Quartino fece dono delle sue proprietà, tra cui i villaggi di Stilves e Trens alla Chiesa di San Candido, mentre nel 990 circa Adalbert von Stilfes donava alla Diocesi di Bressanone le località di Stilves, Mules e Novale comprese le vallate. Nel 1100 al casato degli Stilfes fu affidata, dal potere vescovile, l'amministrazione dell'alta Val d'Isarco con sede presso il Castello di Rafeinstein; nel 1200, a causa dell'estinzione del casato, il Vescovo trasferì l'autorità ai Trauston che ottennero come feudo il Castello di Sprechenstein. Nel 1525, durante il periodo delle lotte contadine, la chiesa di Stilves fu saccheggiata più volte.

Dal 1800 a oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 1809, durante la guerra di liberazione vennero catturati dai tirolesi, in una imboscata nei pressi di "Le Cave" (Grasstein), ora chiamata la "Stretta dei Sassoni" (Sachsenklemme), 500 sassoni che combattevano per i francesi come truppe del Reno; per ritorsione fu incendiato il borgo di Flanes.

La riorganizzazione dei comuni, effettuata nel 1849, comportò una riduzione di questi, che passarono da nove a tre: Stilves, Trens e Mules. Il 18 ottobre 1928, con un decreto, i tre comuni furono riuniti in un'unica sede nel comune di Campo di Trens.

Presso il centro abitato di Mules, è presente uno degli sbarramenti del Vallo alpino in Alto Adige, un insieme di bunker voluti da Mussolini, che vanno a formare lo sbarramento di Mules.[4]

Nell'ultimo periodo, del secondo conflitto mondiale, la zona fu colpita dai bombardamenti diretti principalmente al ponte ferroviario sul fiume ed al deposito di munizioni di Stilves.

Il comune di Campo di Trens aderì, nel 1967, alla Comunità delle Valli della Val d'Isarco fino al 1979 per fondare, insieme agli altri comuni, la Comunità Comprensoriale Wipptal.[5]

Toponimi[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo di Trens (una frazione) è attestato per la prima volta nell'827 come Torrentes, nell'XI secolo come Trentas, Trents e Trentes e nel 1150 come Trens, e deriva probabilmente dal latino torrens ("torrente"). Nel 1923 il nome della frazione fu scelta dal fascismo come base per il nuovo nome italiano, Campo di Trens, creato solamente da Ettore Tolomei.[6][7]

Il toponimo di Freienfeld è attestato nel 1364 come Frawdenvelt e nel 1446 come Frewdenfeld e significa "campo gioioso, ricco" (e non "campo libero di imposte").[8]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Campo di Trens è costituito da un triangolo d'argento, con i lati ricurvi, su sfondo verde. I tre settori di colore verde rappresentano i tre comuni: Trens, Stilves e Mules; la parte centrale d'argento rappresenta il comune di Campo di Trens. Lo stemma è stato adottato nel 1968.[9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La statua lignea di "Nostra Signora delle valanghe"

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Santuario di Maria Trens[modifica | modifica wikitesto]

Trens è anche un luogo di pellegrinaggio; infatti qui è l'immagine miracolosa di "Nostra Signora delle Valanghe" (Unsere Liebe Frau an der Lahn), antica statua lignea della Madonna in piedi con il Bambino, risalente al 1470. La chiesa, in stile tardo gotico, ha una navata del 1498 e la parete sinistra, dove si trova la Cappella della Madonna, è ricoperta dai numerosi ex voto.

Chiesa parrocchiale di Stilves[modifica | modifica wikitesto]

L'antico centro ecclesiastico è Stilves che tuttora è la chiesa principale del comune. La chiesa è dedicata a San Pietro ed è citata per la prima volta nell'827. L'interno è arredato in stile tardo-barocco e gli affreschi delle volte sono di Christoph Brandstätter.

Chiesa parrocchiale di Mules[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa, che è dedicata a Sant'Osvaldo, risale al 1329 ed è caratterizzata da un massiccio campanile in pietra con tetto a guglia. Gli affreschi interni sono opera di artisti diversi del XVIII e XIX secolo.[10]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è per la sua quasi totalità di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
95,85% madrelingua tedesca
3,79% madrelingua italiana
0,36% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]


Economia[modifica | modifica wikitesto]

Industria[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio di Campo di Trens è presente la Wolf System, industria multinazionale europea nel settore dei sistemi di costruzione in ambito: abitativo, industriale, commerciale, agricolo. La società ha vinto uno degli appalti ed ha consegnato 500 unità abitative dopo il terremoto dell'Aquila del 2009. La sede di Campo di Trens impiega 200 persone.[12]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è servito dalla stazione di Campo di Trens, sulla ferrovia del Brennero; un'ulteriore stazione è quella sita nella frazione di Mules, dismessa nel corso del XX secolo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2000 2005 Ferdinand Rainer SVP Sindaco
2005 2015 Armin Holzer SVP Sindaco
2015 2015 Peter Faistnauer lista civica Freie Liste Freienfeld Wipptal Sindaco
2015 2016 Helmuth Kiebacher nominato dal presidente della Provincia Commissario straordinario
2016 Peter Faistnauer lista civica Freie Liste Freienfeld Wipptal Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 127.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Alessandro Bernasconi, Giovanni Muran, Le fortificazioni del Vallo Alpino Littorio in Alto Adige, Trento, editore Temi, maggio 1999, pp. 328 pagine, ISBN 88-85114-18-0.
  5. ^ Comune di Campo di Trens: Storia
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004
  7. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 477. ISBN 88-7014-634-0
  8. ^ Kühebacher, op. cit., p. 108.
  9. ^ (EN) Heraldry of the World: Freienfeld
  10. ^ Comune Campo di Trens
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Wolf System Italia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Georg Schmid (a cura di), Urkunden und Akten-Regesten aus dem Dekanats-Archive Stilfes vom Jahre 1300 bis zum Jahre 1810, Innsbruck, Wagner 1914
  • (DE) Gabriele Kerschbaumer (a cura di), Freienfeld - Trens, Stilfes, Mauls, Fraktionen, Campo di Trens, 1992. 639 pp.
  • (DE) Oswald Überegger, Freienfeld unterm Liktorenbündel - eine Fallstudie zur Geschichte der Südtiroler Gemeinden unter dem Faschismus, Innsbruck, Wagner, 1996. ISBN 3-7030-0304-9
  • (DE) Lebensgeschichten aus Freienfeld - ein Gemeinschaftsprojekt der Bildungsausschüsse Mauls, Trens und Stilfes und der Geschichtswerkstatt Freienfeld, Bressanone, Weger, 2008. ISBN 978-88-88910-58-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN135814159 · LCCN: (ENn93078775 · GND: (DE4436494-5
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige