Ortisei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ortisei
comune
Ortisei/St.Ulrich/Urtijëi
Ortisei – Stemma Ortisei – Bandiera
Veduta quasi completa del comune di Ortisei da Bulla
Veduta quasi completa del comune di Ortisei da Bulla
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Theodor Rifesser (commissario straordinario[1]) dal 12/05/2015
Territorio
Coordinate 46°34′00″N 11°40′00″E / 46.566667°N 11.666667°E46.566667; 11.666667 (Ortisei)Coordinate: 46°34′00″N 11°40′00″E / 46.566667°N 11.666667°E46.566667; 11.666667 (Ortisei)
Altitudine 1.220 m s.l.m.
Superficie 24,16 km²
Abitanti 4 663[3] (30-06-2011)
Densità 193 ab./km²
Frazioni San Giacomo (Sankt Jakob in Gröden)
Comuni confinanti Castelrotto, Funes, Laion, Santa Cristina Valgardena
Altre informazioni
Cod. postale 39046
Prefisso 0471
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021061
Cod. catastale G140
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 4 407 GG[4]
Nome abitanti gardenesi/Ulricher[2]
Patrono san Ulrico
Giorno festivo 4 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ortisei
Ortisei
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Ortisei (Urtijëi in ladino, St. Ulrich in tedesco) è un comune italiano di 4.663 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige. È inoltre un comune mercato, nonché il centro abitato principale e più densamente popolato della Val Gardena.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il centro abitato si estende ad un'altitudine media di 1 236 m s.l.m., dal fondovalle fin verso le pendici del Monte Rasciesa (in tedesco Raschötz, in ladino Resciesa, alto 2 282 m s.l.m.), ed è situato sulla destra orografica del rio Gardena (in tedesco Grödner Bach, in ladino Derjon oppure ruf de Gherdëina), che scorre da est a ovest e sfocia nell'Isarco presso Ponte Gardena.

Il territorio comunale confina a nord con Funes, ad est con Santa Cristina Valgardena, a sud con la frazione Oltretorrente (in tedesco Überwasser, in ladino Sureghes) del comune di Castelrotto e a ovest confina con Laion.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come Ortiseit nel 1288 e deriva dal latino urticetum (letteralmente "luogo delle ortiche").[5] Il nome tedesco Sankt Ulrich è documentato dal 1366 ed è la versione tedesca del santo patrono locale Sant'Ulrico di Augusta, la cui[di chi si sta parlando?] chiesa fu proprietaria di larghi appezzamenti terrieri nella zona durante tutto il Medioevo.[6]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma comunale raffigura Sant'Ulrico bardato con i paramenti vescovili ed una croce d’oro nella mano destra, in groppa a un cavallo con i finimenti d’oro, su tre cime di monti verdi e lo sfondo d’oro. Lo stemma è adornato da un capo azzurro con tre scudetti alternati a due api d’oro, che simboleggiano l’operosità degli abitanti del comune. Lo stemma è stato concesso nel 1907 e riconfermato nel 1970.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei monumenti di Ortisei.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del centro cittadino
Ortisei nel 1856 in una litografia di Johann Burgauner (1812-1891)
Il paese di Ortisei. La foto evidenzia l'incessante sviluppo urbanistico del centro abitato

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel centro di Ortisei ha sede il Museo della Val Gardena, che conserva reperti geologici, paleontologici e archeologici rinvenuti sul territorio, oltre ad una collezione di sculture e giocattoli di legno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Ortisei è uno degli 8 comuni dell'Alto Adige la cui popolazione è in maggioranza di madrelingua ladina:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
9,30% madrelingua tedesca
6,51% madrelingua italiana
84,19% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Ortisei ospita le scuole dell'obbligo e alcune scuole secondarie superiori e in particolare l'Istituto d'Arte (Kunstschule / Scola d'ert), facenti parte del sistema d'istruzione pubblica per le località ladine, nelle cui scuole l'istruzione avviene (in proporzione che cambia dalla prima elementare alle superiori) in ladino, tedesco e italiano.

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

  • Biblioteca civica San Durich
  • Biblioteca del Circolo degli artisti
  • Biblioteca ladina, presso la Cësa di Ladins

Persone legate a Ortisei[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di Sant'Anna.

Sono nati, vivono o hanno vissuto ad Ortisei:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia locale si basa soprattutto sul turismo invernale e (in misura minore) estivo. Molto noto è l'artigianato delle sculture di legno, che vanta un'antica tradizione.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ortisei è collegata a Ponte Gardena e alla Valle Isarco dalla strada statale 242 di Val Gardena e Passo Sella; una diramazione di tale strada collega Ortisei anche con Chiusa, ove si trova uno svincolo dell'Autostrada A22.

Ferrovia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Ortisei e Ferrovia della Val Gardena.

Per alcuni decenni del XX secolo Ortisei fu servita (tramite l'omonima stazione) dalla ferrovia della Val Gardena, una linea a scartamento ridotto che collegava Chiusa con Plan, che rimase in esercizio dal 6 febbraio 1916 al 28 maggio 1960, quando fu soppressa.[10] Le tracce della ferrovia sono quasi tutte scomparse: nel 1970 il sedime tra Chiusa-Ortisei venne sfruttato per realizzare la strada statale 242dir, mentre la tratta Ortisei-Plan è stata trasformata in un sentiero pedonale.[11]

Impianti di risalita[modifica | modifica wikitesto]

Un'ovovia a doppia fune collega Ortisei con l'Alpe di Siusi. Il monte Secëda si raggiunge con un'altra ovovia ed una funivia. Una seggiovia ad un posto singolo portava al Rasciesa - Raschötz. La funicolare Rasciesa, fra le più lunghe d'Europa (2422 metri), che sostituisce dall'estate del 2010 la vecchia seggiovia, porta al Rasciesa in 6 minuti[12].

Altri impianti di risalita servono esclusivamente piste da sci e sono pertanto chiusi durante il periodo estivo. L'ovovia dell'Alpe di Siusi è conosciuta per la manifestazione Val Gardena Sky Dinner, un'elegante cena gourmet, servita nelle singole cabine, che permette a circa 120 commensali di cenare godendo di una vista spettacolare sulle montagne.

Un sentiero pedonale, ricalcante il vecchio tracciato della ferrovia della Val Gardena (Chiusa-Plan), collega Ortisei con il borgo confinante di Santa Cristina Valgardena.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
nel 1975 Josef Sanoner Sindaco
2005 2015 Ewald Norbert Leopold Moroder SVP Sindaco
2015 in carica Theodor Rifesser Nominato dalla giunta provinciale Commissario straordinario

Il comune fa parte della comunità comprensoriale Salto-Sciliar.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

In occasione dei Mondiali di sci alpino 1970 Ortisei fu sede delle gare di slalom speciale, disputate sul pendio del Ronc

Il 21 maggio 2005 la 13ª tappa del Giro d'Italia si è conclusa ad Ortisei, con la vittoria del colombiano Ivan Parra.

In città aveva sede di una storica squadra di hockey su ghiaccio, l'HC Ortisei, vincitrice di 4 scudetti. Nel 1999, a seguito del crollo del palazzo del ghiaccio di Ortisei (travolto da una frana), la squadra si fuse con il club di Selva di Val Gardena, cambiando nome in HC Gardena e trasferendo il proprio campo casalingo al Pranives.

Personalità sportive legate a Ortisei[modifica | modifica wikitesto]

Tra i più famosi sportivi legati ad Ortisei si annoverano la pattinatrice Carolina Kostner, la sciatrice Isolde Kostner e lo sciatore Helmuth Schmalzl.

Cognomi[modifica | modifica wikitesto]

I cognomi più diffusi a Ortisei sono:

  • Moroder 279
  • Demetz 217
  • Kostner 174[13]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nel film Fantozzi contro tutti, il ragionier Fantozzi insieme agli altri suoi colleghi di lavoro tra cui il ragionier Filini e il geometra Calboni si recano ad Ortisei per trascorrere una settimana bianca, passandone di tutti i colori ed apostrofati con i classici stereotipi anti-italiani. Le riprese annoverano anche scene girate in una stazione ferroviaria che non è locata a Ortisei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (LLD) Theodor Rifesser sarà l cumisser dl Chemun de Urtijëi - provincia.bz.it, 12 mag 2015
  2. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 449.
  3. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2011.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  5. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. 1, Bolzano, Athesia, 1995, p. 502. ISBN 88-7014-634-0
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  7. ^ (EN) Heraldry of the World: St. Ulrich (Ortisei)
  8. ^ Dorothea Oschinsky, Das Urbar der St.-Jakobskirche in Gardena von 1487, in «Bozner Jahrbuch für Geschichte, Kultur und Kunst», 5, 1931-34, pp. 263-284.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Elfriede Perathoner, Stefano Planker, Scibla mo n iede - Endstation Zukunft - Fine corsa futuro catalogo della mostra sul trenino della Val Gardena, p. 105, Museum Ladin, 2011
  11. ^ Elfriede Perathoner, Stefan Planker: Scibla mo 'n iëde. Museum Ladin, San Martin de Tor 2011, ISBN 978-88-89255-33-9. Catalogo di una mostra
  12. ^ Nuova funicolare Ortisei - Rasciesa
  13. ^ Chemun de Urtijëi, Nffurmazions. Foglio informativo del Comune di Ortisei/Nr. 74 Jené 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Wilhelm Moroder, Die Marktgemeinde St. Ulrich in Gröden, 1908. Ristampa in occasione del millenario nella rivista "Der Schlern", 73, 1999, pp. 514–600.
  • (DE) Elfriede Perathoner (a cura di), 100 Jahre Marktgemeinde Urtijëi - St. Ulrich - Ortisei: ein Streifzug, Bolzano, Raetia, 2007. ISBN 978-88-7283-301-8
  • (DE) Sabine Piazza, Armenfürsorge in der Gemeinde St. Ulrich 1800-1850: eine Mikro-Geschichte in einem Makro-Kontext, Innsbruck, Università degli studi, 2010, pp. 505.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4346465-8
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige