Slavi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stati in cui è adottata come principale lingua ufficiale una lingua di un popolo slavo.

     Slavi occidentali

     Slavi orientali

     Slavi meridionali

Distribuzione degli slavi per lingua

Gli Slavi sono un ramo etno-linguistico dei popoli indoeuropei: vivono principalmente in Europa, dove costituiscono circa un terzo della popolazione. A partire dalla loro patria originaria (in Europa orientale) nel VI secolo, si sono spostati anche verso l'Europa centrale e verso i Balcani. In seguito molti di loro si sono stabiliti nell'Asia settentrionale o sono migrati in altre parti del mondo.

Gli immigrati slavi si univano alle popolazioni che già abitavano le terre in cui si stanziavano; per questo motivo i moderni popoli slavi mostrano pochi tratti genetici comuni. Un fattore unificante è invece il fatto di parlare tutti delle lingue slave, come pure un comune senso d'identità slava, intesa però in modo assai differente tra i vari popoli.

I popoli slavi sono tradizionalmente divisi lungo linee linguistiche in Slavi occidentali (che comprendono i Cechi, gli Slovacchi, i Polacchi, i Casciubi ed i Sorbi), Slavi orientali (che comprendono i Bielorussi, i Russi e gli Ucraini) e Slavi meridionali (tra cui i Serbi, i Bulgari, i Croati, i Macedoni, i Montenegrini, i Bosniaci e gli Sloveni).

Origine del termine "Slavi"[modifica | modifica wikitesto]

Sono state fatte diverse ipotesi sulle origini del nome "Slavi" (in greco Σχλαυηνοί, in latino Sclaveni, in antico slavo ecclesiastico Slověne, termine attestato dalle prime fonti scritte slave, risalenti al IX secolo):

  • una tipica etimologia romantica faceva derivare il nome dalla parola slava, che significa 'gloria'; pertanto "Slavi" significherebbe "popoli famosi, gloriosi", perché in tempi antichi le tribù slave erano composte da grandi guerrieri la cui fama passava di tribù in tribù. Questa ipotesi è oggi scartata per motivi linguistici.[1]
  • altri ipotizzano che il nome derivi da slovo, che significa 'parola' (da porre in contrasto con il protoslavo *němjcj, 'muto', il termine con cui gli Slavi indicavano i loro vicini Germani perché non capivano ciò che dicevano; ancora oggi in russo немец significa 'tedesco'); quindi gli "Slavi" sarebbero "popoli che parlano la stessa lingua", "popoli che si capiscono".
  • all'opposto dell'ipotesi precedente, qualcuno pone in rapporto il nome degli Slavi con la parola proto-germanica *slawõz, che significa 'tacere', e quindi essi sarebbero "i tacenti".
  • qualcuno ipotizza che l'antroponimo russo Slav significhi 'saggio', 'pio', 'devoto', e da qui derivi il nome di tutto il popolo, che perciò significherebbe "i devoti agli dèi, o al Dio, di una comune religione slava". Questa ipotesi etimologica è oggi popolare tra chi rivendica l'unitarietà dell'originaria religione slava.
  • altri slavisti, tra i quali Max Vasmer, avanzano quella che oggi è considerata l'ipotesi più valida: essa ci riporta all'indoeuropeo *kleu, 'bagnare', che avrebbe dato il proto-slavo *slu (il passaggio dalla velare alla sibilante dopo la liquida è normale nelle "lingue satem"). La radice indoeuropea rimanderebbe a "qualcosa che scorre". Ancora oggi in Ucraina scorre il fiume Sluč: gli Slavi potrebbero portare nel proprio nome la loro provenienza dalla regione di questo fiume.

Collegata con il nome degli Slavi è anche l'etimologia della parola italiana "schiavo":[2] in latino medievale, il vocabolo sclavus derivava proprio da "slavo". Con il termine greco bizantino Σχλαυηνοί gli storici dell'impero romano d'Oriente del secolo VI designavano gli Slavi che, varcato il Danubio, iniziavano a infiltrarsi nella penisola balcanica.[3] Il termine greco passò poi al latino Sclaveni; come e perché, accanto a queste forme, siano poi sorte quelle brevi Σχλάβοι e Sclavi non è ben chiaro. Assai rapidamente e in tutti i Paesi europei l'etnonimo si mutò in sinonimo di "popolo asservito". Passato così a indicare uno status giuridico, in sostituzione dei classici mancipium e servus, il medievale sclavus è all'origine della parola che indica lo "schiavo" in quasi tutte le lingue europee. Con un processo simile, d'altronde, le lingue finniche utilizzano con il significato di 'schiavo' la parola orja, che potrebbe derivare dal nome dei loro antichi nemici "ariani".

Etnogenesi ed insediamenti originari[modifica | modifica wikitesto]

Gli Slavi fecero la loro comparsa nell'Europa centro-orientale, nella zona dei fiumi Warta, Vistola, Dnepr e Dnestr, verso il VI secolo d.C., e da questa zona iniziarono poi a spostarsi verso i quattro punti cardinali.

La patria d'origine degli Slavi[modifica | modifica wikitesto]

Per questo periodo e soprattutto per i secoli precedenti, noi non abbiamo fonti scritti e pochissimi reperti archeologici a testimonianza delle vicende degli Slavi prima dell'inizio di questa migrazione. Ci dobbiamo affidare perciò alla linguistica, tenendo presente che le conclusioni che si possono raggiungere sono molto relative.

  • Due termini protoslavi, *ostrovu e *otoku, significavano 'isola'. Per l'origine di queste parole, tuttavia, l'isola è intesa come "isola fluviale", un pezzo di terra intorno alla quale "scorre" dell'acqua (in russo moderno остров significa ancora oggi 'isola', ma il verbo течь significa 'scorrere'). Per questo motivo si suppone che il popolo slavo originario non conoscesse il mare (d'altra parte, tutti i termini relativi al mondo della navigazione presenti nelle lingue slave odierne non sono di origine slava, bensì derivano per lo più dal greca, a partire proprio dalla parola russa корабль, 'nave', che deriva dal greco χαράβιον).
  • Un'altra parola protoslava, *buk, 'faggio', deriva dal protogermanico *bõkõ: quasi con certezza, la zona di provenienza di questi Slavi era una zona in cui non crescevano faggi.

Esiste, però, un elemento che complica ulteriormente le cose e crea problemi tuttora non risolti: la cosiddetta civiltà lusaziana (1.400-500 a.C.). Secondo alcuni studiosi, è una manifestazione della cultura germanica, ma secondo storici polacchi e cechi è già manifestazione culturale slava. Questa civiltà si diffuse fino all'Elba: se fosse stata una civiltà originaria slava, dovremmo ipotizzare che gli Slavi si siano rivelati presenti in quella zona mille anni prima del VI secolo d.C.! L'ipotesi che la civiltà lusaziana testimoni una presenza di Slavi così presto e così ad occidente è tuttavia molto debole. Nessun toponimo antico nella zona sembra avere origini slave (non è affatto dimostrato che il nome della città di Kalisz derivi dal protoslavo *kalu, 'fango'), e non troviamo parole di origine celtica nelle lingue slave, mentre sarebbe stato inevitabile che i Lusaziani venissero a contatto con popolazioni celtiche.

L'ipotesi più diffusa è che in questa zona che abbiamo considerato all'inizio, tra Polonia, Ucraina e Bielorussia, siano comparse le popolazioni protoslave verso il VI secolo d.C., che forse provenivano dagli Urali.

Sono state comunque formulate diverse teorie relativamente alla "patria d'origine degli Slavi".[4]

Società[modifica | modifica wikitesto]

La società degli Slavi era di tipo tribale e lo rimase per molto tempo. Ogni tribù aveva un proprio territorio, i campi erano posseduti in comune e la proprietà privata era molto limitata.

Agli inizi, la vita sociale era basata sul concetto di *rod ('schiatta', 'stirpe'), una stretta parentela di sangue. A poco a poco, però, la famiglia si ingrandì, prima per via di matrimoni, successivamente cominciarono ad essere considerati membri della famiglia anche quelli che vi erano entrati come forza-lavoro. Si passava così da una famiglia basata sulla parentela alla comunità locale: nacquero così i primi villaggi e poi, quando mercanti e artigiani si spostarono nei centri più grandi e fortunati, nacquero le prime città, prima protette da palizzate di legno, poi da mura di pietra.

Le istituzioni erano strettamente legate al commercio, la legislazione era orale e consuetudinaria (per avere una legislazione scritta, la Russkaja Pravda, dobbiamo aspettare il regno di Jaroslav il Saggio (1019-1054). Il sistema giudiziario rifletteva chiaramente gli usi e le necessità di una società di commercianti. Il principe (knjaz') era semplicemente considerato un primus inter pares: era il guerriero più valoroso, riconosciuto ed eletto capo, proprio come nel mondo germanico. Successivamente i principi avrebbero cercato di rendere la loro carica ereditaria. Compiti del principe erano quelli di favorire il commercio e combattere contro i nemici: al principe spettava soprattutto il compito di fornire ed organizzare le scorte armate per proteggere i commercianti. Queste scorte armate diventeranno in breve l'esercito principale del principe (družina, analoga alla trustis germanica), in simbiosi con il principe stesso. Il principe, inizialmente non nobile, tenderà poi a diventare un nobile e ad estendere la propria nobiltà al suo esercito (nella družina si trovano dunque le origini del ceto dei boiari). I boiari diventeranno poi grandi proprietari terrieri, si doteranno ciascuno di una propria personale družina, e inevitabilmente la conflittualità tra principe e boiari crescerà sempre più.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Gli Slavi erano degli abilissimi agricoltori, che coltivavano i propri appezzamenti di terra con il lavoro di famiglia e sfruttavano ampiamente le foreste e le risorse naturali dei territori da loro abitati.

In epoca storica, gli Slavi non erano popoli nomadi: solo quando il suolo era esaurito cercavano altre sedi.

Coltivavano cereali (grano, miglio, segale, orzo, avena), e ortaggi (cavoli, rape, carote, zucche), allevavano bestiame (bovini, equini, suini, ovini), praticavano la caccia e la pesca, lavoravano il legname.

Essi si stanziavano soprattutto lungo i fiumi perché

  • erano facilitati gli spostamenti,
  • era più facile difendersi (palizzate di legno sul lato-terra di un insediamento e possibilità di fuga sul lato-fiume),
  • il fiume forniva pesce per la sussistenza.

Il commercio avveniva per baratto: poi si cominciarono ad usare pelli come moneta, infine venne introdotta la moneta metallica.

Gli spostamenti del VII secolo d.C.[modifica | modifica wikitesto]

A partire dall'inizio del VII secolo gli Slavi incominciarono un collettivo movimento migratorio.

Gli Slavi poterono dunque migrare con maggiore facilità soprattutto verso est e verso nord.

Tra Slavi occidentali e Slavi orientali ci sono sempre stati scambi linguistici e culturali.

Austria, Ungheria e Romania, Paesi non slavi, dividono la Slavia settentrionale (occidentale ed orientale) dalla Slavia meridionale. Tra Slavia settentrionale e Slavia meridionale i contatti furono a grandi linee impediti, soprattutto dalle scorrerie (prima) e dallo stanziamento (poi) dei Magiari.[5] Ma agli inizi del XV secolo molti intellettuali slavo-meridionali (soprattutto monaci serbi), in fuga davanti agli Ottomani, ripararono a Mosca, creando così un forte legame e un fecondo scambio.

Religione tradizionale e cristianizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La religione degli antichi Slavi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Mitologia slava.

Non è possibile ricostruire con precisione il pantheon slavo originario. Le fonti scritte (sia documentarie, sia narrative) sono tutte successive alla conversione degli Slavi al cristianesimo: furono redatte da monaci (praticamente la totalità per il periodo delle Rus' di Kiev e circa tre quarti per il periodo della Moscovia), e questi autori eliminavano sistematicamente ogni richiamo al paganesimo precedente.

Le Cronache Russe contengono delle sezioni narrative (skazanja) che si richiamano al periodo anteriore alla conversione degli Slavi, ma questi racconti sono stati tutti recensiti e adattati dai monaci autori delle cronache. Un caso differente è quello delle byliny, racconti epici in versi, tramandati oralmente: qui si trovano molte più informazioni sulla religione degli Slavi, anche se è difficile collocare cronologicamente con precisione le informazioni che ci giungono da fonti orali.

Un accenno ad una divinità slava nella Cronaca degli anni passati si trova in una formula di giuramento con la quale si concludevano sempre i trattati commerciali tra i mercanti russi e quelli greci:

« Noi Russi giuriamo di rispettare quanto è stato stabilito, altrimenti l'ira di Perun incomberà su di noi »

Confrontando varie byliny e anche alcune skazanje possiamo affermare che:

  • Perun era il dio della della folgore,
  • era rappresentato da un tronco d'albero (indizio di un influsso dello sciamanesimo, che potrebbe essere giunto agli Slavi dai Finni, di ceppo uralico), con una testa d'argento e baffi d'oro,
  • sembra essere stato adorato quasi esclusivamente nella Rus' di Kiev.

Resta da risolvere, però, il problema di quale rapporto ci sia tra Perun e Thor, il dio germanico della folgore (nella Rus' erano presenti i Variaghi), e Perkūnas, divinità baltica raffigurata proprio come Perun. In definitiva, non è ancora chiaro se Perun fosse una divinità propria del mondo slavo, o presa "in prestito" dal mondo germanico o da quello baltico (è nelle lingue baltiche che il nome di Perkūnas è ricollegabile al "tuono": ancora oggi in lettone perkůns significa 'tuono', mentre parole analoghe in ucraino o in polacco potrebbero essere entrate in tempi posteriori). Tra l'altro, non è escluso che il nome del dio Thor si trovasse scritto su qualche fonte in caratteri runici, e gli autori delle cronache slave possano aver confuso nella traslitterazione una Þ con una P.

Da altre fonti emergono i nomi di altre divinità:

La cristianizzazione degli Slavi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cirillo e Metodio.

Nel IX secolo i monaci bizantini Cirillo e Metodio cristianizzarono molte tribù slave. Per far comprendere la Sacre Scritture e la liturgia cristiana a questi popoli, essi inventarono un nuovo alfabeto, il cosiddetto alfabeto glagolitico.

La lingua paleoslava è scritta con due alfabeti:

L'alfabeto inventato da Cirillo e Metodio è quello glagolitico, mentre quello cirillico, che di Cirillo porta il nome, venne creato dai suoi discepoli Naum e Sava, rifugiatisi in Macedonia.

« Se furono gli Slavi nel secolo VI ad abbattere il ponte che collegava l'Oriente e l'Occidente cristiani, si può dire che dai secoli IX e X in poi il loro compito storico sarebbe stato quello di ricostruirlo. Li attendeva il destino difficile dei popoli cerniera, la prospettiva di partecipare, secondo le epoche e le circostanze, a riavvicinamenti e osmosi parziali o viceversa a separazioni e incomprensioni fra l'Oriente ortodosso e l'Occidente cattolico, fra due modi di concepire il mondo e le sue strutture, leggi e finalità, e il ruolo che l'uomo viene chiamato a svolgervi volontariamente o suo malgrado. »
( Francis Conte, Gli Slavi, p. 37.)

Lingua proto-slava[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Lingua proto-slava.

L'antenata di tutte le lingue slave nacque in un'epoca incerta dalla lingua proto-indoeuropea (probabilmente dopo essere passata attraverso uno stadio proto-balto-slavo). Secondo la tesi più diffusa gli indoeuropei che rimasero dopo le migrazioni iniziarono ad utilizzare la lingua balto-slava.[senza fonte] L'effettivo proto-slavo, definito come ultimo stadio della lingua che precede la divisione delle lingue slave storiche, risale al VII secolo, ed era probabilmente parlato durante il V e VI secolo.

Il gruppo delle lingue slave appartiene alle cosiddette lingue satem, o isoglossa orientale della famiglia delle lingue indoeuropee, insieme ai gruppi baltici e indo-iraniani. Questo avviene in contrasto alla divisione occidentale (lingue centum), che include il germanico e il celtico.

Dubbi sull'origine autoctona dell'idioma[modifica | modifica wikitesto]

L'origine dei parlanti del pre-protoslavo e del protoslavo è oggetto di grandi dibattiti.[4] A partire dal XIX secolo la questione assunse una valenza politica, particolarmente in relazione alla storia delle divisioni polacche, e all'imperialismo tedesco conosciuto come Drang nach Osten: in sostanza, sia i Tedeschi sia gli Slavi volevano essere gli autoctoni della terra lungo il fiume Vistola.

  • La teoria autoctona afferma che i Proto-Slavi sono nativi dell'area dell'attuale Polonia, già prima del VI secolo d.C.,
  • la teoria alloctona sostiene che gli Slavi sono immigrati nell'area della moderna Polonia dopo il VI secolo.

Il dibattito venne sfruttato a scopo di propaganda politica e ha spesso assunto toni emotivi e intrisi di proto-archeologia e misticismo nazionalista.

Nel corso degli anni sono state avanzate alcune ipotesi per riconoscere tracce archeologiche di popolazioni slave anteriori al VI secolo d.C., quando gli Slavi sono chiaramente riconoscibili nella zona paludosa che comprende le attuali Bielorussia, Polonia e Ucraina:

  1. Ipotesi della cultura Lusaziana: I pre-protoslavi erano presenti nel nord-est dell'Europa Centrale almeno dalla fine del secondo millennio a.C., ed erano i portatori della cultura Lusaziana e più tardi della cultura di Przeworsk (parte della cultura di Chernyakhov).
  2. Ipotesi della cultura di Milograd: I pre-protoslavi (o baltoslavi) erano i portatori della cultura di Milograd.
  3. Ipotesi della cultura Chernoles: I pre-protoslavi erano i portatori della cultura Chernoles, dell'Ucraina settentrionale.

Correlazioni con frequenze genetiche[modifica | modifica wikitesto]

Recenti ipotesi genetiche sul popolamento dell'Europa, in via di elaborazione, propongono una teoria almeno in parte alternativa sull'origine degli Slavi. Osservando la frequente ricorrenza di un determinato aplogruppo del cromosoma Y tra gli eredi storici degli Slavi, e constatandone la particolare frequenza in Pomerania, tale ipotesi individua nell'area compresa tra le attuali Germania e Polonia la culla ancestrale della lingua e della cultura slava, che da lì si sarebbe irradiata verso sud e verso est.

Una vaga reminiscenza di questa origine autoctona potrebbe essere presente nella leggenda di Lech, Čech e Rus, che narra in varie forme la storia di tre fratelli che in seguito si divisero generando le nazioni Polacca, Ceca e Russa.

Religione e alfabeto degli Slavi moderni[modifica | modifica wikitesto]

Oggi gli stati di lingua Slava sono: Bielorussia, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Repubblica di Macedonia, Montenegro, Polonia, Federazione Russa, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Ucraina

Gli Slavi adottarono gradualmente il Cristianesimo tra il VI e il X secolo, e conseguentemente fu soppressa l'antica religione slava. Le due principali divisioni cristiane negli slavi sono gli ortodossi e i cattolici, cui si affiancano minoranze di religione protestante e islamica. In molti gruppi etnici slavi la grande maggioranza dei credenti condivide la stessa religione, sebbene molti siano atei o agnostici; in quest'ultimo caso le persone possono tuttora identificarsi con una particolare religione in senso culturale e storico.

1. Coloro che sono in maggioranza ortodossi:

2. Coloro che sono in maggioranza cattolici con piccole minoranze protestanti:

3. Coloro che sono in maggioranza musulmani:

4. Mescolanza di religioni:

  • Sorbi (cattolici/protestanti)

Le divisioni tra ortodossi e cattolici si acuirono per l'uso dell'alfabeto cirillico dagli ortodossi e i greci cattolici e dell'alfabeto latino da parte dei cattolici romani. La lingua serba, la lingua bosniaca e la lingua montenegrina possono essere scritte sia in alfabeto cirillico che latino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Pasini, Note di storia dell'Europa orientale nel Medioevo, Milano, Centro ambrosiano, 2001, p. 11, ISBN 88-8025-288-7.
    «La derivazione patriottica, sorta in epoca romantica, è da scartare, sia perché è il frutto puerile da contrapporre all'etimo latino medievale Sclaveni, dal quale deriverebbe successivamente la parola schiavo, sia per il fatto che la -a- di Slavi non deriva da alcuna vocale indoeuropea».
  2. ^ Come anche del saluto "ciao", passato attraverso il veneto s-ciao, appunto 'schiavo'.
  3. ^ Tolomeo chiamava questi popoli Stavanoi e Soubenoi.
  4. ^ a b Urheimat (Patria originaria) degli Slavi. [1].
  5. ^ Nel XIX secolo, all'epoche delle utopie panslaviste, si cominciò a guardare all'invasione e al definitivo insediamento dei Magiari nella Pianura Pannonica come ad uno degli avvenimenti più tragici della storia slava: il mondo slavo non avrebbe mai ricevuto un colpo più fatale nel corso della sua esistenza. In quel mondo slavo che, secondo i panslavisti come František Palacký, costituiva un'entità omogenea dallo Holstein fino al Peloponneso, i Magiari avevano aperto un solco che avrebbe distrutto ogni idea di unità.
  6. ^ La parola *bogu, 'dio', deriva dall'indoeuropeo *bhaγos, che indicava i beni, la fortuna, la felicità: le cose che abitualmente si chiedono alla divinità.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Slavi, in Tesauro del Nuovo soggettario, BNCF, marzo 2013.
  • AIS sito ufficiale dell'Associazione Italiana degli Slavisti, libera associazione fondata a Roma nel 1971 che intende promuovere gli studi slavistici in Italia.
Controllo di autorità GND: (DE4077491-0