Carniola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carniola
Carniola – Stemma
Stati Slovenia Slovenia
Regioni Alta Carniola, Carniola interna, Bassa Carniola
Capoluogo Lubiana
Fusi orari UTC+1
Nome abitanti carniolino, cragnolino
Krain 1794 Pict 1.JPG
Estensione della Carniola (in rosa) come provincia austriaca nel 1794
La denominazione "Carniola" viene usata solo in un contesto storico.
Attualmente la regione risulta divisa in
Alta Carniola/Gorenjska (2a),
Carniola interna/Notranjska (2b),
Bassa Carniola/
Dolenjska (2c).

La Carniola (italiano antico: Cragno, sloveno: Kranjska, tedesco: Krain, friulano: Cragn) è una regione storica collocata tra il Friuli, la Carinzia, la Stiria, la Croazia e l'Istria, che ha costituito il nucleo fondante dell'attuale stato sloveno.

La sua capitale storica, Lubiana, è oggi la capitale della Repubblica di Slovenia e rappresenta, assieme all'area circostante, la regione economica più propulsiva del Paese e il suo centro economico, culturale e politico.

Nei secoli passati, sotto il dominio degli Asburgo, rappresentava la provincia dove la comunità slovena occupava quasi tutto il territorio, eccetto i maggiori centri cittadini, come Lubiana (in tedesco Laibach), Maribor (Marburg an der Drau) e Celje (Cilli), dove prevaleva la cultura dell'etnia tedesca. Nella Stiria e nella Carinzia, difatti, la popolazione slovena era, nel complesso, una parte minoritaria insieme ai tedeschi e i nuclei maggioritari si concentravano nelle zone meridionali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Carniola è stata menzionata per la prima volta nel 973 come parte della Carinzia ed è diventata contea nel 1002. Nel 1335 è passata sotto il domino degli Asburgo che ne estesero il territorio al litorale carsico e alla parte nord-orientale della penisola istriana. Nel 1364 venne proclamata Ducato del Sacro Romano Impero (Ducato di Carniola).

Per la prevalenza etnica, come per il suo posizionamento geografico, la regione assunse gradualmente, a partire dal XVI secolo, una posizione di centralità tra i territori popolati da sloveni. Tra il seicento e l'Ottocento, la denominazione "carniolino" o "cragnolino" (slov. Kranjec, kranjski) venne usata, particolarmente negli ambienti letterari, come sinonimo per l'intero popolo sloveno e la sua lingua.

Dopo la prima guerra mondiale la maggior parte della Carniola passò al nuovo Regno di Jugoslavia, mentre la parte occidentale della regione, con le cittadine di Postumia, Iliriska Bistrica, Idria, Vipacco e Sturie fu annessa all'Italia. Con questa scissione, la Carniola cessò di esistere come regione politica.

Dopo la seconda guerra mondiale passò alla Jugoslavia anche la parte di Carniola precedentemente annessa all'Italia, ad eccezione dell'area dei laghi di Fusine, in comune di Tarvisio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN237234728 · GND: (DE4032741-3
Slovenia Portale Slovenia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Slovenia