Glorenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glorenza
comune
Glorenza/Glurns
Glorenza – Stemma Glorenza – Bandiera
Glorenza – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Stemma Südtirol.svg Bolzano
Amministrazione
Sindaco Alois Frank (SVP) dal 10/05/2015
Territorio
Coordinate 46°40′N 10°33′E / 46.666667°N 10.55°E46.666667; 10.55 (Glorenza)Coordinate: 46°40′N 10°33′E / 46.666667°N 10.55°E46.666667; 10.55 (Glorenza)
Altitudine 907 m s.l.m.
Superficie 13,22 km²
Abitanti 880[2] (31-12-2010)
Densità 66,57 ab./km²
Comuni confinanti Malles Venosta, Prato allo Stelvio, Sluderno, Tubre
Altre informazioni
Cod. postale 39020
Prefisso 0473
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 021036
Cod. catastale E069
Targa BZ
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 765 GG[3]
Nome abitanti glorenzini/Glurnser[1]
Patrono san Pancrazio martire
Giorno festivo 12 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Glorenza
Glorenza
Il territorio comunale
Il territorio comunale
Sito istituzionale

Glorenza (Glurns in tedesco, Gluorn in romancio) è un comune italiano di 876 abitanti della provincia autonoma di Bolzano in Trentino-Alto Adige, situato lungo la strada verso il Passo del Forno, nell'Alta Val Venosta, a pochi chilometri dal confine svizzero.

È il più piccolo comune dell'Alto Adige a fregiarsi del titolo di città (in tedesco Stadtgemeinde). A Glorenza esiste il detto: "La nostra città è così piccola che dobbiamo andare a messa fuori dalle mura."[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

L'Adige nel tratto che attraversa Glorenza

Glorenza è situata in Alta Val Venosta, presso i paesi di Malles Venosta e Sluderno.

La città è attraversata dal fiume Adige.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Antica vista di Glorenza
Una delle porte della città
Le vie del centro
La chiesa di San Pancrazio

Nel 1309 Glorenza fu elevata a città (risultando la più piccola delle otto presenti nella provincia). Venne completamente rasa al suolo nel 1499, dopo la battaglia della Calva, nel corso della guerra sveva, che opponeva l'imperatore Massimiliano I alla Confederazione dei tredici Cantoni. Dopo questa distruzione, l'imperatore Massimiliano decise di ricostruirla e di munirla di mura (le quali si sono conservate intatte fino al presente e sono uno dei principali luoghi d'interesse della città), trasformandola in una testa di ponte verso i possedimenti asburgici in Svizzera. Anche dopo che questi, poco tempo dopo, furono perduti, Glorenza conobbe comunque lunghi secoli di prosperità come città mercantile, grazie soprattutto al commercio del salgemma proveniente da Hall (Tirolo settentrionale) e destinato in Svizzera.

Nel 1500 Glorenza divenne sede di un tribunale civile (in precedenza situato a Malles) per volere del conte Alberto III di Tirolo. Tra i processi che ci sono stati tramandati vi fu quello dell'ottobre 1519, istruito a seguito di una denuncia sporta da tale Simon Fliess, abitante di Stelvio, per conto dei suoi compaesani, contro il giudice Wilhelm Hasslinger, accusato di non aver fatto abbastanza per contrastare la presenza dei ratti nella zona. Il procedimento si concluse un anno dopo, allorché la sentenza del giudice ordinò la costruzione di un ponte lungo l'Adige per consentire la migrazione dei topi.[5]

Fino all'annessione dell'Alto Adige all'Italia, nel 1919, Glorenza rimase la sede giudiziaria competente per tutta l'Alta Val Venosta.

Tra l'abitato di Malles e quello di Glorenza venne edificato lo Sbarramento Malles-Glorenza, un avamposto militare facente parte del Vallo Alpino in Alto Adige, che con i suoi bunker, difendeva il territorio da una possibile invasione.

In epoca fascista, sopra le porte murarie della città vennero scolpite scritte inneggianti al fascismo, con annessa firma di Mussolini. Tali frasi furono cancellate nel 1945, ma risultano tuttora parzialmente leggibili.

Dalla fine del XX secolo il borgo ha conosciuto una crescente importanza come centro d'attrazione turistica, essendo altresì inserito nel circuito "I borghi più belli d'Italia".

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo è attestato come "Glurnis" nel 1163 e "Glurns" nel 1228. Esso deriva colurnus, variante del latino corylus (che significa "nocciolo").[6][7]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma è partito d'argento: nel cantone di sinistra è raffigurata l'aquila tirolese tagliata, mentre il cantone di destra è interzato di nero, argento e rosso. L'aquila rappresenta l'appartenenza della località al Tirolo, mentre i colori nero, argento e rosso sono quelli della città. L'emblema è stato concesso il 9 gennaio 1528 da Ferdinando I d'Asburgo e riconfermato nel 1904.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

A est di Glorenza fu costruita tra il 1934 e il 1935 la caserma dedicata al tenente generale Giuseppe Petitti di Roreto, medaglia d'oro al Valor Militare durante la prima guerra mondiale.[9][10]

Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale la caserma ospitò alcuni reparti della Guardia alla Frontiera. Dopo il conflitto, essa divenne sede di diversi distaccamenti:[9]

  • dal 1953 al 1957: II gruppo sbarramenti;
  • dal 1957 al 1958: II battaglione Alpini da Posizione;
  • dal 1958 al 1962: XXX battaglione Alpini da Posizione;
  • dal 1962 al 1963: XXX battaglione Alpini d'Arresto;
  • nel 1963: comando battaglione Alpini d'Arresto "Val Camonica";
  • dal 1963 al 1979: 250ª e 251ª compagnia Alpini d'Arresto "Val Chiese" (che dal 1979 passarono al "Val Brenta");
  • dal 1979 al a marzo 1991: 46ª e 49ª compagnia Alpini del Battaglione alpini "Tirano".

In seguito la caserma fu utilizzata a scopo addestrativo dal Battaglione d'arresto "Edolo" di Merano: i soldati potevano esercitarsi mediante l'uso di torrette enucleate provenienti dal carro armato Sherman Firefly con un riduttore per usare le cartucce del 91 a tiro ridotto.[9]

Negli ultimi anni della sua esistenza la caserma fu utilizzata come posto temporaneo per ospitare i profughi che fuggivano dal conflitto balcanico. Dopo di che, dal demanio la caserma passò nelle mani della provincia autonoma di Bolzano che decise di abbatterla nel 2003 per poter costruire un nuovo parcheggio. Nel luogo ove sorgeva è stato posto un piccolo cippo commemorativo.[9]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua popolazione è in larga maggioranza di madrelingua tedesca:

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Astat Censimento della popolazione 2011 - Determinazione della consistenza dei tre gruppi linguistici della Provincia Autonoma di Bolzano-Alto Adige - giugno 2012
96,13% madrelingua tedesca
3,87% madrelingua italiana
0,00% madrelingua ladina

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Ogni 2 novembre si tiene il Sealamorkt ("Mercato delle anime", per la ricorrenza del giorno dei defunti), ultimo ricordo della grande tradizione mercantile.
  • Durante il ponte dell'Immacolata si tiene il tradizionale Mercatino di Natale.

Infrastrutture[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

A Glorenza transita il tracciato della Strada statale 41 di Val Monastero, che da Sluderno conduce a Tubre e quindi (superato il confine di stato) nella Val Monastero (Svizzera).

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Glorenza è servita dalla stazione di Sluderno-Glorenza della ferrovia della Val Venosta (che unisce Merano a Malles Venosta).

Persone legate a Glorenza[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe (Joseph) Grasser (Glorenza, 1782 – Verona, 1839), vescovo cattolico.
  • Paul Flora (Glorenza, 1922 - Innsbruck, 2009), pittore, disegnatore, caricaturista, grafico e illustratore. Su sua richiesta, Paul Flora fu sepolto nella sua città natale nel cimitero della chiesa di S. Pancrazio. La città gli ha dedicato il Museo Paul Flora all'interno della Torre della Chiesa (Torre di Tubre).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2005 2015 Erich Josef Wallnöfer SVP Sindaco
2015 in carica Alois Frank SVP Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Nomi d'Italia. Origine e significato dei nomi geografici e di tutti i comuni, Novara, Istituto geografico De Agostini, 2006, p. 304.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Detto reperibile sulla pagina ufficiale del comune
  5. ^ Articolo Altoadige
  6. ^ AA.VV., Nomi d'Italia. Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2004.
  7. ^ Egon Kühebacher, Die Ortsnamen Südtirols und ihre Geschichte, vol. I, Bolzano: Athesia, 1995, p. 129s. ISBN 88-7014-634-0
  8. ^ (EN) Heraldry of the World: Glurns
  9. ^ a b c d Caserma “Giuseppe Petitti di Roreto” - Glorenza (BZ) su Vecio.it
  10. ^ Caserme dell'Orobica su SMALP 90
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Concini de Concini, Giorgio Fedele, Nostra città di Glorenza, Bolzano, Tappeiner, 1987.
  • (DE) Franz-Heinz Hye, Geschichte der Stadt Glurns. Eine Tiroler Kleinstadt an der obersten Etsch, Innsbruck, 1992.
  • (DE) Sebastian Marseiler Glurns. Südtirols kleinste Stadt - Geschichte und Geschichten, Lana, Editore Tappeiner 1998, ISBN 88-7073-246-0
  • Christine Kreidl et al., Glorenza da scoprire. Luoghi d'interesse, gastronomia, cultura, Vienna-Bolzano, Folio, 2011, ISBN 978-88-6299-016-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156088112 · LCCN: (ENn93081723 · GND: (DE4071900-5
Alto Adige Portale Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Alto Adige