Libera Università di Bolzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Libera Università di Bolzano
Free University of Bozen-Bolzano logo.svg
Freie Universität Bozen - Rektorat.JPG
Rettorato
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàBolzano
Altre sediBressanone, Brunico
Dati generali
Nome latinoUniversitas Studiorum Bauzanensis
Soprannomeunibz
MottoTrilingue e interculturale
Fondazione1997
TipoNon statale, promossa da ente pubblico
FacoltàDesign e arti, economia, scienze della formazione, scienze e tecnologie, scienze e tecnologie informatiche
RettorePaolo Lugli[1]
PresidenteUlrike Tappeiner
Studenti3 760 (2017) [2]
Dipendenti608 docenti e ricercatori
252 tecnici e amministrativi
SportSCUB[3]
Mappa di localizzazione
Sito web

La Libera Università di Bolzano (in tedesco: Freie Universität Bozen, in inglese: Free University of Bozen-Bolzano) è una università italiana non statale, promossa dalla provincia autonoma di Bolzano.

La caratteristica principale dell'Ateneo è l'insegnamento trilingue[4]: italiano, tedesco e inglese. La Facoltà di scienze della formazione dispone altresì di una sezione in lingua ladina.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'università di Bolzano è la più recente e meno frequentata fra le tre della regione del Tirolo, dopo l'Università di Innsbruck e di Trento. L'ateneo è stato fondato nel 1997, in concomitanza con l'inaugurazione della facoltà di economia a Bolzano e della facoltà di scienze della formazione a Bressanone. Dal 2005, dispone di una propria casa editrice, la bu,press (Bozen-Bolzano University Press).[6]

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Il sigillo della Libera Università di Bolzano
Dipartimenti
  • Design e arti
  • Economia
  • Scienze della formazione
  • Scienze e tecnologie
  • Scienze e tecnologie informatiche
Campus

L'università è organizzata in tre campus:

  • Bolzano, dove hanno sede le facoltà di design e arti, economia, scienze e tecnologie, scienze e tecnologie informatiche;
  • Bressanone, che ospita la facoltà di scienze della formazione;
  • Brunico, che accoglie unicamente il corso di laurea della facoltà di economia in turismo e management degli eventi.

I tre campus sono frutto di concorsi architettonici internazionali: gli architetti Matthias Bischoff e Roberto Azzola[7] di Zurigo hanno progettato la sede di Bolzano,[8] mentre Regina Kohlmeyer e Jens Oberst di Stoccarda hanno progettato la sede di Bressanone.[9]

Rettori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rettore e Prorettori
  2. ^ Anagrafe nazionale studenti – Libera Università di Bolzano (2017/2018), su anagrafe.miur.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  3. ^ S.C.U.B. – Sports Club Università di Bolzano, su scub.unibz.it. URL consultato il 5 novembre 2018.
  4. ^ Sandra Campisi, «Case Study on the Free University of Bozen/Bolzano, Italy», Higher Education in Europe, Vol. 25, Issue 4, 2000, pag. 477-486.
  5. ^ sezione ladina Archiviato il 3 giugno 2016 in Internet Archive.
  6. ^ Sito della Bu,Press della LUB
  7. ^ Progetti delle tre sedi Archiviato il 13 aprile 2016 in Internet Archive.
  8. ^ Christine Plieger-De Biasi, Thomas Simma, Freie Universität Bozen – Libera Universita di Bolzano – Free University of Bozen/Bolzano. The Architecture Competition for the Main Site, Vienna-Bolzano, Folio, 1998. ISBN 978-3-85256-105-9
  9. ^ IX Premio architettura Oderzo
  10. ^ Lub, Lorenz è il rettore. Con 6 voti batte Fedrizzi [collegamento interrotto], su altoadige.repubblica.it, 19 luglio 2008. URL consultato il 21 luglio 2008.
  11. ^ (DE) Rektorat der unibz, su unibz.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEITEN) Hans Karl Peterlini, Hannes Obermair (eds), Universitas Est. Essays and documents on the history of education in Tyrol/South-Tyrol, 2 voll. (Bozen-Bolzano University Press, Raetia Verlag, Bozen/Bolzano 2008), ISBN 978-88-7283-316-2
  • (EN) Klaus Kempf, Franz Berger, «The Library as a Service Point. The Case of the Bozen University Library: Planning, Building, Financing», in Liber Quarterly, 10, 2000, pp. 108–116. (Download PDF 52 KB)
  • (DE) Jens Woelk, «Forschung und Lehre in Südtirol: Europäische Akademie und Freie Universität Bozen», in Die Verfassung der Südtiroler Autonomie, Baden-Baden: Nomos, 2005, pp. 435–448.
  • (DEITEN) Universitätsreden an der Freien Universität Bozen / Discorsi d'ateneo alla Libera Università di Bolzano / Public Talks at the Free University of Bozen, 6 voll., Bolzano, Bozen-Bolzano University Press, 2005-ss. ISBN (ISSN) 2494716-7

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148672679 · ISNI (EN0000 0001 1482 2038 · GND (DE10017173-4 · BNF (FRcb166831131 (data)
Università Portale Università: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Università