Strudel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strudel
Strudel.jpg
Origini
Luoghi d'origineItalia Italia
Austria Austria
Germania Germania
Ungheria Ungheria
DiffusioneEuropa centrale
Tre Venezie
Zona di produzioneTrentino-Alto Adige
Friuli-Venezia Giulia
Austria
Germania (Baviera e Baden-Württemberg)
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste fresche e prodotti di panetteria, pasticceria, biscotteria e confetteria
Ingredienti principali
  • Mele
  • Farina
  • Burro
  • Zucchero
  • Pinoli
  • Uvetta
[1][2]
VariantiTopfenstrudel
Millirahmstrudel
Blutwurststrudel
Brätstrudel

Lo strudel (dal tedesco Strudel, "vortice") è un dolce a pasta arrotolata o ripiena che può essere dolce o salata, ma nella sua versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella[3].

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Lo strudel ha una ricetta che parte addirittura dall'VIII secolo a.C., ovvero al tempo degli Assiri; simili dolci si ritrovano anche nell'Antica Grecia del III secolo a.C.. Probabilmente, anche grazie alla via della seta la ricetta si è così tanto diffusa andando però a modificare quella originale in diverse varianti: baklava, güllaç, börek e strudel.[4]

Lo strudel deriva quindi da una serie di nomi, forme e luoghi differenti;[4] una delle più vicine è l'antico dolce baklava che seguiva le varie conquiste territoriali ottomane; dal 1526 il sultano Solimano il Magnifico avrebbe diffuso la sua ricetta nei territori conquistati, ovvero fino all'Ungheria. I continui contatti tra l'impero ottomano e quello austriaco fecero sì che anche la ricetta dello strudel passasse nell'impero austriaco, di cui entrò a far parte nel 1699 l'Ungheria, e dal 1867, grazie all'Ausglech con cui nacque l'impero austro-ungarico, arrivò in Trentino, Sudtirolo e nel Litorale.[5][6]

In Italia tradizionalmente viene preparato in Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Ha ricevuto il riconoscimento P.A.T., che lo identifica come prodotto tradizionale italiano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

«Non vi sgomentate se questo dolce vi pare un intruglio nella sua composizione e se dopo cotto vi sembrerà qualche cosa di brutto come, ad esempio, una enorme sanguisuga o un informe serpentaccio, perché poi al gusto vi piacerà.»

(Pellegrino Artusi, La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, 1895)

Ogni luogo ha poi la sua ricetta: con la pasta frolla[7][8], con pasta da strudel (tradizionale, sottile: vi si arrotolano le mele dentro prima di metterla in forno) o con pasta sfoglia[9].
Ne esistono anche versioni con altri tipi di frutta: pere, albicocche, frutti di bosco e c'è anche chi applica la formula dello strudel anche per preparare torte salate, ad esempio con verdure, crauti e salumi.

Gli ingredienti tipici sono: mele, uvetta, cannella, noci o pinoli, succo e scorza di limone, pangrattato, rum e zucchero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Strudel di mele, su GialloZafferano.it. URL consultato il 18 settembre 2014.
  2. ^ Strudel di mele con pasta tirata, su Alto Adige / Südtirol. URL consultato il 18 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2014).
  3. ^ Strùdel in Vocabolario – Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 settembre 2014.
  4. ^ a b C'ERA UNA VOLTA UN RE... LA VERA STORIA DELLO STRUDEL Archiviato il 25 novembre 2015 in Internet Archive. su mtchallenge
  5. ^ Lo strudel austriaco: pasta sfoglia e morbide mele per una ricetta che viene da lontano[collegamento interrotto] su magazine EXPO
  6. ^ Storia dello Strudel su Taccuinistorici
  7. ^ Strudel di mele con pasta frolla, su suedtirol.info. URL consultato il 18 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 28 gennaio 2015).
  8. ^ Strudel di mele con pasta frolla, su Innamorati in cucina. URL consultato il 18 settembre 2014.
  9. ^ Strudel di mele con pasta sfoglia, su Cookaround. URL consultato il 18 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]