Strudel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo personaggio della serie animata Pound Puppies, vedi Strudel (personaggio).
Strudel
Strudel.jpg
Strudel di mele (Apfelstrudel)
Origini
Luogo d'origine Turchia Turchia
Zona di produzione Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Italia (Trentino-Alto Adige), Germania (Baviera e Baden-Württemberg)
Dettagli
Categoria dolce
Riconoscimento P.A.T.
Settore Paste fresche, pane, biscotti e dolci
Ingredienti principali
  • mele
  • farina
  • burro
  • zucchero
  • pinoli
  • uvetta
[1][2]
Varianti Topfenstrudel, Millirahmstrudel, Blutwurststrudel, Brätstrudel
 

Lo strudel (dal tedesco Strudel = vortice) è un dolce a pasta arrotolata o ripiena che può essere dolce o salata, ma nella sua versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella[3].

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Lo strudel ha una ricetta che parte addirittura dall'VIII secolo a.C., ovvero al tempo degli Assiri; simili dolci si ritrovano anche nell'Antica Grecia del III secolo a.C.. Probabilmente, anche grazie alla via della seta la ricetta si è così tanto diffusa andando però a modificare quella originale in diverse varianti: baklava, güllaç, börek e strudel.[4]

Lo strudel deriva quindi da una serie di nomi, forme e luoghi differenti;[4] una delle più vicine è l'antico dolce baklava che seguiva le varie conquiste territoriali ottomane; dal 1526 il sultano Solimano il Magnifico avrebbe diffuso la sua ricetta nei territori conquistati, ovvero fino all'Ungheria. I continui contatti tra l'impero ottomanno e quello austriaco fecero sì che anche la ricetta dello strudel passasse; nel 1699 l'impero Austriaco conquistò l'Ungheria e dal 1867 all'impero austro-ungarico; e quindi nel regno delle Tre Venezie.[5][6]

In Italia tradizionalmente viene preparato nei territori un tempo compresi nell'Impero, principalmente Alto Adige, Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni luogo ha poi la sua ricetta: con la pasta frolla[7][8], con pasta da strudel (tradizionale, sottile: vi si arrotolano le mele dentro prima di metterla in forno) o con pasta sfoglia[9].
Ne esistono anche versioni con altri tipi di frutta: pere, albicocche, frutti di bosco e c'è anche chi applica la formula dello strudel anche per preparare torte salate, ad esempio con verdure, crauti e salumi.

Gli ingredienti tipici sono: uvetta, mele, zucchero, cannella, noci o pinoli ed un rosso d'uovo.

In Trentino in particolare una zona dove vi è una particolare tradizione, data anche la presenza di coltivazioni di mele DOP, è la Val di Non. Qui si prepara con mele di tipo Golden Delicious sia perché si trova in ogni stagione ma anche perché zuccherine e in grado di tenere la cottura, mantenendo allo stesso tempo la morbidezza grazie all'apporto di pectina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Strudel di mele, su GialloZafferano.it. URL consultato il 18 settembre 2014.
  2. ^ Strudel di mele con pasta tirata, su Alto Adige / Südtirol. URL consultato il 18 settembre 2014.
  3. ^ Strùdel in Vocabolario – Treccani, su treccani.it. URL consultato il 18 settembre 2014.
  4. ^ a b C'ERA UNA VOLTA UN RE... LA VERA STORIA DELLO STRUDEL su mtchallenge
  5. ^ Lo strudel austriaco: pasta sfoglia e morbide mele per una ricetta che viene da lontano su magazine EXPO
  6. ^ Storia dello Strudel su Taccuinistorici
  7. ^ Strudel di mele con pasta frolla, su suedtirol.info. URL consultato il 18 settembre 2014.
  8. ^ Strudel di mele con pasta frolla, su Innamorati in cucina. URL consultato il 18 settembre 2014.
  9. ^ Strudel di mele con pasta sfoglia, su Cookaround. URL consultato il 18 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]