Lingua retica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Retico
Parlato in Alpi orientali
Periodo estinto nel III secolo
Locutori
Classifica estinta
Altre informazioni
Scrittura alfabeto retico o di Bolzano, varietà settentrionale dell'alfabeto etrusco
Tassonomia
Filogenesi Lingue tirseniche
 Lingua retica
Codici di classificazione
ISO 639-3 xrr (EN)
Glottolog raet1238 (EN)
Lingue tirseniche
Alfabeti retico orientale (di Magrè presso Schio) e occidentale (di Bolzano-Sanzeno) comparati col venetico

Il retico è una lingua estinta, considerata non indo-europea, parlata anticamente dai Reti, un popolo alpino che viveva tra le odierne Italia nordorientale, Austria, Svizzera e Germania meridionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tre autori antichi, Tito Livio, Pompeo Trogo e Plinio il Vecchio, ci tramandano la discendenza dei Reti dagli Etruschi.[1][2]

Una nutrita serie di autorevoli archeologi e storici dell'800, come Barthold Georg Niebuhr, Karl Otfried Müller, Theodor Mommsen, Wolfgang Helbig, Gaetano De Sanctis e Luigi Pareti, ribalta la visione tradizionale degli autori classici di lingua latina, e sostiene che siano gli Etruschi a migrare da nord nel Centro Italia, dai territori alpini dei Reti, e che quindi siano gli Etruschi a discendere dai Reti, e non viceversa.[1]

Un legame linguistico tra retico ed etrusco viene sostenuto anche da Benedetto Giovanelli nel 1844,[3] allineandosi sull'ipotesi della discendenza degli Etruschi dai Reti.[4]

Alfabeto e lingua[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lingue tirseniche.

Si conoscono circa trecento iscrizioni redatte in un alfabeto simile a quello etrusco, con pochi adattamenti locali.[5]

L'alfabeto retico si divide in due varianti che corrispondono a due sottoaree geografiche: una prima, più occidentale, è conosciuta come alfabeto «di Bolzano» o «di Sanzeno» (anche detta di Fritzens-Sanzeno), l'altra, più orientale, come alfabeto di Magrè. L'alfabeto retico possiede notevoli analogie con il futhark scandinavo e quello camuno.[6][7][8][9]

I testi ritrovati sono brevi e di difficile interpretazione, a causa della lingua, il retico, di origine non indoeuropea; studi recenti hanno dimostrato una consistente affinità con l'etrusco.[5] Numerosi sono i casi di iscrizioni a carattere votivo.[5]

Secondo il linguista tedesco Helmut Rix, il retico appartiene alla famiglia delle lingue tirseniche, insieme all'etrusco e alla lingua lemnia.[10] Sulla scia di Rix, successivi studi di Stefan Schumacher,[11][12] di Norbert Oettinger,[13] Carlo De Simone e Simona Marchesini hanno ipotizzato che retico ed etrusco discendano da un «tirrenico comune» dal quale si sarebbero divisi in tempi remoti, prima dell'età del Bronzo. Anche il carattere agglutinante del retico è condiviso con la lingua etrusca e contraddistingue la famiglia linguistica tirrenica.[14]

Recenti scoperte archeologiche hanno rivelato che all'interno dei territori retici con l'età del Ferro si registra l'intensificare dei contatti tra Reti e Celti, culturali, commerciali e religiosi, confermati dal ritrovamento di armi di tipo La Tèene, ornamenti e prodotti artistici di matrice celtica, all'interno dell'orizzonte archeologico della cultura di Fritzens-Sanzeno.[15][16]

I contatti tra Reti e Celti non si limitarono agli scambi commerciali e culturali. Furono seguiti anche da movimenti migratori di guerrieri celtici all'interno del mondo retico. Alcune iscrizioni retiche rivelano l'adozione di elementi religiosi celtici, così come un'influenza celtica sulla lingua retica.[17]

Iscrizioni retiche[modifica | modifica wikitesto]

I principali luoghi di ritrovamento di iscrizioni in lingua retica sono la Bassa Atesina (Unterland) in Alto Adige, in particolare Vadena, Laghetti, Magrè sulla Strada del Vino (BZ), Sanzeno (TN), la Valpolicella (VR) e Magrè in Val Leogra, presso Schio (VI).[5] Numerose iscrizioni in lingua retica sono state trovate anche in Austria, principalmente nei dintorni di Innsbruck.[4] Un'iscrizione è stata trovata anche nella Germania meridionale, a Nußdorf in Baviera, che rappresenta il ritrovamento più settentrionale, e una a Vače, nei pressi di Litija in Slovenia, che rappresenta il ritrovamento più orientale.[4]

Tra i più antichi ritrovamenti vi è la cosiddetta spada di Verona,[18] scoperta nel 1672 a Ca' dei Cavri, frazione di Bussolengo, pochi chilometri a sud di Verona, e oggi conservata al Museo Miniscalchi-Erizzo.[6]

Tra le più lunghe iscrizioni in lingua retica vi è la situla della Val di Cembra del IV secolo a.C., anche conosciuta come Situla Giovanelli o situla di Dos Caslir, scoperta nel 1828 da Simone Nicolodi sul Doss Caslir di Cembra, acquistata dal sindaco di Trento Benedetto Giovanelli e oggi custodita al museo provinciale del Castello del Buonconsiglio. La situla, interamente in bronzo, era verosimilmente un recipiente che conteneva il vino da offrire agli Dei, durante le cerimonie religiose. L'iscrizione a carattere votivo è composta da cinque parole incise con alfabeto simile a quello etrusco e la lingua usata è classificata come retico centrale.

Altra iscrizione scoperta nel 1845, dallo stesso Giovannelli, è la Situla di Matrei, dal nome delle località di Matrei am Brenner nel Tirolo austriaco dove è stata ritrovata, appartenente al V-IV secolo a.C, e che sarà per più di un secolo l'iscrizione retica più a nord mai rivenuta.[4]

Nel 2002 archeologi dell'università di Innsbruck, durante gli scavi nell'area sacra di Demlfeld nel Tirolo austriaco, hanno scoperto una lamina bronzea rinominata "lamina di Demlfeld", dal nome della località austriaca vicina ad Ampass, nel distretto di Innsbruck-Land.[19] L'area sacra di Demlfeld era un rogo votivo e si ritiene fosse frequentata durante la seconda età del Ferro, dal VI al I sec. a.C..

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giacomo Devoto, Reti, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936. URL consultato il 30 luglio 2018.
  2. ^ Cfr. Per Tito Livo si veda Ab Urbe Condita - Liber V - 33; per Pompeo Trogo si veda Giustino, Historiarum Philippicarum T. Pompeii Trogi, XX, 5; per Plinio il Vecchio si veda Historia Naturalis, III, 133-134.
  3. ^ Benedetto Giovannelli, "Dei Rezj. Dell'origini de' popoli d'Italia e d'una iscrizione rezio-etrusca", Trento 1844.
  4. ^ a b c d Stefan Schumacher, Sindy Kluge, Corinna Salomon (a cura di), Thesaurus Inscriptionum Raeticarum, Modern research on the Raeti and Raetic, University of Vienna, su univie.ac.at. URL consultato l'8 luglio 2018.
  5. ^ a b c d Il retico, in Dipartimento di Studi Umanistici (DSU), Laboratorio di epigrafia dell'Italia antica, Università Cà Foscari di Venezia)., su virgo.unive.it. URL consultato il 30 luglio 2018.
  6. ^ a b Alessandro Morandi, "Il cippo di Castelciès nell'epigrafia retica", pp. 36-46, su books.google.com. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  7. ^ Ciurletti, Gianni; Marzatico, Franco (1999), I Reti / Die Räter atti del simposio : 23-25 settembre 1993, Castello di Stenico, Trento.
  8. ^ Cembran, Gaetano (1967), l nôs paëś, Biblioteca di Laghetti - Bibliothek Laag, pp. 7-21.
  9. ^ Bækksted,Anders (1952), Målruner og Troldrunder. Runemagiske studier., København: Gydendalske Boghandel, Nordisk Forlag.
  10. ^ Helmut Rix, Rätisch und Etruskisch, Innsbruck 1998, 67pp.
  11. ^ Schumacher, Stefan (1994) Studi Etruschi in Neufunde ‘raetischer’ Inschriften Vol. 59 pp. 307-320 (ted)
  12. ^ Schumacher, Stefan (1994) Neue ‘raetische’ Inschriften aus dem Vinschgau in Der Schlern Vol. 68 pp. 295-298 (ted)
  13. ^ Norbert Oettinger, Seevölker und Etrusker, 2010.
  14. ^ (IT) Simona Marchesini, Retico, su http://mnamon.sns.it, Scuola Normale Superiore Laboratorio di Storia, Archeologia, Epigrafia, Tradizione dell'antico, 2008-2017.
  15. ^ Umberto Tecchiati, L’esperienza dell’altro. Scambi e relazioni transculturali nella preistoria e nella protostoria della regione alpina centrale. In: Cossetto, M. (ed.), Fare Storia a Scuola, vol 2. Materiali di lavoro del gruppo di studio sulle fonti della storia locale. 13–44. Bolzano/Bozen 1999, Istituto Pedagogico in Lingua Italiana.
  16. ^ Rosa Roncador, Celti e Reti. Interazioni tra popoli durante la seconda età del Ferro in ambito alpino centro-orientale, Roma 2017
  17. ^ Simona Marchesini, Rosa Roncador, Celts and Raetians in the central-eastern Alpine Region during the Second Iron Age: multidisciplinary research. in Cultural Encounters in Iron Age Europe. edited by Ian Armit, Hrvoje Potrebica, Matija Črešnar, Philip Mason and Linsdey Büster Archaeolingua. Series Minor, Budapest 2016 pp. 267-284 (Eng)
  18. ^ Andrea Rossi, Note overo memorie del museo del Conte Lodovico Moscardo, seconda edizione, Verona 1672.
  19. ^ Gerhard Tomedi, Simon Hye, Reinhold Lachberger, Siegfried Nicolussi Castellan, Denkmalschutzgrabung am Heiligtum am Demlfeld in Ampass 2006, in: Gerhard Tomedi, Josef Zeisler (Eds), Gedenkschrift für Konrad Spindler 1939 - 2005 [= ArchaeoTirol Kleine Schriften 5], Wattens: 2006, 116–122.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ferruccio Bravi, La lingua dei Reti, I-II, Bolzano 1981.
  • Helmut Rix, Rätisch und Etruskisch, Innsbruck 1998
  • Norbert Oettinger, Seevölker und Etrusker, in Yoram Cohen, Amir Gilad and Jared C. Miller (eds.) Pax Hethitica, Studies of the Hittites and their Neighbours in Honour of Itamar Singer, Wiesbaden 2010.
  • Carlo de Simone, Simona Marchesini (Eds), La lamina di Demlfeld, Pisa – Roma: 2013.
  • Simona Marchesini, Rosa Roncador, Monumenta Linguae Raeticae, Roma 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4176856-5
Etruschi Portale Etruschi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Etruschi