Elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2020

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2020
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Data 26 gennaio 2020
Legislatura XI legislatura
Affluenza 67,68 % (Aumento 29,97 %)
Stefano Bonaccini 2019 (cropped).jpg Borgonzoni Lucia.jpg
Candidati Stefano Bonaccini Lucia Borgonzoni
Partito Partito Democratico Lega
Coalizione Centro-sinistra Centro-destra
Voti 1.195.742
51,42 %
1.014.672
43,63 %
Seggi
29 / 50
19 / 50
Differenza % Aumento 2,37 % Aumento 13,78 %
Differenza seggi Diminuzione 3 Aumento 7
Partiti Regionali Emilia-Romagna (2020).svg
Candidati Regionali Emilia-Romagna (2020).svg
Presidente uscente
Stefano Bonaccini (PD)
Left arrow.svg 2014

Le elezioni regionali del 2020 in Emilia-Romagna si sono svolte il 26 gennaio. Sono state prorogate legalmente[1] oltre la scadenza esatta di novembre 2019 per permettere l'approvazione della legge di bilancio, evitando così l'esercizio provvisorio dell’amministrazione e tutte le conseguenze annesse[2][3]. Sono state vinte dal presidente uscente Stefano Bonaccini e dalla coalizione di centro-sinistra con il 51,42% dei voti.

Contestualizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Fin dal 1970 (anno di istituzione delle regioni a statuto ordinario in Italia) l'Emilia-Romagna è stata governata ininterrottamente da maggioranze appartenenti all'area politica di sinistra e centrosinistra,[4] tanto da essere considerata nel linguaggio mediatico una delle "regioni rosse" per antonomasia. Analizzando gli scrutini di tutte e 10 le elezioni regionali passate, il Partito Comunista Italiano e successivamente le coalizioni guidate da formazioni da esso originatesi hanno sempre avuto una media di oltre 20 punti percentuali di vantaggio sugli sfidanti primi non eletti[5].

Le precedenti elezioni del 2014 – indette dopo le dimissioni anticipate del presidente Vasco Errani a seguito dell'inchiesta «Terremerse», conclusasi poi con un'assoluzione definitiva[6][7] – furono caratterizzate da una bassa affluenza degli elettori alle urne, pari al 37,71% (contro il 68% delle consultazioni del 2010), che stabilì il primato dell'astensionismo alle elezioni regionali in Italia[8]. Anche le primarie della coalizione di centro-sinistra, svolte il 27 settembre 2014, videro la partecipazione di appena 58.000 votanti (meno dei soli iscritti al PD di tutta la regione[9]), costituendo così un record storico negativo in questa tipologia di selezioni a partecipazione diretta[10].

Sistema elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Legge Tatarella § Emilia-Romagna.

Le elezioni regionali del 2020 sono le seconde disciplinate dal sistema elettorale in vigore con la L.R. 23 luglio 2014 n. 21[11], così come modificato dalla L.R. 6 novembre 2019, n. 23. La normativa prevede l'elezione diretta del Presidente della Giunta regionale a maggioranza relativa[12] dei voti in un turno unico e garantisce alle liste che appoggiano il vincitore almeno 27 seggi su un totale di 50 (premio di governabilità). Quaranta dei consiglieri dell'Assemblea legislativa sono eletti con criterio proporzionale sulla base di liste circoscrizionali provinciali, con recupero dei voti residui in un collegio unico regionale. Nove consiglieri sono eletti con sistema maggioritario fra le coalizioni. L'ultimo seggio è riservato al candidato alla presidenza giunto secondo. Non sono ammesse all'assegnazione dei seggi le liste circoscrizionali il cui gruppo abbia ottenuto, nell'intera regione, meno del 3% dei voti validi, se non collegato a un candidato presidente che ha ottenuto almeno il 5% dei voti nella relativa elezione.

Candidati alla presidenza[modifica | modifica wikitesto]

Per le elezioni del 2020 nessun partito o coalizione ha svolto primarie per la scelta del candidato Presidente – a differenza delle volte precedenti – preferendo ricandidare il Presidente uscente (coalizione di centrosinistra)[13][14], accordarsi su un nome condiviso (coalizione di centrodestra)[15][16] o tramite una selezione on-line tra i soli iscritti (M5S)[17].

Le candidature alla carica di Presidente, sostenute da liste presentate in almeno cinque province della regione su nove, sono state ufficializzate il 27 e 28 dicembre 2019[18].

Di seguito la lista dei candidati ammessi:

Un ulteriore candidato, sostenuto dalla lista "Riconquistare l'Italia", era stato annunciato dal Fronte Sovranista Italiano, che non è stato però in grado di raccogliere le firme necessarie[33].

Programmi elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Il programma elettorale di Stefano Bonaccini rivendica i risultati conseguiti dall'amministrazione di centro-sinistra uscente (tra cui il "Patto per il Lavoro" del 2015)[34], proponendo quattro punti prioritari accumunati dallo slogan "Un passo avanti": creare asili nido gratuiti e disponibili per tutti i bambini della regione[35], abbattere le liste d'attesa per gli interventi sanitari e i tempi di accesso nei pronto soccorsi[36][37], effettuare la manutenzione preventiva e la messa in sicurezza del territorio[38] e ridurre il fenomeno dei NEET[39][40].

La Lega di Lucia Borgonzoni ha proposto l'introduzione di alcune buone pratiche già esistenti nelle regioni governate dal centro-destra (in particolare Lombardia e Veneto), tra cui l'apertura degli ospedali in orario festivo e notturno[41] per l'effettuazione di visite mediche ed esami di laboratorio[42][43], la riduzione dell'addizionale regionale Irpef con introduzione dell'aliquota unica all'1,23%[44][45], il sostegno al comparto agricolo mediante un più accessibile e completo uso dei fondi strutturali europei[46], la ripresa degli investimenti nelle aree montane[47], la riduzione dei costi scolastici per le famiglie[46], il miglioramento della sicurezza nelle città e campagne oltre ad un generale cambiamento dell'amministrazione regionale, da sempre gestita dalla sinistra.

Il Movimento 5 Stelle punta su tematiche ambientaliste, sociali e infrastrutturali[48], tra cui la riscrittura della normativa vigente sull'urbanistica, la riprogettazione dell'autostrada regionale Cispadana come strada a scorrimento veloce senza pedaggio, la diminuzione dei rifiuti per chiudere inceneritori e discariche, la messa a dimora di circa 4,5 milioni di nuovi alberi (uno per ogni cittadino residente) oltre al sostegno di sanità pubblica, imprese, lavoro e agricoltura[49].

Stefano Lugli propone per la lista di sinistra L'Altra Emilia-Romagna una regione "sicura" perché «giusta, pubblica e sostenibile», basata cioè sull'eguaglianza sociale, il contrasto alla privatizzazione dei servizi[50] e il rilancio delle politiche ambientali[51]. Inoltre, prevede la rinuncia davanti al Governo di Roma ad ogni richiesta di autonomia differenziata[52], con la candidatura di un esponente di spicco del “Partito del Sud” (Natale Cuccurese, Presidente nazionale del partito) al collegio di Reggio Emilia proprio per raggiungere questo obiettivo[29].

Marta Collot di Potere al Popolo! presenta un «programma di rottura» basato sull'uguaglianza delle persone, in particolare richiedendo un salario minimo garantito di 9 euro all'ora, ridisegnando le politiche urbanistiche locali e ritirando la richiesta di autonomia regionale differenziata presentata dall'Emilia-Romagna al Governo[53].

Il Partito Comunista di Laura Bergamini mette al centro del proprio programma il lavoro e i cittadini in difficoltà, per garantire la giustizia sociale e l'uguaglianza tra il popolo[54].

Il Movimento 3V - Vaccini Vogliamo Verità chiede l'abolizione dell'obbligo vaccinale recentemente introdotto dal governo per l'accesso di bambini e infanti a scuole ed asili pubblici.

Campagna elettorale[modifica | modifica wikitesto]

Flash mob "6000 sardine contro Salvini" a Bologna (14 novembre 2019)

La campagna elettorale ha avuto inizio il 14 novembre 2019 dalla Lega, che ha organizzato un evento al Paladozza di Bologna dove Matteo Salvini ha lanciato la candidata del centro-destra Lucia Borgonzoni[55][56] (alla presenza di circa 5.000 persone[57]) e gli slogan ufficiali “L’Emilia-Romagna è di tutti, liberiamola” e “Loro sono il PD, noi siamo il futuro”. Contemporaneamente all'evento leghista vengono convocate due manifestazioni di opposizione. Attraverso i social media si realizza in piazza Maggiore un corteo denominato "6000 sardine contro Salvini", con l'obiettivo di oscurare la campagna elettorale avversaria, radunando un numero di persone superiore ai 5750 posti a sedere del Paladozza. Gli organizzatori hanno rivendicato più di 10.000 partecipanti al flash mob[58][59], mentre vari movimenti e centri sociali hanno invece organizzato un secondo corteo partito da Piazza San Francesco con 5.000 partecipanti (2.000 secondo la questura)[60][61]. Il raduno massivo delle "sardine" è stato poi replicato il 19 novembre in piazza Grande a Modena[62][63] e in seguito anche in altre città italiane[64][65].

Il giorno dopo la manifestazione bolognese delle "sardine", il Partito Democratico ha aperto la propria campagna elettorale con un evento di tre giorni a Bologna intitolato “Tutta un'altra storia”[66].

Il 19 novembre va in onda in prima serata su Rai Tre, ospitato dalla trasmissione #cartabianca condotta in diretta da Bianca Berlinguer, il primo dibattito televisivo tra Bonaccini e Borgonzoni, seguito da circa 1,6 milioni di telespettatori (share 6%)[67].

Dopo un periodo di incertezza da parte del Movimento 5 Stelle – indeciso sulla propria partecipazione al voto regionale in seguito alla flessione negli scrutini delle ultime elezioni in Umbria – viene lanciato il 21 novembre sulla piattaforma Rousseau un sondaggio per chiedere ai propri iscritti se "Il Movimento 5 stelle deve osservare una pausa elettorale fino a marzo per preparare gli Stati Generali evitando di partecipare alle elezioni di gennaio in Emilia-Romagna e Calabria". Il no vince con il 70,6% dei voti dei militanti e di conseguenza il capo politico Luigi Di Maio annuncia la presentazione della lista del M5S con un proprio candidato alla presidenza, senza alleanze.[68]

Il 7 dicembre 2019 Stefano Bonaccini ha lanciato lo slogan "Con la forza delle persone", con cui ha convocato una manifestazione in Piazza Maggiore a Bologna per il lancio ufficiale della sua campagna elettorale alla quale hanno partecipato più di 10.000 persone[69][70].

Il 12 dicembre, dopo aver consultato i propri iscritti sulla piattaforma Rousseau, il Movimento 5 Stelle ha annunciato come candidato Presidente il consigliere comunale di Forlì Simone Benini, escludendo così definitivamente l'ipotesi, avanzata nelle settimane precedenti, di un'alleanza con la coalizione di centro-sinistra come avvenuto in Umbria[17] nel 2019.

Oltre ai numerosi comizi sul territorio, la campagna elettorale dei candidati è caratterizzata dall’uso dei social network[71] (specialmente Facebook, Twitter e Instagram) anche con l'utilizzo di inserzioni a pagamento da parte – in particolar modo – di Bonaccini[72] e Borgonzoni[73].

Sondaggi[modifica | modifica wikitesto]

I sondaggi effettuati nei mesi antecedenti al 26 gennaio hanno evidenziato una generale suddivisione paritaria nelle intenzioni di voto tra il centro-sinistra e il centro-destra, con un margine residuale per il Movimento 5 Stelle. A metà gennaio 2020, prima dello stop alla pubblicazione delle rilevazioni in vigore nei quindici giorni antecedenti le elezioni, i due candidati maggiormente favoriti erano sostanzialmente in pareggio[74], con un lieve distacco di pochi punti percentuali tra Bonaccini e Borgonzoni[75]. L'indagine sul gradimento delle liste riportava invece un dato diametralmente opposto, con la coalizione di centro-destra complessivamente in vantaggio rispetto al centro-sinistra.

In questa situazione incerta, tenuto conto anche dei fattori legati alle tornate passate (tra cui le elezioni europee del 2019), al naturale margine d'errore dei sondaggi e alla storica scarsa diffusione del cosiddetto "voto disgiunto", gli analisti politici hanno profilato una "sfida all'ultimo voto". Il contesto politico emiliano-romagnolo del 2020 vede infatti per la prima volta nella storia della regione un'apparente contendibilità della presidenza e della maggioranza dei seggi dell'Assemblea legislativa tra lo schieramento di centrosinistra (a trazione Partito Democratico) e quello di centrodestra (a trazione Lega), con l’incognita del Movimento 5 Stelle.

Candidati presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Data Fonte Campione Bonaccini (CSX) Borgonzoni (CDX) Benini (M5S) Altri Indecisi Distacco
6-12 set 2019 SWG[76] 1000 41,0 42,0 13,0 4,0 25,0 1,0
20 set 2019 Repubblica 45,0 36,0 N.D. N.D. N.D. 9,0
20 set 2019 Il Resto del Carlino 48,0 31,0 6,5 13,7 N.D. 17,0
30 ott-4 nov 2019 EMG-Acqua Group 45,5 44,0 7,0 3,5 N.D. 1,5
8 nov 2019 Affaritaliani 41,0 45,0 12,0 2,0 N.D. 4,0
9-10 nov 2019 Tecné 800 46,0 45,0 7,0 2,0 41,0 1,0
51,0 47,0 con Bonaccini 42,0 4,0
50,0 48,0 assente 45,0 2,0
9-14 nov 2019 Winpoll 1000 50,7 42,1 6,2 1,0 N.D. 8,6
56,2 42,9 con Bonaccini 0,9 13,3
13-19 nov 2019 SWG 1000 43,0 45,0 7,0 5,0 15,0 2,0
15 nov 2019 MG Research - 44,0 46,0 7,0 3,0 N.D. 2,0
15-19 nov 2019 Ixè 1000 40,0 29,2 5,0 7,7 N.D. 10,8
41,2 29,4 con Bonaccini 8,8 11,8
21 nov 2019 Noto sondaggi 45,0 44,0 8,0 3,0 N.D. 1,0
52,0 46,0 con Bonaccini 2,0 N.D. 6,0
49,0 46,0 assente 5,0 N.D. 3,0
22–24 nov 2019 Tecnè 1000 45,0 45,0 8,0 2,0 N.D. Pari
50,5 47,5 con Bonaccini 2,0 N.D. 3,0
24 nov 2019 Affaritaliani.it 46,0 44,0 7,0 3,0 25,0 2,0
25 nov 2019 Piepoli 44,0 43,0 9,0 4,0 N.D. 1,0
29 nov 2019 MG Research 44,5 45,0 8,0 2,5 N.D. 0,5
29 nov-2 dic 2019 Izi - 45,4 40,6 9,9 4,1 N.D. 4,8
2–4 dic 2019 EMG 1000 46,5 44,0 5,5 4,0 N.D. 2,5
9–12 dic 2019 Ipsos 1000 44,2 42,1 8,4 5,3 N.D. 2,1
10 dic 2019 Noto - 46,5 44,0 5,5 4,0 N.D. 2,5
10–11 dic 2019 Tecnè 1000 45,0 44,0 7,0 4,0 N.D. 1,0
12 dic 2019 Noto 47,0 43,0 6,0 4,0 N.D. 4,0
13 dic 2019 MG Research 44,5 44,5 8,5 2,5 N.D. Pari
14–18 dic 2019 EMG 1000 46,5 43,5 6,5 3,5 N.D. 3.0
17 dic 2019 Ixè - 47,2 40,1 7,8 4,9 25,0 7,1
18–22 dic 2019 Demopolis 4008 46,0 44,0 7,0 3,0 25,0 2,0
22-23 dic 2019 Tecnè 1000 46,0 44,0 7,0 3,0 43,0 2,0
27–30 dic 2019 MG Research 45,5 43,5 7,5 3,5 N.D. 2,0
28 dic 2019 Opinio Italia 1000 46,5 43,5 7,5 2,5 N.D. 3,0
30-31 dic 2019 Tecnè 1000 44,0 43,0 7,5 5,5 N.D. 1,0
5 gen 2020 Affaritaliani.it 45,0 43,0 7,0 5,0 N.D. 2,0
6–8 gen 2020 Demopolis 1000 46,5 44,5 6,5 2,5 24,0 2,0
7 gen 2020 MG Research - 45,5 43,5 6,5 3,0 40,0 2,0
7 gen 2020 Noto Sondaggi 1000 45,0 43,0 7,0 5,0 N.D. 2,0
9 gen 2020 Tecnè 1000 44,0 43,0 7,5 5,5 41,0 1,0
9 gen 2020 SWG 1000 47,0 45,0 5,0 3,0 N.D. 2,0

Liste elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Data Fonte Campione Centro-sinistra Centro-destra M5S Altri Indecisi Distacco
PD LeU IiC Bon. Pres. Altri Totale Lega FI FdI Altri Totale
3 lug-21 dic 2018 Ipsos 1.440 17,0 N.D. N.D. N.D. N.D. 17,0 23,0 3,0 N.D. N.D. 26,0 15,0 4,0 38,0 6,0
6-10 lug 2019 GPF 1.200 14,9 N.D. N.D. N.D. N.D. 14,9 15,8 3,0 2,2 N.D. 21,0 6,1 2,6 32,5 0,9
6-12 set 2019 SWG[76] 1.000 33,5 2,0 2,0 N.D. 2,5 40,0 33,5 4,0 5,5 1,5 44,5 13,0 N.D. N.D. Parità
20 set 2019 Il Resto del Carlino 44,5 43,6 8,5 N.D. N.D. 0,9
28 ott 2019 Affaritaliani.it 31,7 N.D. N.D. N.D. N.D. 31,7 34,5 5,0 7,4 N.D. 46,9 6,5 N.D. N.D. 2,8
3 nov 2019 Baritalianews.it 31,50 3,00 N.D. 5,40 N.D. 39,9 33,77 5,50 7,00 N.D. 46,27 7,5 N.D. N.D. 2,27
6-7 nov 2019 Termometro Politico 44,5-47,5 47,0-50,0 N.D., N.D. N.D. 2,5
9-14 nov 2019 Winpoll 1000 44,8 47,6 6,0 1,2 N.D. 2,8
33,9 10,9 44,8 30,9 4,4 6,1 4,1 47,6 3,0
13-19 nov 2019 SWG 1000 27,0 2,5 2,0 8,5 40,0 32,0 4,5 7,0 4,5 48,5 8,5 3,0 16,0 5,0
29,0 3,5 3,0 9,5 45,0 33,5 4,5 7,5 5,0 50,5 assente 4,5 18,0 4,5
15 nov 2019 MG Research 35,0 5,5 40,5 34,0 5,0 8,0 1,0 48,0 8,5 4,5 N.D. 1,0
15-19 nov 2019 Ixè 1000 31,6 33,1 8,2 6,2 18,1 1,5
33,7 34,0 assente 7,6 20,6 0,3
34,3 30,9 5,1 6,0 10,4 13,3 N.D. 3,4
2 dic 2019 Izi 1007 24,7 11,0 35,7 29,8 5,1 9,4 1,1 45,4 10,9 12,0 N.D. 5,1
13-17 dic 2019 Ixè 1000 29,4 N.D. N.D. 7,8 6,8 44,0 27,8 4,2 7,9 2,0 41,9 8,8 5,3 N.D. 1,6
18-22 dic 209 Demopolis 1000 44,0 45,0 8,0 3,0 25,0 1,0
22-23 dic 2019 Tecnè 1000 31,0 14,0 45,0 30,0 5,0 7,0 3,0 45,0 7,0 3,0 N.D. 1,0
27-30 dic 2019 MG Research - 28,5 15,5 44,0 33,0 5,0 7,0 1,5 46,5 7,5 3,0 N.D. 4,5
30-31 dic 2019 Tecnè 1000 28,5 14,0 42,5 30,0 4,5 5,0 4,5 44,0 7,5 6,0 41,0 1,5
6-8 gen 2020 Demopolis 1000 44,5 45,0 7,8 2,7 24,0 0,5
9 gen 2020 SWG 1000 25,0 18,5 44,5 31,0 4,0 7,5 4,5 47,0 6,0 2,5 40,0 2,5

Affluenza[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo elettorale per le elezioni del 26 gennaio 2020 risultava composto da 3.508.332 elettori, di cui 1.804.037 donne e 1.704.295 uomini, registrati nei 4.520 seggi elettorali dei 328 comuni dell'Emilia-Romagna. Alla chiusura dei seggi l'affluenza definitiva si è attestata al 67,68%, in aumento rispetto al 2014, ma risultando altresì la seconda più bassa sul totale degli aventi diritto al voto nelle 11 consultazioni regionali svoltesi a partire dal 1970.

Provincia Affluenza[77]
12:00 19:00 23:00 (finale)
Emilia-Romagna Emilia-Romagna 23,44% 58,82% 67,68%
Bologna Bologna 24,97% 61,88% 70,98%
Ferrara Ferrara 23,63% 57,94% 65,59%
Forlì-Cesena Forlì-Cesena 23,55% 59,39% 67,54%
Modena Modena 23,96% 59,89% 69,11%
Parma Parma 21,98% 55,12% 64,07%
Piacenza Piacenza 22,55% 54,38% 62,91%
Ravenna Ravenna 23,67% 60,67% 69,71%
Reggio Emilia Reggio Emilia 23,54% 58,83% 67,97%
Rimini Rimini 19,87% 54,57% 63,54%

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Candidati Voti % Seggi Liste Voti % Seggi
Stefano Bonaccini 1 195 742 51,42 1 Partito Democratico 749 976 34,69 22
Bonaccini Presidente[78] 124 591 5,76 3
Emilia-Romagna Coraggiosa Ecologista e Progressista[79] 81 419 3,77 2
Europa Verde 42 156 1,95 1
+Europa - PSI - PRI 33 087 1,53 0
Volt Emilia-Romagna 9 253 0,43 0
Totale coalizione 1 040 482 48,12 28
Lucia Borgonzoni 1 014 672 43,63 1 Lega 690 864 31,95 14
Fratelli d'Italia 185 796 8,59 3
Forza Italia 55 317 2,56 1
Progetto Emilia-Romagna - Rete Civica Borgonzoni Presidente 37 462 1,73 -
Cambiamo! - Il Popolo della Famiglia[80] 6 341 0,29 -
Giovani per l'Ambiente[81] 6 007 0,28 -
Totale coalizione 981 787 45,41 18
Simone Benini 80 823 3,48 - Movimento 5 Stelle 102 595 4,74 2
Domenico Battaglia 10 979 0,47 - Movimento 3V Vaccini Vogliamo Verità[81] 11 187 0,52 -
Laura Bergamini 10 269 0,44 - Partito Comunista[82] 10 287 0,48 -
Marta Collot 7 029 0,30 - Potere al Popolo![83] 8 048 0,37 -
Stefano Lugli 5 983 0,26 - L'Altra Emilia-Romagna[84] 7 830 0,36 -
Totale voti validi 2 325 497 97,96 2 2 162 216 100 48
Schede bianche 11 932 0,50
Schede nulle 36 251 1,53
Schede contestate 294 0,01
Votanti 2 373 974 67,68
Elettori 3 508 179 100

Consiglieri eletti[modifica | modifica wikitesto]

Collegio Lista Eletto
Emilia-Romagna Stefano Bonaccini
Lucia Borgonzoni
Bologna Partito Democratico Raffaele Donini
Marilena Pillati
Francesca Marchetti
Stefano Caliandro
Antonio Mumolo
Lega Michele Facci
Daniele Marchetti
Lista Bonaccini Presidente Mauro Felicori
Europa Verde Silvia Zamboni
Emilia Romagna Coraggiosa Igor Taruffi
Fratelli d'Italia Marco Lisei
Movimento 5 Stelle Silvia Piccinini
Forza Italia Vittorio Sgarbi
Modena Partito Democratico Palma Costi
Luca Sabattini
Francesca Maletti
Lega Stefano Bargi
Simone Pelloni
Lista Bonaccini Presidente Giulia Pigoni
Fratelli d'Italia Michele Barcaiuolo
Movimento 5 Stelle Giulia Gibertoni
Reggio Emilia Partito Democratico Alessio Mammi
Ottavia Soncini
Andrea Costa
Lega Maura Catellani
Gabriele Delmonte
Lista Bonaccini Presidente Stefania Bondavalli
Emilia Romagna Coraggiosa Elly Schlein
Piacenza Lega Matteo Rancan
Valentina Stragliati
Partito Democratico Katia Tarasconi
Fratelli d'Italia Giancarlo Tagliaferri
Parma Partito Democratico Barabara Lori
Massimo Iotti
Lega Fabio Rainieri
Emiliano Occhi
Ferrara Partito Democratico Marcella Zappaterra
Marco Fabbri
Lega Fabio Bergamini
Forlì-Cesena Partito Democratico Lia Montalti
Massimo Bulbi
Lega Massimiliano Pompignoli
Ravenna Partito Democratico Manuela Rontini
Andrea Corsini
Lega Andrea Liverani
Rimini Partito Democratico Emma Petitti
Nadia Rossi
Lega Matteo Montevecchi

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Cipolla, Elezioni Emilia Romagna 2020, la guida: candidati, liste e sondaggi, in Money.it, 30 dicembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2019).
  2. ^ Elezioni regionali, Emilia-Romagna al voto il 26 gennaio 2020, in Regione Emilia-Romagna, 23 settembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2019).
  3. ^ La Regione Emilia-Romagna al voto il 26 gennaio per il rinnovo degli organi, in Regione Emilia-Romagna, 24 settembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2019).
  4. ^ Valerio Berra, L’avanzata della Lega in Emilia raccontata con qualche mappa (e un po’ di dati), in Open, 15 dicembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  5. ^ Giovanni Forti, Ecco perché le elezioni in Emilia-Romagna sono così decisive, su Youtrend, 23 gennaio 2020.
  6. ^ Vasco Errani, definitiva l’assoluzione nel processo Terremerse, in Il Fatto Quotidiano, 23 settembre 2016. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 15 giugno 2017).
  7. ^ Giuseppe Baldessarro–Micol Lavinia Lundari, Terremerse, Vasco Errani assolto. «Finalmente è finita dopo tanta sofferenza», in la Repubblica (Bologna), 21 giugno 2016. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 26 dicembre 2019).
  8. ^ Archivio storico delle elezioni, in Ministero dell'interno, Dipartimento per gli affari interni e territoriali, 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 7 gennaio 2020).
  9. ^ Emilia-Romagna, primarie flop. Trionfa Bonaccini col 60,9%, in Il Resto del Carlino (Bologna), 28 settembre 2014. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2019).
  10. ^ Primarie Pd Emilia Romagna, vince Bonaccini. Ma un iscritto su 3 diserta urne, in Il Fatto Quotidiano, 28 settembre 2014. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 19 dicembre 2019).
  11. ^ Approvata la nuova legge elettorale dell'Emilia-Romagna, in Regione Emilia-Romagna, 23 luglio 2017. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2014).
  12. ^ I sistemi elettorali nelle regioni a statuto ordinario: un'analisi comparata (PDF), su nicolascunial.it.
  13. ^ Giovanni Stinco, Bonaccini apre le porte ai 5 Stelle. Restando in campo, in il manifesto, 25 settembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2020).
  14. ^ Regionali in Emilia-Romagna, Bonaccini: «Il candidato sono io, il M5S? Li lascio parlare», in Agenzia DIRE, 21 ottobre 2019. URL consultato il 7 febbraio 2020 (archiviato il 4 gennaio 2020).
  15. ^ Regionali: Salvini, Borgonzoni candidata «scelta fatta», in ANSA, 29 settembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 6 dicembre 2019).
  16. ^ Federico Del Prete, Elezioni Emilia Romagna 2020, Borgonzoni candidata unica del centrodestra, in Il Resto del Carlino (Bologna), 7 ottobre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato l'8 novembre 2019).
  17. ^ a b c Emilia Romagna, il candidato M5s è Simone Benini: eletto con 335 voti su Rousseau, in Il Fatto Quotidiano, 12 dicembre 2019. URL consultato il 7 gennaio 2020 (archiviato il 28 dicembre 2019).
  18. ^ Presentazione e ammissione delle liste circoscrizionali e della candidatura alla carica di Presidente della Giunta regionale, in Regione Emilia-Romagna, 4 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 dicembre 2019).
  19. ^ Giovanni Stinco, «Coraggiosa», la lista di sinistra per l’Emilia-Romagna, in il manifesto, 10 novembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2020).
  20. ^ Sofia Nardacchione, Elezioni regionali 2020, Emilia-Romagna coraggiosa: ecco la lista di sinistra animata da Schlein ed Errani che appoggerà Bonaccini, in Il Fatto Quotidiano, 10 novembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2019).
  21. ^ Francesco Rosano, Elezioni regionali, 17 liste per sette candidati. Tutti gli sfidanti della via Emilia, in Corriere di Bologna, 29 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 31 dicembre 2019).
  22. ^ Pier Giorgio Carloni, +Europa, Pri e Psi in campo alle regionali, con Bonaccini, per evitare «il salto nel buio», in Ravennanotizie.it, 13 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2019).
  23. ^ L'annuncio di Carlo Calenda: «Senza M5S 'Azione' supporterà Bonaccini», in YouTube, 24 novembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 9 dicembre 2019).
  24. ^ Possibile il 26 gennaio in Emilia-Romagna con Ilaria Bonaccorsi
  25. ^ Silvia Bignami–Eleonora Capelli, Regionali, patto tra Bonaccini e Renzi, in la Repubblica, 27 ottobre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 27 ottobre 2019).
  26. ^ Conferenza stampa Centro Democratico.
  27. ^ Regionali, sette in corsa per l'Emilia-Romagna, in ANSA, 28 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2020).
  28. ^ Elezioni regionali Emilia-Romagna. Potere al Popolo si presenta, in Contropiano, 16 ottobre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2019).
  29. ^ a b Alessandro Cipolla, Stefano Lugli: «Noi alternativa credibile, si parla di tutto tranne che dell’Emilia Romagna», in Money.it, 26 novembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 6 gennaio 2020).
  30. ^ Elezioni regionali in Emilia-Romagna, il Partito del Sud è con "L'altra Emilia-Romagna" per il ritiro di ogni forma di autonomia differenziata, in partitodelsud.eu, 29 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 5 gennaio 2020).
  31. ^ Il Partito Comunista al Catomes Tot per Laura Bergamini, in Gazzetta di Reggio, 16 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato il 22 dicembre 2019).
  32. ^ Elezioni Emilia Romagna 2020, un medico ferrarese in corsa con la lista dei No Vax, in Il Resto del Carlino, 18 dicembre 2019. URL consultato l'8 gennaio 2020 (archiviato l'8 gennaio 2020).
  33. ^ Comunisti, europeisti, sovranisti, antivaccinisti: chi ci prova per la prima volta, da ravennaedintorni.it, 13 dicembre 2019.
  34. ^ Patto per il lavoro, 4 anni di politiche condivise per far ripartire l'Emilia-Romagna, in Regione Emilia-Romagna, 23 luglio 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato il 10 gennaio 2020).
  35. ^ Regionali, Bonaccini: «Niente è scontato, ma possiamo farcela». 10mila in piazza a Bologna, in Rai News24, 7 dicembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato il 10 gennaio 2020).
  36. ^ Enrico Mingori, Il programma di Stefano Bonaccini per le elezioni Emilia Romagna 2020, in The Post Internazionale, 31 dicembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2020).
  37. ^ Federico Del Prete, Liste d'attesa Emilia Romagna, Venturi: «Tempi perfetti», in Il Resto del Carlino (Bologna), 27 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2019).
  38. ^ Bonaccini: «In cinque anni investiti 800 milioni contro il dissesto idrogeologico», in la Repubblica (Bologna), 10 gennaio 2020. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2020).
  39. ^ Pietro Mecarozzi, L’Emilia non si Lega. Ma più che il modello Pd, è vincente il modello Bonaccini, in Linkiesta, 19 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2019).
  40. ^ Regionali, Bonaccini presenta programma e liste: «Abbiamo idea diversa di Emilia Romagna», in ANSA, 30 dicembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2020).
  41. ^ Salvini: «Ospedali aperti anche di notte se vinciamo in Emilia». Ironia su Twitter, in Sky TG24, 17 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2019).
  42. ^ Stefano Rizzuti, Salvini e Borgonzoni non sanno che gli ospedali in Italia sono aperti la notte e nel weekend, in Fanpage.it. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato il 9 gennaio 2020).
  43. ^ David Puente, Gaffe di Salvini e Borgonzoni su ospedali aperti sempre? Non proprio! Ecco spiegata la proposta, ma…, in Open, 17 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2020).
  44. ^ Giorgia Baroncini, Il piano di Lucia Borgonzoni: «Voglio togliere l'Irpef regionale», in Il Giornale, 23 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 10 gennaio 2020).
  45. ^ Alessandro Gonzato, Lucia Borgonzoni, la rivoluzione fiscale: il jolly per sbancare in Emilia Romagna, in Libero, 23 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2019).
  46. ^ a b Annalisa Chirico, Altro che la valletta di Salvini. Parla Lucia Borgonzoni, in Il Foglio, 22 novembre 2019. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2020).
  47. ^ Claudia Baccarani, Regionali, la prima della Borgonzoni: «La gente è stufa, ecco le mie priorità», in Corriere di Bologna. URL consultato il 10 gennaio 2020 (archiviato il 30 novembre 2019).
  48. ^ Emilia-Romagna, Benini: «Noi del M5s saremo sentinelle utili», in la Repubblica (Bologna), 3 gennaio 2020. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 4 gennaio 2020).
  49. ^ Erika Bertossi, Intervista a Simone Benini candidato M5S in Emilia-Romagna, su Bologna Today, 17 dicembre 2019.
  50. ^ Michele Saracino, Si presenta l’Altra ... sinistra «Lega cresce, colpa del Pd», in Gazzetta di Modena, 9 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato il 13 gennaio 2020).
  51. ^ Giovanni Balugani, Befana comunista, carbone e bordate contro i vertici di Villa Margherita, in Gazzetta di Modena, 5 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato il 13 gennaio 2020).
  52. ^ Arianna Belloli, Parma, L’Altra Emilia-Romagna si presenta: «Siamo noi l’alternativa a Pd e Lega», in la Repubblica (Parma), 9 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato il 13 gennaio 2020).
  53. ^ F.G., Una vittoriere corre alle elezioni per il governatore dell’Emilia, in La Tribuna di Treviso, 16 ottobre 2019. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 gennaio 2020).
  54. ^ Alessandro Cipolla, Rizzo: «Governo cade se lo decide Bruxelles, Partito Comunista pronto per le regionali», in Money.it, 9 dicembre 2019. URL consultato il 13 gennaio 2020 (archiviato il 13 gennaio 2020).
  55. ^ Stefano Rizzuti, Emilia Romagna, Salvini lancia la campagna elettorale: «Prima liberiamo Bologna e poi Firenze», in Fanpage.it, 14 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2020).
  56. ^ Raffaella Calandra, Lega, a Bologna sfida di piazze e numeri: Salvini apre la campagna per la Regione, in Il Sole 24 ORE, 14 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2020).
  57. ^ Serena Pizzi, Salvini punta sull'Emilia-Romagna: «Insieme possiamo vincere», in Il Giornale, 14 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2020).
  58. ^ Giuseppe Baldessarro et alii, Matteo Salvini a Bologna, in piazza Maggiore dodicimila "sardine" contro. Idranti sul corteo dei centri sociali, in la Repubblica (Bologna), 14 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 18 dicembre 2019).
  59. ^ Salvini a Bologna, in quindicimila «sardine» contro il leader della Lega in piazza, in Corriere di Bologna, 15 novembre 2019 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  60. ^ Salvini perde la sfida con la città partigiana [foto+video], su Zic.it, 14 novembre 2019. URL consultato il 27 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2019).
  61. ^ Bologna, manifestazione contro Salvini in piazza San Francesco, su Gazzetta di Modena, 14 novembre 2019. URL consultato il 27 novembre 2019 (archiviato il 17 dicembre 2019).
  62. ^ Daniela Dalerci, Anche a Modena sono migliaia le «sardine» contro Salvini&Co, in il manifesto, 19 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato l'8 gennaio 2020).
  63. ^ Eleonora Capelli–Marcello Radighieri, Modena, piazza Grande si riempie di "sardine", in la Repubblica (Bologna), 18 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  64. ^ AA.VV., La rivoluzione delle sardine, in Internazionale, 13 dicembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  65. ^ Alessio Foderi, Cos'è il movimento delle “sardine” che riempie le piazze italiane, in Wired, 19 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  66. ^ Daniela Preziosi, Per il Pd è «tutta un’altra storia», ma senza la parola «sinistra», in il manifesto, 15 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2020).
  67. ^ Il picco delle curve degli ascolti tv è stato registrato da Il Volo – 10 anni insieme alle 21.50 su Canale5, su tvzoom.it.
  68. ^ M5S, su Rousseau vince il no: presenterà liste regionali. E Di Maio: «Andremo da soli», in la Repubblica, 21 novembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  69. ^ Silvia Bignami–Caterina Giusberti, Bologna, in 10mila per Bonaccini: «Se l'Italia somigliasse di più all'Emilia-Romagna sarebbe un Paese migliore», in la Repubblica (Bologna), 7 dicembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  70. ^ Bonaccini riempie piazza Maggiore, in ANSA, 7 dicembre 2019. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  71. ^ Francesco Moroni, Elezioni Emilia Romagna 2020, sfida social Bonaccini-Borgonzoni, in QN Quotidiano Nazionale, 10 gennaio 2020. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2020).
  72. ^ Francesco Rosano, Gli anziani, le donne e gli extra-emiliani nel «mirino» di Stefano, in Corriere di Bologna, 10 gennaio 2020. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  73. ^ Francesco Rosano, I sorrisi di Lucia e la Bestia. La propaganda leghista attacca (e spende) sui social, in Corriere di Bologna, 8 gennaio 2020. URL consultato il 12 gennaio 2020 (archiviato il 12 gennaio 2020).
  74. ^ Red. Pol., Elezioni Regionali 2020: ecco come l’Emilia Romagna è diventata sempre più di centrodestra, in Corriere della Sera, 24 gennaio 2020. URL consultato il 25 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2020).
  75. ^ Beppe Persichella, Elezioni regionali in Emilia-Romagna: Bonaccini avanti ma solo di due punti, in Corriere del Bologna, 14 dicembre 2019. URL consultato il 25 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2020).
  76. ^ a b Pd-Lega, è guerra di sondaggi. Per i dem Bonaccini è al 48%, su Corriere di Bologna, 21 settembre 2019. URL consultato il 22 settembre 2019.
  77. ^ Fonte: Ministero dell’Interno
  78. ^ lista sostenuta da Italia in Comune, Centristi per l'Europa, Possibile, Italia Viva, Azione e Centro Democratico.
  79. ^ lista che comprende Articolo Uno, Sinistra Italiana ed ÉViva con il sostegno di DiEM25.
  80. ^ lista non presente nelle circoscrizioni di Bologna, Ferrara e Piacenza.
  81. ^ a b lista non presente nella circoscrizione di Reggio Emilia.
  82. ^ lista non presente nelle circoscrizioni di Ferrara, Piacenza e Ravenna.
  83. ^ lista non presente nelle circoscrizioni di Piacenza, Ferrara, Rimini e Reggio Emilia.
  84. ^ lista sostenuta da Rifondazione Comunista, Partito Comunista Italiano, Partito del Sud e Partito Umanista.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]