I Siciliani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Siciliani
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità mensile
Formato rivista
Fondazione gennaio 1983
Sede Catania
Direttore Giuseppe Fava
Sito web
 

I Siciliani è un giornale fondato da Giuseppe Fava. Edito a Catania, si occupava prevalentemente di tematiche di contrasto a cosa nostra, con toni molto decisi ed esponendosi a notevoli rischi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fava lo fondò nel gennaio 1983 dopo il licenziamento dal Giornale del Sud, che dirigeva, con un gruppo di giovani giornalisti che venivano da quel quotidiano[1]. L'assassinio di Giuseppe Fava il 5 gennaio 1984 segna un tragico punto di svolta; il giornale sembra dover chiudere, ma i redattori (Graziella Proto, Elena Brancati, Claudio Fava, Rosario Lanza, Lillo Venezia) decidono di continuare il lavoro di denuncia fino al 1985.

Nel 1993 rinasce come I Siciliani Nuovi, ma si trova isolato e privo di introiti pubblicitari, per la mancanza di sostegno di industriali e commercianti, fino al fallimento nel 1996.

Nel 2006 venne creata dalla stessa amministratrice del giornale la rivista Casablanca, che segue la stessa tematica de I Siciliani.

Nel 2009, dopo venticinque anni, i vecchi redattori si trovano a rischio di pignoramento delle proprie case per una sentenza di fallimento, prima ancora dell'appello, a favore di un creditore, l'ente regionale Ircac, ormai disciolto da anni[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbadillo
  2. ^ Dacia Maraini, Se il pignoramento colpisce gli onesti, Corriere della Sera, 30 giugno 2009. URL consultato il 2 marzo 2010 (archiviato dall'url originale il ).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]