Nello Musumeci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nello Musumeci
Nello Musumeci stampa estera.jpg

Ministro per la protezione civile e le politiche del mare
In carica
Inizio mandato10 novembre 2022
Capo del governoGiorgia Meloni
PredecessoreSé stesso[1]
Guido Bertolaso[2]

Ministro per le politiche del mare e il Sud
Durata mandato22 ottobre 2022 –
10 novembre 2022
Capo del governoGiorgia Meloni
PredecessoreMara Carfagna
SuccessoreSé stesso[3]
Raffaele Fitto[4]

Presidente della Regione Siciliana
Durata mandato18 novembre 2017 –
13 ottobre 2022
PredecessoreRosario Crocetta
SuccessoreRenato Schifani

Sottosegretario di Stato del Ministero del lavoro e delle politiche sociali
Durata mandato15 aprile 2011 –
16 novembre 2011
CotitolareLuca Bellotti
Capo del governoSilvio Berlusconi
PredecessorePasquale Viespoli
SuccessoreMaria Cecilia Guerra

Presidente della Provincia di Catania
Durata mandato19 febbraio 1994 –
25 maggio 2003
PredecessoreAntonio Pennisi
SuccessoreRaffaele Lombardo

Europarlamentare
Durata mandato19 luglio 1994 –
13 luglio 2009
LegislaturaIV, V, VI
Gruppo
parlamentare
IV: Non iscritti
V-VI: UEN
CircoscrizioneItalia insulare
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato13 ottobre 2022
LegislaturaXIX
Gruppo
parlamentare
Fratelli d'Italia
CircoscrizioneSicilia
Collegio4 (Catania)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico#DiventeràBellissima (dal 2014)
Fratelli d'Italia (dal 2022)
In precedenza:
MSI (1970-1995)
AN (1995-2005)
Alleanza Siciliana (2005-2008)
LD (2008-2012)
Lista Musumeci (2012-2014)
Titolo di studioLaurea in scienze della comunicazione
UniversitàUniversità Kore di Enna
ProfessioneBancario, giornalista

Sebastiano Musumeci, detto Nello (Militello in Val di Catania, 21 gennaio 1955), è un politico italiano, Ministro per la Protezione civile e per le Politiche del mare nel Governo Meloni.

Già presidente della Provincia di Catania dal 1994 al 2003, nonché europarlamentare fino al 2009, dal 15 aprile al 16 novembre 2011 è stato sottosegretario al Ministero del lavoro e delle politiche sociali nel governo Berlusconi IV. Dal 18 novembre 2017 al 13 ottobre 2022 ha ricoperto la carica di Presidente della Regione Siciliana.

Non ricandidato alla presidenza della Regione, alle elezioni politiche del settembre 2022 è eletto senatore tra le fila di Fratelli d'Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha lavorato come bancario nel Gruppo Unicredit ed è giornalista pubblicista dal 1977. Ha svolto studi universitari in scienze della comunicazione, laureandosi nel 2016 in Multimedialità della comunicazione all'Università Kore di Enna[5].

Ha insegnato all'Istituto superiore di giornalismo di Acireale ed è tra i fondatori dell'ISSPE (Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici) di Palermo. È autore di alcuni saggi storici sulla Sicilia del Novecento.

È uno dei fondatori della Fondazione "Cardinale Dusmet" per sostenere le famiglie vittime degli usurai.[6]

Primi incarichi nel MSI[modifica | modifica wikitesto]

Entra in politica a 15 anni nelle file della Giovane Italia, l'organizzazione giovanile del partito "Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale" (MSI). A vent'anni, viene eletto consigliere comunale nella sua città di origine, Militello in Val di Catania; successivamente mantiene lo stesso incarico nei Comuni di Gravina di Catania (1980) e Castel di Iudica (dal 1983 al 1991), dove ricopre anche la carica di vicesindaco in una coalizione di centro-destra.

Nel 1987 (a trentadue anni) è stato eletto segretario provinciale del MSI di Catania. Ha poi rivestito il ruolo di Consigliere provinciale di Catania dal 1990 fino al 1993, sempre nelle liste del MSI.

Presidente della provincia di Catania[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni amministrative del 1994 si candida alla presidenza della Provincia di Catania con la sola lista del Movimento Sociale Italiano: al primo turno raccoglie il 32,6% dei voti[7] e, dopo una campagna elettorale conclusa in «un indecoroso scambio di insulti e accuse sfociato in querele e sfide plateali»[7], al ballottaggio del 13 febbraio supera nettamente con il 66,35% dei voti Stelio Mangiameli (33,65%), candidato di Cattolici Popolari e Patto per la Riforma, in un turno elettorale contraddistinto da una scarsissima affluenza (appena 39%) e oltre il 16% di schede nulle o bianche.[8]

Musumeci amministrerà la provincia in quella consiliatura con una maggioranza consiliare di centrosinistra[7].

Alle elezioni amministrative del 1998 verrà poi riconfermato presidente al primo turno (60,16%, contro il 38,01% del candidato di centrosinistra Rosario Pettinato) con più di 310.000 voti, sostenuto da una coalizione di centrodestra, che ottiene la maggioranza in consiglio. In qualità di presidente dell'ente provinciale, completa la restaurazione ed apre al pubblico le Ciminiere, luogo simbolo della città, crea il Museo Storico dello Sbarco in Sicilia e il Museo del Cinema.[6] Resta in carica fino al 2002.

A gennaio 1995 confluisce in Alleanza Nazionale al congresso di Fiuggi, dove faceva parte della direzione nazionale. In seguito a reiterate minacce mafiose, ha vissuto sotto scorta della polizia per diversi anni[9]. Rimane presidente della Provincia fino alla scadenza del secondo mandato, nel maggio 2003.

Parlamentare europeo[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni europee del 1994 viene anche eletto europarlamentare nella circoscrizione Italia insulare nelle liste di Alleanza Nazionale con 43.540 preferenze.[10]

Viene rieletto poi alle successive elezioni del 1999 (con 78.830 preferenze)[11] e del 2004 (con 116.732 preferenze),[12] in quest'ultima tornata risulta peraltro l'eurodeputato di AN più votato dopo Fini, Alemanno e Gasparri, nonché il primo in Sicilia. Al Parlamento europeo ha fatto parte delle commissioni Pesca e Agricoltura e della Commissione per l'ingresso della Turchia nell'Unione europea.

In contemporanea a questi incarichi, durante e dopo la preoccupante eruzione dell’Etna del 2001 è nominato Commissario straordinario del governo per l’emergenza e la ricostruzione sul vulcano. Dal 1999 fa parte del gruppo "Unione per l'Europa delle nazioni". Resta al europarlamentare fino al 2009.

Anni successivi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, dopo le dimissioni dall'incarico di Guido Lo Porto, eletto l'anno prima presidente dell'ARS, è nominato da Fini coordinatore regionale di Alleanza Nazionale. Lo resta fino al 2004.

Dal 2005 al 2007 è vicesindaco e assessore di Catania nella giunta presieduta da Umberto Scapagnini.

Alleanza Siciliana[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2005 - in polemica con Gianfranco Fini - abbandona Alleanza Nazionale e fonda "Alleanza Siciliana", un movimento autonomista di destra a carattere regionale[13].

La candidatura alla Presidenza della Regione del 2006[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni regionali del 2006, Musumeci rifiuta di entrare in coalizione a sostegno del presidente uscente Totò Cuffaro (in quel momento rinviato a giudizio per favoreggiamento aggravato alla mafia) e si candida a presidente della Regione Siciliana, a capo del movimento "Alleanza Siciliana". Ottiene il 5,3%, contro il 53,1% dell'esponente del centro-destra Cuffaro e il 41,6% della candidata per il centro-sinistra Rita Borsellino.

La Destra (2008-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento Alleanza Siciliana nel 2008 confluisce in La Destra e il 6 dicembre Musumeci viene eletto vicesegretario nazionale dal Comitato centrale del partito, carica alla quale rinuncia l'anno successivo.

Alle elezioni politiche del 2008 si candida alla Camera nella circoscrizione Sicilia 1 e nella circoscrizione Sardegna per la lista La Destra-Fiamma Tricolore, ma non è stato eletto, in quanto il 2,43% ottenuto dalla lista a livello nazionale non è stato sufficiente a ottenere seggi.

Candidatura a sindaco di Catania[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni amministrative del 2008 a Catania, Musumeci si candida a sindaco, sostenuto dalla lista civica che porta il suo stesso nome.[14] Ottiene oltre il 25% dei voti, superando in preferenze il candidato del centro-sinistra Giovanni Burtone e arrivando a sfiorare il ballottaggio col candidato sindaco sostenuto dal centro-destra Raffaele Stancanelli, che viene però eletto al primo turno. Musumeci risulta essere comunque il consigliere comunale più votato della città, con oltre 4.000 preferenze, seguito dal senatore Enzo Bianco dello schieramento di centro-sinistra.

Termina il suo mandato di europarlamentare nel luglio 2009, dopo aver mancato la rielezione alle elezioni europee del 2009 nella lista La Destra-Movimento per le Autonomie-Pensionati-Alleanza di Centro, nonostante le 59.774 preferenze nella circoscrizione Italia insulare.

Sottosegretario al Ministero del lavoro[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 aprile 2011 il Consiglio dei ministri nomina Musumeci nuovo sottosegretario di Stato al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, in rappresentanza de La Destra. La cerimonia di giuramento si svolge il 19 aprile a Palazzo Chigi.[15] Resta sottosegretario fino alle dimissioni del governo Berlusconi IV, avvenute nel novembre successivo.

La candidatura alla Presidenza della Regione del 2012[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali in Sicilia del 2012.

Il 22 agosto 2012 Musumeci annuncia, su proposta del leader di Grande Sud Gianfranco Miccichè, la sua candidatura a Presidente della Regione Siciliana sostenuto anche dalla Lista Musumeci, I Popolari di Italia Domani, Fareitalia e Alleanza di Centro. Due giorni dopo riceverà anche il supporto de Il Popolo della Libertà, diventando il candidato ufficiale del centro-destra, quando il 30 agosto anche Miccichè, uscito dalla coalizione, si candida a Presidente della Regione Siciliana sostenuto dall'uscente Raffaele Lombardo.

Il 29 ottobre 2012, ottenendo il 25,7% dei consensi, Musumeci viene sconfitto dal candidato del centro-sinistra Rosario Crocetta, che prende il 30,5%; Miccichè arriva invece quarto[16]. Risulta comunque eletto deputato all'Assemblea regionale siciliana in quanto candidato presidente non eletto che ha ottenuto più voti.

Presidente della Commissione regionale antimafia[modifica | modifica wikitesto]

Aderisce al gruppo parlamentare Lista Musumeci e il 23 maggio 2013 viene eletto all'unanimità presidente della Commissione regionale antimafia dell'Assemblea Regionale Siciliana. In questa veste propone la creazione di un osservatorio europeo sul fenomeno delle mafie e chiede l’istituzione dell’ora della legalità per educare all'onestà i giovanissimi facendo cultura della legalità nelle scuole.

In concomitanza con la sua candidatura alle regionali del 2017 si dimette dalla presidenza della commissione antimafia per non cumulare i due ruoli.[6]

#DiventeràBellissima[modifica | modifica wikitesto]

Lasciato il movimento di Storace, nel settembre 2014 Musumeci è tra i fondatori del movimento civico siciliano "#DiventeràBellissima", così denominato per richiamare una frase di Paolo Borsellino rivolta alla Sicilia[17] e di cui è il leader. Nel febbraio 2017 il suo movimento lo propone alle primarie del centro-destra per la presidenza della Regione Siciliana, decise da tutte le forze politiche dello schieramento, poi annullate.

Presidente della Regione Siciliana[modifica | modifica wikitesto]

L'elezione alla Presidenza della Regione del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Elezioni regionali in Sicilia del 2017.
Musumeci apre la campagna elettorale del suo movimento

Dopo che Forza Italia, per via del coordinatore regionale nell'isola Gianfranco Micciché, rinuncia alle primarie della coalizione di centro-destra,[18][19] si dimette nell'aprile 2017 da presidente dell'Antimafia regionale[20] e ufficializza di aver deciso di candidarsi per la seconda volta alla presidenza della Regione Siciliana per le regionali del 5 novembre 2017,[21] per il suo movimento #DiventeràBellissima.

Musumeci ottiene in luglio l'appoggio di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale[22] e Noi con Salvini[23] (che si presentano in un'unica lista comune);[24] in seguito anche di Energie per l'Italia,[25] Nuovo CDU[26] e Movimento Nazionale per la Sovranità[27] (che inseriscono propri candidati nella lista #DiventeràBellissima),[28] ad agosto di Unione di Centro,[29] Forza Italia,[30]. Infine a settembre di Cantiere Popolare,[31] MpA[32] e Idea Sicilia[33] (che si federano nella lista unica Popolari e Autonomisti),[34] Partito Liberale Italiano[35] e Scelta Civica[36] (anche questi ultimi due non presentano proprie liste, ma ottengono l'inserimento di propri candidati nelle liste di Forza Italia).[37] Ottiene inoltre l'appoggio di Vittorio Sgarbi che, candidatosi in precedenza a Presidente della regione siciliana, rinuncia alla competizione, schierandosi a sostegno di Musumeci.[38][39]

Il 5 ottobre presenta ufficialmente la sua candidatura e il listino del presidente;[40] viene complessivamente sostenuto da 5 liste: Forza Italia, #DiventeràBellissima, Unione di Centro, Popolari e Autonomisti e Fratelli d'Italia-Noi con Salvini.[41][42]

Il 5 novembre Musumeci vince le elezioni con il 39,85% dei voti (mentre le liste regionali ottengono il 42,04%), superando Giancarlo Cancelleri del Movimento 5 Stelle (34,65%) e Fabrizio Micari del centrosinistra (18,65%), e diventa quindi Presidente della Regione Siciliana[43], insediandosi sabato 18 novembre.[44] Ottiene inoltre le maggioranza all'ARS grazie ai 36 deputati (su 70) eletti dalla sua coalizione.

La giunta e i provvedimenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Giunta Musumeci.

L'articolo 9 dello Statuto speciale siciliano dal 2001 dà al presidente della Regione Siciliana il potere di nominare e revocare gli assessori da preporre ai singoli rami dell'Amministrazione regionale. Quello di Musumeci è il 59º Governo della Regione siciliana, nominato il 29 novembre 2017.[45]

La giunta di Musumeci, formata da dieci uomini e due donne, si insedia l'indomani e il primo atto è il ricorso alla Corte Costituzionale contro l'impugnativa del Governo per l'elezione diretta dei presidenti delle province siciliane[46]. Alcune sue ordinanze regionali sono state bocciate dal TAR perché violavano la Costituzione italiana[senza fonte]

La giunta ha due nuovi assessori dopo le dimissioni di Figuccia (nel dicembre 2017, con interim dello stesso Musumeci) e di Sgarbi (nell'aprile 2018): Alberto Pierobon ai Rifiuti (dal 7 marzo 2018) e Sebastiano Tusa ai Beni Culturali, nel 2019 deceduto in un incidente aereo in Etiopia, e di cui Musumeci tiene l'interim fino al maggio 2020, fino alla nomina del leghista Alberto Samonà.[47]

Nell'ottobre 2020 il presidente della Regione è nominato dalla presidenza del Consiglio dei ministri Commissario per l'emergenza sanitaria in Sicilia.[48]

Nel marzo 2021 prende l'interim della Salute, dopo le dimissioni di Ruggero Razza, indagato, che riprende il ruolo nel giugno dello stesso anno. Nel marzo 2022 prende l'interim dell'Istruzione dopo le dimissioni di Roberto Lagalla, candidatosi a sindaco di Palermo.[49] Successivamente abbandona l'interim dell'Istruzione conferendo l'incarico al membro del suo partito Alessandro Aricò.[50]

Nel giugno 2022 annuncia il suo ingresso in Fratelli d'Italia.[51]

Il 4 agosto 2022 presenta le dimissioni, in modo tale da far convergere nello stesso giorno, il 25 settembre, le elezioni politiche e le elezioni regionali siciliane, che sarebbero altrimenti state convocate circa 40 giorni dopo per la naturale scadenza del mandato di Musumeci[52], il quale resta in carica per gli affari correnti.

Il 10 agosto rende ufficiale che non si ricandiderà alla presidenza della regione, a causa di scontri interni alla coalizione di centrodestra (la quale lo sostituirà con l'ex presidente del Senato Renato Schifani, che vincerà le elezioni regionali), in quanto la sua ricandidatura sarebbe stata promossa da Fratelli d'Italia ma non dal resto dei partiti.[53][54]

L'elezione al Senato e la nomina a ministro[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 è candidato al Senato nel collegio uninominale Sicilia - 04 (Catania) per la coalizione di centrodestra e come capolista nel collegio plurinominale Sicilia - 02 per Fratelli d'Italia.[55][56] Musumeci viene eletto all'uninominale con il 36,4% staccando di dieci punti l'avversaria dei 5 Stelle e di oltre venti il civico Cateno De Luca.[57] Resta presidente della Regione fino all'insediamento di Renato Schifani il 13 ottobre 2022.

Il 21 ottobre viene indicato dal Presidente del Consiglio incaricato Giorgia Meloni quale ministro per le politiche del mare e per il Sud, prestando giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il giorno successivo.

Il 10 novembre successivo, il Consiglio dei ministri riordina le sue competenze: Musumeci perde la delega al Sud, trasferita al ministro per gli affari europei Fitto e acquista la delega alla protezione civile. Mantiene invece le competenze in materia di politiche del mare.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha avuto tre figli: Salvatore, Giuseppe (deceduto a 30 anni nel maggio 2013)[58] e Giorgio.

Coinvolgimento giudiziario indiretto[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2017, assieme ai deputati Nino D'Asero (NCD) e Raffaele Nicotra (PD), Nello Musumeci è stato coinvolto in una inchiesta su nove dipendenti di Riscossione Sicilia della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania, con l'ipotesi di essere stato favorito in alcune procedure esecutive di pignoramento, provocando un danno erariale stimato in 390 000 euro. I due comunque non erano indagati.[59] A settembre la posizione dei due deputati regionali è stata archiviata, perché secondo il Gip, "non vi è stato alcun trattamento di favore"[60].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'ambasciatore Anfuso. Duce, con voi fino alla morte, Catania, CE.S.PO.S, 1986.
  • Ritorno di fiamma. La nascita del MSI a Catania, 1943-1948, Piano Tavola, Nuova Poligrafica, 1991.
  • Castel di Judica. Dall'autonomia comunale al dopoguerra, Catania CE.S.PO.S, 1992.
  • Militello dalla A alla Z, a cura di, Catania, Biblioteca della Provincia Regionale di Catania, 2003.
  • Gaetano La Terza. Scritti e discorsi, Catania, CE.S.PO.S, 2005.
  • Quelli della Fiamma. Storia fotografica del MSI in Sicilia, Catania, CE.S.PO.S., 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministro per le politiche del mare e il Sud
  2. ^ Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alla protezione civile nel Governo Berlusconi IV
  3. ^ Ministro per la protezione civile e le politiche del mare
  4. ^ Ministro per gli affari europei, il Sud, la coesione territoriale e il PNRR
  5. ^ www.grandangoloagrigento.it, su grandangoloagrigento.it. URL consultato il 25 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  6. ^ a b c La carriera di Nello Musumeci, nuovo governatore della Sicilia, in 20 foto - Formiche.net, in Formiche.net. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 20 novembre 2020).
  7. ^ a b c Fabio Albanese, Voto a Catania hanno vinto gli assenteisti, in La Stampa, 14 febbraio 1994, p. 2. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato il 14 marzo 2022).
  8. ^ Fabio Albanese, Catania «rivincita» a destra, in La Stampa, 15 febbraio 1994, p. 2. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2020).
  9. ^ link a biografia sul sito di Alleanza siciliana (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2007).
  10. ^ Ministero dell'Interno - Archivio Storico delle Elezioni - Europee del 12 Giugno 1994, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato il 9 agosto 2020).
  11. ^ Ministero dell'Interno - Archivio Storico delle Elezioni - Europee del 13 Giugno 1999, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 28 giugno 2022).
  12. ^ Ministero dell'Interno - Archivio Storico delle Elezioni - Europee del 12 Giugno 2004, su elezionistorico.interno.it. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2022).
  13. ^ Radio Radicale, su radioradicale.it.
  14. ^ Comunali Catania: Musumeci candidato a sindaco (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011), da www.ladestrasiciliana.it, consultato il 26-05-2008.
  15. ^ Dal corriere del mezzogiorno, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2022).
  16. ^ Elezioni Regionali 28 ottobre 2012 - Sicilia, in la Repubblica. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato il 6 novembre 2021).
  17. ^ "Diventerà Bellissima" si organizza. "Noi l’alternativa a Pd e Crocetta", su livesicilia.it, 18 novembre 2015. URL consultato il 28 giugno 2022 (archiviato il 28 giugno 2022).
  18. ^ Centrodestra, niente primarie in Sicilia: alt di Fi e Pid, in Giornale di Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 28 giugno 2022).
  19. ^ In Sicilia, saltano le primarie del centrodestra - PippoGalipoNews.it, in PippoGalipoNews.it, 28 marzo 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 14 marzo 2022).
  20. ^ Musumeci lascia la presidenza delle commissione antimafia, in Giornale di Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 19 aprile 2021).
  21. ^ musumeci si candida presidente - Cerca con Google, su google.it-US. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  22. ^ Per Fratelli d'Italia «Musumeci candidato a presidenza Regione spendibile», su La Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 7 novembre 2017).
  23. ^ wp_3553954, Regionali, Attaguile smentito: Noi con Salvini sostiene Musumeci | Sicilia Network, in Sicilia Network, 25 agosto 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 20 giugno 2021).
  24. ^ Musumeci, Fratelli d'Italia e Noi con Salvini insieme: "Offerta eterogenea per gli elettori", in AgrigentoNotizie. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 5 febbraio 2020).
  25. ^ energie per l'italia musumeci - Cerca con Google, su google.it-US. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  26. ^ DBD Group - www.dbdgroup.it, Il nuovo Cdu: "Soddisfazione per unità del centrodestra". URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 29 marzo 2022).
  27. ^ Il centrodestra si ritrova unito: "Musumeci è l'uomo giusto", in Live Sicilia. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  28. ^ Nuovo CDU, su Nuovo CDU. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  29. ^ L'Udc sostiene Musumeci, Cesa: "Discontinuità con Crocetta", in Giornale di Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 16 maggio 2021).
  30. ^ Musumeci ritrova Forza Italia per la corsa a Palazzo d’Orleans, in Giornale di Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 13 maggio 2021).
  31. ^ wp_3553954, Regionali, cantiere popolare con nello Musumeci | Sicilia Network, in Sicilia Network, 1º settembre 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 23 gennaio 2021).
  32. ^ Giovanni Greco (MpA). “Le priorità del presidente Musumeci in caso di elezione alla presidenza delle Regione” - Giornale L'ora, in Giornale L'ora, 25 settembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  33. ^ I candidati di Idea Sicilia nella lista civica 'Popolari e Autonomisti', Lagalla: "Coerenti con il nostro percorso. Non apprezzo le scelte di Micari" | BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, in BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, 21 settembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  34. ^ Elezioni regionali, il cartello degli autonomisti Mpa-Cantiere popolare: "Arriviamo alla doppia cifra", in Repubblica.it, 25 settembre 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 25 luglio 2021).
  35. ^ Sicilia: il PLI a sostegno della coalizione di Centro-destra, in Partito Liberale Italiano, 20 settembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  36. ^ Scelta civica sostiene Musumeci I candidati nella lista di Forza Italia, in Live Sicilia. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  37. ^ Regionali in Sicilia, Scelta Civica 'posiziona' le sue candidature in Forza Italia | BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, in BlogSicilia - Quotidiano di cronaca, politica e costume, 28 settembre 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  38. ^ Regionali Sicilia, Sgarbi si ritira: "Sosterrò Musumeci", in Repubblica.it, 28 settembre 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 12 novembre 2020).
  39. ^ Sgarbi ritira la candidatura in Sicilia e appoggia Musumeci, in L’Huffington Post, 28 settembre 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 4 ottobre 2019).
  40. ^ Live Sicilia, su livesicilia.it. URL consultato il 6 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2017).
  41. ^ Regionali, cinque liste tirano la volata a Musumeci. Ecco il toto-nomi dei candidati nelle nove province, in MeridioNews. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 12 agosto 2018).
  42. ^ Regionali, ecco le liste provincia per provincia, in Giornale di Sicilia. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 18 maggio 2021).
  43. ^ Sicilia, Musumeci eletto presidente di Regione. Sconfitto il M5S, crollo del Pd, su Il Messaggero, 6 novembre 2017. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 24 gennaio 2022).
  44. ^ Blogsicilia.it.
  45. ^ Repubblica Palermo, su palermo.repubblica.it. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato l'11 aprile 2018).
  46. ^ Live Sicilia, su livesicilia.it.
  47. ^ Desirée Maida, Sicilia: il leghista Alberto Samonà nuovo assessore ai Beni Culturali | Artribune, su artribune.com, 17 maggio 2020. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 7 maggio 2022).
  48. ^ Musumeci commissario per il Covid: "Non siamo in emergenza", su palermo.repubblica.it. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 3 febbraio 2021).
  49. ^ Regione, Lagalla lascia la giunta Musumeci: firmate le dimissioni da assessore all'Istruzione, su PalermoToday. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato il 22 aprile 2022).
  50. ^ Sicilia: Musumeci nomina Aricò assessore all'Istruzione - Sicilia, su Agenzia ANSA, 7 giugno 2022. URL consultato il 25 agosto 2022.
  51. ^ Roberta Fuschi, Diventerà Fratelli d'Italia: Musumeci e l'asse con Meloni, su Live Sicilia, 23 giugno 2022. URL consultato il 27 agosto 2022.
  52. ^ Musumeci si dimette, l’annuncio su Facebook: “Si va al voto, non è decisione politica”, su qds.it.
  53. ^ Adnkronos, Elezioni regionali Sicilia, Musumeci non si candida: "Sono presidente scomodo", su Adnkronos, 10 agosto 2022. URL consultato il 25 agosto 2022.
  54. ^ Sky TG24, Elezioni Sicilia, Musumeci non si ricandida: 'Sono presidente scomodo', su tg24.sky.it. URL consultato il 25 agosto 2022.
  55. ^ Elezioni: Musumeci candidato al Senato per FdI - Sicilia, su Agenzia ANSA, 22 agosto 2022. URL consultato il 26 agosto 2022.
  56. ^ Elezioni Senato 2022: tutte le sfide uninominali, ecco i candidati delle 4 coalizioni, su la Repubblica, 23 agosto 2022. URL consultato il 26 agosto 2022.
  57. ^ Tutti i senatori eletti all'uninominale, in la Repubblica, 26 settembre 2022.
  58. ^ Tragedia in casa Musumeci, trovato morto il figlio Giuseppe: aveva 30 anni, su Palermo cronaca Corriere del Mezzogiorno.it, 7 maggio 2013. URL consultato il 29 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2022).
  59. ^ Le carte false di Riscossione Sicilia per favorire i tre deputati Musumeci, D'Asero e Nicotra, in Repubblica.it, 2 marzo 2017.
  60. ^ Live sicilia, su m.livesicilia.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro per il Sud e delle politiche del mare Successore Emblem of Italy.svg
Mara Carfagna dal 22 ottobre 2022
(Governo Meloni)
in carica
Predecessore Presidente della Regione Siciliana Successore Sicilia-Stemma.png
Rosario Crocetta 18 novembre 2017 – 13 ottobre 2022 Renato Schifani
Predecessore Sottosegretario di Stato del Ministero del lavoro e delle politiche sociali Successore Emblem of Italy.svg
Pasquale Viespoli 15 aprile 2011 – 16 novembre 2011 Maria Cecilia Guerra
Predecessore Presidente della Provincia di Catania Successore Provincia di Catania-Stemma.svg
Antonio Pennisi 19 febbraio 1994 – 25 maggio 2003 Raffaele Lombardo
Controllo di autoritàSBN CFIV087076