Provincia di Catania (Regno delle Due Sicilie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Provincia di Catania
Coat of Arms of the Province of Catania, Kingdom of the Two Sicilies.svg
Informazioni generali
Nome ufficiale Provincia di Catania
Capoluogo Catania
50.262 abitanti (1840)
Dipendente da Regno delle Due Sicilie
Suddiviso in 4 distretti
32 circondari
62 comuni
60 villaggi
Amministrazione
Organi deliberativi Intendente
Consiglio d'intendenza
Consiglio Provinciale
Evoluzione storica
Inizio 1º gennaio 1818 con il Duca di Sammartino[1]
Causa Real Decreto dell'11 ottobre 1817 del Regno delle Due Sicilie
Fine 1860
Causa Occupazione garibaldina e annessione al Regno di Sardegna
Preceduto da Succeduto da
Val Demone
Val di Noto
Provincia di Catania
Cartografia
Provincia di Catania Two Sicilies map.png

La Provincia di Catania o valle minore di Catania è stata un'unità amministrativa del Regno delle Due Sicilie.

Istituzione della provincia[modifica | modifica wikitesto]

Fu istituita da Ferdinando I delle Due Sicilie con una legge varata l'11 ottobre 1817 che riformò la ripartizione territoriale del Regno delle Due Sicilie a seguito della fusione della corona napoletana con quella siciliana.

Come tutte le entità amministrative del regno borbonico, la provincia venne soppressa con l'occupazione garibaldina e l'annessione al Regno di Sardegna del 1860.

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La provincia era suddivisa in successivi livelli amministrativi gerarchicamente dipendenti dal precedente. Al livello immediatamente successivo alla provincia individuiamo i distretti che, a loro volta, erano suddivisi in circondari. I circondari erano costituiti dai comuni, l'unità di base della struttura politico-amministrativa dello Stato moderno, ai quali potevano far capo i villaggi, centri a carattere prevalentemente rurale.

La provincia comprendeva i seguenti distretti istituiti nel 1812 con la Costituzione del Regno di Sicilia[2]:

Nel gennaio del 1838, Ferdinando II delle Due Sicilie istituì un quarto distretto per scorporo dal distretto di Catania[3]:

I distretti erano suddivisi complessivamente in 32 circondari e 62 comuni[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'azzurro del cielo": un polo museale tra arte, architettura e natura nel Cimitero di Catania, Comune di Catania. URL consultato il 9 agosto 2010.
  2. ^ Costituzione del regno di Sicilia stabilita dal parlamento dell'anno 1812, Napoli, Stamperia De Marco, 1848, pp. 153-157. ISBN non esistente
  3. ^ Giuseppe Buttà, I Borboni di Napoli al cospetto di due secoli, vol. II (TXT), Napoli, Tipografia del Giornale la discussione, 1877. ISBN non esistente
  4. ^ Gabriello De Sanctis (a cura di), Elenco alfabetico delle province, distretti, circondari, comuni e villaggi del regno delle Due Sicilie, Napoli, Stabilimento Tipografico di Gaetano Nobile, 1854.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]