Principato Ultra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principato Ultra
Coat of Arms of Principato Ultra.svg
(dettagli)
Principato Ultra
Scorcio dei Monti Picentini
Informazioni generali
Nome ufficiale Justitiaratus Principatus ultra serras Montorii (dal 1231 al 1806)
Principatus Ultra (dal 1806 al 1860)
Nome completo Giustizierato di Principato Ultra (dal 1231 al 1806)
Provincia di Principato Ultra (dal 1806 al 1860)
Capoluogo Avellino
21.406 abitanti (1840)
Altri capoluoghi Montefusco (dal 1581 al 1806)
Benevento (dal 1442 al 1458)
Dipendente da Regno di Napoli
Regno delle Due Sicilie
Suddiviso in 3 distretti
34 circondari
135 comuni
13 villaggi
Evoluzione storica
Inizio 1273
Causa Diploma di Alife
Fine 1860
Causa Occupazione garibaldina e annessione al Regno di Sardegna
Preceduto da Succeduto da
Principato e Terra Beneventana Provincia di Avellino
Cartografia
Provincia Principato Ultra.png

Il Principato ultra o Principato ulteriore fu una divisione amministrativa del Regno di Napoli e in seguito del Regno delle Due Sicilie, sorta nel 1287 in seguito alla suddivisione del precedente Giustizierato di Principato e Terra Beneventana in Principato Ultra e Principato Citra.

La nascita del giustizierato[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 ottobre 1273 re Carlo I d'Angiò, con il diploma di Alife, considerando il precedente giustizierato federiciano di Principato troppo esteso per essere ben governato, lo suddivise in Principatus ultra serras Montorii e Principatus citra serras Montorii, ovvero Principato al di là delle montagne di Montoro (a nord) e Principato al di qua delle montagne di Montoro (a sud). Il confine tra i due nuovi giustizierati era segnato dai monti Picentini.

Il territorio del nuovo giustizierato comprendeva gran parte delle attuali province di Avellino e Benevento, nonché qualche comune che oggi appartiene alle province di Foggia e Potenza, ma rimase esclusa la città di Benevento, in quanto enclave dello Stato Pontificio.

Capoluogo della provincia era la cittadina di Montefusco nel cui castello di origine longobarda furono ospitati gli uffici della Regia Udienza. Con la venuta dei francesi, l'8 agosto 1806 Avellino divenne capoluogo del Principato Ultra.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma del Principato Ultra.

La provincia portava quale suo stemma uno scudo troncato di rosso e d'argento con, nella metà rossa, una corona mentre lo scudo è a sua volta timbrato da una corona da principe.

La provincia[modifica | modifica wikitesto]

Con la legge 132 del 1806 Sulla divisione ed amministrazione delle province del Regno, varata l'8 agosto di quell'anno, Giuseppe Bonaparte riformò la ripartizione territoriale del Regno di Napoli sulla base del modello francese e soppresse il sistema dei giustizierati. Negli anni successivi (tra il 1806 ed il 1811), una serie di regi decreti completò il percorso d'istituzione delle province con la specifica dei comuni che in esse rientravano e la definizione dei limiti territoriali e delle denominazioni di distretti e circondari in cui veniva suddivisa ciascuna provincia.

Dal 1º gennaio 1817 l'organizzazione amministrativa venne definitivamente regolamentata con la Legge riguardante la circoscrizione amministrativa delle Provincie dei Reali Domini di qua del Faro del 1º maggio 1816.

La sede degli organi amministrativi venne allora trasferita da Montefusco ad Avellino nell'ex convento domenicano, attuale sede della prefettura[1].

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

La provincia, con le innovazioni napoleoniche, era suddivisa in successivi livelli amministrativi gerarchicamente dipendenti dal precedente. Al livello immediatamente successivo alla provincia individuiamo i distretti che, a loro volta, erano suddivisi in circondari. I circondari erano costituiti dai comuni, l'unità di base della struttura politico-amministrativa dello Stato moderno, ai quali potevano far capo i villaggi[2], centri a carattere prevalentemente rurale.

La provincia comprendeva i seguenti distretti:

Ogni distretto era suddiviso in circondari per un totale di 34

Cronotassi degli intendenti dal 1806 al 1860[modifica | modifica wikitesto]

Elenco degli intendenti della provincia di Principato Ultra durante il Regno di Napoli ed il Regno delle Due Sicilie[3]:

  • Giacomo Mazas, dal 13 agosto 1806 al 1º febbraio 1814;
  • Roberto Filangieri, dal 2 febbraio 1814 al 20 settembre 1814;
  • Carlo Ungaro di Montejasi, dal 24 ottobre 1814 al 23 settembre 1815;
  • Costantino De Filippis, dal 24 settembre 1815 al 18 maggio 1818;
  • Giuseppe Caracciolo di S. Agapito, dal 19 maggio 1818 al 30 luglio 1820;
  • Giuseppe Marini, dal 31 luglio 1820 al 15 maggio 1821;
  • Giuseppe Spinelli Fuscaldo, dall'11 agosto 1821 all'11 settembre 1822;
  • Giuseppe Tavani, dal 12 settembre 1822 al 28 giugno 1824;
  • Carlo Antonio De Nigris, dal 29 giugno 1824 al 20 settembre 1824;
  • Giovanni Antonio Capece Zurlo, dal 21 settembre 1824 al 1º aprile 1827;
  • Carlo Antonio De Nigris, dal 2 aprile 1827 al 17 settembre 1829;
  • Pietro Altimari, dal 18 settembre 1829 al 30 giugno 1831;
  • Valentino Gualtieri, dal 1º luglio 1831 al 30 dicembre 1837;
  • Domenico Antonio Patroni, dal 31 dicembre 1837 al 17 febbraio 1843;
  • Gaetano Lotti, dal 18 febbraio 1843 al 10 novembre 1847;
  • Giovanni Cenni, dal 20 dicembre 1847 al 7 febbraio 1848;
  • Paolo Emilio Imbruni, dall'8 febbraio 1848 al 1º maggio 1848;
  • Domenico Albanese, dal 2 maggio 1848 all'11 luglio 1848;
  • Mariano Luigi Terzi, dal 12 luglio 1848 al 21 febbraio 1850;
  • Pasquale Mirabelli Centurione, dal 22 febbraio 1850 al 18 dicembre 1859;
  • Giuseppe Ciccarelli, dal 19 dicembre 1859 al 9 luglio 1860;
  • Filippo Capone, dal 10 luglio 1860 al 17 agosto 1860;
  • Onorato Gaetani, dal 18 agosto 1860 all'11 settembre 1860.

Soppressione della Provincia di Principato Ulteriore[modifica | modifica wikitesto]

Attilio Zuccagni-Orlandini, Provincia di Principato Ulteriore (mappa a corredo dell'opera Corografia fisica, storica e statistica d'Italia e delle sue isole)

L'annessione al Regno di Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 ottobre 1860 il prodittatore di Napoli, Giorgio Pallavicino, emanava il decreto costitutivo della Provincia di Benevento, sebbene al momento si rimandasse il progetto ad una futura legge che determinasse la "nuova circoscrizione, nel fine di ampliarne il territorio proporzionatamente alle altre Provincie".

"Accolto con soddisfazione in Benevento, il decreto prodittatoriale consacrava di fatto la natura tutta garibaldina della neonata Provincia, lasciando per il momento insoluto il complesso problema circoscrizionale. Per ovviare a una simile lacuna e realizzare insieme il massimo consenso popolare, erano state avviate sin dal 14 ottobre apposite consultazioni nei comuni, di cui si ipotizzava l'aggregazione. Il successivo 13 novembre fu richiesta al governatore una nuova pianta topografica, insieme con un ragionato progetto illustrativo, da sottoporre all'esame d'una commissione incaricata per la circoscrizione territoriale della Provincia di Benevento".[4]

Con il decreto del 25 ottobre 1860, il prodittatore proclamava la provincia beneventana indicandola col fasullo nome di antico Ducato di Benevento. Il Ministro dell'interno Liborio Romano affidava al Governatore Torre “il mandato di elaborare un progetto, che dichiarasse quali delle limitrofe province dovessero mettersi a contribuzione, perché si creasse la nuova Provincia”.[5]

Per Torre era fuori dubbio che la Capitale territoriale dovesse essere Benevento, "città di antiche memorie, di generosi fatti, di patite sventure". A capoluoghi di Distretto, perse le speranze su Ariano, erano stati destinati Cerreto e San Bartolomeo in Galdo, "i soli comuni che dopo Benevento meritino il nome di città".

Il 17 febbraio 1861 il Principe Eugenio di Savoia-Carignano, Luogotenente generale del Re nelle Province Napoletane, su proposta dell'incaricato di Don Liborio al Consiglio di Luogotenenza, decretava i definitivi distacchi dei circondari e di alcuni comuni sottratti qua e là: con l'articolo 3 si stabilivano le compensazioni per le province che perdevano paesi, ad eccezione della Terra di Lavoro, che, nonostante le cessioni, contava 727.000 abitanti.[6]

I confini vennero più volte modificati, con il Circondario di Paduli, ora fuori ora dentro il territorio beneventano, strappato definitivamente al Principato quando venne compensato con il Vallo di Lauro e il Baianese.[4]

La fine del Principato Ulteriore (17 febbraio 1861)[modifica | modifica wikitesto]

La Provincia di Principato Ultra perdeva così 29 paesi ricadenti nei circondari di:

Né mancarono le proteste del Consiglio Provinciale di Avellino, il cui comune incaricò di occuparsene l'avvocato Nicola Montuori. Questi aveva pubblicato il volumetto Avellino e Benevento al cospetto d'Italia, in cui, per l'antica appartenenza al medesimo ceppo dei Liguri, chiedeva l'intervento dei deputati genovesi: “Alla Città di Genova / La capitale del Principato Ulteriore / memore / che gli abitanti della Provincia / hanno sangue e tradizioni / comune coi Liguri / dedica ed offre / perché innanzi al Parlamento Italiano i suoi Deputati / possano appoggiare le ragioni / che espone / e vieppiù raffermare i vincoli / dell'antica fratellanza.[9]

Ma fu Liborio Romano a decidere anche questo, visto il successivo decreto del 17 febbraio 1861, sempre a spese delle province di Principato Ultra, Terra di Lavoro, Molise e Capitanata. Quella che definì una nuova Provincia, “il meglio possibile terminata e configurata”, comprese 20 circondari con 74 comuni lontani anche cento chilometri fra loro, guardandosi solo al fatto di far quadrare il numero della popolazione globale che risultò pari a 244.275 abitanti.

Il paese di Apice restò annesso al Circondario di Paduli, strappato, dopo quasi ottocento anni, al Distretto di Ariano e al comune gemello di Montemiletto, a cui era stata legato da secoli, per antica appartenenza ai Principi Tocco, nella Contea di Montaperto. Ma non solo. Apice veniva aggregata alla popolazione beneventana cancellando le antiche divisioni del confine storico con cui gli avi avevano volutamente separato le genti irpine dai Beneventani, rimasti assoggettati al potere regio e alla sovranità dei papi, seguendo un diverso corso della storia. Come rilevava Torre nella Notificazione del decreto, c'era il problema di affratellare popolazioni tra sé lontane e talora discordi per inveterate tradizioni civili e amministrative, "per guisa da costituire quella compattezza di morali e materiali rapporti nella quale sta la provinciale autonomia". Per il Principato Ultra e per le altre province non ci fu verso di recuperare i territori perduti, sebbene i deputati locali, il 15 aprile 1861, capeggiati dall'onorevole Beniamino Caso di Piedimonte, presentarono una proposta di legge per sospendere gli effetti del decreto luogotenenziale rimandando il tutto ad una ridefinizione delle circoscrizioni provinciali nell'ambito dell'Organamento amministrativo generale del Regno.[8]

La nascita del nuovo Sannio ( 17 luglio 1861 )[modifica | modifica wikitesto]

Esaurito l'entusiasmo iniziale, la nascita della Provincia di Benevento suscitò molte proteste da parte dei deputati delle province chiamate a contribuire alla formazione del nuovo territorio. In modo particolare furono quelli di Terra di Lavoro a lamentarsi durante la seduta del 15 maggio 1861 presso la Camera di Torino.

Sotto la presidenza di Rattazzi, iniziò la discussione di un progetto di legge dei deputati Caso, Cardente, Tari, Pallotta, Leopardi, Amicarelli, Moffa, per la sospensione del decreto luogotenenziale, già avanzata il 3 aprile da Caso, Massari, Conforti e Cardente per annullare quella conferma ad un atto della Dittatura Garibaldi del 25 ottobre 1860. La proposta abrogativa sottolineava che la circoscrizione territoriale non era stata fatta con giusti criterii.[4]

Il risultato fu un acceso contrasto con i deputati che ne difendevano la validità e la necessità dell'esecuzione, tra i quali l'ex ministro al ramo, Liborio Romano, che concluse un eloquente discorso a favore dei Beneventani, senza spendere una parola per le popolazioni annesse.

« Benevento ha un'importanza storica e può vantarsi di un fatto moderno. Al primo sventolare della bandiera Sabauda si sottrasse al giogo clericale, e contribuì, potentemente, al movimento unitario delle provincie limitrofe. Questa eroica città ci schiude le porte del seggio della città eterna, e ci mena in Campidoglio »
(Salvatore Rampone, Memorie Politiche di Benevento, D'Alessandro, Benevento 1899.)

Dopo Macchi, Grella, Massari e Ciccone, decisivo fu il secondo intervento di Federico Torre il quale affermò come 50 comuni avessero espresso per iscritto il desiderio di far parte della nuova Provincia di Benevento. Questi, all'unisono con il Governo, contrastò in maniera forte l'idea di sospendere la ripartizione ed esultò quando la proposta di Beniamino Caso fu respinta a larga maggioranza parlamentare, quel 15 maggio 1861, restando così approvato l'assetto varato col decreto del 17 febbraio, anche per non disturbare le prime votazioni dei consiglieri provinciali e il loro insediamento.

Al termine della discussione, infatti, il ministro agli Interni Marco Minghetti richiamò i deputati perché "compito del Parlamento era quello di deliberare, non di sospendere", rimandando alle elezioni locali che avrebbero potuto trattare meglio la delicata questione delle circoscrizioni. La Legge Caso fu respinta e il Consiglio di Luogotenenza stabilì i comizi municipali per le elezioni comunali di domenica 9 giugno (scheda rossa) e quelli per le provinciali del giorno 16 (scheda verde).[8]

In realtà Benevento, prima dell'unità d'Italia, aveva lottato da sempre per entrare a far parte del Regno di Napoli. Ottima cosa il fatto che l'annessione della città aprisse le porte su Roma, ma non c'entrava la ridisegnazione della nuova provincia con la quale andava distrutta la storia e venivano annesse popolazioni tradizionalmente diverse al fine di aumentare il numero degli abitanti necessari solo a nuovi seggi elettorali.[10]

Dopo la nascita della Provincia si passò, con decreto del Luogotenente del 17 luglio del 1861, alla legittimazione delle nuove amministrazioni comunali e relativi sindaci. Ad Apice fu eletto primo cittadino Francesco Falcesti. Non restava che annunciare le votazioni dei componenti del primo Consiglio Provinciale. Da qui l'indizione dei comizi elettorali per eleggere 40 consiglieri, di cui 18 del Circondano di Benevento (5 Benevento, 2 Vitulano, 2 Montesarchio, 3 Airola, 1 San Giorgio la Montagna, 2 Pescolamazza, 2 Paduli, 1 Arpaise e Ceppaloni), 12 del Circondano di Cerreto (2 Cerreto, 1 Cusano, 1 Guardia, 1 Morcone, 2 Pontelandolfo, 2 Solopaca, 2 S. Agata dei Goti), 10 del Circondano di San Bartolomeo (1 San Bartolomeo, 2 Santa Croce di Morcone, 2 San Giorgio la Molara, 2 Baselice, 2 Colle, 1 Castelfranco). Apice e Buonalbergo rientrarono nel Mandamento di Paduli i cui due rappresentanti erano già presenti nella seduta inaugurale del 2 luglio, quando vennero eletti Presidente Michele Ungaro, Vicepresidente Pietro Montella, Segretario Onofrio Parente e membro della deputazione provinciale Marco Bifani.[11]

La circoscrizione territoriale venne ridiscussa ancora una volta nella seduta del 7 dicembre, alla presenza del Prefetto Gallarini, tentando di distaccare nuovamente Airola in cambio dei Mandamenti di Cervinara, Altavilla e Montefusco, cosa che non avvenne per opposizione del professor Parente di Ceppaloni che preferì Airola, considerandola parte integrante della “centralità” di un non meglio certificato Sannio Beneventano.[10]|

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Storia del Palazzo del Governo, Prefettura di Avellino. URL consultato il 15 agosto 2010.
  2. ^ Nel Regno delle Due Sicilie, i centri abitati privi di autorità municipale erano chiamati "villaggi", tranne in Calabria Citeriore dove erano detti "rioni", in Abruzzo "ville", in Salerno e Napoli "casali". Gabriello De Sanctis (a cura di), Dizionario statistico de' paesi del regno delle Due Sicilie, Napoli, 1840, p. 29. ISBN non esistente
  3. ^ Storia del Palazzo del Governo, Prefettura di Avellino. URL consultato il 27 agosto 2010.
  4. ^ a b c Arturo Bascetta, La presa di Benevento nel crollo del governo della Chiesa. I repubblicani di Mazzini assaltano la Rocca dei Rettori ma Re Franceschiello è tradito dagli zii passati con Cavour. ABE, 2009 Avellino.
  5. ^ Costituzione della Provincia di Benevento, a cura dell'Amministrazione Provinciale di Benevento, Atti del Convegno di Studi su: "La podestà statutaria e la nuova Provincia nella realtà meridionale", Rocca dei Rettori, Benevento 10 XI 1990.
  6. ^ Raffaele Caporuscio, Il collegio elettorale uninominale di Airola (BN) e i suoi deputati al Parlamento nazionale VIII-XIV legislatura 1861-1882, Grafica 3, Luzzano di Moiano 1997.
  7. ^ Il comune di San Nazzaro era unito, fino al 1958, all'attuale comune di Calvi
  8. ^ a b c Arturo Bascetta, La caduta di Avellino nella fine del Principato Ultra. Il contributo all'Unità d'Italia di una provincia cancellata dopo 400 anni in Regno di Napoli. ABE, 2009 Avellino.
  9. ^ Mario Boscia, Nascita della Provincia di Benevento, problemi locali e nazionali, da: “Gazzetta di Benevento, Benevento 1990.
  10. ^ a b L'eccidio di Ariano. La città che non divenne capoluogo. A cura di Arturo Bascetta. ABE, 2009 Avellino.
  11. ^ Raffaele Caporuscio, Il collegio elettorale uninominale di Airola (Bn) e i suoi deputati al Parlamento nazionale VIII-XIV legislatura 1861-1882, Grafica 3, Luzzano di Moiano 1997.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]