Abruzzo Ultra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abruzzo Ultra
Coat of Arms of Abruzzo Ultra (wings inverted).svg
Informazioni generali
Nome ufficiale Aprutium ultra flumen Piscariae
Capoluogo Aquila
Dipendente da Regno di Sicilia
Regno di Napoli
Evoluzione storica
Inizio 1273
Causa Diploma di Alife
Fine 1806
Causa L. 132 del 1806 del Regno di Napoli
Preceduto da Succeduto da
Abruzzo Abruzzo Ultra I
Abruzzo Ultra II
Cartografia
Giustizierato Abruzzo Ultra.png

L'Abruzzo Ultra o Abruzzo Ulteriore è stata una unità amministrativa prima del Regno di Sicilia e poi del Regno di Napoli.

Questo territorio fu costituito in giustizierato nel 1273 da Carlo I d'Angiò con il Diploma di Alife, che formalizzò la divisione del Giustizierato d'Abruzzo, creato dall'Imperatore Federico II, in due distretti amministrativi, l'Aprutium ultra flumen Piscariae e l'Apriutium citra flumen Piscariae (Abruzzo al di là del fiume Pescara e Abruzzo al di qua del fiume Pescara).

Il capoluogo era Aquila ed i confini del giustizierato abbracciavano l'odierna provincia di Teramo e buona parte delle attuali province dell'Aquila e di Pescara e di Rieti.

Nel 1806 la provincia venne divisa in due parti: la prima, chiamata Abruzzo Ultra I, che si estendeva nel territorio delimitato dai fiumi Tronto e Aterno-Pescara e dalla catena del Gran Sasso, con capoluogo Teramo; la seconda, chiamata Abruzzo Ultra II, comprendente l'odierna provincia dell'Aquila (più 17 comuni passati alla provincia di Rieti e 2 comuni passati alla provincia di Pescara nel 1927), con capoluogo Aquila.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]