Giustizierato d'Abruzzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giustizierato d'Abruzzo
Informazioni generali
Nome ufficiale Justitiaratus Aprutii apud Sulmonam
Capoluogo Sulmona
Dipendente da Sacro Romano Impero
Regno di Sicilia
Evoluzione storica
Inizio 1233
Causa Costituzioni di Melfi
Fine 1273
Causa Diploma di Alife
Preceduto da Succeduto da
Ducato di Spoleto
Ducato di Benevento
Abruzzo Citra
Abruzzo Ultra
Cartografia
Giustizierato Abruzzo.png

Il giustizierato d'Abruzzo (in latino: Justitiaratus Aprutii apud Sulmonam) fu un distretto amministrativo del Regno di Sicilia istituito nel 1233 da Federico II. Il giustizierato aveva come capoluogo Sulmona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca longobarda il suo territorio era diviso tra i due ducati di Spoleto e Benevento ed era costituito da sette gastaldati; con la costituzione formale del 1233 viene per la prima volta identificato il territorio di quello che sarà successivamente conosciuto come Abruzzo. Il 5 ottobre 1273 re Carlo I d'Angiò, con il diploma di Alife, considerandolo troppo esteso per essere ben governato, lo suddivise in Aprutium ultra flumen Piscariae e Aprutium citra flumen Piscariae, ovvero Abruzzo Ultra (a nord) e Abruzzo Citra (a sud). Il confine tra i due nuovi giustizierati era segnato dal fiume Pescara.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]