Bussi sul Tirino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bussi sul Tirino
comune
Bussi sul Tirino – Stemma
Bussi sul Tirino – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia di Pescara-Stemma.png Pescara
Amministrazione
Sindaco Salvatore Lagatta[1] (Lista Civica Lavori@mo per Bussi) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 42°13′N 13°49′E / 42.216667°N 13.816667°E42.216667; 13.816667 (Bussi sul Tirino)Coordinate: 42°13′N 13°49′E / 42.216667°N 13.816667°E42.216667; 13.816667 (Bussi sul Tirino)
Altitudine 344 m s.l.m.
Superficie 25,91 km²
Abitanti 2 568[2] (30-11-2014)
Densità 99,11 ab./km²
Frazioni Bussi Officine
Comuni confinanti Capestrano (AQ), Castiglione a Casauria, Collepietro (AQ), Corvara, Navelli (AQ), Pescosansonesco, Popoli, Tocco da Casauria
Altre informazioni
Cod. postale 65022
Prefisso 085
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 068005
Cod. catastale B294
Targa PE
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti bussesi
Patrono san Biagio
Giorno festivo 3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bussi sul Tirino
Bussi sul Tirino
Posizione del comune di Bussi sul Tirino all'interno della provincia di Pescara
Posizione del comune di Bussi sul Tirino all'interno della provincia di Pescara
Sito istituzionale

Bussi sul Tirino (B'Bùsce in abruzzese[3]) è un comune italiano di 2.568 abitanti della provincia di Pescara in Abruzzo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Agglomerato industriale

Il territorio comunale fa parte della Comunità montana Vestina ed è compreso nell'area del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il paese è attraversato dal fiume Tirino che nasce dal sistema acquifero di Campo Imperatore e dopo un percorso carsico di 25 km viene alla luce attraverso il Lago di Capodacqua. Lungo il suo percorso viene alimentato dalla sorgente di Prisciano ed un piccolo laghetto nei pressi di Capestrano. Il suo nome proviene infatti dal greco " tritano " che sta a significare triplice sorgente. Il fiume Tirino è noto come uno dei fiumi più limpidi e puliti d'Italia. Attualmente la portata è di circa 6000 l / secondo e la temperatura delle acque di 11 °C.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Bussi Officine.

Accessibilità[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Bussi sul Tirino è un piccolo centro sito nell'entroterra abruzzese che dista circa 50 km sia da Pescara che da L'Aquila. La denominazione Bussi deriva probabilmente dal nome della pianta del bosso (Buxum in latino). Nella Galleria delle Mappe Geografiche dei Musei Vaticani, volute dal pontefice Gregorio XIII e realizzate dal 1580 al 1585, si trova indicato l'attuale fiume Tirino con il nome di Buscio. Dapprima appartenente alla provincia dell'Aquila, nel 1927, con la nascita della provincia di Pescara, Bussi passa a quest'ultima. Al pari di molti centri della zona, anche Bussi sul Tirino, è stato colpito dal terremoto del 6 aprile 2009.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Polo industriale Bussi Officine[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Santa Maria di Cartignano
La chiesa di San Biagio

Bussi è stato da sempre considerato un sito interessante grazie all'acqua, così nel 1901 la società Franco-Svizzera di Elettricità, divenuta poi Società Italiana di Elettrochimica, ottenne la concessione di installare impianti per la produzione di cloro, sfruttando il fiume sia per il fabbisogno di acqua dell'industria stessa che per la produzione di energia elettrica. Nel 1907 Bussi rappresenta la prima produzione in Italia dell'alluminio con il metodo elettrochimico. Dopo la Prima guerra mondiale il polo industriale si concentra sulla produzione di ferro-silicio (corazze per le navi), clorati (per esplosivi), fosgene (da tetracloruro di carbonio per gas asfissianti), ioduro e cloruro di benzile (gas irritanti e lacrimogeni), acido benzoico (irritanti). Nel dopoguerra, dopo un periodo in discesa, torna protagonista nel panorama della chimica nazionale con idrogeno e azoto. Nel 1921 la svolta definitiva con la “Società Elettrochimica Novarese”, che porta alla completa industrializzazione dell'Alta Val Pescara.

Secondo alcune testimonianze, intorno al 1930 si sarebbe prodotta anche l'iprite (il gas vescicante che provocava ustioni e distruzione delle cellule) che Mussolini impiegò in Etiopia. Il gas era stato messo al bando dalla Convenzione di Ginevra fin dal 1925. Sempre nello stesso periodo gli impianti passarono sotto la gestione della Montecatini che dal 1960 concentrò lo sfruttamento per la produzione di cloro, clorometani, cloruro ammonico, piombo tetraetile e trielina. Nel luglio del 1966 venne costituita la SIAC (Società Italiana Additivi per Carburanti) che assunse, nel gennaio del 1967, la gestione del settore produttivo piombo-alchili. Tra il 1989 e il 1994 furono potenziati gli impianti per l'acqua ossigenata e per il clorometano. Nel 1995 fu installato un nuovo impianto per la produzione di detergenti domestici con la caratteristica di esercitare a freddo l'effetto sbiancante a cui si uniscono le proprietà battericide.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Biagio e San Nicola di Bari: costruita nel Trecento, ha un aspetto barocco. La pianta è a croce latina con una navata interna, e il campanile è una torre quadrangolare
  • Chiesa di Santa Maria di Cartignano: si trova sulla strada per Capestrano. La chiesa fu costruita nell'XI secolo e apparteneva al monastero di San Benedetto in Perillis, e poi all'abbazia di Montecassino. Nel XIII secolo fu decorata con affreschi e mura della scuola di Sulmona. La chiesa è nota per la sua "mancanza" del corpo centrale a causa dei terremoti.
  • Castello mediceo: si trova nella parte più alta del paese. Il castello fu costruito dalla famiglia Angiò nel XIII secolo e poi appartenne alla famiglia De Medici (XV secolo). Nei secoli successivi diventò un palazzo gentilizio, senza però perdere l'aspetto di struttura fortificata.
  • Torre longobarda del X secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Il boom demografico registrato nel trentennio 1930-1960 è evidentemente legato al benessere portato dal notevole sviluppo del polo industriale bussese dove gan parte della popolazione maschile del paese trovò lavoro.

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

In occasione dei festeggiamenti del santo patrono, San Biagio, si usa seguire la Santa Messa nella chiesa di San Biagio nel centro storico e ricevere l'olio benedetto per l'unzione della gola. A San Biagio è infatti riconosciuto il patronato contro tutte le malattie della gola. Altra caratteristica legata al santo patrono sono le "Ciambelle d' San Biag'" dolce prettamente bussese.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Camillo Scipione Lista Civica di Sinistra Sindaco [5]
28 aprile 1997 28 maggio 2006 Angelo Di Francescantonio Lista Civica di Centro-sinistra (1997-2001)
Lista Civica (2001-2006)
Sindaco [6][7]
29 maggio 2006 28 dicembre 2007 Marcellino Maria Chella Lista Civica Sindaco [8]
29 dicembre 2007 13 aprile 2008 Giuliano Lalli Commissario Prefettizio [9]
14 aprile 2008 26 maggio 2013 Marcellino Maria Chella Partito Democratico Sindaco [10]
27 maggio 2013 in carica Salvatore Lagatta Lista Civica Lavori@mo per Bussi Sindaco [1]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Ceramica[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1700 la presenza di maestri ceramisti provenienti da Castelli diede vita ad una stagione artistica incentrata sulla creazione di oggetti in ceramica. La presenza di argilla lungo il corso del fiume Tirino permise la nascita di numerose botteghe che svolsero la loro attività fino alla meta del 1800 circa. I manufatti più rappresentative sono conservati presso il Museo delle Tradizioni Popolari di Roma.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Bussi sul Tirino[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Dalla fusione della Scuola Calcio Za' Mariola e la S.S. Tirino Bussi, avvenuta nel 2005, è nata la Società Sportiva Za' Mariola che vede le proprie squadre iscritte rispettivamente a:

  • campionato di prima categoria regionale (Calcio);
  • campionati provinciali giovanili (Calcio)

Diversi piloti del moto club "Lo Sherpa" sono impegnati nei campionati regionale ed italiano di enduro e motocross.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Bussi sul tirino ha una stazione ferroviaria ubicata lungo la Ferrovia Roma-Sulmona-Pescara, a servizio del comune. Il fabbricato viaggiatori ha una piccola sala d'attesa. Nella stazione fermano circa 20 treni al giorno tra Sulmona, Pescara e Roma.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 26 maggio 2013, elezionistorico.interno.it.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2014.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 109.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 6 giugno 1993, elezionistorico.interno.it.
  6. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 27 aprile 1997, elezionistorico.interno.it.
  7. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 maggio 2001, elezionistorico.interno.it.
  8. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 28 maggio 2006, elezionistorico.interno.it.
  9. ^ Gazzetta Ufficiale, Serie n. 11 del 14 gennaio 2008, Decreto presidente della Repubblica 29 dicembre 2007, gazzettaufficiale.biz.
  10. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle elezioni amministrative del 13 aprile 2008, elezionistorico.interno.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bussi sul Tirino, su Open Directory Project, Netscape Communications.

Controllo di autorità VIAF: (EN149291106