Arpaise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arpaise
comune
Arpaise – Stemma Arpaise – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Benevento-Stemma2.png Benevento
Amministrazione
Sindaco Filomena Laudato (Armonia Arpaise) dal 26-05-2013
Territorio
Coordinate 41°02′N 14°45′E / 41.033333°N 14.75°E41.033333; 14.75 (Arpaise)Coordinate: 41°02′N 14°45′E / 41.033333°N 14.75°E41.033333; 14.75 (Arpaise)
Altitudine 410 m s.l.m.
Superficie 6,66 km²
Abitanti 760[1] (30-11-2016)
Densità 114,11 ab./km²
Frazioni Terranova (Terranova Fossaceca), Russi, Casalprete, Covini, Pasquarielli e Mignolli
Comuni confinanti Altavilla Irpina (AV), Ceppaloni, Pietrastornina (AV), Roccabascerana (AV)
Altre informazioni
Cod. postale 82010
Prefisso 0824
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 062006
Cod. catastale A432
Targa BN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona D, 1 816 GG[2]
Nome abitanti arpaisani
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Arpaise
Arpaise
Arpaise – Mappa
Posizione del comune di Arpaise nella provincia di Benevento
Sito istituzionale

Arpaise è un comune italiano di 760 abitanti[1] della provincia di Benevento in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Dista dal suo capoluogo di provincia circa 15 km. Sul confine meridionale della provincia, tra Pannarano, Pietrastornina ed Altavilla Irpina, parte in piano e parte in colle.

Il suo territorio comunale è compreso fra i 205 ed i 530 m s.l.m., pari ad un'escursione altimetrica di 325 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ruderi del castello normanno di Fossaceca (XII secolo)

Le origini dell'abitato sono state attribuite a profughi provenienti da Arpi (Foggia)[3].

Secondo una leggenda invece il nome potrebbe altrimenti derivare dal greco Arpax, indicando la presenza di rapaci[4].

Arpaise era sino al 1833 una località del comune di Terranova Fossaceca. Dal 1834 l'amministrazione e dunque la sede del Comune passarono ad Arpaise[5].

Nel XIII secolo fu feudo di Guglielmo di Fossaceca. Nel XV secolo era in mano agli Orsini. Francesco Orsini[6] a seguito della distruzione di Fossaceca fondò nel 1453 il nuovo abitato di "Fossaceca - Terranova" (forse spostato in un sito più alto).

In seguito fu possedimento feudale dei Di Capua (1496), dei Sambiase (1566), dei Carafa del ramo di Montebello (1573), quindi di quelli del ramo di Stigliano (1580), e ancora passò ai Pagano (1594), ai Capece Minutolo (1638) infine ai Della Leonessa (1641-1806)[7].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa della Beata Vergine Maria;
  • Santuario dei Santi Medici Cosma e Damiano (in Terranova)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]


Persone legate ad Arpaise[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Capone (1790-1873), patriota risorgimentale e in seguito senatore del Regno d'Italia
  • Matteo Renato Donisi, laureato in legge e podestà a Benevento
  • Generoso Pope (Generoso Papa), nato ad Arpaise e morto a New York, noto industriale e uomo politico statunitense
  • Alessandro Calligari, diplomato geometra, emigrato, matricola numero 1.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Ha una superficie agricola utilizzata di ettari (ha) 91,6[9]. Si producono cereali, olio, castagne e vino. Presente anche l'allevamento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016, demo.istat.it.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Iamalio Antonio, La regina del Sannio ..., op. cit., p.151
  4. ^ Meomartini Alfonso, I Comuni della provincia di Benevento ..., op. cit. p. 31.
  5. ^ Regno delle Due Sicilie - Regio decreto n° 1452 del 6 aprile 1833
  6. ^ (+ 1456) Capitano di ventura, servì il re di Napoli, Ladislao e la Santa Sede. Fu conte e poi duca di Gravina.
  7. ^ Ricca Erasmo, Istoria de' feudi del regno..., op. cit., v. I, p. 500.
  8. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Fonte: Camera di commercio di Benevento, dati e cifre, maggio 2007, dato aggiornato all'anno 2000

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Iamalio Antonio, La regina del Sannio: descrizione coretnografica e storica della provincia di Benevento, Napoli, 1918;
  • Meomartini Alfonso, I Comuni della provincia di Benevento: storia-cronaca-illustrazione, Benevento, 1907;
  • Ricca Erasmo, Istoria de' feudi del regno delle Due Sicilie di qua dal faro ..., V.I, Napoli, 1859.
  • Iarossi Annamaria, Vite contadine Benevento,1997

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]