Amorosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amorosi
comune
Amorosi – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Benevento-Stemma2.png Benevento
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Di Cerbo (Viviamorosi) dall'08/06/2009 (secondo mandato)
Territorio
Coordinate 41°12′N 14°28′E / 41.2°N 14.466667°E41.2; 14.466667 (Amorosi)Coordinate: 41°12′N 14°28′E / 41.2°N 14.466667°E41.2; 14.466667 (Amorosi)
Altitudine 60 m s.l.m.
Superficie 11,22 km²
Abitanti 2 762[1] (1/1/2017)
Densità 246,17 ab./km²
Frazioni Stazione
Comuni confinanti Castel Campagnano (CE), Melizzano, Puglianello, Ruviano (CE), San Salvatore Telesino, Telese Terme
Altre informazioni
Cod. postale 82031
Prefisso 0824
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 062002
Cod. catastale A265
Targa BN
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona C, 1 179 GG[2]
Nome abitanti amorosini
Patrono San Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Amorosi
Amorosi
Amorosi – Mappa
Posizione del comune di Amorosi nella provincia di Benevento
Sito istituzionale

Amorosi (Amërusë in napoletano[3]) è un comune italiano di 2 762 abitanti[1] della provincia di Benevento in Campania.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Amorosi è situata in pianura ed è estesa a forma di croce sulla sponda sinistra del fiume Volturno e sulla destra del fiume Calore Irpino. Il territorio comunale risulta compreso fra i 34 e gli 85 m s.l.m., con un'escursione altimetrica pari a 51 metri. Dista dal capoluogo di provincia circa 33 km.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese, di origine tardomedievale,[4] fu fondato probabilmente da alcuni superstiti di Telesia scampati alla distruzione del terremoto del 1349 che provocò la fuoriuscita di vapori sulfurei e rese l'aria rarefatta e malsana.

Non è chiara l'etimologia del paese: l'ipotesi più plausibile è che derivi da un nobile longobardo di nome Amoroso. In documenti medievali veniva chiamato con il nome di Amerusii.[5]

Fu feudo prima dei Gaetani e poi dei Colonna.

Nel 1596 contava circa centocinquanta abitanti.[6]

Successivamente passò ai Caracciolo che nel 1672 ottennero il titolo di marchesi di Amorosi.

Il terremoto del 5 giugno 1688 danneggiò il paese.

L'8 aprile 1734 vi pernottò - ospite dei Caracciolo - Carlo III di Borbone durante la sua conquista del Regno di Napoli. Alla venuta del Borbone è legato, tra l'altro, il nome di via Paribella, così definita per il modo in cui era stata addobbata.

Nel 1772 divenne proprietà della famiglia Piscitelli di Cerreto Sannita.

Nel 1852 passò per Amorosi anche Ferdinando II per stabilire la costruzione di un ponte sul fiume Calore Irpino.

Nel 1860 durante la battaglia del Volturno fu sede del comando dell'esercito borbonico, ospitando a più riprese truppe borboniche e garibaldine interessate ad azioni militari lungo la linea Caiazzo - Ponti della Valle.

Dal 1861 fa parte della provincia di Benevento.

Durante la seconda guerra mondiale fu bombardata dagli americani alle ore 14,45 del 29 settembre 1943.[7] Gli obiettivi di tale incursione aerea erano i ponti Calore e Volturno, la sede del commando tedesco installata in uno dei Palazzi storici del paese e l'aerodromo. Durante il bombardamento un aereo statunitense fu abbattuto dalla contraerei tedesca sita nel paese, quattro soldati statunitensi morirono nelle fiamme mentre altri quattro furono catturati dai tedeschi come prigionieri. Il 14 ottobre 1943 la città fu liberata dalla Quinta Armata americana. Durante la loro fuga, i soldati tedeschi incendiarono il palazzo Piscitelli ed il palazzo Chianese, edifici storici della città, ed inoltre, anche i ponti sul fiume Calore Irpino e sul fiume Volturno, mancati obiettivi degli americani, furono abbattuti dalle mine tedesche. La città fu sede anche di un contingente di genieri inglesi dell'VIII Armata, i quali avevano il compito di rimuovere gli ordigni, ed inoltre, in poco tempo, montarono un ponte di ferro sui piloni diroccati del ponte Calore, ripristinando così la tratta ferroviaria Napoli - Foggia. Nell'autunno del 1944 si stanziò in città un contingente di soldati italiani del Battaglione San Marco, il quale lasciò la città nella primavera del 1945. Alla fine della seconda guerra mondiale, Amorosi sarà la città sannita con più vittime e danni materiali.

Nel 1955 fu uno dei luoghi dove venne girato il film "La bella mugnaia" di Mario Camerini con Sophia Loren, Marcello Mastroianni e Vittorio De Sica.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Michele Arcangelo[modifica | modifica wikitesto]

La facciata della chiesa e il campanile

Sita nel centro del paese, è la chiesa parrocchiale di Amorosi.

La facciata, realizzata nel XVIII secolo, presenta un solo portale di ingresso ed è affiancata da un bel campanile settecentesco a tre ordini, caratterizzato dalla bicromia del tufo grigio e del tufo giallo. Nella parte terminale presenta un cupolino rivestito da embrici maiolicati gialli e verdi.

Al suo interno sono custodite pregevoli opere d'arte prevalentemente dei secoli XVIII e XIX.

Di notevole interesse sono la pala della Madonna del Rosario e il dipinto raffigurante San Michele Arcangelo che uccide il diavolo.

Palazzo Piscitelli[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato "palazzo della Camera Marchesale", palazzo Piscitelli è un palazzo marchesale, spesso dimora dei feudatari ed attualmente di proprietà della famiglia Piscitelli.

Palazzo Maturi[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Maturi restaurato

Costruito nel 1775, Palazzo Maturi è stato acquisito dal Comune di Amorosi nel 2006 ed è stato spesso utilizzato per mostre e manifestazioni. Il 16 marzo 2014, dopo un lungo ed accurato restauro, è stato inaugurato dinnanzi alla comunità amorosina. Il palazzo è stato adibito a Casa Comunale ed ospiterà in maniera permanente il Polo Culturale e Museale della Fondazione "Allori", inaugurato il 17 marzo 2014.

Il polo è sito in un'ala del palazzo, accogliendo un'importantissima collezione di immagini e cimeli della Storia d'Italia dalla fine dell'800 al 2000: si tratta di un patrimonio inedito, mai esposto al pubblico, composto da fondi, archivi, testimonianze, cimeli garibaldini appartenuti a Bettino Craxi. La Fondazione Allori aveva chiesto uno spazio espositivo a Roma ed era stata contattata da Parigi e altre città per ospitare la Mostra permanente, ma la scelta è caduta su Amorosi, come Comunità del Sud, vista anche la rappresentatività del Palazzo che la ospiterà.

Accanto al palazzo è sita la cappella della famiglia Maturi, anch'essa costruita nel 1775.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2016 risultano 88 cittadini stranieri residenti nel comune, pari al 3,19 % della popolazione.[9] I gruppi più rilevanti sono:

  1. Romania: 38 (1,38 %)
  2. Cina: 60 (0,47 %)

Persone legate ad Amorosi[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Ha una superficie agricola utilizzata di ettari 770,56[10].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

In località "Stazione" è sita la stazione ferroviaria di Amorosi-Melizzano, sulla linea Napoli-Foggia, costruita nel 1886-87 dal comune con una spesa di lire tredicimila.[5] Un tempo sede di un buon movimento viaggiatori e merci, oggi è ridotta a semplice fermata. Il servizio è attualmente limitato solo ai treni regionali.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Amorosi.

Di seguito l'elenco dei sindaci di Amorosi.

Nome Carica Inizio mandato Fine mandato Partito Elezioni
Michele Riccio sindaco maggio 1980 aprile 1985 Lista Civica 1980
Mario Lepore sindaco 14 maggio 1985 8 maggio 1990 1985
Giuseppe Di Cerbo sindaco 8 maggio 1990 14 giugno 1999 1990, 1994
Luigi Della Morte sindaco 14 giugno 1999 8 giugno 2009 1999, 2004
Giuseppe Di Cerbo sindaco 8 giugno 2009 in carica Viviamorosi (lista civica) 2009, 2014

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune fa parte dell'Unione dei comuni Città Telesina[11].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Lo sport praticato maggiormente è il calcio, infatti il paese ha una propria squadra l'Associazione Sportiva Amorosi 1926,che militerà nel prossimo campionato 2016-2017 in I Categoria dopo averla conquistata nella finale play-off contro la compagine casertana del Riardo Soccer.La squadra disputa le gare interne allo stadio comunale "Salvatore Natale".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Popolazione Residente per età, sesso e stato civile al 1º gennaio 2017, Istituto nazionale di statistica. URL consultato il 26 luglio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 27.
  4. ^ Touring, p. 274.
  5. ^ a b Marrocco, p. 22.
  6. ^ Pescitelli, p. 229.
  7. ^ Marrocco, p. 23.
  8. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2016 per sesso e cittadinanza, ISTAT. URL consultato il 26 luglio 2017.
  10. ^ Fonte: Camera di Commercio di Benevento, dati e cifre, maggio 2007. Il dato è riferito all'anno 2000.
  11. ^ Le Unioni di Comuni in Regione Campania (PDF), Regione Campania - Ufficio Speciale per il Federalismo, p. 26.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michele Riccio, Terra di Amoroso - Catasto Onciario 1741 - 1750, Casa editrice Mediapress 2009
  • AA.VV., L'Italia: Campania, Milano, Touring Club Italiano, 2005.
  • Dante B. Marrocco, Guida del Medio Volturno, Napoli, Tipografia Laurenziana, 1986.
  • Renato Pescitelli, Chiesa Telesina: luoghi di culto, di educazione e di assistenza nel XVI e XVII secolo, Auxiliatrix, 1977.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]