Borbone delle Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Borbone di Napoli)

1leftarrow blue.svgVoce principale: Borbone.

La dinastia dei Borbone delle Due Sicilie, detta anche Borbone di Napoli, è uno dei rami italiani della famiglia Borbone, casa reale del Regno di Sicilia citeriore e del Regno di Sicilia ulteriore (poi unificato come Regno delle Due Sicilie) dal 1734 al 1861.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Conquista borbonica delle Due Sicilie e Storia della Sicilia borbonica.

Il fondatore della dinastia fu Carlo di Borbone, figlio di Filippo V di Spagna (re di Napoli e di Sicilia tra il 1700 e il 1713, oltre che re di Spagna tra il 1700 e il 1746, e fondatore a sua volta della dinastia dei Borbone di Spagna) e della duchessa di Parma Elisabetta Farnese.

Carlo di Borbone[modifica | modifica wikitesto]

Carlo di Borbone nel 1745
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Carlo VII di Borbone.

Nel 1734, durante la guerra di successione polacca, al comando delle armate spagnole Carlo, duca di Parma e Piacenza, conquistò il regno di Napoli e nel 1735 il regno di Sicilia, sottraendoli alla dominazione austriaca. Quell'anno fu incoronato re a Palermo, e nel 1738 fu riconosciuto come tale dai trattati di pace, in cambio della rinuncia agli stati farnesiani e medicei in favore degli Asburgo e dei Lorena. Nel 1738 sposò la 14 enne Maria Amalia di Sassonia ed ebbe tredici figli. Dopo quasi 30 anni di regno, nel 1759 ascese al trono di Spagna con il nome di Carlo III, dopo la morte senza eredi del fratellastro Ferdinando VI di Spagna. Carlo quindi dovette rinunciare ai troni italiani, e abdicò in data 6 ottobre 1759, decretando la definitiva separazione tra la corona spagnola e quelle napoletana e siciliana. Lo storico Giuseppe Galasso ha definito il suo regno come l'"ora più bella" nella storia del napoletano[1].

Gli successe il figlio terzogenito maschio Ferdinando di Borbone, mentre il maggiore restò erede al trono di Spagna, dove ascese nel 1788 come Carlo IV.

Ferdinando I[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ferdinando I delle Due Sicilie.
Analisi dello stemma della casata

Ferdinando, all'epoca di soli otto anni, regnò inizialmente con il titolo di Ferdinando IV per il Regno di Napoli e Ferdinando III per il Regno di Sicilia e quindi, dal dicembre 1816 fino alla morte nel 1825, come Ferdinando I, re delle Due Sicilie. Fu affidato a un consiglio di reggenza composto di otto membri, con il compito di governare finché il giovane re non avesse compiuto sedici anni; ma le decisioni più importanti le avrebbe comunque prese di persona lo stesso Carlo a Madrid, tramite una fitta corrispondenza con il fidato reggente il giurista Bernardo Tanucci.

Ferdinando sposò nel 1768 Maria Carolina d'Asburgo-Lorena (1752-1814) e quindi morganaticamente (1814) Lucia Migliaccio duchessa di Floridia (1770-1826), creata principessa di Casturia, vedova di don Benedetto Grifeo, principe di Partanna.

Ebbe 17 figli (e una figlia nata morta) dalla prima moglie, dieci dei quali morirono ancora bambini, mentre 3 figlie sposate premorirono ai genitori (Maria Teresa imperatrice d'Austria, Maria Luisa granduchessa di Toscana, e Maria Antonietta, principessa delle Asturie), mentre solo quattro sopravvissero ai genitori (il successore Francesco I, Maria Cristina regina di Sardegna, Maria Amelia regina di Francia e Leopoldo principe di Salerno).

Angelica Kauffmann: Ritratto della famiglia di Ferdinando

I figli furono:

Francesco I[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Francesco I delle Due Sicilie.
La famiglia di Francesco I delle Due Sicilie. Da sinistra a destra: Maria Isabella di Borbone-Spagna (seconda moglie di Francesco I), Maria Carolina Ferdinanda, Maria Antonietta granduchessa di Toscana, Luisa Carlotta, Maria Cristina regina di Spagna, Ferdinando II, Maria Amalia, Francesco I, Carlo principe di Capua e Leopoldo conte di Siracusa.

Francesco I delle Due Sicilie (1777-1830), figlio di Ferdinando I e di Maria Carolina d'Asburgo-Lorena, re delle due Sicilie dalla morte del padre nel 1825.

Sposò nel 1797 sua cugina Maria Clementina d'Asburgo Lorena (1777-1801) figlia dell'imperatore Leopoldo II dalla quale ebbe:

Rimasto vedovo di Maria Clementina, sposò nel 1802 Maria Isabella di Borbone, Infanta di Spagna (1789-1848), figlia del re Carlo IV dalla quale ebbe 12 figli:

  • Luisa Carlotta (1804-1844), che sposò nel 1819 suo zio materno Francesco di Paola di Borbone, Infante di Spagna (1794-1865), figlio del re Carlo IV
  • Maria Cristina (1806-1878, che sposò nel 1829 suo zio materno il re di Spagna Ferdinando VII. Rimasta vedova, sposò nello stesso anno, morganaticamente, Augustìn Fernando Munoz y Sanchez, duca di Rianzares (1810-1873)
  • Ferdinando, duca delle Puglie, duca di Calabria dal 1825 e quindi re delle due Sicilie come Ferdinando II alla morte del padre
  • Carlo, principe di Capua (1811-1862), sposò morganaticamente nel 1836 Penelope Smith (1815-1882), detta contessa di Mascali, da cui ebbe due figli: Francesco di Mascali (1837-1918) e Vittoria di Mascali (1838-1885)
  • Leopoldo, conte di Siracusa (1813-1860, sposò nel 1837 Filiberta di Savoia Carignano (1814-1874), dalla quale ebbe solo la figlia Isabella, morta in fasce (1838). Gli fu attribuita anche una figlia illegittima, Teresa, marchesa Vulcano (1840-1920)
  • Maria Antonietta (1814-1898), che sposò nel 1833 il primo cugino granduca di Toscana Leopoldo II
  • Antonio Pasquale, conte di Lecce (1816-1843), morto senza figli
  • Maria Amelia (1818-1857), che sposò nel 1832 Sebastiano di Borbone-Spagna, Infante di Spagna e Infante del Portogallo (1811-1875)
  • Carolina (1820-1861), che sposò nel 1850 il pretendente al trono di Spagna della linea Carlista Carlo Luigi di Borbone, conte di Montemolin (1818-1861)
  • Teresa Cristina (1822-1889), che sposò nel 1843 l'imperatore del Brasile Pietro II
  • Luigi, conte dell'Aquila (1824-1897), che sposò nel 1844 Januaria di Braganza (1822-1901), figlia dell'imperatore del Brasile Pietro I. Dal figlio Luigi discendono i conti di Roccaguglielma, la cui linea maschile si è estinta nel 1967
  • Francesco di Paola, conte di Trapani (1827-1892), che sposò Maria Isabella di Asburgo Lorena (1834-1901), figlia della sorella Maria Antonietta. Dei due figli maschi, Leopoldo, morì a 17 anni. e Ferdinando morì ancora in fasce. La figlia Maria Antonietta sposò invece il cugino Alfonso, conte di Caserta, figlio del re Ferdinando II e capo della casata e pretendente al trono delle Due Sicilie, dopo la morte del proprio fratellastro Francesco II

Ferdinando II[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ferdinando II delle Due Sicilie.
Ferdinando II delle Due Sicilie

Ferdinando II delle Due Sicilie (1810-1859), figlio di Francesco I e di Maria Isabella di Borbone-Spagna, fu re delle Due Sicilie dalla morte del padre, nel 1830, fino alla sua morte.

Sposò nel 1832 Maria Cristina di Savoia (1812-1836), figlia del re Vittorio Emanuele I di Savoia, dalla quale ebbe un solo figlio:

  • Francesco, duca di Calabria, re delle Due Sicilie come Francesco II alla morte del padre

Rimasto vedovo sposò nel 1837 Maria Teresa d'Asburgo-Teschen (1816-1867) dalla quale ebbe 12 figli:

Francesco II[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Francesco II delle Due Sicilie.

Francesco II delle Due Sicilie (1836-1894), figlio di Ferdinando II e della sua prima moglie, Maria Cristina di Savoia, re delle Due Sicilie dalla morte del padre nel 1859 fino al 1861 quando il regno fu inglobato nel Regno d'Italia.

Sposò nel 1859 Maria Sofia di Baviera (1841-1925) dalla quale nel Natale del 1869 ebbe una figlia, Maria Cristina Pia, che però morì di lì a tre mesi.

Francesco II dal 1861 restò pretendente al trono delle Due Sicilie e capo della casata fino alla morte nel 1894.

Rappresentazione genealogica[modifica | modifica wikitesto]

Luigi IX, il Santo (†1270), re di Francia, e Margherita di Provenza
  │
  │      │
  │      ↓
  │ linea diretta dei capetingi (successore di Luigi IX in questa linea sarà
  │ Filippo III, detto l'Ardito (†1285)
  │
  │
  └──>Roberto, conte di Clermont (†1317) e Beatrice di Borgogna-Borbone,
      │ che conferirà al figlio Luigi il titolo di duca di Borbone
      │
      └──>Luigi I di Borbone, detto il Grande (†1342)
          └──>Pietro I di Borbone (†1356); ramo estintosi nel 1503 con Pietro II di Borbone
          │
          ↓
      linea dei duchi di Borbone fino a:
          │
          └──>Antonio di Borbone-Vendôme (†1562), duca di Borbone

Antonio di Borbone-Vendôme sposò Giovanna d'Albret[2] divenendo Re di Navarra

Antonio di Borbone e Giovanna d'Albret
  └──>Enrico IV (†1610), re di Francia dal 1589
      └──>Luigi XIII (†1643)
          └──>Filippo I di Borbone-Orléans (†1701), che diede origine al ramo Borbone-Orléans
          │   e il cui discendente Luigi Filippo di Francia, fu re di Francia dal 1830 al 1848
          │
          └──>Luigi XIV, detto il Re Sole (†1715)
              └──>Luigi, il Gran Delfino (†1711)
                  │   └──>Luigi, duca di Borgogna (†1712)
                  │       └──>Luigi XV, detto il Beneamato (†1774)
                  │           │
                  │           ↓
                  │    segue la dinastia regale dei Borbone di Francia
                  │
                  └──> Filippo V di Spagna (†1746), capostipite dei Borbone di Spagna
                       │           └──>Luigi di Spagna  (†1724)
                       └──>Ferdinando VI di Spagna (†1759)
                       └──>Carlo III di Spagna (†1788), già duca Parma, Piacenza e Castro
                           │    e poi dal 1735  fino alla morte del fratello Ferdinando,
                           │    re delle Due Sicilie
                           └──>Carlo IV di Spagna
                           │       │
                           │       ↓
                           │ segue la dinastia regale dei Borbone di Spagna
                           │
                           └──>Filippo di Borbone-Spagna, escluso dalla discendenza al trono
                           │     per incapacità mentale
                           └──>Ferdinando I delle Due Sicilie († 1825)
                                     └──>Francesco I delle Due Sicilie († 1830)
                                         └──>Ferdinando II delle Due Sicilie († 1859) e
                                         │   Maria Cristina di Savoia,
                                         │   moglie dal 1832 alla morte (1836)
                                         │
                                         │   └──>Francesco II delle Due Sicilie (1861), privo di
                                         │       eredi, morì nel 1894

Dal 1861, anno dell'Unità d'Italia il Regno delle Due Sicilie cessa di esistere. La dinastia prosegue:

└──>Ferdinando II delle Due Sicilie († 1859) e Maria Teresa d'Asburgo-Teschen,
    │ sposa dal 1837 alla morte 1867
    └──>Alfonso di Borbone-Due Sicilie († 1934), conte di Caserta
    │   └──>Ferdinando Pio di Borbone-Due Sicilie (†1960)
    ↓
 fratelli di Ferdinando Pio

Pretendenti al trono delle Due Sicilie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Linea di successione al trono delle Due Sicilie.

Anche dopo la morte di Francesco II la Regina Maria Sofia sperò ancora nella restaurazione del Regno delle Due Sicilie, fino alla sua morte nel 1925. Dal 1894 capo della casata in esilio, e successore del fratellastro maggiore Francesco II, divenne Alfonso di Borbone-Due Sicilie.

  • Alfonso, conte di Caserta (1841-1934). Figlio di Ferdinando II e della sua seconda moglie Maria Teresa d'Asburgo Lorena, sposò nel 1868 la cugina Maria Antonietta (1851-1938), figlia di Francesco di Paola di Borbone, conte di Trapani e fratello del padre Ferdinando II. Capo della Real Casa Borbone Due Sicilie e primo pretendente al trono delle Due Sicilie. Dai legittimisti venne proclamato Re col nome di S.M. Alfonso I, Re del Regno delle Due Sicilie.

Ebbe dalla moglie 12 figli:

  1. Ferdinando, duca di Calabria, capo del casato e II pretendente al trono delle Due Sicilie alla morte del padre.
  2. Carlo Tancredi, infante di Spagna (1870-1949), sposò nel 1901 Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna, Infanta di Spagna (1880-1904) e quindi Luisa d'Orleans (1882-1958). Firmò un documento, su richiesta del governo italiano, per non urtare la suscettibilità del re Vittorio Emanuele III , che vedeva con sospetto e preoccupazione una eventuale ascesa al trono di Spagna di un Borbone Due Sicilie, con i timore che potesse rivendicare o far valere pretese sul Meridione di Italia, 40 anni prima regno indipendente delle Due Sicilie. In questo documento, che rimase una scrittura privata, Carlo Tancredi, tra l'altro in contrasto con le leggi dinastiche vigenti sia in Spagna che nelle Due Sicilie (Prammatica Sanzione di Carlo III) , dichiara di rinunciare alla eventuale successione alla Corona delle Due Sicilie nel 1901 con l'Atto di Cannes. Il fatto della sua ascesa al trono non avvenne mai e quindi l'Atto non ha comunque alcuna validità giuridica né dinastica. Dei tre figli avuti dalla prima moglie, Alfonso Infante di Spagna (1901-1964) alla morte dello zio Ferdinando Pio senza figli maschi nel 1960, come di consuetudine si proclamò Capo della Casa, Duca di Calabria, Conte di Caserta e Sovrano Gran Maestro, sottolineando la totale invalidità dell'Atto di Cannes ritenendolo nulla. Dopo la sua morte nel 1964 il trono e la posizione di Capo della casata passarono al figlio Carlo Maria (1938 - viv.) nominato nel 1993 Infante di Spagna da S.M. Don Juan Carlos I re di Spagna e nipote di Carlo Tancredi, in quanto attualmente al VII posto nella linea di successione al trono di Spagna.
  3. Francesco (1873-1876)
  4. Maria Immacolata (1874-1947), che sposò nel 1906 Giovanni Giorgio di Sassonia (1869-1938)
  5. Maria Cristina (1877-1947), che sposò nel 1900 Pietro Ferdinando di Asburgo Lorena di Toscana.
  6. Maria Pia (1878-1973), che sposò nel 1908 Luigi Filippo di Orleans Braganza, principe del Brasile (1878-1920)
  7. Maria Giuseppa (1880-1971)
  8. Gennaro, conte di Villacolli (1882-1944), Ha rinunciato alla successione e ha sposato morganaticamente nel 1923 Beatrice Bordessa (1881-1963)
  9. Ranieri, si proclamò duca di Castro, e rivendicò il titolo di capo del casato, in contrapposizione al nipote Alfonso, della linea primogenita ed erede dinastico.
  10. Filippo (1885-1949), sposò nel 1916 Maria Luisa di Orleans (1896-1968), da cui divorziò nel 1925, con annullamento del 1926, e quindi morganaticamente nel 1927 Odette Labori (1902-1968). Il figlio del primo matrimonio, Gaetano (1917-vivente) rinunciò alla successione nel 1939, ma ha discendenza maschile.
  11. Francesco di Paola (1888-1914)
  12. Gabriele (1897-1975), sposò nel 1925 Margherita principessa Czartoyska (1902-1929) e quindi nel 1932 Cecilia principessa Lubomirska (1907-2001). Ebbe un figlio maschio dal primo matrimonio (Antonio, nato nel 1929, con discendenza maschile) e due dal secondo (Giovanni, 1933-2000, e Casimiro, nato nel 1938, quest'ultimo con discendenza maschile).
  • Ferdinando Pio (1869-1960), duca di Calabria. Figlio di Alfonso, conte di Caserta e di Maria Antonietta di Borbone, sposò nel 1896 Maria di Baviera (1872-1954). Dopo la morte del padre nel 1934, fu capo della casata e secondo pretendente al trono delle Due Sicilie.

Dalla moglie ebbe sei figli:

  1. Maria Antonietta (1898-1957)
  2. Maria Cristina (1899-1985), che sposò morganaticamente nel 1948 il vicepresidente dell'Ecuador, Manuel de Sotomayor y Luna (1884-1949)
  3. Ruggero (1901-1914)
  4. Barbara (1902-1927, che sposò nel 1922 Francesco Saverio conte su Stolberg-Wernigerode (1894-1945)
  5. Lucia (1908-2001), che sposò nel 1938 Eugenio di Savoia, duca di Genova.
  6. Urraca (1913-1999)

Figlio di Carlo Tancredi e di Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna, Infanta di Spagna, Principessa di Asturie (1880-1904); conte di Caserta, Duca di Calabria e Capo della Casa Reale dell Due Sicilie nonché Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di S. Giorgio (1960-1964), Sposò nel 1936 la principessa Alice di Borbone-Parma (1917 - ), figlia del duca titolare Elia di Borbone-Parma, con cui ebbe tre figli:

  1. Teresa María (1937 - ), Marchesa di Laula
  2. Carlo Maria (1938 - 2015), Duca di Calabria
  3. Inés María (1940 - )
  • Carlo Maria (1938-2015.), duca di Calabria, conte di Caserta.

Figlio dell'Infante Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie e della principessa Alice di Borbone-Parma, alla morte dello zio Ferdinando Pio, come uso si proclamò Capo della Casa e Pretendente al trono delle Due Sicilie, Duca di Calabria, creato Infante di Spagna (di grazia) 16 novembre 1994

Dalla moglie Anna d'Orléans (1938 - viv.), figlia di Enrico d'Orléans conte di Parigi e della principessa Isabella d'Orléans-Braganza, ha cinque figli:

  1. Cristina di Borbone-Due Sicilie (Madrid, 1966 - viv.)
  2. Maria di Borbone-Due Sicilie (Madrid, 1967 - viv.)
  3. Pietro di Borbone-Due Sicilie, (Madrid, 1968 - viv.), rivendica il titolo di duca di Noto (riservato al nipote del Pretendente al trono delle Due Sicilie), sposato con nel 2001 a Sofia Landaluce y Melgarejo
  4. Ines Maria di Borbone-Due Sicilie (Madrid, 1971 - viv.)
  5. Vittoria di Borbone-Due Sicilie (Madrid, 1976 - viv.)

Figlio di Infante di Spagna Carlo Maria, duca di Calabria, conte di Caserta ha sposato nel 2001 Sofia Landaluce e Melgarejo (nata nel 1973). Dopo la morte del padre nel 2015 Pretendente al trono delle Due Sicilie, duca di Calabria, conte di Caserta Dalla moglie ha avuto sei figli:

  • Jaime, duca di Noto, nato il 26 giugno 1993.
  • Juan, nato il 18 aprile 2003
  • Pablo, nato il 26 giugno 2004
  • Pedro, nato il 3 gennaio 2007
  • Sofia, nato il 12 novembre 2008
  • Blanca, nata il 7 aprile 2011
  • Maria, nata il 21 aprile 2015

Figlio di Alfonso, conte di Caserta e di Maria Antonietta di Borbone. Sposò nel 1923 Carolina contessa Zamoyska (1896-1968), figlia di una sorella della madre. Dopo la morte senza discendenza maschile del fratello Ferdinando, duca di Calabria nel 1960, avanzò pretese sui titoli di di Duca di Castro dal padre Alfonso, Conte di Caserta, quale capo della casata e terzo pretendente al trono delle Due Sicilie, opponendosi al legittimo erede del ramo primogenito, il figlio del fratello Carlo, Alfonso, Infante di Spagna, e quindi il figlio di questi, Carlo, Infante di Spagna, tuttora titolare del titolo di capo della casata.

Dalla moglie ebbe due figli:

  • Maria Carmen ( 1924-vivente)
  • Ferdinando Maria, duca di Castro, quinto pretendente al trono delle Due Sicilie
  • Ferdinando (1926 - 2008)

Figlio di Ranieri, rivendicò anche lui il titolo di duca di Calabria poi duca di Castro, e di Carolina Zamoyska. Sposò nel 1949 Chantal de Chevron-Villet dei Conti di Colbert. Dopo la morte del padre nel 1973 è rivendicò il titolo di capo della casata e quarto Pretendente al trono delle Due Sicilie.

Dalla moglie ha avuto 3 figli:

  • Beatrice (nata nel 1950), ha sposato nel 1978 Carlo principe Napoleone, da cui ha divorziato nel 1989
  • Anna (nata nel 1957), ha sposato nel 1977 il barone Jacques Cochin (nato nel 1951), dal quale si è poi separata
  • Carlo, già duca di Noto, poi duca di Calabria, dal 2008 duca di Castro, quinto Pretendente al trono delle Due Sicilie
  • Carlo (1963 - viv.)

Figlio di Ferdinando, ha sposato nel 1998 Camilla Crociani (nata nel 1971). Dopo la morte del padre nel 2008 rivendicò la pretesa sul titolo di duca di Castro capo della casata e quinto Pretendente al trono delle Due Sicilie. Dalla moglie ha avuto due figlie:

  • Maria Carolina, Duchessa di Palermo, nata nel 2003
  • Maria Chiara, Duchessa di Capri, nata nel 2005.

Alla morte di Ferdinando-Pio la successione del titolo di Re delle Due Sicilie passò a suo nipote Alfonso, figlio dell suo fratello successivo in linea Carlo Tancredi. Il titolo divenne oggetto di contestazione da parte di Ranieri, a causa dell'Atto di Cannes (14 novembre 1900), con il quale Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie (18701949), accingendosi a sposare (1901) l'infanta di Spagna Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna (18801904), figlia primogenita di Alfonso XII di Spagna (18571885), rinunciava eventualmente ( se fosse divenuto re di Spagna) per sé al trono delle Due Sicilie, in quanto, con il matrimonio, sarebbe divenuto principe spagnolo e i suoi successori avrebbero potuto divenire titolari sul trono di Spagna e nello stesso tempo a quello delle Due Sicilie, cosa che la Prammatica Sanzione emessa nel 1759 da Carlo III di Spagna vietava. Non lasciando Ferdinando Pio eredi maschi, gli successe perciò il nipote Alfonso, con il titolo di duca di Calabria e conte di Caserta, proprio del fratello di Francesco II.

Sulla questione sorta nel 1960 tra due rami della Casa Borbone che reclamavano entrambi la titolarità dei diritti dinastici e di Capo della Casa, il Re di Spagna Juan Carlos di Borbone, quale successore ed erede di Carlo III, nel 1983 decise di affidare la risoluzione della questione a una commissione ai massimi livelli, che si pronunciò ufficialmente con piena legittimità, formata dal Ministero di Giustizia, la Reale Accademia di Giurisprudenza e Legislazione il Ministero degli Affari Esteri , l'Istituto Salazar y Castro del Consiglio Superiore delle Investigazioni Scientifiche e il Consiglio di Stato di Spagna che ha prodotto un voluminoso faldone di studi. La Commissione decise con pareri motivati di riconoscere come Capo della Casa Borbone Due Sicilie e Gran Maestro dell'Ordine Costantiniano il discendente del ramo primogenito di Carlo Tancredi, S.A.R. Don Carlos Maria di Borbone delle Due Sicilie-Parma, Duca di Calabria, primogenito farnesiano.

Il 25 gennaio 2014 è stato firmato a Napoli un atto di riconciliazione tra le due famiglie[3].

Caso di validità della rinuncia di Tancredi[modifica | modifica wikitesto]

└──>Ferdinando II delle Due Sicilie († 1859) e Maria Teresa d'Asburgo-Teschen, moglie
    │  dal 1837 alla morte 1867
    └──>Alfonso di Borbone-Due Sicilie († 1934), conte di Caserta
        └──>Ferdinando Pio di Borbone-Due Sicilie (†1960)
        └──>Ranieri di Borbone-Due Sicilie (†1973)
        │   └──>Ferdinando Maria di Borbone-Due Sicilie (†2008)
        │       └──>Carlo di Borbone-Due Sicilie (1963 – vivente)
        ↓
Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie (†1949) linea "contestatrice" dell'Atto di Cannes

Caso di rinuncia di Tancredi non valida[modifica | modifica wikitesto]

└──>Ferdinando II delle Due Sicilie († 1859) e Maria Teresa d'Asburgo-Teschen, moglie di Ferdinando
    │ dal 1837 alla morte 1867
    └──>Alfonso di Borbone-Due Sicilie († 1934), conte di Caserta
        └──>Ferdinando Pio di Borbone-Due Sicilie (†1960)
        └──>Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie (†1949)
            └──> Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie (†1964)
        │        └──>Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie (†2015)
                   └──>Pedro di Borbone-Due Sicilie(1968-vivente)
        ↓
Ranieri di Borbone-Due Sicilie (†1973), linea secondo l'Atto di Cannes

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.corriere.it/economia/italie/campania/notizie/galasso-borboni-l-eta-dorata_ea37607c-dda7-11de-a61b-00144f02aabc.shtml
  2. ^ Giovanna d'Albret era unica figlia (ed erede) di Enrico II, re di Navarra, ed era figlia di Margherita d'Angoulême, sorella di Francesco I, re di Francia, quindi discendente del re Luigi IX, nella linea dei Valois.
  3. ^ http://www.realcasadiborbone.it/atto-di-riconciliazione-dinastica-familiare/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Forte Nicola, Viaggio nella memoria persa del Regno delle Due Sicilie-i fatti ed i fattarielli, Ischia (NA), Edizioni Imagaenaria, 2007, ISBN 88-89144-70-X.
  • Harold Acton, I Borboni di Napoli (1734 - 1825). Gli ultimi Borboni (1825 - 1861), 2 voll., Firenze, Giunti editore, 1997-1999, ISBN 88-09-21798-5.
  • Nicola Spinosa (a cura di), I Borbone di Napoli, Sorrento (NA), Franco Di Mauro, 2009, ISBN 978-88-87365-74-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]