Filippo III di Francia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

"[...] il re nasetto, troppo più vago d'eleganze e di cavallerie che vigile a difendere l'autorità regia dagli intrighi dei cortigiani [...]"

(Joinville, "Vita di S.Luigi", 1309)

Filippo III l'Ardito
Miniature Philippe III Courronement.jpg
Filippo III
Re di Francia
Stemma
In carica 25 agosto 1270 – 5 ottobre 1285
Predecessore Luigi IX di Francia
Successore Filippo IV di Francia
Nascita Poissy, 30 aprile 1245
Morte Perpignan, 5 ottobre 1285
Luogo di sepoltura Basilica di Saint-Denis, Francia.
Dinastia Capetingi
Padre Luigi IX di Francia
Madre Margherita di Provenza
Coniugi Isabella d'Aragona
Maria di Brabante
Figli Luigi
Filippo IV
Roberto
Carlo
Luigi
Bianca
Margherita

Filippo III di Francia, detto l'Ardito, in francese Philippe III le Hardi (Poissy, 30 aprile 1245Perpignano, 5 ottobre 1285), è stato re di Francia dal 1270 al 1285. Membro della dinastia capetingia, era figlio di Luigi IX di Francia e di Margherita di Provenza (1221 - 1295).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne chiamato "l'Ardito" sulla base delle sue abilità nel combattimento a cavallo e non per il suo carattere: Filippo infatti era cresciuto indeciso, timido per natura e apparentemente schiacciato dalla forte personalità dei suoi genitori e dominato dai ministri del padre, Pierre de la Broce prima e lo zio Carlo, conte d'Angiò, poi. Il giovane conte di Orléans nel 1270 accompagnò il padre nell'ottava crociata in Tunisia, dove il re Santo morì e Filippo fu dichiarato re all'età di 25 anni. Dopo la successione, incaricò subito lo zio Carlo d'Angiò dei negoziati con l'emiro per concludere la crociata e tornò in Francia dove fu incoronato re il 12 agosto 1271.

Il 21 agosto dello stesso anno, suo zio Alfonso, conte di Poitou, Tolosa, e Alvernia, morì in Italia di ritorno dalla crociata e Filippo ereditò la sua contea annettendola al demanio regio. In conformità con i desideri di Alfonso, il Comitato Venassino fu concesso a papa Gregorio X nel 1274. Dopo diversi anni di negoziati concluse con Edoardo I d'Inghilterra il Trattato di Amiens nel 1279 e così Filippo restituì agli inglesi la regione dell'Agenais che era venuta a lui con la morte di Alfonso. Nel 1284, Filippo ereditò anche la contea del Perche e di Alençon da suo fratello Pietro.

Miniatura raffigurante la presa di Foix, da parte di Filippo III l'Ardito, miniatura tratta dalle Chroniques di Jean Froissart, curate e illustrate da Jean Fouquet, XV secolo

Filippo per tutto il tempo sostenne la politica di suo zio Carlo in Italia. Quando, dopo i Vespri siciliani del 1282, Pietro III d'Aragona invase e prese l'isola di Sicilia, papa Martino IV scomunicò il conquistatore e dichiarò che il regno d'Aragona, messo sotto la sovranità del papa da Pietro II nel 1205, veniva concesso a Carlo, conte di Valois, figlio di Filippo. Quest'ultimo intervenne nella successione Navarrese dopo la morte di Enrico I di Navarra e fece sposare suo figlio, Filippo il Bello, con l'ereditiera di Navarra, Giovanna I.

Nel 1284, Filippo e i suoi figli entrarono in Rossiglione alla testa di un grande esercito. Questa guerra, chiamata la Crociata aragonese, è stata etichettata come "forse l'impresa più ingiusta, inutile e disastrosa mai intrapresa dalla monarchia capetingia"[1]. Il 26 giugno 1285, Filippo assediò Girona ma la resistenza era forte e la città fu presa solo il 7 settembre. Mentre si stava ritirando da Girona, Filippo si ammalò di un'epidemia di dissenteria. I francesi si ritirarono e furono duramente sconfitti nella battaglia del Col de Panissars. Il re di Francia morì a Perpignan, la capitale del suo alleato Giacomo II di Maiorca, e fu sepolto a Narbonne. Attualmente giace sepolto con la moglie Isabella d'Aragona, nella Basilica di Saint Denis a Parigi.

Matrimoni e figli[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Filippo II di Francia Luigi VII di Francia  
 
Adèle di Champagne  
Luigi VIII di Francia  
Isabella di Hainaut Baldovino V di Hainaut  
 
Margaretha delle Fiandre  
Luigi IX di Francia  
Alfonso VIII di Castiglia Sancho III di Castiglia  
 
Bianca Garcés di Navarra  
Bianca di Castiglia  
Leonora d'Aquitania Enrico II d'Inghilterra  
 
Eleonora d'Aquitania  
Filippo III di Francia  
Alfonso II di Provenza Alfonso II d'Aragona  
 
Sancha di Castiglia  
Raimondo Berengario IV di Provenza  
Garsenda di Provenza Renier de Sabran  
 
Garsenda of Forcalquier  
Margherita di Provenza  
Tommaso I di Savoia Umberto III di Savoia  
 
Beatrice di Viennois  
Beatrice di Savoia  
Margherita di Ginevra Guglielmo I di Ginevra  
 
Beatrix di Faucigny  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chaytor 1933, p. 105

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN264129541 · LCCN (ENn81007429 · GND (DE118791850 · BNF (FRcb123506448 (data) · BAV (EN495/157906 · CERL cnp00400432 · WorldCat Identities (ENlccn-n81007429