Umberto III di Savoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto III
Umberto III di Savoia.jpg
Conte di Savoia
Stemma
In carica 1148 –
4 marzo 1189
Predecessore Amedeo III di Savoia
Successore Tommaso I di Savoia
Nascita Avigliana, 4 agosto 1136
Morte Chambéry, 4 marzo 1189
Sepoltura Abbazia di Altacomba
Casa reale Savoia
Padre Amedeo III di Savoia
Madre Matilde di Albon
Consorte Faidiva di Tolosa
Gertrude di Fiandra
Clemenzia di Zähringen
Beatrice di Maçon
Figli Sofia
Alice (o Agnese)
Eleonora
Tommaso
Beato Umberto III di Savoia
Ritratto di Umberto III il beato - Google Art Project.jpg

Conte

Nascita Avigliana, 4 agosto 1136
Morte Chambéry, 4 marzo 1189
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1838 da Papa Gregorio XVI
Ricorrenza 4 marzo

Umberto III di Savoia detto il Beato (Avigliana, 4 agosto 1136Chambéry, 4 marzo 1189) è stato Conte di Savoia e Conte d'Aosta e Moriana dal 1148 al 1189. La Chiesa cattolica lo venera come Beato.

Figlio di Amedeo III, gli succedette al trono con il titolo di Umberto III. La sua figura divenne leggendaria nei secoli, specie per la fervida fede cui era legato ed infatti fu beatificato nel 1838 da Gregorio XVI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel Castello di Avigliana[1]. Sposatosi quattro volte, già in tenera età (la prima, con Faidiva di Tolosa, la seconda con Gertrude di Fiandra, la terza con Clementina Zahringen e l'ultima con Beatrice di Maçon, che gli diede finalmente un erede maschio), Umberto governò in un momento difficile per la Casa Savoia: Federico Barbarossa voleva riconquistare l'autorità imperiale in Savoia e Piemonte, e transitò più volte per i suoi domini con il suo imponente esercito. Altri nemici erano il vescovo di Torino, che traeva protezione dall'imperatore ed i marchesi di Monferrato e di Saluzzo. Umberto riuscì durante questi anni turbolenti a conservare per sé soltanto alcune vallate alpine come la valle di Susa, la Valle d'Aosta e la Savoia: il resto dei suoi domini visse periodi bui e di disordini, dovuti anche alle continue ribellioni delle città comunali ed alle incessanti guerre. In questa grande incertezza Umberto parteggiò per i comuni guelfi ed il risultato fu l'invasione della Savoia da parte degli imperiali: due volte Susa venne saccheggiata e vinta. Morì dopo circa quarant'anni di regno, il 4 marzo 1189, all'età di cinquantadue anni e gli succedette il figlio Tommaso.

Venne sepolto nell'Abbazia di Altacomba, dove aveva preso l'abito religioso pochi giorni prima della sua morte[2].
Oggi ad Altacomba sussistono le sole pietre tombali del conte, in quanto l'abbazia fu occupata dai giacobini che forzarono la sua tomba e distrussero i resti, insieme a quelli di altri rappresentanti dei Savoia.

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Umberto III di Savoia si sposò quattro volte:

  • nel 1177 con Beatrice di Maçon († 1230), figlia di Gerardo I, conte di Mâcon e di Vienne e di Maurette de Salins. Da questo matrimonio nacquero:
    • Tommaso (1178 – 1233), conte di Savoia, d'Aosta e della Maurienne.
    • una figlia morta all'età di sette anni

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Umberto III di Savoia Padre:
Amedeo III di Savoia
Nonno paterno:
Umberto II di Savoia
Bisnonno paterno:
Amedeo II di Savoia
Trisnonno paterno:
Oddone di Savoia
Trisnonna paterna:
Adelaide di Susa
Bisnonna paterna:
Giovanna di Ginevra
Trisnonno paterno:
Gérold II di Ginevra
Trisnonna paterna:
 ?
Nonna paterna:
Giselda di Borgogna
Bisnonno paterno:
Guglielmo I di Borgogna
Trisnonno paterno:
Rinaldo I di Borgogna
Trisnonna paterna:
Alice di Normandia
Bisnonna paterna:
Stefania di Vienne
Trisnonno paterno:
Gerardo di Vienne
Trisnonna paterna:
 ?
Madre:
Matilde di Albon
Nonno materno:
Guigues III di Albon
Bisnonno materno:
Guigues II di Albon
Trisnonno paterno:
Guigues I di Albon
Trisnonna paterna:
Adelaide di Torino
Bisnonna materna:
Pétronille d'Argental
Trisnonno materno:
Artaud d'Argental
Trisnonna materna:
Pétronille de Royans
Nonna materna:
Matilde d'Inghilterra
Bisnonno materno:
Edgardo Atheling
Trisnonno materno:
Edoardo l'esiliato
Trisnonna materna:
Agata di Kiev
Bisnonna materna:
Margherita di Scozia
Trisnonno materno:
Duncan I di Scozia
Trisnonna materna:
Sibilla di Northumberland

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Jacquemoud, op.cit., p.50

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Jacquemoud, Description historique de l'abbaye royale d'Hautecombe et des mausolées élevés dans son église aux princes de la maison royale de Savoie, editore Puthod et Perrin, 1843

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Umberto, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.
Predecessore Conte di Savoia Successore Savoie flag.svg
Amedeo III 11481189 Tommaso I