Pietro I di Borbone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro I di Borbone
PetrBourb.jpg
Duca di Borbone e
Conte di Clermont
Stemma
In carica 1341 - 1356
Predecessore Luigi I
Successore Luigi II
Nascita 1311
Morte Poitiers, 19 settembre 1356
Luogo di sepoltura Chiesa dei Giacobini (fr:Couvent des Jacobins (rue Saint-Jacques)), Parigi
Casa reale Borbone
Padre Luigi I di Borbone
Madre Maria di Avesnes
Consorte Isabella di Valois
Figli Luigi
Giovanna
Bianca
Bona
Caterina
Margherita
Isabella
Maria
Religione Chiesa cattolica

Pietro I di Borbone (1311Poitiers, 19 settembre 1356) fu il secondo Duca di Borbone e fu Conte di Clermont, dal 1341 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Pietro, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era il figlio primogenito del Signore e poi primo duca di Borbone, conte di Clermont e conte di La Marche, Luigi I e della moglie, Maria di Avesnes[1][2], che, secondo il capitolo n° 78a della Chronologia Johannes de Beke era figlia del Conte di Hainaut e conte d'Olanda e di Zelanda Giovanni e della moglie, Filippa di Lussemburgo (1252-6 aprile 1311)[3], che sempre secondo la Chronologia Johannes de Beke, era figlia di Enrico V di Lussemburgo[3] e Marguerite di Bar (1220-1275).
Luigi I di Borbone, sia secondo la Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, che secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France era il figlio primogenito del di Roberto, conte di Clermont, e della contessa di Charolais ed erede della Signoria di Borbone, Beatrice[4][5], che, secondo la Histoire généalogique des ducs de Bourgogne de la maison de France, era l'unica figlia del conte di Charolais, Giovanni di Borgogna e della dama di Borbone, Agnese[6].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo padre, Luigi morì nel gennaio del 1341[7] e fu sepolto nella chiesa dei Frati Predicatori o dei Giacobini (fr:Couvent des Jacobins (rue Saint-Jacques)), di Parigi, accanto alla tomba di suo padre[8]; secondo il necrologio delle Chartreux de Vauvert, Luigi (Ludovicus dux Borbonii) morì il 10 febbraio (IV Id Feb) 1342[9], mentre secondo il necrologio della Sainte-Chapelle, Luigi (Ludovici ducis de Bourbonio) morì il 27 febbraio (III Kal Mar) 1342[10]. Mentre Pietro, il primogenito, gli succedette come duca di Borbone, Pietro I, il fratello cadetto, Giacomo ricevette la contea di La Marche (Giacomo I)[1].

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1341 sotto gli ordini del duca di Normandia, il futuro Giovanni II di Francia, combatté in Bretagna[11] e poi prese parte alla guerra. Ha permesso al pretendente francese Carlo di Blois di prendere possesso del ducato.

Era presente all'incoronazione di papa Clemente VI ad Avignone il 19 maggio 1342[12]. Nell'estate del 1342 fu insieme a Raoul I di Brienne, conte di Eu, al comando delle truppe che proteggevano la Francia dagli attacchi del nord mentre il re Filippo VI era in una campagna in Bretagna.

Nell'agosto del 1343 lui e il Delfino di Viennois furono gli ambasciatori francesi in una conferenza di pace ad Avignone, ma i negoziati furono infruttuosi poiché Edoardo III d'Inghilterra rifiutò di inviare tutti i membri dell'ambasciata[13].

Nel 1346, combatté nella battaglia di Crécy[14], dove rimase ferito gravemente[15].
In seguito Pietro partecipò all'assedio di Calais[14].

Governatore della Linguadoca[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 1345, venne nominato dal re di Francia, Filippo VI Governatore della Linguadoca e della Guascogna[14]. Il suo avversario sul piano militare era Enrico, conte di Derby (in seguito Conte e Duca di Lancaster). Quest'ultimo sbarcò con il suo esercito a Bordeaux il giorno in cui Pietro era stato nominato.

Pietro assunse la sua carica a settembre. Ormai il conte di Derby aveva già iniziato la sua campagna, mettendo in disordine le difese francesi con la conquista di Bergerac e la distruzione dell'esercito francese lì presente il mese precedente. Pietro istituì il quartier generale ad Angoulême e iniziò una vasta campagna di reclutamento per un nuovo esercito, il cui comando cadde sul duca di Normandia. Tuttavia, il 21 ottobre il conte di Derby vinse un'altra schiacciante vittoria fuori Auberoche. Il duca di Normandia abbandonò la sua campagna una volta sentita la notizia. All'inizio di novembre sciolse il suo esercito e partì per il nord.

Il conte di Derby sfruttò l'assenza di un comandante francese sul campo per assediare l'importante città-fortezza di La Réole.

Nell'inverno del 1346 Pietro I mantenne i suoi quartieri invernali nella capitale provinciale di Agen, una città che si stava rapidamente isolando poiché molte delle città minori furono conquistate o disertate dagli inglesi. La primavera, tuttavia, si è aperta con il più grande esercito francese finora nel sud-ovest. Pietro I e il vescovo di Beauvais sollevarono un nuovo esercito a Tolosa, in parte finanziato dal papa il cui nipote era stato catturato da Derby l'anno precedente, mentre Giovanni di Normandia portò con sé un numero considerevole di nobili del nord, compresi dignitari come il Eudes IV, duca di Borgogna e Raoul II di Brienne. In aprile Giovanni di Normandia assediò la città di Aiguillon che controllava la confluenza tra il Lot e la Garonna. Lì rimasero ancora in agosto quando Giovanni di Normandia fu richiamato con urgenza a nord per aiutare a fermare Edoardo III che era sbarcato in Normandia. E così la campagna francese del 1346 nel sud finì non avendo realizzato nulla.

Missioni diplomatiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 1347 prese parte a infruttuose trattative con gli inglesi fuori da Calais nei giorni immediatamente precedenti alla capitolazione di quella città.

L'8 febbraio 1354 era insieme a Guy, cardinale di Boulogne incontrarono il re di Navarra nel castello di Mantes, accompagnati dalle due vedove regine e dai cortigiani e ministri. Il trattato, concluso il 22 febbraio, garantiva a Carlo II di Navarra una parte considerevole della Bassa Normandia che avrebbe dovuto detenere con gli stessi diritti del duca di Normandia, ed era stato anche perdonato per la morte del Connestabile di Francia, Carlo di Spagna, fatto assassinare da Carlo II di Navarra[16]. Suo fratello, Giacomo, divenne il nuovo Connestabile di Francia[17].

Nel gennaio del 1355 fu inviato insieme al cancelliere francese Pierre de la Forêt in missione diplomatica ad Avignone, dal papa Innocenzo VI, dove avrebbero dovuto incontrare dei diplomatici inglesi guidati da Enrico di Lancaster e Richard FitzAlan, X conte di Arundel. Lo scopo della missione era di ratificare formalmente un trattato di pace basato su un progetto elaborato a Guînes l'anno precedente. Tuttavia da allora la politica francese era cambiata, gli ambasciatori francesi erano venuti solo per respingere le richieste inglesi e non avevano nulla di nuovo da offrire[14]. I negoziati si interruppero quindi rapidamente[14] e la conferenza finì non avendo realizzato nulla se non prolungando la tregua esistente ancora qualche mese fino al 24 giugno.

Nel maggio del 1355, quando divenne evidente che stava per scoppiare una guerra aperta tra il re di Francia e il re di Navarra alleato dell'Inghilterra, il duca di Borbone apparteneva al partito alleato alle regine vedove di Navarra che esercitavano pressioni su Giovanni II per conto di Carlo II di Navarra. Alla fine Giovanni II cedette e il 31 maggio accettò di perdonare Carlo di Navarra[18].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

A luglio il Duca di Borbone e il Cancelliere si incontrarono con gli ambasciatori inglesi per negoziare l'estensione della tregua. Poiché entrambi i governi francese e inglese avevano deciso di riprendere la guerra, questi negoziati furono abbastanza vuoti e infruttuosi.
Infatti la guerra riprese ed il principe di Galles, Edoardo il Principe Nero, dalla Guascogna si spinse a nord e se avesse attraversato la Loira, avrebbe potuto ricongiungersi al padre, Edoardo III d'Inghilterra, che era sbarcato in Normandia, fu affrontato dall'esercito francese a Poitiers, il 19 settembre 1356, dove i francesi furono sconfitti, il re Giovanni II di Francia col figlio Filippo l'Ardito ed il fratello, Giacomo I di Borbone-La Marche, ed il figlio illegittimo di Pietro, Giovanni, furono fatto prigionieri; durante la battaglia, Pietro perse la vita[19]; il suo corpo fu trasportato a Parigi e sepolto nella Chiesa dei Giacobini (fr:Couvent des Jacobins (rue Saint-Jacques))[14].Nei suoi titoli gli succedette l'unico figlio maschio, Luigi, come Luigi II[14].

Matrimonio e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Pietro, secondo la Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, il 25 gennaio 1336, aveva sposato Isabella di Valois (1313-1383), figlia del conte di Valois, Conte di Angiò e del Maine, conte d'Alençon e conte di Chartres, che fu anche Imperatore consorte titolare dell'Impero Romano d'Oriente e re titolare d'Aragona, Carlo di Valois e della sua terza moglie, Matilde di Châtillon[14]; anche la Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle riporta la notizia del matrimonio di Pietro e Isabella, avvenuto al Bois de Vincennes[20]. Pietro da Isabella ebbe otto figli[21][22]:

Pietro, da un'amante di cui non conosciamo né il nome né gli ascendenti ebbe anche un figlio illegittimo[24][26]:

  • Giovanni († 1375), signore di Rovchefort

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi IX di Francia Luigi VIII di Francia  
 
Bianca di Castiglia  
Roberto di Clermont  
Margherita di Provenza Raimondo Berengario IV di Provenza  
 
Beatrice di Savoia  
Luigi I di Borbone  
Giovanni di Borgogna-Borbone Ugo IV di Borgogna  
 
Yolanda di Dreux  
Beatrice di Borgogna-Borbone  
Agnese di Borbone-Dampierre Arcimbaldo IX di Borbone  
 
Iolanda di Châtillon-Nevers  
Pietro I di Borbone  
Giovanni I d'Avesnes Bouchard IV d'Avesnes  
 
Margherita II delle Fiandre  
Giovanni II d'Avesnes  
Adelaide d'Olanda Floris IV d'Olanda  
 
Matilde di Brabante  
Maria d'Avesnes  
Enrico V di Lussemburgo Valerano III di Limburgo  
 
Ermesinda di Lussemburgo  
Filippa di Lussemburgo  
Margherita di Bar Enrico II di Bar  
 
Filippa di Dreux  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 203
  2. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 298
  3. ^ a b (LA) Chronologia Johannes de Bek, cap. 78a, pag 255
  4. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 178 e 179
  5. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 296
  6. ^ (FR) #ES Histoire généalogique des ducs de Bourgogne de la maison de France, pag. 95
  7. ^ Père Anselme, Histoire généalogique de la maison royale de la France et des grands officiers de la couronne, VIII, Parigi, Compagnie des libraires associez, 1733 [1692], p. 407.
  8. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 297
  9. ^ (LA) #ES Obituaires de la province de Sens. Tome 1,Partie 2, Chartreux de Vauvert, pag. 698
  10. ^ (LA) #ES Obituaires de la province de Sens. Tome 1,Partie 2, Sainte-Chapelle, pag. 816
  11. ^ Sumption,  p. 387
  12. ^ Sumption,  p. 396
  13. ^ Sumption,  p. 436
  14. ^ a b c d e f g h i j (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 299
  15. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 208
  16. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 211 e 212
  17. ^ (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Comtes de La Marche, pag. 318
  18. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 213 e 214
  19. ^ (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pagg. 215 e 216
  20. ^ (FR) #ES Chronique parisienne anonyme du XIVe siècle, par. 91, pag. 72
  21. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy: DUKES of BOURBON 1327-1527 (CAPET) - PIERRE de Clermont
  22. ^ (EN) Capet 22 - Pierre I #ES Genealogy: Capet 22 - Pierre I
  23. ^ a b c d (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 216
  24. ^ a b c d e (FR) #ES Histoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, Ducs de Bourbon, pag. 300
  25. ^ (FR) #ES Chronique des règnes de Jean II et de Charles V. Tome 1, pag. 249
  26. ^ a b c (FR) #ES Histoire du Bourbonnais et des Bourbons qui l'ont possédé, Volume 1, pag. 217
  27. ^ (FR) #ES Titres de la maison ducale de Bourbon, doc. 3793, pagg. 38 e 39

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura storiografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]