Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo di Borbone-Due Sicilie
Capo del casato di Borbone-Due Sicilie (disputato)
Duca di Calabria
Conte di Caserta
Infante di Spagna
Predecessore infante Alfonso
Successore principe Pietro
Nome completo Carlos María Alfonso Marcelo
Nascita Losanna, Svizzera, 16 gennaio 1938
Morte Retuerta del Bullaque, Spagna, 5 ottobre 2015 (77 anni)
Luogo di sepoltura Monastero dell'Escorial
Padre infante Alfonso, duca di Calabria
Madre principessa Alice di Borbone-Parma
Consorte principessa Anna d'Orléans
Figli principessa Cristina
Maria, arciduchessa d'Austria
principe Pedro, duca di Noto
principessa Inés
principessa Victoria

Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie y Borbone-Parma, Infante di Spagna, Duca di Calabria (nome completo: Carlos María Alfonso Marcelo; Losanna, 16 gennaio 1938Retuerta del Bullaque, 5 ottobre 2015[1]), è stato un principe della dinastia dei Borbone-Due Sicilie. Fu pretendente al trono del Regno delle Due Sicilie, disputato con Carlo di Borbone-Due Sicilie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'Infante di Spagna Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie (già principe delle Asturie 1904-1907) e della principessa Alice di Borbone-Parma, è stato uno dei due pretendenti al trono delle Due Sicilie e al Gran Magistero dell'Ordine costantiniano di San Giorgio così come di tutti gli altri ordini equestri duo-siciliani; l'altro pretendente era suo cugino Carlo di Borbone-Due Sicilie duca di Castro. Questo dissidio è sorto negli anni sessanta quando suo padre l'Infante Alfonso Maria contestò la validità dell'Atto di Cannes, firmato dal proprio padre Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie per sposare Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna.

La famiglia di Don Carlos Maria si trasferì in Spagna l'anno dopo la sua nascita e nel 1948 fu scelto dall'infante Giovanni, Conte di Barcellona e dal generalissimo Francisco Franco per entrare assieme all'allora principe Juan Carlos in una scuola speciale preparata per l'erede al trono. Il principe Carlos ha vissuto a Madrid con la famiglia, dedicandosi alle sue proprietà agrarie a Toledo e Ciudad Real (ma il principe possedeva anche importanti quote azionarie in società come Repsol o Telefónica) e svolgendo incarichi per conto dello stesso sovrano spagnolo, come, ad esempio, quello di presidente del Consiglio Reale degli Ordini militari di Santiago, di Calatrava, di Alcántara e di Montesa. Fu per lungo periodo anche Cavaliere "Decano" dell'Ordine del Toson d'Oro di Spagna (la prestigiosissima onorificenza gli fu concessa il 25 di febbraio 1964).

Dopo il suo trapasso è stato sepolto presso il Monastero dell'Escorial nel Pantheon degli Infanti di Spagna, ottenendo i funerali di Stato sia per il proprio rango che per desiderio esplicito del Re Filippo VI di Spagna[2]. Lo stesso monarca spagnolo, accompagnando la famiglia Borbone Due Sicilie, in prima persona vi partecipò insieme alla Regina consorte di Spagna Letizia, i sovrani emeriti Don Juan Carlos I e Doña Sofia, l'Infanta Elena di Borbone-Spagna, Luigi Alfonso di Borbone-Dampierre Duca d'Angiò, e numerosi altri aristocratici ed alte personalità.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965 sposò la principessa Anna d'Orléans (1938 - viv.), figlia di Enrico d'Orléans conte di Parigi e di Isabella d'Orléans-Braganza: si erano incontrati ad Atene nel 1962, in occasione delle nozze di Juan Carlos di Spagna con Sofia di Grecia. A causa delle dispute dinastiche intestine alla casa delle due Sicilie, il matrimonio venne ostacolato dal conte di Parigi, che sosteneva i diritti dell'altro pretendente.

La coppia ha avuto cinque figli:

  • Principessa Cristina di Borbone-Due Sicilie (nata nel 1966 a Madrid), sposatasi nel 1994 a Ciudad Real con Pedro López-Quesada y Fernández Urrutia (nato nel 1964)
    • Victoria Lopez-Quesada y de Borbón-Dos Sicilias (n. 1997)
    • Pedro Lopez-Quesada y de Bórbon-Dos Sicilias (n. 2003)
  • Principessa Maria di Borbone-Due Sicilie (nata nel 1967 a Madrid), sposatasi nel 1996 a Ciudad Real con l'Arciduca Simeone d'Austria (n 1958), nipote di Carlo I d'Austria.
    • Arciduca Giovanni d'Austria (n. 1997)
    • Arciduca Ludovico d'Austria (n. 1998)
    • Arciduchessa Isabella d'Austria (n. 2000)
    • Arciduchessa Carlotta d'Austria (n. 2003)
    • Arciduca Filippo d'Austria (n. 2007)
  • Principe Pietro, Duca di Noto (nato nel 1968 a Madrid), sposatosi con la Nobile Sofía de Landaluce y Melgarejo (n. 1973) nel 2001 a Madrid.
    • Principe Giacomo di Borbone-Due Sicilie (n. 1993), Duca di Capua
    • Principe Giovanni di Borbone-Due Sicilie (n. 2003)
    • Principe Paolo di Borbone-Due Sicilie (n. 2004)
    • Principe Pietro di Borbone-Due Sicilie (n. 2007)
    • Principessa Sofia di Borbone-Due Sicilie (n. 2008)
    • Principessa Bianca di Borbone-Due Sicilie (n. 2011)
  • Principessa Agnese Maria di Borbone-Due Sicilie (nata nel 1971 a Madrid), sposatasi nel 2001 a Toledo con l'aristocratico napoletano Nobile Michele Carrelli Palombi dei Marchesi di Raiano (n. 1965)
    • Nobile Teresa Carrelli Palombi dei Marchesi di Raiano (n 2003)
    • Nobile Bianca Carrelli Palombi dei Marchesi di Raiano (n. 2005)
  • Principessa Vittoria di Borbone-Due Sicilie (nata nel 1976 a Madrid), sposatasi con l'armatore greco Markos Nomikos (n. 1965) nel 2003.
    • Anastasios Nomikos (n. 2005)
    • Ana Nomikos (n. 2006)
    • Carlos Nomikos (n. 2008)

Disputa dinastica[modifica | modifica wikitesto]

La sua pretesa al trono del Regno delle Due Sicilie, è disputata con il cugino Carlo di Borbone-Due Sicilie, duca di Castro.

Un aperto riconoscimento teso ad estinguere la disputa in favore del ramo di Alfonso Maria, dunque, in merito alla posizione dello stesso Don Carlos Maria, nonché sulla titolarità del Gran Magistero dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio e di tutti gli altri ordini dinastici dei Borbone Due Sicilie, è però giunto da parte della Corona di Spagna e dall'ordinamento giuridico spagnolo. Infatti, in data 8 marzo 1984, il Marchese di Mondéjar, Ministro della Real Casa, promulgò una lettera[3] che attestava i risultati della consultazione richiesta dal Re di Spagna, Juan Carlos I, riguardo la successione disputata. In tale circostanza furono interpellati i seguenti enti governativi spagnoli: il Ministero di Giustizia, la Reale Accademia di Giurisprudenza e Legislazione, il Ministero degli Affari Esteri, l'Istituto "Salazar y Castro" del Consiglio Superiore di Investigazioni Scientifiche, ed infine il Consiglio di Stato. Seguirono ulteriori bollettini sempre in favore del ramo "alfonsino", ad esempio Instrucción General 06/12 del Ministero della Difesa di Spagna[4], e l'Orden Circular del Ministero degli Esteri spagnolo (n. 4/2014)[5]. Proprio in virtù dei precedenti pronunciamenti, nel corso della propria vita, Don Carlos Maria, ebbe numerosi incarichi istituzionali, come nel seguito verrà specificato.

Il 25 gennaio 2014 è stato firmato a Napoli un atto di riconciliazione tra i due rami della famiglia in cui si riconoscono mutualmente i loro titoli[6][7].

Alla sua morte nel 2015 capo della casata, duca di Calabria e conte di Caserta è divenuto il figlio Pietro di Borbone-Due Sicilie.

Il patto di riconciliazione è stato poi rotto dopo che l'altro pretendente ai titoli duo-siciliani, il duca di Castro Carlo, il 14 maggio 2016, emise un editto che modificava la secolare legge salica di successione, non disponendo di eredi maschi. Lo stesso atto è stato contestato da Pietro di Borbone-Due Sicilie, figlio di Don Carlos Maria, essendo ritenuto invalido.

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe Carlo è stato creato Infante di Spagna dal cugino, Re Juan Carlos I, con Regio Decreto 2412 datato 16 dicembre 1994[8]. Il titolo completo e ufficiale del principe Carlo era: Sua Altezza Reale Don Carlos María Alfonso Marcelo de Borbón-Dos Sicilias y de Borbón-Parma, Infante di Spagna, Principe delle Due Sicilie, Duca di Calabria, Conte di Caserta. A seguito delle rinunce delle sorelle e delle zie di Re Juan Carlos, secondo l'attuale Costituzione di Spagna, Carlo è stato il primo in linea di successione dinastica per il trono spagnolo dopo i figli e i nipoti di Juan Carlos I.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

In quanto Infante di Spagna, godeva del privilegio di alloggiare nelle sue visite a Roma presso l'Ambasciata iberica sita in Piazza di Spagna.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie Padre:
Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie
Nonno paterno:
Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie
Bisnonno paterno:
Alfonso di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Ferdinando II delle Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo-Teschen
Bisnonna paterna:
Maria Antonietta di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Francesco di Borbone-Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Isabella d'Asburgo-Lorena
Nonna paterna:
Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna
Bisnonno paterno:
Alfonso XII di Spagna
Trisnonno paterno:
Francesco d'Assisi di Borbone-Spagna
Trisnonna paterna:
Isabella II di Spagna
Bisnonna paterna:
Maria Cristina d'Asburgo-Teschen
Trisnonno paterno:
Carlo Ferdinando d'Austria-Teschen
Trisnonna paterna:
Elisabetta Francesca d'Asburgo-Lorena
Madre:
Alice di Borbone-Parma
Nonno materno:
Elia di Borbone-Parma
Bisnonno materno:
Roberto I di Parma
Trisnonno materno:
Carlo III di Parma
Trisnonna materna:
Luisa Maria di Borbone-Francia
Bisnonna materna:
Maria Pia di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno materno:
Ferdinando II delle Due Sicilie
Trisnonna materna:
Maria Teresa d'Asburgo-Teschen
Nonna materna:
Maria Anna d'Austria
Bisnonno materno:
Federico d'Asburgo-Teschen
Trisnonno materno:
Carlo Ferdinando d'Asburgo-Teschen
Trisnonna materna:
Elisabetta Francesca d'Asburgo-Lorena
Bisnonna materna:
Isabella di Croÿ
Trisnonno materno:
Rodolfo, XI Duca di Croÿ
Trisnonna materna:
Natalie di Ligne

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie, Infante di Spagna, Principe delle Due Sicilie, duca di Calabria
Coat of arms of Carlos Maria of Bourbon-Two Sicilies (External Ornaments as Infante of Spain).svg
Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
— [9]
Gran Maestro  dell'Insigne Real Ordine di San Gennaro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Insigne Real Ordine di San Gennaro
— [10]
Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito
Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione
Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (ramo spagnolo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (ramo spagnolo)
— 25 febbraio 1964[11]
Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa
— 8 dicembre 1983[12]
Commendatore Maggiore de la Ordine militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Maggiore de la Ordine militare di Alcántara
— 1982[13][14]
Presidente del Consiglio Reale degli Ordini Militari - nastrino per uniforme ordinaria Presidente del Consiglio Reale degli Ordini Militari
— 1993[15]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare con distintivo bianco (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Militare con distintivo bianco (Spagna)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Navale con distintivo bianco (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Navale con distintivo bianco (Spagna)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Agricolo (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito Agricolo (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Valencia (Spagna)
— 1967[16]
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere Protettore ("Caballero Protector") del Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria di Siviglia (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria di Ronda (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria di Granada (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria di Saragozza (Spagna)
immagine del nastrino non ancora presente Primo Cavaliere ("Primer Caballero") del Real Cuerpo de la Nobleza de Cataluña (Spagna)
Cavaliere Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe (Ordine dinastico messicano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Nostra Signora di Guadalupe (Ordine dinastico messicano)
Fascia ("Banda") dell'Ordine Messicano dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria Fascia ("Banda") dell'Ordine Messicano dell'Aquila Azteca (Messico)
Cavaliere Gran Croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević (Serbia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Gran Croce dell'Ordine della Stella dei Karađorđević (Serbia)

Altre Distinzioni

  • Cavaliere Confratello d'Onore ("Caballero cofrade de honor") de la Real, Muy Antigua e Ilustre Cofradía de Caballeros Cubicularios de San Ildefonso y San Atilano de Zamora (Spagna).
  • Presidente Onorario della Real Asociación de Hidalgos de España (attuale ente che raggruppa la storica nobiltà dei Fueros di Spagna).
  • Cavaliere della Real Hermandad del Santo Cáliz de Valencia.
  • Confratello Maggiore Onorario ("Hermano Mayor Honorario") dell'Ilustrísima, Venerable y Antigua Hermandad y Cofradía del Santísimo Sacramento, Ánimas Benditas y Nuestra Señora de la Paz (Iglesia de Santiago el Real y de Refugio, presso Jerez de la Frontera, Spagna).
  • Presidente dei Protettori del Reale Museo Navale di Madrid (Spagna).
  • Presidente della Confederación Iberoamericana de Fundaciones di Madrid (Spagna).
  • Presidente del ramo spagnolo del Collegi del Mondo Unito.
  • Presidente del WWF di Spagna.
  • Protettore della Fondazione San Benito de Alcántara (Spagna).
  • Protettore della Fondazione Banesto (Spagna).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Mábel Galaz, Muere Carlos Borbón-Dos Sicilias, in El Pais, 6 ottobre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  2. ^ http://www.elmundo.es/loc/2015/10/07/5614f88cca4741ca7d8b4645.html
  3. ^ Lettera 8 Marzo 1984: http://www.constantinianorder.org/printable/downloads/0013_mondejar.pdf
  4. ^ Trascrizione in lingua Castigliana: http://www.docelinajes.org/2013/05/comentarios-a-la-instruccion-general-0612-del-jeme-del-ejercito-de-tierra-sobre-autorizacion-de-uso-en-el-uniforme-de-recompensas-civiles-y-militares/
  5. ^ Orden Circular 4/2014 del Ministeriode Asuntos Exteriores y de Cooperacion: http://smocsgtoscana.altervista.org/joomla/images/stories/circolareoriginalversion.pdf
  6. ^ Real Casa di Borbone
  7. ^ Notiziario araldico
  8. ^ Real Decreto 2412/1994
  9. ^ Membri del Sacro Militare Ordine Constantiniano di San Giorgio
  10. ^ Insigne e Reale Ordine di San Gennaro
  11. ^ "Del Imperio a la Unión Europea: La huella de Otto de Habsburgo en el siglo XX. Escrito por Ramón Pérez-Maura"
  12. ^ Doce Linajes de Soria
  13. ^ Commendatores Maggiores de la Ordine di Alcántara
  14. ^ Presidentes del Consiglio Reale delle Ordine Militare Spagnolo
  15. ^ Presidentes del Consiglio Reale delle Ordine Militare Spagnolo
  16. ^ Come attestato da sito ufficiale nella categoria "Persone Reali": http://www.rmcv.es/historia/la-corona/personas-reales
Predecessore Capo della Casa Borbone-Due Sicilie (disputato) Successore
Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie Capo della Casa
1964 - 2015
Pietro di Borbone-Due Sicilie
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie