Roberto I di Parma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Roberto I di Parma
Roberto I di Parma in una fotografia del 2 gennaio 1900
Duca di Parma e Piacenza
Stemma
Stemma
In carica27 marzo 1854 –
9 giugno 1859
PredecessoreCarlo III
SuccessoreTitolo abolito
(Annessione del Ducato di Parma e Piacenza al Regno di Sardegna)
Nome completoRoberto Carlo Luigi Maria di Borbone-Parma
TrattamentoSua Altezza Reale
NascitaFirenze, 9 luglio 1848
MorteVilla delle Pianore, 16 novembre 1907 (59 anni)
Casa realeBorbone di Parma
PadreCarlo III di Parma
MadreLuisa Maria di Francia
ConsortiMaria Pia delle Due Sicilie
Maria Antonia di Portogallo
FigliMaria Luisa
Ferdinando
Luisa Maria
Enrico
Maria Immacolata
Giuseppe
Maria Teresa
Maria Pia
Maria Beatrice
Elia
Maria Anastasia
Augusto
Maria Adelaide
Sisto
Saverio
Maria Francesca
Zita
Felice
Renato
Maria Antonia
Isabella
Luigi
Enrichetta
Gaetano
ReligioneCattolicesimo

Roberto I di Parma (Firenze, 9 luglio 1848Villa delle Pianore, 16 novembre 1907) è stato duca di Parma e Piacenza dal 1854 fino all'annessione del suo Ducato da parte del Regno di Sardegna nel 1859 con il nome di Roberto I, in seguito fu pretendente al trono fino alla morte[senza fonte].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Roberto I, duca di Parma e Piacenza, con la madre, Luisa Maria di Francia. Data l'età del duca, fu lei ad esercitare la reggenza per conto del figlio.

Nato a Firenze, Roberto era figlio di Carlo III e Luisa Maria di Borbone-Francia, figlia di Carlo duca di Berry, figlio a sua volta di Carlo X di Francia. Succedette al padre sul trono del ducato nel 1854, dopo il suo assassinio.

Ascesa[modifica | modifica wikitesto]

Aveva solo sei anni e quindi regnò sotto tutela della madre reggente Luisa Maria di Borbone-Francia, sorella del conte di Chambord. La duchessa congedò alcuni fra i più reazionari collaboratori del marito, ma venne sorpresa dai moti mazziniani del luglio 1854 e ripiegò su una politica duramente repressiva, che continuò sino alla Seconda guerra di indipendenza.

Roberto venne deposto nel 1859, ad undici anni, quando, allo scoppio della Seconda guerra di indipendenza, la madre preferì espatriare nel Regno Lombardo-Veneto, in attesa dell'esito della guerra. Dopo l'armistizio di Villafranca, ed in seguito a un plebiscito celebrato nel 1860, tutto il ducato, assieme a Modena e alla Toscana, fu annesso al Regno di Sardegna, a formare in seguito il Regno d'Italia.

Ultimi anni e morte[modifica | modifica wikitesto]

Malgrado la perdita del trono, Roberto e la sua famiglia beneficiarono di un considerevole patrimonio, viaggiando con treni privati di più di una dozzina di carrozze dal proprio castello a Schwarzau am Steinfeld vicino a Vienna, fino a Villa Pianore in Provincia di Lucca e al magnifico castello di Chambord in Francia.

Roberto morì presso la Villa delle Pianore, Parrocchia di Monteggiori il 16 novembre 1907 ed è sepolto a Viareggio nella Cappella Borbone.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia di Roberto I, duca di Parma. Da sinistra a destra, prima fila: Immacolata, Antonia, Isabella, Roberto, Enrichetta, Luigi, Gaetano, Maria Antonia, Renato, Zita. Da sinistra a destra, seconda fila: Francesca, Pia, Luisa, Adelaide, Teresa, Giuseppe, Saverio, Enrico, Sisto, Felice. Villa Pianore, 1906.

Nel 1869, in esilio, sposò la principessa Maria Pia di Borbone-Due Sicilie, che morì di parto dopo aver dato alla luce il dodicesimo dei suoi figli:

  1. Principessa Maria Luisa (1870-1899): andò sposa a Ferdinando I di Bulgaria, ebbe figli;
  2. Principe Ferdinando (5 marzo 1871 - 14 aprile 1871): erede dinastico, morì nell'infanzia;
  3. Principessa Luisa Maria (1872-1943): era affetta da una patologia psichica e morì nubile;
  4. Principe Enrico (1873-1939): legittimo pretendente al trono ducale di Parma in quanto primo figlio maschio sopravvissuto, era mentalmente ritardato e dal 1907, ovvero dalla morte del padre, il fratello Elia si prese il titolo di successore, anche se Enrico continuò ad essere riconosciuto dai monarchici come erede. Tenne il titolo fino alla morte;
  5. Principessa Maria Immacolata (1874-1914): era affetta da una patologia psichica e morì nubile;
  6. Principe Giuseppe (1875-1950): legittimo pretendente al trono ducale di Parma dal 1939 alla morte come successore di Enrico, anch'egli era affetto da una patologia psichica; nonostante fosse il legittimo successore di Enrico, suo fratello Elia continuò a mantenere il titolo di reggente, ma Giuseppe continuò ad essere considerato come erede. Mantenne il titolo fino alla morte;
  7. Principessa Maria Teresa (1876-1959): era affetta da una patologia psichica e morì nubile;
  8. Principessa Maria Pia (1877-1915): era affetta da una patologia psichica e morì nubile;
  9. Principessa Beatrice (1879-1946): andò in sposa al conte Pietro Lucchesi Palli, ebbe figli;
  10. Principe Elia (1880-1959): pretendente al trono ducale di Parma, si mise alla testa della famiglia ducale di Parma dal 1950 alla morte, prendendo il titolo di duca. Sposò l'arciduchessa Maria Anna d'Austria, ebbe figli;
  11. Principessa Maria Anastasia (25 agosto 1881 - 7 settembre 1881): morì nell'infanzia;
  12. Principe Augusto (22 settembre 1882): morì lo stesso giorno della nascita e pochi giorni dopo morì anche la madre.

Dopo la morte della prima moglie, Roberto I si risposò nel 1884 con Maria Antonia di Braganza. Da lei ebbe altri dodici figli:

  1. Principessa Maria Adelaide (1885-1959): divenne monaca benedettina nel monastero di Solesmes (Francia);
  2. Principe Sisto (1886-1934): sposò la principessa Hedwige de La Rochefoucauld ed ebbe una figlia, Isabella;
  3. Principe Saverio (1889-1977): sposò la contessa Maddalena di Borbone-Busset. Pretendente carlista al trono di Spagna dal 1952. Fu pretendente al trono di Parma dal 1974 alla morte, avvenuta nel 1977, ebbe figli;
  4. Principessa Maria Francesca (1890-1978): divenne monaca benedettina nel monastero di Solesmes;
  5. Principessa Zita (1892-1989): andò in sposa all'imperatore Carlo I d'Austria, ebbe figli;
  6. Principe Felice (1893-1970): sposò la granduchessa Carlotta di Lussemburgo, sua cugina di primo grado, in quanto le loro madri erano sorelle, ebbe figli;
  7. Principe Renato (1894-1962): sposò la principessa Margherita di Danimarca, ebbe figli;
  8. Principessa Maria Antonia (1895-1977): divenne monaca benedettina nel monastero di Solesmes (Francia);
  9. Principessa Isabella (1898-1984): morì nubile;
  10. Principe Luigi (1899-1967): sposò la principessa Maria Francesca di Savoia, ebbe figli;
  11. Principessa Enrichetta (1903-1987): morì nubile;
  12. Principe Gaetano (1905-1958): sposò la principessa Margherita di Thurn und Taxis. Ebbero una figlia, Diana, e divorziarono a Budapest il 24 gennaio 1940.

Meno di quattro mesi dopo la morte del duca Roberto, nel novembre 1907 il Grande Maresciallo della Corte Austriaca dichiarò sei dei nove figli superstiti (su dodici) del primo matrimonio di Roberto I legalmente incapaci in quanto mentalmente ritardati, probabilmente per una malattia genetica, per volere della vedova, la duchessa Maria Antonia; essi vennero affidati al fratello Elia, che ne divenne il tutore legale. Elia servì nelle forze armate austriache, Sisto e Saverio servirono nell'esercito belga e durante la prima guerra mondiale combatterono su fronti opposti.

La discendenza del Duca dalla fine del XX secolo regna sul Granducato di Lussemburgo[1].

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]


Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ludovico di Borbone Ferdinando I di Parma  
 
Maria Amalia d'Asburgo-Lorena  
Carlo II di Parma  
Maria Luisa di Borbone-Spagna Carlo IV di Spagna  
 
Maria Luisa di Borbone-Parma  
Carlo III di Parma  
Vittorio Emanuele I di Savoia Vittorio Amedeo III di Savoia  
 
Maria Antonietta di Spagna  
Maria Teresa di Savoia  
Maria Teresa d'Austria-Este Ferdinando d'Asburgo-Este  
 
Maria Beatrice d'Este  
Roberto I di Parma  
Carlo X di Francia Luigi Ferdinando di Borbone-Francia  
 
Maria Giuseppina di Sassonia  
Carlo di Borbone-Francia  
Maria Teresa di Savoia Vittorio Amedeo III di Savoia  
 
Maria Antonietta di Borbone-Spagna  
Luisa Maria di Borbone-Francia  
Francesco I delle Due Sicilie Ferdinando I delle Due Sicilie  
 
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena  
Carolina di Borbone-Due Sicilie  
Maria Clementina d'Asburgo-Lorena Leopoldo II d'Asburgo-Lorena  
 
Maria Luisa di Borbone-Spagna  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro del S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine del Merito di San Lodovico - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine di San Giorgio al Merito Militare - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dei Benemeriti del Principe e dello Stato - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dei benemeriti della sanità pubblica - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) La Famille Grande-Ducale. S.A.R. le Prince Félix de Bourbon-Parme, su monarchie.lu, Casa del Granduca. URL consultato il 16 agosto 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Parma e Piacenza Successore
Carlo III di Parma 1854 – 1859 annessione al Regno d'Italia
Predecessore Pretendente al trono del ducato di Parma e Piacenza Successore
Titolo inesistente 1859 – 1907 Enrico di Borbone-Parma
Predecessore Pretendente al trono del regno d'Etruria Successore
Ludovico II 1883 – 1907 Enrico di Borbone-Parma
Controllo di autoritàVIAF (EN80587096 · ISNI (EN0000 0001 0837 5550 · SBN UBOV056567 · BAV 495/29276 · LCCN (ENno2007113821 · GND (DE129125903 · BNF (FRcb16648385t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2007113821