Carlo di Borbone-Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando Carlo di Borbone-Due Sicilie (1908-1936), vedi Carlo di Borbone-Due Sicilie Orleans.
Carlo di Borbone-Due Sicilie
Capo del Casato di Borbone-Due Sicilie (disputato)
Stemma
In carica 20 marzo 2008
Predecessore Principe Ferdinando
Nome completo Carlo Maria Bernardo Gennaro
Nascita Saint-Raphaël, Francia, 24 febbraio 1963
Dinastia Borbone-Due Sicilie
Padre Principe Ferdinando, Duca di Castro
Madre Chantal de Chevron-Villette
Consorte Camilla Crociani
Figli Maria Carolina
Maria Chiara
Religione cristiana-cattolica

Carlo di Borbone-Due Sicilie, duca di Castro (Saint-Raphaël, 24 febbraio 1963), è uno dei due pretendenti al trono del Regno delle Due Sicilie in concorrenza con suo cugino, morto agli inizi di ottobre del 2015 Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie, duca di Calabria e infante di Spagna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo è nato a Saint-Raphaël in Francia unico figlio maschio di Ferdinando, duca di Castro e di sua moglie Chantal de Chevron-Villette. Battezzato con i nomi di Charles Marie Bernarde Gennaro, portò il titolo di duca di Noto fino al 1973, anno della morte del nonno Ranieri di Borbone-Due Sicilie, e successivamente il titolo di duca di Calabria, sino al 2008, anno della morte del padre, quando ne ereditò il titolo di duca di Castro. Ha studiato presso i Fratelli Maristi a Tolone, in Francia, e presso il Collège Stanislas de Paris a Nizza; dopo l'università a Parigi ha lavorato per tre anni a New York per una ditta di pubbliche relazioni.

Nel 1998 ha sposato Camilla Crociani, figlia dell'ex presidente di Finmeccanica Camillo Crociani, ha avuto da lei due figlie, Maria Carolina Chantal Edoarda Beatrice Gennara (nata a Roma nel 2003) e Maria Chiara Amalia Carola Luisa Carmen (nata a Roma nel 2005). Vivono tra Parigi, Roma e Montecarlo.

Disputa dinastica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2008 alla morte del padre, è diventato pretendente al trono delle Due Sicilie del ramo francese in concorrenza con il cugino Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie (morto agli inizi di ottobre del 2015): secondo i suoi sostenitori, con l'atto di Cannes il principe Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie avrebbe rinunciato alle pretese sulla successione al trono per sé e per i suoi figli (atto non necessario, vigendo la Prammatica di re Carlo III del 1759, per divenire principe spagnolo e per poter sposare la principessa delle Asturie,allora erede solo presuntiva al trono, Maria de la Mercedes di Spagna), che sarebbero pertanto passate ai principi Ranieri e Ferdinando Maria, nonno e padre di Carlo[1]. Viceversa, gran parte degli storici e legittimisti secondo il diritto (vigendo la Prammatica Sanzione), in virtù della primogenitura farnesiana, riconosce il Duca di Calabria come Capo della Real Casa dei Borbone-Due Sicilie, l'infante Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie, nipote del principe Carlo Tancredi. La medesima posizione è quella di Juan Carlos di Spagna, cugino dei principi Borbone Due Sicilie, di Costantino di Grecia, e di Simeone di Bulgaria, dopo la pronuncia unanime di una commissione di Stato che, avendolo riconosciuto come Capo della Casa, lo ha nominato Infante di Spagna e Cavaliere del Toson d'Oro[2].

Carlo di Borbone-Due Sicilie, che non ha discendenza maschile, rivendica il gran magistero dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito, dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro, del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione e del Reale Ordine di Francesco I[3].

Il 25 gennaio 2014 è stato firmato a Napoli un atto di riconciliazione tra i due rami della famiglia[4], che mette fine a 50 anni di dispute, nella quale i contendenti si sono riconosciuti i rispettivi titoli: S.A.R. il Principe Don Carlo Maria Duca di Calabria e Conte di Caserta, mentre S.A.R.il Principe Carlo è stato riconosciuto Duca di Castro. Oggi, dopo la morte del Principe Carlos Maria il 5 ottobre 2015, il titolo dinastico di Duca di Calabria è passato a suo figlio S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone Due Sicilie - Orleans e, avendo questi numerosa discendenza maschile, ha passato al suo primogenito S.A.R. il Principe Don Giacomo di Borbone Due Sicilie il titolo di Duca di Noto.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlo di Borbone-Due Sicilie Padre:
Ferdinando di Borbone-Due Sicilie
Nonno paterno:
Ranieri di Borbone-Due Sicilie
Bisnonno paterno:
Alfonso di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Ferdinando II delle Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Teresa d'Asburgo-Teschen
Bisnonna paterna:
Maria Antonietta di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Francesco di Borbone-Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Isabella d'Asburgo-Lorena
Nonna paterna:
Maria Carolina Zamoyska
Bisnonno paterno:
Conte Andrzej Przemysław Zamoyski
Trisnonno paterno:
Conte Stanisław Kostka Andrzej Zamoyski
Trisnonna paterna:
Contessa Maria Eva Potocka
Bisnonna paterna:
Maria Carolina di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Francesco di Borbone-Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Isabella d'Asburgo-Lorena
Madre:
Chantal de Chevron-Villette
Nonno materno:
Conte Joseph Pierre de Chevron-Villette
Bisnonno materno:
Conte Charles Albert de Chevron-Villette
Trisnonno materno:
Conte Theophile Victor de Chevron-Villette
Trisnonna materna:
Idalie dei Baroni de Pougny de Guillet de Monthoux
Bisnonna materna:
Louise Fromentin de Saint Charles
Trisnonno materno:
Henri Fromentin de Saint Charles
Trisnonna materna:
Clemence Marie Justine Delocre
Nonna materna:
Marie Marguerite Maxime de Colbert-Cannet
Bisnonno materno:
Marchese Alphonse Édouardde de Colbert du Cannet
Trisnonno materno:
Conte Edouard de Colbert du Cannet
Trisnonna materna:
Contessa Caroline de Colbert Turgis
Bisnonna materna:
Anne Marie dei Baroni Brossier de La Roullière
Trisnonno materno:
Barone André Stephane Brossier de La Roullière
Trisnonna materna:
Louise Bayon de Liberta

Titoli principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Principe della Real Casa Borbone delle Due Sicilie[senza fonte]
  • Duca di Castro (dal 2008)

Onorificenze[5][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze borboniche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro ) titolo ancora condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro ) titolo ancora condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria
Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio titolo ancora condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio titolo ancora condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria
Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria
Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria
Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I titolo condiviso con S.A.R. il Duca di Calabria

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 29 luglio 1996[6]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di I classe dell'Ordine di Skanderbeg (Albania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I classe dell'Ordine di Skanderbeg (Albania)
— 2 dicembre 2013
Gran Croce dell'Ordine al merito di Antigua e Barbuda (Antigua e Barbuda) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine al merito di Antigua e Barbuda (Antigua e Barbuda)
— 2014
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Casa di Braganza) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Casa di Braganza)
— 6 febbraio 2014
Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Argento dell'Ordine del Principe Danilo I (Casa di Petrović-Njegoš) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Argento dell'Ordine del Principe Danilo I (Casa di Petrović-Njegoš)
— 20 gennaio 2006
Gran Croce dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine Militare della Croce di San Carlo (Colombia)
— 7 luglio 2013
Gran Croce d'Argento dell'Ordine Nazionale di Juan Mora Fernández (Costa Rica) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce d'Argento dell'Ordine Nazionale di Juan Mora Fernández (Costa Rica)
— 22 marzo 2004
Premio d'onore (Dominica) - nastrino per uniforme ordinaria Premio d'onore (Dominica)
— 2014
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al Merito (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al Merito (Libano)
— 24 marzo 2004
Grand'Ufficiale dell'ordine dei Grimaldi (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'ordine dei Grimaldi (Monaco)
— 17 novembre 2014[7]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Patriarcale della Santa Croce di Gerusalemme (Patriarca di Antiochia dei melkiti) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Patriarcale della Santa Croce di Gerusalemme (Patriarca di Antiochia dei melkiti)
— 1º novembre 2013
Gran Croce dell'Ordine di Vasco Núñez de Balboa (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Vasco Núñez de Balboa (Panama)
— 15 marzo 2004
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Agata (San Marino) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Agata (San Marino)
— 16 luglio 2010
immagine del nastrino non ancora presente Membro di I Classe dell'Ordine per Meriti Eccezionali (Siria)
— 23 marzo 2004
Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
— 4 febbraio 2004
Gran Croce di Classe Speciale dell'Ordine al Merito Melitense (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce di Classe Speciale dell'Ordine al Merito Melitense (SMOM)
— 5 dicembre 2013
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Reale di Tonga (Tonga) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata Reale di Tonga (Tonga)
— 27 febbraio 2012
immagine del nastrino non ancora presente Membro di I Classe con Collare dell’Ordine dell’Unificazione del 22 Maggio (Yemen)
— 25 marzo 2004
immagine del nastrino non ancora presente Ammiraglio Onorario della Marina del Texas
— 3 maggio 1994

Onorificenze dinastiche straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 31 ottobre 1998
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata
— 18 giugno 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (Disputed) Headship of the House of Bourbon-Two Sicilies In Defense of (Real) History: Who is the Head of the Royal House of Bourbon of the Two Sicilies? by Luigi Mendola.
  2. ^ The Succession to the Headship of the Royal House
  3. ^ Gli ultimi pretendenti al trono delle Due Sicilie
  4. ^ http://www.realcasadiborbone.it/atto-di-riconciliazione-dinastica-familiare/
  5. ^ Dal sito web del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  7. ^ Notizia dell'investitura

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Capo della Casa Reale delle due Sicilie (Disputato) Successore Coat of arms of the Kingdom of the Two Sicilies.svg
Ferdinando dal 2008 in carica