Juan Carlos I di Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Juan Carlos" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Juan Carlos (disambigua).
Juan Carlos
Rey Juan Carlos 2013.jpg
Juan Carlos nel 2013
Re di Spagna
Stemma
In carica 22 novembre 1975 - 19 giugno 2014 (38 anni, abdicazione)
Predecessore Francisco Franco (reggente)
Successore Filippo VI
Nome completo Juan Carlos Alfonso Víctor María de Borbón y Borbón-Dos Sicilias
Trattamento Sua Maestà
Nascita Roma, 5 gennaio 1938 (82 anni)
Casa reale Borbone di Spagna
Dinastia Borbone-Due Sicilie
Padre Giovanni di Borbone-Spagna
Madre Maria Mercedes di Borbone-Due Sicilie
Consorte Sofia di Grecia
Figli Elena
Cristina
Filippo VI
Religione Cattolica
Firma Juan Carlos I of Spain Signature.svg

Juan Carlos Alfonso Víctor María de Borbón y Borbón-Dos Sicilias, conosciuto anche come Giovanni Carlo I (Roma, 5 gennaio 1938), è stato re di Spagna dal 1975 al 2014, anno della sua abdicazione; detenne nominalmente la carica a partire dal 31 marzo 1947, pur essendo di fatto la Spagna una dittatura militare del reggente Francisco Franco fino al 1975.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma il 5 gennaio 1938 in una palazzina in viale Parioli 112 da Giovanni di Borbone-Spagna, conte di Barcellona e terzogenito maschio di Alfonso XIII, e da Maria Mercedes di Borbone-Due Sicilie, fu chiamato Juan Carlos Alfonso Víctor María de Borbón y Borbón-Dos Sicilias. Fino al 1942 visse in Italia, poi in Svizzera.

Nel 1947 il caudillo Francisco Franco dichiarò formalmente la Spagna una monarchia e si autonominò reggente. Con la rinuncia alla successione da parte dei due figli maggiori di Alfonso XIII, nel 1948 Juan Carlos si trovò ad essere il primo figlio maschio dell'erede al trono Giovanni (don Juan), e fu trasferito a Madrid per essere educato in vista del futuro ripristino della monarchia. Così dal 1955 al 1959 frequentò le tre accademie militari spagnole.

Nel marzo 1956, mentre Juan Carlos e il fratello Alfonso si trovavano nella residenza dei genitori, Villa Giralda a Estoril, Alfonso morì accidentalmente per un colpo d'arma da fuoco, mentre puliva un revolver.[1] Alcune indiscrezioni volevano che la pistola al momento dello sparo fosse nelle mani di Juan Carlos,[2] altre che Alfonso si trovasse fuori dalla stanza e, nell'atto d'entrarvi, spinse la porta aperta, cosicché questa sbatté contro il braccio di Juan Carlos facendo partire il colpo.[3]

Nel 1962 sposò la principessa Sofia di Grecia, sua cugina di terzo grado, figlia del re Paolo I di Grecia e di Federica di Hannover. Nel 1967, mentre assisteva al Gran Premio di Monaco, fu protagonista di un notevole atto di coraggio: insieme a Giancarlo Baghetti scavalcò le transenne e si lanciò in soccorso del comune amico Lorenzo Bandini, intrappolato nella sua Ferrari capovolta e in fiamme. Il loro esempio trascinò verso la vettura i pompieri monegaschi, convinti che il pilota fosse stato invece sbalzato in acqua durante l'impatto.

La designazione al trono[modifica | modifica wikitesto]

Juan Carlos di Borbone, principe di Spagna, nel 1971

Nel giugno 1969 Franco indicò Juan Carlos invece del padre Giovanni come erede della corona spagnola. La nomina fu ratificata dalle Cortes Españolas il 22 luglio 1969, e il giovane principe accettò e prestò giuramento lo stesso giorno di osservare le Leggi fondamentali del Regno e i principi del Movimiento Nacional. Questo portò a una rottura per alcuni anni dei rapporti tra i due.

Il peso politico di Juan Carlos aumentò nel 1973 quando Franco, i cui problemi di salute si aggravavano, lo nominò capo di Stato supplente, e una prima volta assunse il ruolo di capo di Stato tra il 19 luglio e il 2 settembre 1974.

Re di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Assunse le funzioni provvisorie di capo dello Stato il 30 ottobre 1975 e dopo la morte di Franco, il 22 novembre, fu proclamato re di Spagna dalle Cortes Españolas e incoronato il 27 novembre. Solo il 14 maggio 1977, il padre don Juan, conte di Barcellona, rinunciò ufficialmente ai suoi diritti dinastici sul trono.

Il suo operato fu decisivo durante la transizione spagnola, che portò al ripristino della democrazia con l'approvazione nel 1978 dell'attuale Costituzione democratica. Nel 1981 il sovrano si dimostrò deciso nello sventare un colpo di Stato organizzato da elementi della Guardia Civil e dell'esercito guidati dal tenente colonnello Antonio Tejero Molina, con un famoso discorso in televisione. Da Sofia ha avuto tre figli: le infante Elena e Cristina e l'erede al trono Filippo, poi re dal 19 giugno 2014 in seguito alla sua abdicazione.

Nel 1998 fu il primo capo di Stato straniero a leggere un discorso al Parlamento Italiano. Non volendo creare polemiche in patria, il 28 ottobre 2007 preferì non partecipare alla beatificazione di quasi 500 martiri della guerra civile spagnola.

L'11 novembre 2007 ebbe una discussione col presidente venezuelano Hugo Chávez, il quale durante il vertice ibero-americano aveva accusato José María Aznar di essere "un fascista" (per il suo appoggio politico al golpe di Pedro Carmona Estanga contro lo stesso Chavez); Juan Carlos intervenne in favore del suo ex premier chiedendo al leader venezuelano di tacere con il famoso "¿Por qué no te callas?".[4]

L'abdicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 giugno 2014 Mariano Rajoy annunciò la decisione di Juan Carlos di abdicare in favore del figlio Felipe. La scelta, poi, fu confermata dal re.[5] Il 18 giugno Juan Carlos firmò l'abdicazione.[6] L'indomani Felipe VI fu proclamato re di Spagna dinanzi alle Cortes, che il 18 giugno dello stesso anno avevano approvato una legge organica per ratificare la successione al trono[7]. Si trattava di una legge[8] che, tra l'altro, delimitava cronologicamente la durata dell'immunità dell'ex Capo dello Stato spagnolo[9], sancendo che non avrebbe potuto essere più invocata per i reati commessi a partire dal 19 giugno di quello stesso anno; in una riforma della legge organica della magistratura dell'11 luglio 2014, però, all'ex monarca è stato comunque riconosciuto il privilegio dell'aforamento, che lo sottopone (alla stregua di deputati, senatori, membri del governo e persino il vertice della magistratura) ad un tribunale legalmente superiore a quello ordinario[10].

Esilio volontario[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 agosto 2020, con una lettera[11] al figlio re Felipe, Juan Carlos ha annunciato la sua decisione di abbandonare la Spagna.[12] Secondo alcuni, il precipitoso esilio del re emerito è stato deciso per allontanarsi dalla magistratura spagnola, anche se i suoi legali hanno dichiarato che continua ad essere a disposizione della magistratura. Il 7 agosto la stampa spagnola ha riportato che il re emerito si trova presso l'hotel Emirate Palace di Abu Dhabi[13][14].

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale costituzione spagnola si riferisce alla monarchia come la corona di Spagna e il titolo costituzionale del sovrano è semplicemente rey/reina de España.[15] La legge costituzionale però accenna anche alla possibilità dell'uso degli altri titoli storici della monarchia iberica, senza tuttavia specificarli. Un decreto emanato il 6 novembre 1987[16] dal Consiglio dei ministri regola i titoli e il trattamento spettante ai membri della Casa reale: il sovrano ha il diritto di usare gli altri titoli appartenenti alla corona (El titular de la corona se denominará Rey o Reina de España y podrá utilizar los demás títulos que correspondan a la Corona, así como las otras dignidades nobiliarias que pertenezcan a la Casa Real). Contrariamente a quanto si crede, la serie completa dei titoli storici, che comprende oltre venti regni, non è attualmente in uso. L'insieme dei titoli feudali venne impiegato l'ultima volta nel 1836 da Isabella II di Spagna.

Juan Carlos aveva quindi, oltre al titolo di re di Spagna, i titoli di:

Dall'abdicazione, in Spagna, si è soliti appellare Juan Carlos come re emerito. Inoltre è Gran maestro emerito del Real Consiglio degli Ordini Militari.[17]

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso XII di Spagna Francesco d'Assisi di Borbone-Spagna  
 
Isabella II di Spagna  
Alfonso XIII di Spagna  
Maria Cristina d'Asburgo-Teschen Carlo Ferdinando d'Austria-Teschen  
 
Elisabetta Francesca d'Asburgo-Lorena  
Giovanni di Borbone-Spagna  
Enrico di Battenberg Alessandro d'Assia  
 
Julia von Hauke  
Vittoria Eugenia di Battenberg  
Beatrice di Sassonia-Coburgo-Gotha Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha  
 
Vittoria del Regno Unito  
Juan Carlos I di Spagna  
Alfonso di Borbone-Due Sicilie Ferdinando II delle Due Sicilie  
 
Maria Teresa d'Asburgo-Teschen  
Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie  
Maria Antonietta di Borbone-Due Sicilie Francesco di Borbone-Due Sicilie  
 
Maria Isabella d'Asburgo-Lorena  
Maria Mercedes di Borbone-Due Sicilie  
Luigi Filippo Alberto d'Orléans Ferdinando Filippo d'Orléans  
 
Elena di Meclemburgo-Schwerin  
Luisa d'Orléans  
Maria Isabella d'Orléans Antonio Maria Filippo Luigi d'Orleans  
 
Luisa Ferdinanda di Borbone-Spagna  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Il monogramma personale di re Juan Carlos I

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
— 15 gennaio 1941
Gran Maestro e Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Collare dell'Ordine di Carlo III
— 10 maggio 1962[18]
Gran Maestro dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Isabella la Cattolica
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito Civile
Gran Maestro dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio
Gran Maestro dell'Ordine di San Raimondo di Peñafort - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Raimondo di Peñafort
Gran Maestro dell'Ordine al merito costituzionale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al merito costituzionale
Gran Maestro dell'Ordine Civile della Solidarietà Sociale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile della Solidarietà Sociale
Gran Maestro dell'Ordine Civile della Salute - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile della Salute
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito delle Telecomunicazioni e delle Società d'Informazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito delle Telecomunicazioni e delle Società d'Informazione
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Postale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Postale
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione
Gran Maestro dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna
Gran Maestro dell'Ordine reale del merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine reale del merito sportivo
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Piano Nazionale Anti droghe - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Piano Nazionale Anti droghe
Gran Maestro dell'Ordine di Cisneros - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Cisneros
Sovrano dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria Sovrano dell'Ordine della regina Maria Luisa
Gran Maestro del Real Ordine del Riconoscimento Civile alle Vittime del Terrorismo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Real Ordine del Riconoscimento Civile alle Vittime del Terrorismo
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Ambientale - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Ambientale
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Guardia Civil - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Guardia Civil
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Polizia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Polizia
Gran Maestro dell'Ordine di San Ferdinando - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di San Ferdinando
Gran Maestro dell'Ordine di Sant'Ermenegildo - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Sant'Ermenegildo
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Santa Maria di Montesa - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Santa Maria di Montesa
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Alcántara
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Calatrava - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Militare di Calatrava
Gran Maestro dell'Ordine di Santiago - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Santiago

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Membro di Classe Athir dell'Ordine nazionale al merito (Algeria) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Athir dell'Ordine nazionale al merito (Algeria)
— 2 ottobre 2002
Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita)
— 1981
Collare dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina)
— 1º dicembre 1978[19]
Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 31 gennaio 1978
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
— 26 settembre 1978[20][21]
Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
— 16 maggio 1991[22]
Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Casa di Borbone - Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Insigne e Reale Ordine di San Gennaro (Casa di Borbone - Due Sicilie)
— [23]
Cavaliere di Gran Croce di Giustizia decorato con Gran Collare dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio di Napoli (Casa di Borbone - Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce di Giustizia decorato con Gran Collare dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio di Napoli (Casa di Borbone - Due Sicilie)
— 1960[24]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Casa di Braganza) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Casa di Braganza)
Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Casa Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Supremo della Santissima Annunziata (Casa Savoia)
— 1978[25]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Casa Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro (Casa Savoia)
— 1978
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Casa Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia (Casa Savoia)
— 1978
Collare dell'Ordine al Merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine al Merito (Cile)
— 4 giugno 2001[26]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Boyacá (Colombia)
— 1976
Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa (Corea del Sud)
— 1996
Cavaliere di Gran Croce d'Oro dell'Ordine Nazionale di Juan Mora Fernández (Costa Rica) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce d'Oro dell'Ordine Nazionale di Juan Mora Fernández (Costa Rica)
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca)
— 17 marzo 1980
Collare dell'Ordine di Zayed (Emirati Arabi Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Zayed (Emirati Arabi Uniti)
— maggio 2008
Gran Cordone dell'Ordine del Nilo (Egitto) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Nilo (Egitto)
— 18 febbraio 1997[27]
Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine Nazionale José Matías Delgado (El Salvador) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine Nazionale José Matías Delgado (El Salvador)
— 10 marzo 1997[28]
Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia)
— 9 luglio 2007[29]
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine della Rosa Bianca (Finlandia)
— 4 giugno 1975[30]
Gran Collare dell'Ordine di Lakandula (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Lakandula (Filippine)
— 3 dicembre 2007[31][32]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 28 giugno 1978[33]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale al Merito (Francia)
Membro dell'Ordine di Eccellenza (Giamaica) - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine di Eccellenza (Giamaica)
— 17 febbraio 2009[34]
Collare dell'Ordine del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Crisantemo (Giappone)
— 28 ottobre 1980[35][36]
Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Hussein ibn' Ali (Giordania)
— 26 marzo 1985[37]
Gran croce con Collare dell'Ordine Nazionale di Guinea Equatoriale - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce con Collare dell'Ordine Nazionale di Guinea Equatoriale
— 1979
Gran croce con stella d'oro dell'Ordine di Francisco Morazán (Honduras) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce con stella d'oro dell'Ordine di Francisco Morazán (Honduras)
— 13 settembre 1977
Cavaliere dell'Ordine di Salomone (Impero d'Etiopia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Salomone (Impero d'Etiopia)
Gran Collare dell'ordine dei Pahlavi (Impero d'Iran) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'ordine dei Pahlavi (Impero d'Iran)
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella della Repubblica (Indonesia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Stella della Repubblica (Indonesia)
— 1980
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana (Italia)
— 26 maggio 1980[38]
Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Mubarak il Grande (Kuwait)
— maggio 2008
Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di Gran Croce con Collare dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia)
— 16 ottobre 2004[39]
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al Merito (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine al Merito (Libano)
— 19 ottobre 2009[40]
Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
— 1º giugno 2005[41]
Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau (Lussemburgo)
— 9 luglio 1980[42][43][44]
Compagno d'Onore Onorario con Collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta) - nastrino per uniforme ordinaria Compagno d'Onore Onorario con Collare dell'Ordine Nazionale al Merito (Malta)
— 25 novembre 2009
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine della Sovranità (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine della Sovranità (Marocco)
— 25 settembre 1989[45]
Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico)
— 8 ottobre 1977[46]
Decorazione d'onore del Nepal (Nepal) - nastrino per uniforme ordinaria Decorazione d'onore del Nepal (Nepal)
— 19 settembre 1983[47]
Collare di Mahendra (Nepal) - nastrino per uniforme ordinaria Collare di Mahendra (Nepal)
— 19 settembre 1983[47]
Gran Commendatore dell'Ordine della Repubblica Federale di Nigeria (Nigeria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine della Repubblica Federale di Nigeria (Nigeria)
— 19 novembre 1991[48]
Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav (Norvegia)
— 14 aprile 1982
Membro di I Classe dell'Ordine militare dell'Oman - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine militare dell'Oman
— dicembre 1985
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Paesi Bassi)
— 8 ottobre 1985[49]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata d'Orange (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Casata d'Orange (Paesi Bassi)
— [50]
Gran Collare dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panama)
— 16 settembre 1977[51]
Cavaliere di Gran Croce Straordinaria dell'Ordine di Vasco Núñez de Balboa (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Straordinaria dell'Ordine di Vasco Núñez de Balboa (Panama)
— 27 aprile 1979[52][53]
Cavaliere di Gran Croce con Diamanti dell'Ordine del Sole del Perù (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Diamanti dell'Ordine del Sole del Perù (Perù)
— 5 luglio 2004[54]
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)
— 14 maggio 2001
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
— 20 maggio 1970
Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 17 aprile 1978
Gran Collare dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di San Giacomo della Spada (Portogallo)
— 11 ottobre 1978
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo)
— 13 ottobre 1988
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo)
— 23 agosto 1996
Gran Collare dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo)
— 11 settembre 2000
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo)
— 18 giugno 2007
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
— 13 maggio 1962[55]
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito)
— 17 ottobre 1988[56][57][58]
Royal Victorian Chain (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Royal Victorian Chain (Regno Unito)
— 22 aprile 1986
Medaglia commemorativa per il 2500º anniversario dell'impero persiano (Impero d'Iran) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa per il 2500º anniversario dell'impero persiano (Impero d'Iran)
— 14 ottobre 1971[59][60]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Impero Britannico (Regno Unito)
Collare dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Leone Bianco (Repubblica Ceca)
Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine di Cristoforo Colombo (Repubblica Dominicana) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine di Cristoforo Colombo (Repubblica Dominicana)
— 24 ottobre 1969[61]
Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Classe speciale della Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 19 aprile 1977
Ordine della Stella di Romania di I classe (Repubblica Socialista di Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella di Romania di I classe (Repubblica Socialista di Romania)
— 1979[62]
Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine della Stella di Romania (Romania)
— 26 novembre 2003[63]
Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine Piano (Santa Sede)
Collare dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa sede) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa sede)
Collare dell'Ordine del Leone (Senegal) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine del Leone (Senegal)
— 13 novembre 1978[64]
Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Doppia Croce Bianca (Slovacchia)
— 22 ottobre 2002[65]
Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Buona Speranza (Sudafrica)
— 15 febbraio 1999[66][67]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 5 ottobre 1979
Cavaliere dell'Ordine del Rajamitrabhorn (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Rajamitrabhorn (Thailandia)
— 19 novembre 1987[68]
Cavaliere dell'Ordine della Casata Reale di Chakri (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Casata Reale di Chakri (Thailandia)
— 22 febbraio 2006
Gran Cordone dell'Ordine della Repubblica (Tunisia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine della Repubblica (Tunisia)
Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce con Collare dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese (Ungheria)
— 31 gennaio 2005[69]
Gran Collare dell'ordine del Liberatore (Venezuela) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'ordine del Liberatore (Venezuela)
— 8 settembre 1977[70]
Gran Cordone dell'Ordine Nazionale del Leopardo (Zaire) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine Nazionale del Leopardo (Zaire)
— 1º dicembre 1986[71]
Cittadinanza onoraria del comune di Napoli - nastrino per uniforme ordinaria Cittadinanza onoraria del comune di Napoli
— Napoli, 1998[72]
Cavalieri di Rizal ordine cavalleresco filippino (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria Cavalieri di Rizal ordine cavalleresco filippino (Filippine)

Onorificenze di organizzazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Premio Carlo Magno - nastrino per uniforme ordinaria Premio Carlo Magno
— 20 maggio 1982
Collare d'oro dell'Ordine olimpico (Comitato Olimpico Internazionale) - nastrino per uniforme ordinaria Collare d'oro dell'Ordine olimpico (Comitato Olimpico Internazionale)
— 1985
Nansen Refugee Award (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati) - nastrino per uniforme ordinaria Nansen Refugee Award (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati)
— 1987

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Preston, Juan Carlos: Steering Spain from Dictatorship to Democracy (New York: W.W. Norton, 2004), 101.
  2. ^ Il nipotino {{sic|13enne}} si spara a un piede, il re Juan Carlos rivive dramma del 1956, su ilmessaggero.it. URL consultato il 12 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2012).
  3. ^ Preston, 102.
  4. ^ Juan Carlos-Chavez: Lite al vertice di Santiago, La Repubblica, 11 novembre 2007
  5. ^ Spagna, Juan Carlos abdica a favore del figlio Felipe: "È pronto per regnare", repubblica.it, 2 giugno 2014. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  6. ^ Spagna, Juan Carlos non è più re. Firma per l'abdicazione: sul trono il figlio Felipe / FOTO - quotidiano.net
  7. ^ El Congreso aprueba la ley orgánica de abdicación, 18 giugno 2014.
  8. ^ Ley Orgánica 3/2014
  9. ^ Prevista dall'articolo 56.3 della Costituzione spagnola, che assicura che il re sia "inviolabile" e che "non sia soggetto a responsabilità" mentre è in carica.
  10. ^ Júlia Regué , El rey Juan Carlos, "aforado" pero no "inviolable", El Periodico, 12/07/2018.
  11. ^ La Casa Real ha emitido un comunicado con el mensaje del rey emérito al actual monarca sobre su decisión de marcharse de España / elpais.es
  12. ^ Alessandro Oppes, "Travolto dagli scandali, re Juan Carlos abbandona la Spagna" su repubblica.it, 3 agosto 2020
  13. ^ (ES) Exilio y misterio. Afirman que el exrey Juan Carlos viajó a Abu Dhabi, su www.lanacion.com.ar, 7 agosto 2020. URL consultato il 7 agosto 2020.
  14. ^ Juan Carlos è arrivato ad Abu Dhabi: la foto in esclusiva Nius mentre scende dall'aereo, su La Repubblica, 9 agosto 2020. URL consultato l'11 agosto 2020.
  15. ^ Costituzione spagnola, art. 56, par. 2
  16. ^ Real Decreto 1368/1987, de 6 de noviembre, sobre régimen de títulos, tratamientos y honores de la Familia Real y de los Regentes
  17. ^ Órdenes Militares
  18. ^ Bollettino Ufficiale di Stato
  19. ^ Noblesse et Royautes Archiviato il 1º luglio 2013 in Internet Archive., State visit of Argentina in Spain, February 2009
  20. ^ State visit in Belgium in 2000 - Belga Pictures, Group photo Archiviato il 25 aprile 2012 in Internet Archive., King & Queen Archiviato il 5 dicembre 2012 in Archive.is.
  21. ^ Los Reyes de Bélgica, de visita oficial en España
  22. ^ Foro Dinastías, State visit of Brazil in Spain, 16 May 1991, Group photo
  23. ^ The Royal House of the Two Sicilies, MEMBERSHIP OF THE ROYAL ILLUSTRIUOS ORDER OF ST. JANUARIUS, The Royal House of the Two Sicilies, 2008. URL consultato il 26 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2009).
  24. ^ Sacred Military Constantinian Order of Saint George, Membership of the Constantinian Order, Sacred Military Constantinian Order of Saint George, 2008. URL consultato il 13 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2012).
  25. ^ The Supreme Order of the Most Holy Annunciation Archiviato l'8 aprile 2005 in Internet Archive. – Website ChivalricOrders.org
  26. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 15 marzo 2011 in Internet Archive., State visit of Chile in Spain, March 2011
  27. ^ Visita de Estado de los Reyes a Egipto
  28. ^ Foro Dinastías
  29. ^ Estonian State Decorations - Bearers of decorations, Juan Carlos - official website of the President of the Republic of Estonia
  30. ^ Foro Dinastías, State visit of Finland in Spain, 1999, Sofia & Juan Carlos
  31. ^ Getty Images, State visit of Philippines President in Spain, December 2007, Group Photo
  32. ^ Juan Carlos, Grand Collar
  33. ^ Photo Archiviato il 29 giugno 2012 in Internet Archive. taken during Sarkozy's visit in Madrid, in April 2009 (article on Noblesse et Royautés Archiviato il 1º febbraio 2015 Data nell'URL non combaciante: 1º febbraio 2016 in Internet Archive.).
  34. ^ Jamaican Order of the Nation Archiviato il 28 febbraio 2012 in Internet Archive., Office of the Prime Minister.
  35. ^ Forum Príncipes de Asturias, State visit of Japan in Spain, 1994, Group photo
  36. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 28 gennaio 2015 Data nell'URL non combaciante: 28 gennaio 2016 in Internet Archive. (French), State visit of Spain in Japan, November 2008
  37. ^ Foro Dinastias, State visit of Jordan in Spain, 1985, Group Photo
  38. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  39. ^ Latvian Presidency, Recipients list (.doc) Archiviato il 2 maggio 2013 in Internet Archive.
  40. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 30 gennaio 2016 in Internet Archive. (French), State visit of Lebanon in Spain, October 2009
  41. ^ Lithuanian Presidency Archiviato il 19 aprile 2014 in Internet Archive., Lithuanian Orders searching form
  42. ^ Publications of Luxembourgish government Archiviato il 30 giugno 2006 in Internet Archive., p66-67 : state visit of Grand-Dukes of Luxembourg in Spain, 07-09/05/2001
  43. ^ Getty Images Picture, su cache.gettyimages.com. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2013).
  44. ^ Visita de Estado de los Reyes de España a Luxemburgo
  45. ^ Group photo
  46. ^ State Visit of Mexican Presidente, June 2008, Group photo Archiviato il 7 luglio 2012 in Archive.is.
  47. ^ a b Foro Dinastías State visit of Nepal in Spain, 1983
  48. ^ Foro Dinastías, State visit of Nigeria in Spain, 1991, Group photo
  49. ^ Viva Máxima Blog, State visit of Beatrix in Spain in 1985, Group Photo Archiviato il 21 settembre 2013 in Internet Archive., & State visit in Netherlands 2001, Juan Carlos & Beatrix, Group photo Archiviato il 28 luglio 2013 in Internet Archive.
  50. ^ Wedding of Beatrix and Claus
  51. ^ El Rey, con ocasión del intercambio de condecoraciones en Panamá Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  52. ^ "Noblesse et Royautés" Archiviato il 30 gennaio 2015 Data nell'URL non combaciante: 30 gennaio 2016 in Internet Archive., State visit of Panama in Spain, November 2008
  53. ^ Visita de Estado del Presidente de Panamá a España
  54. ^ Visita de Estado del Presidente de Perú a España
  55. ^ Foro Dinastías, State visit of Stephanopoulos in Spain, 2005, Group Photo Archiviato il 12 maggio 2018 in Internet Archive.
  56. ^ Forum Príncipes de Asturias, State visit of United Kingdom in Spain, 1988, Group photo 1 & Group photo 2
  57. ^ Visita Oficial de la Reina Isabel II a España
  58. ^ HL Deb, British honours and orders of Chivalry held by overseas heads of state, in Hansard, vol. 505, 14 marzo 1999. URL consultato il 18 luglio 2013.
  59. ^ Badraie Archiviato il 5 marzo 2015 Data nell'URL non combaciante: 5 marzo 2016 in Internet Archive.
  60. ^ Badraie (JPG), su badraie.com. URL consultato il 28 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2016).
  61. ^ Decreto 4285 di 24 ottobre 1969
  62. ^ Cu prilejul vizitei oficiale de stat pe care o întreprinde în Spania, preşedintele Nicolae Ceauşescu înmânează regelui Juan Carlos I Ordinul „Steaua Republicii Socialiste România”, cl. I. (21.V.1979). (21-25.V.1979).
  63. ^ Tabella degli insigniti (XLS), su canord.presidency.ro. URL consultato il 14 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2015).
  64. ^ Visita de Estado del Presidente de Senegal a España
  65. ^ Slovak republic website, State honours Archiviato il 13 aprile 2016 in Internet Archive. : 1st Class received in 2002 (click on "Holders of the Order of the 1st Class White Double Cross" to see the holders' table)
  66. ^ Elenco dei premiati dell'anno 1999., su v1.sahistory.org.za. URL consultato il 10 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2015).
  67. ^ Speech by President Nelson Mandela at the State Banquet in Honour of King Juan Carlos
  68. ^ Foro Dinastías, State visit in Thailand, Group Photo
  69. ^ Getty Images, State Visit of Hungarian President, January 2005, Group photo
  70. ^ El Rey, en la conmemoración del bicentenario de la integración venezolana Archiviato il 7 aprile 2014 in Internet Archive.
  71. ^ Foro Dinastiías, State visit of Zaïre in Spain, Royal Couple with President Mobutu Sese Seko
  72. ^ Pagina del quotidiano El País

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN113818885 · ISNI (EN0000 0000 8411 040X · Europeana agent/base/147172 · LCCN (ENn79112298 · GND (DE118842536 · BNF (FRcb12186310v (data) · BNE (ESXX944658 (data) · NLA (EN35768613 · WorldCat Identities (ENlccn-n79112298