Gro Harlem Brundtland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gro Harlem Brundtland
Gro Harlem Brundtland (cropped).jpg
Gro Harlem Brundtland nel febbraio 2011

Ministro di Stato della Norvegia
Durata mandato4 febbraio 1981 –
14 ottobre 1981
MonarcaOlav V
PredecessoreOdvar Nordli
SuccessoreKåre Willoch

Durata mandato9 maggio 1986 –
16 ottobre 1989
MonarcaOlav V
PredecessoreKåre Willoch
SuccessoreJan P. Syse

Durata mandato3 novembre 1990 –
25 ottobre 1996
MonarcaOlav V
Harald V
PredecessoreJan P. Syse
SuccessoreThorbjørn Jagland

Direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità
Durata mandato13 maggio 1998 –
21 luglio 2003
PredecessoreHiroshi Nakajima
SuccessoreLee Jong-Wook

Leader del Partito Laburista
Durata mandato1981–1992
In carica
PredecessoreReiulf Steen
SuccessoreThorbjorn Jagland

Ministro per la protezione dell'ambiente
Durata mandato6 settembre 1974 –
8 ottobre 1979
Capo del governoTrygve Bratteli
Odvar Nordli
PredecessoreTor Halvorsen
SuccessoreRolf A. Hansen

Membro dello Storting
Durata mandato1° ottobre 1977 –
30 settembre 1997
CircoscrizioneOslo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Laburista Norvegese
Titolo di studioCandidate of Medicine
Master of Public Health
UniversitàUniversità di Oslo Università di Harvard
ProfessioneMedico, diplomatica
FirmaFirma di Gro Harlem Brundtland

Gro Brundtland, nata Harlem (Oslo, 20 aprile 1939), è un medico e politica norvegese, impegnata sul fronte ambientalista.

Membro del Partito Laburista (AP), che ha presieduto dal 1981 al 1992. Già ministro per la protezione dell'ambiente dal 1974 al 1979 sotto il secondo governo socialdemocratico di Trygve Bratteli e Odvar Nordli, è stata ministro di Stato della Norvegia tre volte tra il 1981 e il 1996, trascorrendo quasi dieci anni al potere - prima donna primo ministro norvegese e la prima donna leader dei socialdemocratici norvegesi. In seguito ha guidato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dal 1998 al 2003.

Ha presieduto la stesura del rapporto “Il nostro futuro comune”, noto come rapporto Brundtland, sotto l'egida delle Nazioni Unite, che definisce il principio dello sviluppo sostenibile.

Brundtland apparteneva all'ala moderata del suo partito e sostenne l'adesione della Norvegia all'Unione europea durante il referendum del 1994. Come Primo ministro Brundtland divenne ampiamente nota come la "madre della nazione". Brundtland ha ricevuto il Premio Carlo Magno nel 1994 e molti altri premi e riconoscimenti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1939 a Oslo, è figlia del professore di medicina Gudmund Harlem (1917-1988), ex ministro della difesa dal 1961 al 1965 e degli affari sociali dal 1955 al 1961, e di Inga Margareta Elisabet Brynolf (1918-2005) di origine svedese. I suoi fratelli minori sono Lars (1946-2022) e Hanne (1964), ministro della giustizia dal 17 marzo 2000 al 19 ottobre 2001.

Gro ha studiato medicina all'Università di Oslo e si è laureata nel 1963. Nel 1965 ha studiato sanità pubblica all'Università di Harvard. Ha poi praticato l'attività medica in Norvegia per un certo numero di anni.

Nel 1960 sposò il politologo Arne Olav Brundtland (* 1936), dal quale ebbe quattro figli.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1974 entra nella scena politica come ministro dell'ambiente. Ha ricoperto la carica fino al 1979, nei governi Bratelli II e Nordli.

Dopo un rimpasto di governo nel 1979, scompare dall'esecutivo, ma prende posto in Parlamento. Nei sondaggi per le elezioni del 1981 il suo partito i socialdemocratici non se la passano molto bene, perdono soprattutto il premier Nordli. Nel tentativo di invertire la rotta, Brundtland divenne primo ministro, diventando la prima donna in assoluto e, a 41 anni, la più giovane di sempre.

Nelle elezioni dello stesso anno, tuttavia, il suo partito perde pesantemente e finisce all'opposizione. Nelle elezioni del 1985, il partito si riprese, ma non riuscì a conquistare abbastanza seggi per entrare nella coalizione.

Nel 1986 cade il governo conservatore e ne viene formato uno nuovo con Gro Harlem Brundtland come primo ministro. Il suo secondo governo contava 8 donne su 18 ministri. Ha pubblicato il Rapporto Brundtland, uno dei documenti più importanti sullo sviluppo sostenibile. Nelle elezioni del 1989, il suo partito perde molti voti di sinistra a favore del Partito Socialista di Sinistra, entrando in una coalizione conservatrice senza che i socialdemocratici si ricostituiscano.

13 mesi dopo, il Partito Socialista di Sinistra ha staccato la spina alla coalizione. Di conseguenza, Gro Harlem Brundtland formò un governo di minoranza. Nel suo terzo periodo, nei temi del suo governo c'erano principalmente questioni europee. Nell'ottobre 1996 annunciò le sue dimissioni.

Attività istituzionale fuori dalla Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 il Segretario generale delle Nazioni Unite la nominò presidente della Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo.

Organizzazione mondiale della sanità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 è stata una delle candidate a diventare segretario generale delle Nazioni Unite prevalendo poi il ghanese Kofi Annan.

Tuttavia, il 13 maggio 1998, è diventata capo dell'Organizzazione mondiale della sanità per un periodo di 5 anni. L'8 gennaio 2007, ha ricevuto un dottorato honoris causa dall'Università di Amsterdam in occasione del 375° Dies Natalis dell'Università di Amsterdam.

Nel 2004 una classifica pubblicata dal giornale britannico Financial Times l'ha vista al quarto posto tra gli europei più influenti degli ultimi 25 anni.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Ministro di Stato della Norvegia Successore Statsikon.svg
Odvar Nordli 4 febbraio 1981 – 14 ottobre 1981 Kåre Willoch I
Kåre Willoch 9 maggio 1986 – 16 ottobre 1989 Jan P. Syse II
Jan P. Syse 3 novembre 1990 – 25 ottobre 1996 Thorbjørn Jagland III
Controllo di autoritàVIAF (EN118914680 · ISNI (EN0000 0000 8333 7493 · LCCN (ENn82025771 · GND (DE118964054 · BNE (ESXX867503 (data) · BNF (FRcb12264825j (data) · J9U (ENHE987007583017505171 · NSK (HR000149715 · NDL (ENJA00975893 · CONOR.SI (SL108083299 · WorldCat Identities (ENlccn-n82025771