Regno di Corsica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il regno rivoluzionario di Corsica del 1736, vedi Regno di Corsica (1736).
Regno di Corsica
Regno di Corsica – BandieraRegno di Corsica - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Motto: Amici e non di ventura
Pievi corsica 1730.png
Dati amministrativi
Lingue parlateItaliano
InnoDio vi salvi Regina
CapitaleCorte (1794-1795)
Altre capitaliBastia (1796)
Dipendente daFlag of Great Britain (1707–1800).svg Gran Bretagna
Politica
Forma di governoMonarchia costituzionale sotto protezione britannica
Organi deliberativiParlamento
Nascita17 giugno 1794 con Pasquale Paoli e Giorgio III del Regno Unito
CausaRivoluzione francese
Fine19 ottobre 1796 con Pasquale Paoli e Giorgio III del Regno Unito
CausaOccupazione francese
Territorio e popolazione
Bacino geograficoCorsica
Massima estensione8 681 km² nel 1793
Economia
ValutaSoldo
RisorsePesca, legname, allevamento
Commerci conFlag of Great Britain (1707–1800).svg Gran Bretagna
Religione e società
Religione di StatoCattolicesimo
Religioni minoritarieGreco-ortodossa
Europe location Corsica.png
Evoluzione storica
Preceduto daFrancia Francia
Succeduto daFrancia Francia

Il Regno di Corsica o Regno Anglo-Corso fu un regno dipendente dal Regno di Gran Bretagna esistente in Corsica dal 1793 al 1796.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Corte, capitale del Regno di Corsica

La Corsica venne occupata nell'ottobre del 1793 dall'ammiraglio inglese Horatio Nelson, che la strappò ai francesi; poco tempo dopo tornò nell'isola Pasquale Paoli, eroe dell'indipendenza corsa. Il governo e il parlamento vennero fissati a Corte. Nel giugno 1794 venne redatta la Costituzione del Regno di Corsica da Pasquale Paoli e Carlo Andrea Pozzodiborgo, che venne approvata dalla consulta riunita a Corte. Questa prevedeva la divisione della Corsica in 9 giurisdizioni e in pievi che eleggevano due deputati ogni due anni. Nel 1796 venne rioccupata dalle truppe francesi e così finì il Regno di Corsica e Pasquale Paoli fu costretto all'esilio a Londra.

Giorgio III del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda, Re di Hannover e Re di Corsica dal 1794 al 1796

Pievi[modifica | modifica wikitesto]

  • Aiaccio (Aiacciu)
  • Algaiola (Algaiola)
  • Alesani (Alisgiani)
  • Ampugnani (Ampugnani)
  • Balagna Orientale (Balagna di Là)
  • Bevinco (Bevincu)
  • Bigorno (Bigornu)
  • Bonifacio (Bonifaziu)
  • Bozio (Boziu)
  • Brando (Brandu)
  • Caccia (Caccia)
  • Calvi (Calvi)
  • Campoloro (Campuloru)
  • Canari (Canari)
  • Capo Bianco (Capu Biancu)
  • Carbini (Carbini)
  • Cargese (Carghjese)
  • Casacconi (Casacconi)
  • Casinca (Casinca)
  • Castello (Castellu)
  • Celavo (Celavu)
  • Cinarca (Cinarca)
  • Cruzini (Cruzinu)
  • Corsa (Cursa)
  • Covasina (Cuvasina)
  • Giovellina (Ghjuvellina)
  • Giosani (Ghjunsani)
  • Istria (Istria)
  • Lama (Lama)
  • Lota (Lota)
  • Mariana (Mariana)
  • Mercurio (Mercuriu)
  • Moriani (Moriani)
  • Niolo (Niolu)
  • Nonza (Nonza)
  • Olmia (Olmia)
  • Orezza (Orezza)
  • Ornano (Ornanu)
  • Orto (Ortu)
  • Patrimonio (Patrimoniu)
  • Porto Vecchio (Portivechju)
  • Rogna (Rogna)
  • Rostino (Rustinu)
  • Sampiero (Sampieru)
  • Sant'Andrea (Santu Andria)
  • Sartena (Sartè)
  • Scopamene (Scupamena)
  • Seneca (Seneca)
  • Serra (Serra)
  • Sevindentro (Sevindentru)
  • Sevinfuori (Sevinfora)
  • Sorro nel Ghio (Sorru In Ghjò)
  • Sorro del Talavo (Sorru In Sù Talavu)
  • Talcini (Talcini)
  • Tallano (Tallà)
  • Tavagna (Tavagna)
  • Tavignano (Tavignanu)
  • Tenda (Tenda)
  • Tuani (Tuani)
  • Tuda (Tuda)
  • Ortolo (Urtolu)
  • Ostriconi (Ustriconi)
  • Valinco (Valincu)
  • Vallerostia (Vallerustie)
  • Vecchio (Vechju)
  • Verde (Verde)
Pasquale Paoli, eroe nazionale corso e presidente del Regno di Corsica

Cariche[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]