Jean-Claude Trichet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean-Claude Trichet
Jean-Claude Trichet1.jpg

Presidente della Banca centrale europea
Durata mandato 1º novembre 2003 –
31 ottobre 2011
Predecessore Wim Duisenberg
Successore Mario Draghi

Governatore della Banca di Francia
Durata mandato 1º settembre 1993 –
1º novembre 2003
Predecessore Jacques de Larosière
Successore Christian Noyer

Dati generali
Firma Firma di Jean-Claude Trichet

Jean-Claude Trichet (Lione, 20 dicembre 1942) è un banchiere ed economista francese, dal 2003 al 2011 presidente della Banca centrale europea e dal 1993 al 2003 Governatore della Banca di Francia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Lione in una famiglia di intellettuali, il padre, Jean Trichet, è insegnante, amico di Georges Pompidou e Léopold Sédar Senghor.

È allievo a Parigi al Lycée Fénelon Sainte-Marie e poi alla Condorcet High School. Successivamente diventa ingegnere civile presso la National School of Mines di Nancy nel 1964, quindi prende un master in economia presso l'Università di Parigi nel 1966 e poi presso l'IEP (Sciences Po) di Parigi (1966, sezione Servizio pubblico),[1] dal 1996 al 1971 studia all'Ecole national d'administration (ENA).[2] Dichiara di essere stato membro del Partito socialista unificato francese (PSU) "tra i 19 e 20 anni",[3] è consulente del think tank transatlantico European Horizons.[4]

Lavora come ispettore generale delle finanze. Nel 1978 è consulente tecnico all'Eliseo, sotto la presidenza di Valéry Giscard d'Estaing.[5] Nel 1986 è capo dello staff del Ministero delle finanze di Edouard Balladur.[3] Tra il 1987 e il 1993 è direttore del Tesoro.[6] Nel 1993 è nominato governatore della Banque de France.[6]

Presidente della Bce[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º novembre 2003, succedendo a Wim Duisenberg, diventa il secondo presidente della Banca centrale europea, carica che mantiene fino al 1º novembre 2011. La Francia avrebbe voluto Trichet in questo incarico fin dal 1998, anno di fondazione della BCE, ma era stata costretta ad accettare la candidatura di Duisenberg dopo un periodo di trattative con gli altri stati membri. Secondo il quotidiano Express, il compenso di Jean Claude Trichet come presidente della Banca centrale europea a Francoforte ammonta a 345.252 €, oltre alle spese di residenza e di intrattenimento. Nel 2007 il Financial Times lo considera la personalità dell'anno per la sua gestione della crisi dei subprime.

Ha suscitato l'opposizione della delegazione francese dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa per aver rifiutato di parlare in francese, che gli ha valso nel 2004 l'ottenimento di un premio satirico. Nel 2008 Trichet è il decimo destinatario del premio Vision for Europe.

Membro onorario dell'Aspen Institute France, direttore dell'Institute for International Economics, un importante think tank di Washington. È membro del comitato direttivo del gruppo Bilderberg, membro del club Le Siècle, è presidente del gruppo europeo della Commissione trilaterale.

Il 19 ottobre 2011 a Francoforte sul Meno, davanti ai principali esponenti finanziari e politici europei, passa ufficialmente le consegne all'italiano Mario Draghi (già Governatore della Banca d'Italia), suo successore alla Presidenza BCE dal 1º novembre 2011.

Altri incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 Jean-Claude Trichet è il presidente del gruppo europeo della Commissione Trilaterale in sostituzione di Mario Monti, diventato primo ministro italiano.[7]

Dall'aprile 2012 è presidente di Bruegel e lo è anche del Gruppo dei Trenta. Membro onorario dell'Aspen Institute France, direttore dell'Institute for International Economics, un importante think tank di Washington, è membro del comitato direttivo del gruppo Bilderberg e membro del club Le Siècle.

Controversie giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 giugno 2003 è assolto con Jacques de Larosière dal Tribunale penale di Parigi nella vicenda di irregolarità nel Credit Lyonnais, una delle maggiori banche francesi quando lui era al Tesoro.[8]. Il 21 maggio 2008 la Corte d'appello di Versailles autorizza la prosecuzione del procedimento civile contro di lui nell'ambito della causa Crédit Lyonnais.[9][10]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

All'età di 22 anni si sposa con Aline Rybalka, diplomatica e traduttrice i cui genitori erano immigrati in Francia dall'Ucraina. Hanno due figli: Pierre-Alexis (nato nel 1971) e Jean-Nicolas (nato nel 1974).

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'onore
Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine al merito dell'Assia (Assia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito dell'Assia (Assia)
— 2011
Gran decorazione d'Onore in oro con fascia dell'Ordine al merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Gran decorazione d'Onore in oro con fascia dell'Ordine al merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 2011
Gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine al merito di Germania (Germania)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi)
— 2011
Gran croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine dell'Infante Dom Henrique (Portogallo)
— 6 maggio 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Sciences Po Stories - L'histoire de Sciences Po : la frise, les récits, les portraits et la carte, su Sciences Po stories. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  2. ^ (FR) JEAN-CLAUDE TRICHET, La légende du grand argentier, in L'Express, 8 giugno 2000. URL consultato il 9 aprile 2012.
  3. ^ a b (FR) Jean-Claude Trichet, chevalier du franc fort, in L'Express, 16 settembre 1993. URL consultato il 9 aprile 2012.
  4. ^ (EN) European Horizons – A Transatlantic Think-Tank, su europeanhorizons.org. URL consultato il 12 febbraio 2018.
  5. ^ (EN) Valéry Giscard d’Estaing and Helmut Schmidt on “The Future of Europe – views from Founding Fathers”, su ECB. URL consultato il 9 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'8 aprile 2012).
  6. ^ a b (FR) Biographie Jean-Claude Trichet, in Trader Finance. URL consultato il 9 aprile 2012.
  7. ^ Jean-Claude Trichet presidete, su trilateral.com. URL consultato il 31 dicembre 2012.
  8. ^ (EN) Trichet in the clear, in The Economist, 19 giugno 2003. URL consultato il 9 aprile 2012.
  9. ^ (FR) Crédit Lyonnais: la procédure civile contre Trichet se poursuit, in Le nouvel Observateur, 29 maggio 2008. URL consultato il 9 aprile 2012.
  10. ^ (FR) Crédit Lyonnais: la procédure civile contre Jean-Claude Trichet relancée, in Les Echos, 30 maggio 2008. URL consultato il 9 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74011150 · ISNI (EN0000 0001 0823 3579 · LCCN (ENno00101112 · GND (DE130568430 · BNF (FRcb13526753t (data) · WorldCat Identities (ENno00-101112