Gruppo dei Trenta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Gruppo dei Trenta (Group of Thirty in inglese), spesso abbreviato in G30, è un'organizzazione internazionale di finanzieri e accademici che si occupa di approfondire questioni economiche e finanziarie esaminando le conseguenze delle decisioni prese nei settori pubblico e privato.

I principali temi di interesse e discussione del gruppo sono:

L'organizzazione fu fondata nel 1978 da Geoffrey Bell su iniziativa della Fondazione Rockefeller, guidata dall'imprenditore statunitense John Davison Rockefeller. Ha sede a Washington.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Gil attuali membri del Gruppo dei Trenta sono[1]

Membri senior[2][modifica | modifica wikitesto]

Assemblee[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo dei Trenta si riunisce in seduta plenaria due volte all'anno[3].

Sessione Data Ospitata da
63 dal 27 al 29 maggio 2010 Abdellatif Jouahri
64 dal 2 al 4 dicembre 2010 William Dudley
65 dal 26 al 28 maggio 2011 Philipp Hildebrand
66 dal 2 al 4 dicembre 2011 William Dudley
67 dal 31 maggio al 2 giugno 2012 Mervyn King
68 dal 29 novembre al 1º dicembre 2012 William Dudley
69 dal 30 maggio al 1º giugno 2013 Zhou Xiaochuan
70 dal 5 al 7 dicembre 2013 William Dudley
71 dal 29 al 31 maggio 2014 Christian Noyer
72 dal 4 al 6 dicembre 2014 William Dudley
73 dal 11 al 13 giugno 2015 Alexandre Tombini
74 dal 3 al 5 dicembre 2015 William Dudley
75 dal 2 al 4 giugno 2016 Tharman Shanmugaratnam e Ravi Menon
76 dal 1° al 3 dicembre 2016 William Dudley
77 dall'8 al 10 giugno 2017 Mark Carney
78 dal 30 novembre al 2 dicembre 2017 William Dudley
79 dal 10 al 12 maggio 2018 Federico Sturznegger
80 dal 29 novembre al 1º dicembre 2018 John Williams
81 dal 23 al 25 maggio 2019 Pablo Hernàndez de Cos
82 dal 5 al 7 dicembre 2019 Banco de España

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 2012, il Corporate Europe Observatory ha sollecitato un'inchiesta su un presunto conflitto d'interessi dell'allora presidente della BCE Mario Draghi, con la sua appartenenza al G30. L'inchiesta fu archiviata nel 2013, perché il G30 non è classificabile come gruppo di pressione. La mediatrice europea Emily O'Reilly ha criticato la BCE per aver rifiutato la sua richiesta di dimissioni dell'allora presidente Draghi, ma in tutta risposta la BCE ribadì l'importanza del G30 e aggiunse sardonicamente di non essere in linea con quello spirito dei tempi che anima le teorie del complotto.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Group of Thirty - Members, su group30.org. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) Group of Thirty - Senior Members, su group30.org. URL consultato il 20 febbraio 2020.
  3. ^ (EN) Group of Thirty - Events, su group30.org. URL consultato il 5 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2014).
  4. ^ Danilo Taino, La Bce di Mario Draghi non si allinea allo spirito dei tempi, su Corriere della Sera, 19 aprile 2018. URL consultato il 15 aprile 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN148289654 · WorldCat Identities (ENviaf-148289654
Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia