Mark Carney

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Carney
Mark Carney on January 27, 2011.jpg
Mark Carney

Governatore della Banca d'Inghilterra
In carica
Inizio mandato 1º luglio 2013
Predecessore Mervyn King

Presidente del Financial Stability Board
In carica
Inizio mandato 4 novembre 2011
Predecessore Mario Draghi

Governatore della Banca del Canada
Durata mandato 1º febbraio 2008 –
3 giugno 2013
Predecessore David Dodge
Successore Stephen Poloz

Dati generali
Università Università di Harvard
St Peter's College, Oxford
Nuffield College, Oxford

Mark Joseph Carney (Fort Smith, 16 marzo 1965) è un economista, banchiere e manager canadese.

Mark Carney è l'attuale Governatore della Banca d'Inghilterra. Il 26 novembre 2012, il Cancelliere dello Scacchiere britannico, George Osborne, ha annunciato la sua nomina[1][2][3]. Nonostante il mandato previsto sia della durata di otto anni, Carney ha dapprima annunciato che si sarebbe dimesso dopo cinque anni[4], ma in seguito ha accettato di rimanere in carica fino a gennaio 2020[5].

Oltre a tale incarico, dal 4 novembre 2011 è anche Presidente del Financial Stability Board del G-20[6][7].

In precedenza è stato l'ottavo governatore della banca centrale canadese, carica che ha assunto il 1º febbraio 2008 e portato a termine il 3 giugno 2013[8].

Carney è arrivato a ricoprire tali incarichi dopo aver scalato posizioni all'interno di Goldman Sachs prima, nel Dipartimento canadese delle finanze e lavorando come Vice Governatore della Banca del Canada poi[9].

Si ritiene che Carney sia riuscito a far evitare al Canada gli effetti della crisi finanziaria di fine anni 2000, guadagnandosi il riconoscimento da parte del Financial Times e del Time Magazine come una figura di spicco nel mondo finanziario.

Primi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

Carney è nato a Fort Smith, nei Territori del Nord-Ovest del Canada. Suo padre Bob era preside di una scuola superiore e, più tardi professore di educazione presso l'Università di Alberta ad Edmonton, nell'Alberta, dove la famiglia si è trasferita quando lui aveva sei anni. Sua madre, Verlie, prima di avere i suoi figli era un insegnante di scuola elementare. Carney ha tre fratelli - il fratello maggiore Sean, il fratello e la sorella minori Brian e Brenda. Tutti e quattro hanno frequentato la St. Francis Xavier High School ad Edmonton, prima di studiare all'Università di Harvard.

Carney ha conseguito una laurea in economia ad Harvard nel 1988.

In seguito, ha frequentato il St Peter's College di Oxford, dove ha conseguito un master in economia nel 1993, e il Nuffield College sempre a Oxford, dove nel 1995 ha conseguito un dottorato in economia[10].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Goldman Sachs[modifica | modifica wikitesto]

Carney ha trascorso tredici anni in Goldman Sachs nella sedi di Londra, Tokyo, New York e a Toronto. Ha assunto incarichi progressivamente sempre più importanti, quali co-responsabile del rischio sovrano, Executive Director, Responsabile mercati obbligazionari emergenti, fino a ricoprire il ruolo di Managing Director. Ha lavorato all'iniziativa del Sudafrica post-apartheid nei mercati internazionali delle obbligazioni ed è stato coinvolto nel lavoro di Goldman sulla crisi finanziaria russa del 1998. Il ruolo di Goldman Sachs nella crisi russa è stato al tempo criticato perché, mentre la società si occupava della consulenza sulla crisi per la Russia, contemporaneamente scommetteva contro la capacità del paese di ripagare il suo debito[11].

Dipartimento della Finanza del Canada[modifica | modifica wikitesto]

Da novembre 2004 a ottobre 2007, Carney ha ricoperto il ruolo di vice ministro senior e deputato al G7 per presso il Dipartimento canadese delle finanze. Ha lavorato per l'allora liberale ministro delle Finanze Ralph Goodale, e poi per il ministro delle Finanze conservatore Jim Flaherty. Durante questo periodo ha curato il controverso piano del governo di tassare i fondi di investimento "income" (en. income trust) alla fonte. Carney è stato anche l' "uomo di punta" nella vendita, redditizia per il governo canadese, della quota di partecipazione pubblica in Petro-Canada pari al 19%[12].

Banca del Canada[modifica | modifica wikitesto]

Vice governatore, 2003-2004[modifica | modifica wikitesto]

Carney è entrato a far parte della Banca del Canada come vice governatore il 5 agosto 2003[13]. Circa un anno dopo (15 novembre 2004) è stato distaccato presso il Dipartimento federale delle finanze, in qualità di vice ministro senior della finanza[14].

Governatore, 2008-2013[modifica | modifica wikitesto]

Mark Carney al World Economic Forum di Davos del 2010

Tornato alla Banca centrale nel mese di novembre 2007, dopo la sua nomina a Governatore, ha lavorato come consulente del dimissionario governatore David Dodge, prima di assumere formalmente il ruolo di Dodge in data 1º febbraio 2008.

Carney è stato selezionato al posto di Paul Jenkins, il Vice Governatore Senior, che era considerato come favorito a succedere a Dodge[15] e ha assunto questo ruolo durante il periodo più duro della recente crisi finanziaria globale. Al momento della sua nomina, Carney era il più giovane governatore della banca centrale tra i gruppi del G8 e del G20 delle nazioni[16].

La crisi finanziaria[modifica | modifica wikitesto]

Le azioni di Carney in qualità di Governatore della Banca del Canada sono state fondamentali nell'evitare al paese le conseguenze gravi della crisi finanziaria iniziata nel 2007[17][18].

L'economia canadese ha reagito meglio durante la crisi rispetto agli altri paesi del G7, e il Canada è stato il primo paese del G7 a registrare sia un PIL che livelli di occupazione pre-crisi.

La decisione della Banca di apportare un significativo contributo di liquidità al sistema finanziario canadese, e la sua insolita iniziativa di annunciare l'impegno a mantenere, per un anno, i tassi di interesse al livello più basso possibile, hanno contribuito in maniera significativa a contrastare gli effetti della crisi.[19][20][21].

L'avversità al rischio fiscale e normativo del Canada è anche citata come un fattore di assoluta rilevanza. Nel 2009 un giornalista di Newsweek ha scritto, "Il Canada ha fatto di più che sopravvivere a questa crisi finanziaria. Il paese sta fiorendo all'interno della crisi. Le banche canadesi sono ben capitalizzate e pronte a cogliere le opportunità che le banche americane ed europee non possono cogliere"[22].

Carney ha guadagnato riconoscimenti vari per la sua guida durante la crisi finanziaria. È stato nominato uno dei cinquanta, secondo il Financial Times, che indicheranno la via da seguire, e dalla rivista TIME come “TIME 100” dell'anno 2010[23][24]. A ottobre 2012 Carney è stato nominato dalla redazione della rivista Euromoney “Governatore della Banca centrale dell'anno 2012[25].

Financial Stability Board[modifica | modifica wikitesto]

Primo piano di Mark Carney

Il 4 novembre 2011 Carney è stato nominato Presidente del Financial Stability Board, con sede a Basilea. In una dichiarazione ha ricondotto la sua nomina alla "solida reputazione del sistema finanziario canadese e al ruolo di primo piano che il Canada ha svolto nel contribuire a sviluppare molte delle riforme più importanti a livello internazionale." Il periodo di tre anni costituisce un impegno part-time, che permette a Carney di completare il suo mandato presso la Banca centrale del Canada. Mentre non vi è stata alcuna indicazione delle sue priorità come presidente, il giorno della sua nomina il Consiglio ha pubblicato un elenco di 29 banche che sono considerate sufficientemente grandi da costituire un rischio per l'economia globale, se dovessero fallire[26][27].

Alla sua prima conferenza stampa in qualità di presidente del FSB, nel gennaio 2012, Carney ha dichiarato le sue priorità per il Consiglio[28][29]. È stato anche Presidente del 'Comitato sul sistema finanziario globale della Banca dei Regolamenti Internazionali da luglio 2010 fino a gennaio 2012[30].

Carney è anche membro del Gruppo dei Trenta, un organismo internazionale di costituito da importanti uomini della finanza e professori accademici, e del Consiglio della Fondazione del World Economic Forum[31][32].

Nel 2011 e nel 2012, ha partecipato rispettivamente alla 59ª riunione a St. Moritz e alla 60ª riunione a Chantilly, in Virginia, del Gruppo Bilderberg[33][34]

Banca d'Inghilterra[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 novembre 2012 è stato annunciata a Londra la nomina di Mark Carney a Governatore della Banca d'Inghilterra, in sostituzione di Sir Mervyn King, a partire dalla fine del mese di giugno 2013[35].

Carney è il primo non britannico ad essere nominato al ruolo di Governatore della banca centrale inglese dal 1694. Alla Banca d'Inghilterra sono stati attribuiti poteri aggiuntivi a partire dal 2013, tra i quali la possibilità di impostare i requisiti patrimoniali delle banche[36][37]. Anche se il termine è ufficialmente di otto anni, Carney ha dapprima dichiarato la sua intenzione di dimettersi dopo cinque anni, ma poi ha accettato di rimanere alla guida della banca centrale fino a gennaio 2020[5].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Carney ha incontrato sua moglie Diane Fox, un'economista britannica specializzata nei paesi in via di sviluppo, all'Università di Oxford[38]. La coppia si è sposata a metà degli anni novanta. Hanno quattro figlie e vivono ad Ottawa[39].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sorpresa alla Banca d'Inghilterra: il canadese Carney è il nuovo governatore, ilsole24ore.com, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  2. ^ Banca d'Inghilterra il nuovo governatore è il canadese Carney, Repubblica.it, 27 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  3. ^ Sec, Obama lancia un'altra donna al vertice. E Bank of England sceglie un canadese, Corriere.it, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) Mark Carney named new Bank of England governor, BBC news, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  5. ^ a b (EN) Mark Carney’s term extended and Sir Jon Cunliffe re-appointed at the Bank of England, su gov.uk. URL consultato il 14 settembre 2018.
  6. ^ Il canadese Mark Carney succede a Draghi nella presidenza del Financial stability board, ilsole24ore.com, 4 novembre 2011. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  7. ^ Il buon Governatore non ha bandiera, ilsole24ore.com, 27 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  8. ^ (EN) "Mark Carney Appointed Governor of the Bank of Canada" sul sito web della Banca Centrale del Canada
  9. ^ (EN) Bank of Canada's Mark Carney, CBC news, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  10. ^ (EN) Mark Carney named next Bank of Canada governor, CBC news, 4 ottobre 2007. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  11. ^ (EN) For Russia and Its U.S. Bankers, Match Wasn't Made in Heaven, NY Times.com, 18 ottobre 1998. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  12. ^ (EN) The governor gets his hands dirty, Globe and Mail, 26 agosto 2009. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  13. ^ (EN) Press Releases: "Bank of Canada announces Deputy Governor appointment" sul sito web della Bank of Canada
  14. ^ (EN) Press releases: "Deputy Governor Mark Carney appointed Senior Associate Deputy Minister of Finance" sul sito web della Bank of Canada
  15. ^ (EN) Paul Jenkins leaving Bank of Canada, Globe and Mail, 29 ottobre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  16. ^ (EN) Carney vaults over heir apparent for Bank of Canada top job, Financial Post. URL consultato il 19 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2011).
  17. ^ (EN) Carney Shows How Canada Controls Risk So Central Banks Can Too, Bloomberg.com, 20 novembre 2009. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  18. ^ (EN) BANK OF CANADA. Mark Carney: Interesting times, CBC news, 29 gennaio 2011. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  19. ^ (EN) "Bank of Canada Liquidity Actions in response to the Financial Market Turmoil" sul sito web della Bank of Canada
  20. ^ (EN) "Bank of Canada lowers overnight rate target by 1/4 percentage point to 1/4 per cent and, conditional on the inflation outlook, commits to hold current policy rate until the end of the second quarter of 2010" sul sito web della Bank of Canada
  21. ^ (EN) "Canada: 2010 Article IV Consultation—Staff Supplement; Staff Report; and Public Information Notice on the Executive Board Discussion" all'interno del documento "Country Report n. 10/377 (dicembre 2010)" pubblicato sul sito web della Fondo Monetario Internazionale
  22. ^ (EN) Worthwhile Canadian Initiative, Newsweek Magazine, 6 febbraio 2009. URL consultato il 19 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2013).
  23. ^ (EN) Fifty who will frame a way forward, Financial Times, 10 marzo 2009. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  24. ^ (EN) The 2010 Time 100, Time.com, 29 aprile 2010. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  25. ^ (EN) http://www.euromoney.com/Article/3100069/Carney-named-Euromoney-Central-Bank-Governor-of-the-Year-2012.html, Euromoney.com, 11 ottobre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  26. ^ Ecco le banche «too big to fail», ilsole24ore.com, 5 novembre 2011. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  27. ^ (EN) Carney Said to Be Lead Candidate for FSB Role as Decision Looms, Bloomberg.com, 16 ottobre 2011. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  28. ^ L'Fsb prepara le nuove regole, ilsole24ore.com, 11 gennaio 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  29. ^ (EN) Tough player battles to tame banking system, Financial Times, 15 gennaio 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  30. ^ (EN) "Mark Carney appointed Chairman of the Committee on the Global Financial System" pubblicato sul sito web della Banca dei Regolamenti Internazionali
  31. ^ (EN) Lista dei membri del “Gruppo dei Trenta” sul sito ufficiale Archiviato il 6 agosto 2013 in Internet Archive.
  32. ^ (EN) "The Foundation Board" pubblicato sul sito web del World Economic Forum
  33. ^ (EN) Lista dei partecipanti alla 59ª riunione del Gruppo Bilderberg a St. Moritz sul sito ufficiale
  34. ^ (EN) Lista dei partecipanti alla 60ª riunione del Gruppo Bilderberg a Chantilly in Virginia sul sito ufficiale
  35. ^ Banche Centrali il governatore cambia mestiere, Repubblica.it, 14 gennaio 2013. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  36. ^ (EN) The Bank of England's new governor. Canada home and dry, Economist.com, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  37. ^ A Londra cade il tabù dell'inflation target, ilsole24ore.com, 13 dicembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  38. ^ (EN) New Bank of England Governor Mark Carney's wife: an eco-warrior who says banks are rotten, Telegraph.co.uk, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  39. ^ (EN) Mark Carney profile: Our top banker and the bottomline[collegamento interrotto], Ottawacitizen.com, 26 novembre 2012. URL consultato il 19 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157067271 · LCCN (ENnb2010023840