Bruegel (organizzazione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bruegel
TipoONG
Fondazione2005
Sede centraleBelgio Bruxelles
Area di azioneGlobale
PresidenteJean Claude Trichet (da aprile 2012)
Sito web

Bruegel (acronimo per Brussels European and Global Economic Laboratory) è un gruppo di riflessione (think tank) politico-economico internazionale, con sede a Bruxelles.

Ha iniziato le attività nel 2005 guadagnando rapidamente importanza sino ad essere considerato fra i più importanti think thank europei e mondiali.[1] Nel 2012 è stato nominato Think Tank dell'anno dal periodico economico britannico Prospect per la sua analisi sulla crisi economica dell'eurozona.[2]

Storia, struttura e organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di un think tank europeo fu lanciata da Francia e Germania nel 2003 a seguito degli accordi di collaborazione bilaterali franco-tedeschi, che sfociarono nella dichiarazione comune di intenti fra il presidente francese Jacques Chirac e il cancelliere tedesco Gerhard Schröder[3], in occasione del quarantesimo anniversario del Trattato dell'Eliseo[4] Bruegel venne quindi fondata in Belgio come associazione internazionale no-profit nel 2004 e il primo meeting del board fu tenuto il 17 gennaio del 2005[5]. In nome fu scelto in omaggio al pittore Pieter Bruegel.

Al 2012 è presieduto da Jean Claude Trichet[6] (che è anche il presidente del gruppo europeo della Commissione Trilaterale[7]) e diretto da Jean Pisani-Ferry[8]).

Ne sono presidenti onorari Mario Monti (primo presidente, dal 2005 al 2008, dell'organizzazione)[9] e Leszek Balcerowicz (anch'egli ex presidente dell'organizzazione)[10].

I lavori del gruppo riguardano i campi delle politiche economiche (soprattutto politica monetaria), politiche commerciali, politiche industriali, politiche di sviluppo, politiche di budget, disciplina finanziaria, nonché gli aspetti economici delle politiche energetiche e ambientali.

Gli Stati membri nel 2012 sono: Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito, Spagna, Svezia e Ungheria[11].

Le aziende private, tutte a dimensione di multinazionale che contribuiscono come membri sono : Deutsche Telekom, Électricité de France (EDF), Ernst & Young, Erste Bank Group, General Electric, Goldman Sachs, Google, LVMH Louis Vuitton Moët Hennessy S.A., Microsoft, MasterCard, MECM Ltd.[12], Novartis, NYSE Euronext, Pfizer, Qualcomm, Renault, Samsung Electronics, Schroeders[13] Solvay, Syngenta[14], Toyota, UBS e UniCredit.

Sono inoltre membri istituzionali: Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, Banca di Francia, Banca Nazionale di Danimarca, Banca Nazionale di Polonia, Caisse des Dépôts, European Investment Bank[15].

Nel novembre 2010 Bruegel ha pubblicato una proposta su come affrontare la crisi del debito sovrano dei Paesi dell'Eurozona, basata su un meccanismo di default controllato: A European Mechanism for Sovereign Debt Crisis Resolution: A proposal[16][17].

Nel settembre 2011 ha organizzato a Parigi una conferenza di due giorni sul tema Resolving the European Debt Crisis (Risolvere il debito europeo), sviluppatasi con simulazioni per analizzare le interazioni fra gruppi azionari e decisioni politiche[18].

Cronologia dei presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ James McGann, The Global Go To Think Tanks Report 2011 (PDF), su gotothinktank.com, gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2013).
  2. ^ Think Tank of the Year Awards 2012 (Prospect), su prospectmagazine.co.uk, luglio 2012.
  3. ^ La storia del gruppo sul sito Ufficiale, su bruegel.org. URL consultato il 2 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2013).
  4. ^ Déclaration commune franco-allemande à l'occasion du 40ème anniversaire du Traité de l'Elysée :Politique économique et financière: ... la France et l'Allemagne décident de lancer une initiative européenne afin de créer un Centre européen d'économie internationale ...Ce Centre, qui pourrait être localisé à Bruxelles, devrait pouvoir s'élargir progressivement à tous les partenaires européens - États membres, institutions communautaires et opérateurs privés.
  5. ^ Euractiv, Bruegel: newest addition to think tank landscape in Brussels, su euractiv.com, 19 gennaio 2005.
  6. ^ Notizia sul sito ufficiale
  7. ^ Trilateral Leadership
  8. ^ Notizia sul sito ufficiale
  9. ^ Notizia sul sito ufficiale
  10. ^ Notizia sul sito ufficiale
  11. ^ membri
  12. ^ solicitor[collegamento interrotto]
  13. ^ Schroeders Archiviato l'8 febbraio 2013 in Internet Archive.
  14. ^ Syngenta
  15. ^ Lista dei membri sul sito ufficiale
  16. ^ Documento on line Archiviato il 27 febbraio 2014 in Internet Archive..
  17. ^ Les Echos del 16/11/2010, "Dette européenne : Bruegel propose de créer un mécanisme de défaut maîtrisé".
  18. ^ William R. Cline, Guntram Wolff, Special report 21 - Resolving the European Debt Crisis, Peterson Institute, Febbraio 2012

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232604529 · LCCN (ENnb2012006621 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2012006621