Cittadinanza onoraria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La cittadinanza onoraria è un riconoscimento concesso da un comune o da uno Stato ad un individuo ritenuto legato alla città per il suo impegno o per le sue opere. La persona dev'essersi distinta particolarmente nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'industria, del lavoro, della scuola, dello sport, con iniziative di carattere sociale, assistenziale e filantropico od in opere, imprese, realizzazioni, prestazioni in favore degli abitanti del comune, rendendone più alto il prestigio attraverso la loro personale virtù, o in azioni di alto valore a vantaggio della nazione o dell'Umanità intera.

In Italia[modifica | modifica wikitesto]

Cittadinanza onoraria conferita da un comune italiano[modifica | modifica wikitesto]

La concessione avviene solitamente sulla base di un regolamento interno.

La concessione, in assenza di un regolamento apposito, avviene dopo che il consiglio comunale abbia votato a maggioranza una delibera.

I riferimenti normativi sono:

Le motivazioni della benemerenza possono essere: nascita, riconoscimenti sociali e culturali, la riconoscenza per uno specifico atto straordinario, altro.

Il testo della determinazione da stampare e consegnare al cittadino onorario viene solitamente incluso nella delibera con il mandato al Sindaco per la notifica al Cittadino onorario nelle forme ufficiali. La cittadinanza onoraria può essere conferita anche a cittadini non residenti in Italia e post-mortem.[1] Alcuni esempi noti di cittadinanza onoraria concessa post-mortem: Salvatore Quasimodo a Roccalumera, Lucio Dalla a Lipari, Donato Moro a Otranto, Benito Mussolini a Salò, Grazia Deledda a Galtelli, Mauro Rostagno a Trapani e Giacomo Matteotti a Riano.

La cittadinanza onoraria può essere concessa anche a enti delle Forze Armate, ad esempio in occasione di particolari circostanze connesse con emergenze sia di sicurezza che di calamità naturali.

Nel Mondo[modifica | modifica wikitesto]

Stati stranieri e singole città all'estero, possono conferire la propria cittadinanza onoraria, anche a stranieri, secondo criteri e modalità molto variabili, ma sempre in connessione con gli alti meriti dell'insignito. Anche in questo caso, per essere ritenuta valida, la cittadinanza onoraria dev'essere conferita da un'ufficiale autorità comunale o statale.

Cittadini onorari degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nome Data di assegnazione Note
1 Sir Winston Churchill Sir Winston S Churchill.jpg 1963 Primo ministro del Regno Unito, durante la seconda guerra mondiale.

[2][3]

2 Raoul Wallenberg Raoul Wallenberg.jpg 1981
(Premiato postumo)
Diplomatico svedese che ha salvato gli ebrei dall'Olocausto.[4]
3

e

4

William Penn William Penn.png 28 Nov 1984
(Premiato postumo)
Fondatore della Provincia di Pennsylvania[5][6]
Hannah Callowhill Penn Hannah-Penn-01.jpg Amministratore della Provincia di Pennsylvania, seconda moglie di William Penn[5][6]
5 Madre Teresa MotherTeresa 094.jpg 1996 Suora cattolica di etnia albanese e cittadinanza indiana, fondò i missionari della carità a Calcutta[7]
6 Gilbert du Motier, Marquis de Lafayette Gilbert du Motier Marquis de Lafayette.jpg 2002
(Premiato postumo)
Generale, militare e politico francese con cittadinanza statunitense, protagonista sia della Rivoluzione americana prima sia della Rivoluzione francese poi.
7 Casimir Pulaski Kazimierz Pułaski.PNG 2009
(Premiato postumo)
Generale polacco protagonista sia della Rivoluzione americana; politico e nobile della Confederazione di Entrambe le Nazioni, brigadiere generale americano chiamato "Il padre della cavalleria americana" e morto durante l'assedio di Savannah (Georgia).

Ricordato come eroe nazionale sia in Polonia che negli Stati Uniti d'America.[8][9][10][11]

8 Bernardo de Gálvez y Madrid, visconte di Galveston e conte di Gálvez BernardoGálvez.png 2014
(Premiato postumo)
Generale spagnolo, comandante dell'esercito in Nuova Spagna e governatore della Louisiana e di Cuba.

Gálvez aiutò le Tredici colonie nella loro lotta per l'indipendenza, e guidò l'esercito spagnolo contro il Regno di Gran Bretagna nella guerra anglo-spagnola, sconfiggendo i britannici a Pensacola e riconquistando la Florida in nome della Spagna. Passò gli ultimi due anni di vita ricoprendo il ruolo di viceré della Nuova Spagna, succedendo al padre Matías de Gálvez y Gallardo. Galveston (Texas) e molti altri luoghi hanno preso da lui il nome.[12]

Il re di Spagna Carlos III gli concesse il diritto al motto YO SOLO (io SOLO) per il suo stemma.

Cittadini onorari canadesi[modifica | modifica wikitesto]

Nome Data di assegnazione Note
1 Raoul Wallenberg Raoul Wallenberg.jpg 1985
(postumo)
Diplomatico e umanitario svedese .[13]
2 Nelson Mandela Nelson Mandela-2008 (edit).jpg 2001 Attivista anti-apartheid, ex presidente del Sudafrica, e destinatario del premio Nobel per la pace del 1993.
3 Tenzin Gyatso Tenzin Gyatso - Trento 2013 01.JPG 2006 Il 14º Dalai Lama e destinatario del Premio Nobel per la Pace del 1989.
4 Aung San Suu Kyi Aung San Suu Kyi 17 November 2011.jpg 2007 Leader dell'opposizione birmana e destinatario del premio Nobel per la pace del 1991.
5 Karim Aga Khan IV Agha-Khan-IV.jpg 2010 49º Imam dei musulmani Shia Ismaili.[14]
6 Malala Yousafzai Malala Yousafzai at Oval Office 2013 cropped.jpg Premiato nel 2014,[15] ricevuto nel 2017[16] Attivista pakistana per i diritti della donna e l'istruzione, destinatario del Premio Nobel per la Pace del 2014.[17]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Conferimento cittadinanza onoraria post mortem a Giacomo Matteotti e istituzione del "Libro delle persone illustri di Riano", su www.comune.riano.rm.it. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2016).
  2. ^ Winston Churchill (PDF), su Pub.L. 86-6, U.S. Senate, 9 aprile 1963. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  3. ^ John F. Kennedy: Proclamation 3525—Declaring Sir Winston Churchill an Honorary Citizen of the United States of America, su www.presidency.ucsb.edu. URL consultato il 10 luglio 2017.
  4. ^ Raoul Wallenberg (PDF), su Pub.L. 97-54, 95 Stat. 971, U.S. Senate, 5 ottobre 1981. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  5. ^ a b William Penn and Hannah Callowhill Penn (PDF), su Pub.L. 98-516, 98 Stat. 2423, U.S. Senate, 19 ottobre 1984. URL consultato il 2 febbraio 2011.
  6. ^ a b Proclamation 5284 – Honorary United States Citizenship for William and Hannah Penn, su Proclamation 5284, Reagan Presidential Library, 28 novembre 1984. URL consultato il 4 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2016).
  7. ^ H.J. Res. 191 (Template:USStatute)
  8. ^ Casimir Pulaski Day, Office of Civil Rights and Diversity at Eastern Illinois University, 2005. URL consultato il 2 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  9. ^ Yale Richmond, From Da to Yes: Understanding the East Europeans, Yarmouth, Me, Intercultural Press, 1995, p. 72, ISBN 1-877864-30-7.
  10. ^ Citizenship for Polish Hero of American Revolution, in The New York Times, Associated Press, 7 novembre 2009. URL consultato il 19 novembre 2009.
    «Gen. Casimir Pulaski finally became an American citizen, 230 years after he died fighting in the Revolutionary War.».
  11. ^ H.J. Res. 26 (S.J. Res. 12) (Template:USStatute)
  12. ^ Bernardo Galvez, H.J. Res. 105 Engrossed in House (EH), su US Congress. URL consultato il 3 novembre 2014.
  13. ^ Government of Canada Honours Canadian Honorary Citizen Raoul Wallenberg, Department of Canadian Heritage News Release, January 16, 2003
  14. ^ Mawlana Hazar Imam is made an honorary citizen of Canada, TheIsmaili.org, 22 giugno 2009. URL consultato il 26 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2010).
  15. ^ (EN) Senate of Canada - Debates, su Senate of Canada. URL consultato il 12 aprile 2017.
  16. ^ BRUCE CAMPION-SMITH e ALEX BOUTILIER, Malala Yousafzai has become an honorary Canadian citizen | Toronto Star, su Toronto Star, 12 aprile 2017. URL consultato il 12 aprile 2017.
  17. ^ Malala Yousafzai to get honorary Canadian citizenship, CBC, 15 ottobre 2013. URL consultato il 16 ottobre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 43317 · GND (DE4151123-2