Filippo VI di Spagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Filippo VI di Spagna
Filippo VI nel 2023
Re di Spagna
Stemma
Stemma
In caricadal 19 giugno 2014
(9 anni e 301 giorni)
PredecessoreJuan Carlos I
EredeLeonor, principessa delle Asturie
Nome completoin spagnolo: Felipe Juan Pablo Alfonso de Todos los Santos de Borbón y Grecia
in italiano: Filippo Giovanni Paolo Alfonso di Tutti i Santi di Borbone e Grecia
TrattamentoSua Maestà
Maestà cattolica
Altri titolivedi sotto
NascitaMadrid, Stato Spagnolo, 30 gennaio 1968 (56 anni)
Casa realeBorbone di Spagna
DinastiaCapetingi
PadreJuan Carlos I
MadreSofia di Grecia
ConsorteLetizia Ortiz Rocasolano
FigliLeonor
Sofia
ReligioneCattolicesimo
Firma
Filippo VI di Spagna
Filippo in divisa da Capitano generale della Marina nel 2014
NascitaMadrid, 30 gennaio 1968
ReligioneCattolica
Dati militari
Paese servitoBandiera della Spagna Spagna
Forza armata Ejército de Tierra
Armada de España
Ejército del Aire
SpecialitàAviatore
Unità402 Squadrone di addestramento
Anni di servizio1986 - 2014
Grado
Studi militariAccademia Generale di Saragozza
Scuola Navale di Marín
Accademia Generale dell'Aria di San Javier
Fonti citate nel corpo del testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Filippo VI (in spagnolo e basco Felipe VI, in catalano Felip VI, in galiziano Filipe VI; nome completo: Felipe Juan Pablo Alfonso de Todos los Santos de Borbón y Grecia); Madrid, 30 gennaio 1968) è l'attuale Re di Spagna.

È il terzo figlio ed unico maschio di Juan Carlos I di Spagna, suo predecessore sul trono spagnolo, e di Sofia di Grecia.[1][2] A seguito dell'abdicazione del padre, resa effettiva il 18 giugno 2014, gli è succeduto al trono il 19 giugno seguente.[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

L'infante Filippo fotografato nel 1969 in braccio al padre Juan Carlos con il cugino Pavlos e lo zio Costantino

Felipe Juan Pablo Alfonso de Todos los Santos de Borbón y Grecia è nato a Madrid il 30 gennaio 1968. La sua nascita, avvenuta dopo quelle delle sorelle Elena e Cristina, ha assicurato la successione maschile al trono di Spagna. I suoi nomi di battesimo includono il nome del primo Borbone che regnò sulla Spagna, Filippo V, i nomi dei suoi nonni Juan, Conte di Barcellona e Paolo di Grecia, il nome del bisnonno Alfonso XIII e tutti i santi, tradizione della famiglia Borbone.

Felipe da bambino con la sorella Cristina nel 1969

Alla nascita Filippo acquisì il titolo di infante di Spagna poiché suo padre Juan Carlos non era ancora re (all'epoca la Spagna era ancora governata dal regime dittatoriale di Francisco Franco); diventò principe delle Asturie, titolo riservato all'erede al trono, solo nel 1977, due anni dopo l'ascesa al trono del padre.

Filippo cominciò gli studi a Santa Maria de los Rosales, una normale scuola privata, senza alcun trattamento speciale. Successivamente studiò presso il Lakefield College School in Ontario, Canada. Ha ricevuto anche un'istruzione militare frequentando l'Accademia Generale di Saragozza, la Scuola Navale di Marín e l'Accademia Generale dell'Aria di San Javier.

Ha studiato anche diritto ed economia all'Università Autonoma di Madrid, conseguendo un master in relazioni internazionali alla Edmund Walsh School of Foreign Service presso l'Università di Georgetown.

Grazie alla rigorosa istruzione ricevuta, Filippo parla correntemente spagnolo, inglese, francese, catalano, portoghese e un po' di greco.

Vela olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Ai Giochi Olimpici di Barcellona del 1992 è stato membro della squadra di vela olimpica, come lo erano stati sua madre Sofia e suo zio Costantino II alle Olimpiadi di Roma del 1960.[4]

Filippo ha inoltre preso parte alla cerimonia di apertura come portabandiera della Spagna, come già avevano fatto suo padre e sua sorella Cristina.

Ai giochi si è classificato in sesta posizione nella classe vela, ottenendo un diploma olimpico.

È un fervente tifoso dell'Atletico Madrid, squadra di cui è anche presidente onorario, carica riconosciutagli in occasione del centenario della squadra.

Principe delle Asturie[modifica | modifica wikitesto]

L'allora Principe delle Asturie Felipe nel 2008

Nel ruolo di principe, Filippo ha compiuto, a partire dal 1995, varie visite ufficiali nelle Comunità autonome spagnole, al fine di ottenere una profonda conoscenza della Spagna e un contatto diretto con gli spagnoli. Dal gennaio 1996 ha rappresentato ufficialmente la Spagna alle cerimonie di giuramento dei presidenti latino-americani. Ha seguito riunioni con gli organi costituzionali e con le principali istituzioni statali, al fine di tenersi aggiornato sulle loro attività. Ha partecipato ai lavori dei vari organi dell'amministrazione centrale e delle Comunità autonome. Ha presieduto cerimonie di Stato in caso di impedimento del re Juan Carlos. Filippo ha mostrato particolare interesse per le questioni relative all'Unione europea, al Medio Oriente, al Nordafrica e all'America Latina. Ha compiuto molte visite ufficiali in Europa e America Latina, in paesi del mondo arabo, in Estremo Oriente e in Australia. Ha anche svolto un ruolo attivo nella promozione degli interessi economici e commerciali della Spagna all'estero, presiedendo fiere e mostre (Expotecnia, Expoconsumo, Expohabitat); ha promosso la nascita di centri e cattedre universitarie per diffondere la storia della penisola iberica.

Il Principe delle Asturie Felipe durante una visita ufficiale in Ecuador nel 2013

Dopo agli attentati di Madrid dell'11 marzo 2004 il Principe delle Asturie, insieme alle sue sorelle, le Infanti Elena e Cristina, divennero i primi membri della famiglia reale spagnola a prendere parte a una manifestazione pubblica.

Felipe, con i suoi 197 cm d’altezza, nel 2011 è entrato nel Guinness dei primati come il membro di una famiglia reale più alto del mondo.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Felipe e Letizia durante la celebrazione della Pascua Militar nel 2009

Gli amori giovanili del principe sono stati fonte di interesse per la stampa spagnola per diversi anni. Il suo nome era legato a diverse donne, ma solo due furono degne di nota: la nobildonna spagnola Isabel Sartorius, dal 1989 al 1991 circa, figlia del IV marchese di Mariño (marito in seconde nozze della Principessa Nora del Liechtenstein), che era vista sfavorevolmente dalla famiglia reale a causa della dipendenza da cocaina della madre (una gentildonna argentina), e la modella norvegese Eva Sannum, che ha frequentato dal 1997 al 2001.

Nel novembre 2003 ha annunciato il suo fidanzamento con la giornalista asturiana Letizia Ortiz. La coppia si è sposata il 22 maggio 2004 nella Cattedrale dell'Almudena di Madrid. Il matrimonio è stato seguito da oltre 25 milioni di telespettatori nella sola Spagna ed è stato anche trasmesso in tutto il mondo. Hanno anche partecipato i rappresentanti di 12 case reali regnanti e altri 12 appartenenti a case reali non regnanti. Letizia Ortiz ha assunto il titolo di Sua Altezza Reale la Principessa delle Asturie.

Filippo VI è padrino di battesimo della principessa Maria di Borbone-Due-Sicilie (nata il 21 aprile 2015); di Luis Felipe Gómez-Acebo y Ponte, figlio di suo cugino Beltrán; del principe Costantino Alessio di Grecia e Danimarca, figlio di suo cugino Paolo; di Vincent di Danimarca, figlio di Federico X di Danimarca; di Miguel Urdangarin, figlio di sua sorella Cristina; di Victoria Federica de Marichalar, figlia di sua sorella Elena; di Isabella d'Orleans, figlia del principe Carlo Filippo d'Orleans; della principessa Sofia di Bulgaria, figlia del principe Konstantin di Bulgaria e della principessa Ingrid Alexandra di Norvegia, figlia del principe Haakon di Norvegia.

Re di Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Felipe VI mentre presta giuramento davanti alle Corti Generali durante la cerimonia di proclamazione al Palazzo delle Corti a Madrid

Il 2 giugno 2014, a seguito di un colloquio privato con il sovrano, il Primo ministro spagnolo Mariano Rajoy ha annunciato l'intenzione del re di abdicare in favore del figlio.[5][6] Juan Carlos ha confermato la decisione, firmando l'abdicazione il 18 giugno, dopo l'approvazione della legge organica prevista in materia dall'articolo 57, quinto comma, della Costituzione spagnola.[7]

Il 19 giugno il padre gli ha imposto la fascia di Comandante dell'esercito di Terra, Aria e Mare (che simboleggia il trasferimento del potere reale e militare). In seguito, ha giurato davanti alle Corti Generali dicendo: "Giuro di adempiere fedelmente ai miei doveri, osservare e far osservare la Costituzione e le leggi e rispettare i diritti dei cittadini e delle Comunità autonome"; è stato così proclamato re di Spagna con il nome di Felipe VI ed ha tenuto il suo primo discorso al Parlamento dove ha annunciato “una monarchia rinnovata per un tempo nuovo” e che "la corona deve essere vicina ai cittadini e guadagnarsi il loro rispetto". Tornato al Palazzo reale di Madrid, si è affacciato dal balcone per salutare la folla e ha assistito a una parata militare in suo onore.

Dal momento della proclamazione, l'erede al trono è divenuta la figlia maggiore Leonor, principessa delle Asturie, nata nel 2005, che, quando ascenderà al trono, diventerà la seconda regina regnante dell'intera storia spagnola dopo Isabella II.

Felipe VI presiede il suo primo consiglio dei ministri come re nel 2014

Nei suoi primi atti da re ha mostrato, insieme alla regina Letizia, il suo sostegno alle vittime del terrorismo, ha incontrato i rappresentanti delle ONG, le associazioni LGBT e, rispetto alla fase precedente, in alcuni atti ufficiali ha consentito l'assenza di simboli cattolici "per rispettare la natura aconfessionale dello Stato secondo la Costituzione".

Il 30 giugno 2014 Felipe, insieme alla consorte Letizia, ha compiuto la sua prima visita ufficiale all'estero dopo la proclamazione incontrando papa Francesco al Palazzo Apostolico e nell'ottobre 2014 ha tenuto il primo ricevimento ufficiale, in occasione della visita della presidente cilena Michelle Bachelet.

Il presidente Barack Obama incontra il re Filippo VI di Spagna al Waldorf Astoria Hotel di New York nel 2014

Il 19 novembre 2014 Felipe ha compiuto la sua prima visita ufficiale recandosi in Italia, dove, oltre ad incontrare le cariche istituzionali, come il presidente della repubblica Giorgio Napolitano ed il presidente del consiglio Matteo Renzi, ha visitato la Camera dei deputati. Il 24 dicembre 2014 ha letto, a reti unificate, il suo primo messaggio di Natale come re, sostenendo che "la corruzione va eliminata".

Nel febbraio 2015 Felipe VI ha annunciato che avrebbe tagliato il suo stipendio annuo del 20% arrivando a guadagnare 234.204 euro, 58.548 euro in meno di quanto percepiva suo padre Juan Carlos I come capo di stato, a causa della recessione economica e le difficoltà che continuano a ostacolare la Spagna. Il 12 giugno ha revocato il titolo di duchessa di Palma di Maiorca alla sorella Cristina per il suo coinvolgimento insieme al marito in uno scandalo finanziario.

Dal 11 al 14 luglio 2017 Felipe ha intrapreso il suo primo viaggio ufficiale nel Regno Unito. Durante tale viaggio, con l'obiettivo di rafforzare le relazioni bilaterali in vista della Brexit (l’ultima visita di reali spagnoli nel Regno Unito è stata nel 1986 con re Juan Carlos e la regina Sofia) è stato il secondo sovrano spagnolo, dopo suo padre Juan Carlos, a leggere un discorso davanti al Parlamento britannico. In seguito ha visitato l'università di Oxford e l'Abbazia di Westminster.

Filippo VI insieme al presidente di governo Mariano Rajoy e alla Generalitat catalana all'inizio della manifestazione contro il terrorismo celebrata a Barcellona
Filippo mentre saluta la folla alla manifestazione contro gli attentati terroristici a Barcellona

Il 3 ottobre 2017, due giorni dopo il referendum indipendentista per la Catalogna, Felipe ha rivolto un messaggio istituzionale a tutta la nazione. Il re, che si rivolgeva per la prima volta agli spagnoli al di fuori del periodo natalizio, ha esordito accusando la Generalitat catalana di essersi spinta oltre i margini del diritto e della democrazia e di aver tentato di “infrangere l’unità della Spagna”, per poi lanciare un messaggio conciliante, ma mantenendo fermo la posizione della Catalogna all'interno del regno di Spagna.

Felipe e Letizia durante la visita di Stato del presidente d'Israele Reuven Rivlin nel 2017

Dal 14 al 19 giugno 2018, Felipe e Letizia hanno compiuto un viaggio negli Stati Uniti, visitando le città di New Orleans e San Antonio (Texas) in occasione del terzo centenario della fondazione di entrambe le città, legate alla Corona spagnola. Il 18 si sono trasferiti a Washington D.C. dove Felipe VI ha fatto visita alla Banca Mondiale e la coppia reale è stata ricevuta alla Casa Bianca dal presidente Donald Trump e da sua moglie Melania.

Il 17 ottobre 2018 Felipe ha partecipato alla celebrazione del centenario della metropolitana di Madrid, fotografandosi accanto all'auto storica, utilizzata all'inaugurazione dal suo bisnonno re Alfonso XIII.

Nel mese di novembre dello stesso anno, Felipe ha partecipato alla cerimonia commemorativa del Centenario dell'Armistizio che pose fine alla prima guerra mondiale sul fronte occidentale, svoltasi a Parigi.

Felipe presiede la commemorazione del 175 anniversario della Guardia Civil nel 2019

Dall'11 al 14 novembre 2019 Felipe, accompagnato dalla moglie Letizia, ha compiuto un viaggio a Cuba in occasione del V centenario della fondazione della città dell'Avana. Durante la visita ha firmato con il presidente cubano Miguel Diáz-Canel un accordo di collaborazione tra Cuba e Spagna. È stata una visita storica la prima di un sovrano spagnolo (sebbene Juan Carlos e Sofia c'erano già stati nel 1999 ma in forma privata).

Filippo insieme a Letizia, alle figlie Leonor e Sofia e il presidente di Governo Pedro Sanchez durante gli atti della solenne apertura della XIV legislatura nel 2020.

Nel gennaio 2020, il re ha partecipato al quinto Forum mondiale sull'Olocausto a Gerusalemme . Filippo, che detiene il titolo di Re di Gerusalemme come uno dei titoli storici della corona spagnola , è stato l'unico leader internazionale a parlare alla cena di apertura. Nel suo discorso, il monarca ha chiarito che “non c’è spazio per l’indifferenza di fronte al razzismo, alla xenofobia, all’odio e all’antisemitismo” e che “dimenticare l’Olocausto sarebbe estremamente pericoloso e sarebbe una totale mancanza di rispetto per il ricordo delle vittime”.

Felipe VI con i capi di Stato e di governo portoghesi e il presidente di governo Pedro Sánchez in occasione della riapertura della frontiera tra Spagna e Portogallo nel luglio 2020

Il 16 marzo 2020 Felipe VI ha tolto al padre la pensione, pari a 194 000 euro di fondi pubblici, per via di un’inchiesta aperta dalla magistratura svizzera su una tangente di 100 milioni di dollari arrivati dal Ministero delle Finanze dell’Arabia Saudita e destinati a due enti, la Fondazione Zagatka e la Fondazione Lucum, che avevano tra i beneficiari il re emerito Juan Carlos e, dopo di lui, anche Felipe e la figlia Leonor.

Il 9 febbraio 2022, Felipe è risultato positivo al COVID-19, nonostante fosse vaccinato, manifestando però sintomi lievi. Dopo essere rimasto in isolamento per diversi giorni, il 21 febbraio il re è uscito dalla quarantena senza gravi conseguenze.

Felipe accoglie il presidente americano Joe Biden al Palazzo Reale durante il vertice NATO nel 2022
Felipe VI durante la cerimonia in omaggio alle vittime della pandemia da COVID-19 nel 2022

Il 26 aprile 2022 Felipe ha reso pubblico il proprio patrimonio personale, rivelando che ha un valore di 2,5 milioni di euro. In particolare, 2,2 milioni di euro sarebbero depositati in conti bancari o investiti, e circa 300 000 euro sarebbero sotto forma di "opere d'arte e d'antiquariato e di gioielli". Ha inoltre dichiarato di non possedere né proprietà immobiliari né rapporti finanziari con l'estero e che ha sempre pagato le tasse sui suoi guadagni. Il re ha deciso di rendere note le cifre esatte per migliorare la trasparenza dell’istituzione e far sì che la monarchia fosse "meritoria del rispetto e della fiducia dei cittadini”. Nell’assumere prima del tempo il ruolo di re, Felipe aveva formulato una promessa di trasparenza ai sudditi, che con questo gesto ha voluto mantenere. Queste le parole pronunciate durante la cerimonia dell’insediamento ufficiale nel 2014: “I cittadini esigono giustamente che i principi morali ed etici ispirino l’esemplarità della nostra vita pubblica. E il re, alla guida dello Stato, deve essere non solo un riferimento ma anche un servitore di quella giusta e legittima richiesta per tutti i cittadini”.

Il 19 settembre 2022 Felipe, insieme alla consorte Letizia, alla madre Sofia e al padre Juan Carlos, ha presenziato al funerale di Stato della regina Elisabetta II del Regno Unito, tenutosi all'Abbazia di Westmister.

Filippo VI insieme a Sergio Mattarella e Marcelo Rebelo de Sousa a Palermo nel 2023

Il 6 maggio 2023 Felipe, insieme a Letizia, ha partecipato all'incoronazione del re Carlo III e della regina Camilla del Regno Unito presso l'Abbazia di Westmister.

Filippo, insieme a Letizia e la figlia Leonor, presiede la parata della Festa Nazionale spagnola nel 2023

Il 9 ottobre 2023, Filippo ha condannato "con tutta la fermezza" gli attacchi terroristici contro Israele, ha invitato a "fare tutto il possibile per evitare maggiori sofferenze, distruzioni, disperazione e la perdita di altre vite umane" e ha affermato che la Spagna "rimane fedele alla il suo impegno per la pace e la stabilità nella regione ”. Più tardi quel mese, durante la cerimonia di premiazione del Premio Principessa delle Asturie del 2023 , il re ha fatto riferimento al conflitto in corso chiedendo l'unità per risolverlo e ha ricordato che nel 1994, il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin e il leader palestinese Yasser Arafat hanno ricevuto il Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale per il loro “sforzo volto a creare condizioni di pace nella regione” dopo la Conferenza di Madrid del 1991 e gli Accordi di Oslo del 1994. L'11 gennaio 2024 Felipe in un incontro con il corpo diplomatico in Spagna, ha nuovamente condannato l'attacco terroristico, ha chiesto la liberazione degli ostaggi e ha difeso la "costituzione dello Stato palestinese accanto a Israele" per fermare il "ciclo di violenza".

La Principessa delle Asturie insieme al re Felipe VI e al presidente di governo Pedro Sanchez dopo aver ricevuto il collare dell'ordine di Carlo III

Impegni reali[modifica | modifica wikitesto]

Filippo, principe delle Asturie, durante una visita ufficiale in Grecia nel 1998

Oltre alle sue attività ufficiali, il re è presidente onorario di diverse associazioni e fondazioni, come la Fondazione Codespa, che finanzia attività di sviluppo economico e sociale per l'America Latina. È inoltre presidente della "Fondazione Principe delle Asturie", un'organizzazione no-profit il cui obiettivo è la promozione dei valori scientifici, culturali e umanistici della penisola iberica. La fondazione consegna annualmente a Oviedo il Premio Principe delle Asturie.

Filippo e Letizia presiedono il Premio Miguel de Cervantes nel 2019
Filippo VI, il Primo Ministro Pedro Sánchez e il Presidente della Giunta dell'Estremadura, Guillermo Fernández Vara, applaudono la Cancelliera tedesca, Angela Merkel, alla cerimonia di consegna del Premio Europeo Carlos V

Oltre a questo premio viene assegnato anche un riconoscimento al Popolo esemplare delle Asturie, concesso al paese asturiano che durante l'anno abbia realizzato l'opera più meritevole nel campo del volontariato o dello sviluppo. Nel quadro delle istituzioni che operano per lo sviluppo sociale, Filippo concentra il suo interesse sulle attività dei progetti di volontariato, ambiente, università, integrazione dei giovani nei luoghi di lavoro, relazioni tra ambienti economici e la società e comunicazione sociale.

In occasione dell'Anno Internazionale del Volontariato, istituito dall'ONU nel 2001, il segretario generale Kofi Annan ha definito Filippo una "persona importante" per il suo modo di contribuire a livello internazionale a favore dei lavori volontari.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Filippo VI e la sua famiglia nel 2019
Filippo VI con Letizia nel 2003

Filippo VI e la regina consorte Letizia hanno due figlie:

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

I simboli della monarchia spagnola: Corona commemorativa e scettro

L'attuale Costituzione spagnola si riferisce alla monarchia come "la corona di Spagna" e il titolo costituzionale del sovrano è semplicemente quello di re/regina di Spagna.[8] La legge costituzionale, però, accenna anche alla possibilità dell'uso degli altri titoli storici della monarchia iberica, senza tuttavia specificarli. Un decreto promulgato il 6 novembre 1987[9] dal consiglio dei ministri regola i titoli e il trattamento spettante ai membri della casa reale, e, su queste basi, il sovrano ha il diritto di usare gli altri titoli appartenenti alla corona (El titular de la corona se denominará Rey o Reina de España y podrá utilizar los demás títulos que correspondan a la Corona, así como las otras dignidades nobiliarias que pertenezcan a la Casa Real). Contrariamente a quanto si crede, la serie completa dei titoli storici, che comprende oltre venti regni, non è attualmente in uso. L'insieme dei titoli feudali venne impiegato l'ultima volta nel 1836 con Isabella II di Spagna. Il Re, inoltre, è Gran maestro del Real Consiglio degli Ordini Militari.[10]

Filippo VI ha quindi, oltre al titolo di re di Spagna, i titoli di:

Filippo diventò erede al trono da quando suo padre fu incoronato re di Spagna nel 1975, mantenendo detto titolo fino al giorno della sua incoronazione, il 19 giugno 2014. Nel 1977 divenne principe delle Asturie, titolo conferito tradizionalmente agli eredi al trono spagnolo. Filippo è il primo Borbone ad aver ottenuto il titolo aragonese di principe di Girona. Egli è anche principe di Viana, duca di Montblanc, conte di Cervera e signore di Balaguer.

Il 30 gennaio 1986, all'età di 18 anni, Filippo ha giurato fedeltà alla Costituzione e al Re nella sede del parlamento spagnolo, accogliendo pienamente il suo ruolo istituzionale come successore alla Corona.

Il 19 giugno 2014 è stato proclamato re di Spagna con il nome di Filippo VI.

Blasonatura dello stemma[modifica | modifica wikitesto]

Filippo VI in divisa nel 2015

Lo stemma reale di Filippo VI di Borbone è descritto nel regio decreto numero 527/2014 del 20 giugno. Lo scudo è inquartato ed è composto nel seguente modo: nel primo quarto lo stemma del Regno di Castiglia, un castello d'oro merlato alla guelfa, chiuso d'azzurro, caricato su campo rosso; nel secondo quarto lo stemma del Regno di León, un leone rampante paonazzo, coronato, lampassato e linguato di rosso, caricato su campo d'argento; nel terzo quarto lo stemma del Regno d'Aragona, d'oro a quattro pali rossi; nel quarto quarto lo stemma del Regno di Navarra, una maglia di catena d'oro, gemmata di verde al centro, caricata su campo rosso; nella punta lo stemma del Regno di Granada, un melograno aperto e fogliato al naturale caricato su campo d'argento; nel cuore lo stemma della Casa di Borbone, tre gigli di Francia d'oro bene ordinati su campo blu, il tutto bordurato di rosso.

Lo stemma è ornato dal collare dell'Ordine del Toson d'oro ed è sormontato da una corona reale formata da un cerchio d'oro e pietre preziose, con otto fioroni in foglie d'acanto, dei quali cinque visibili, e otto perle, quattro visibili, chiusa da otto archetti d'oro dei quali cinque visibili, ornati di perle e sormontati dal globo e dalla croce.

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alfonso XIII di Spagna Alfonso XII di Spagna  
 
Maria Cristina d'Austria  
Giovanni di Borbone-Spagna  
Vittoria Eugenia di Battenberg Enrico di Battenberg  
 
Beatrice di Gran Bretagna  
Juan Carlos I di Spagna  
Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie Alfonso di Borbone-Due Sicilie  
 
Antonietta di Borbone-Due Sicilie  
Maria Mercedes di Borbone-Due Sicilie  
Luisa d'Orléans Luigi Filippo Alberto d'Orléans  
 
Maria Isabella d'Orléans  
Filippo VI  
Costantino I di Grecia Giorgio I di Grecia  
 
Olga Konstantinovna di Russia  
Paolo di Grecia  
Sofia di Prussia Federico III di Germania  
 
Vittoria di Gran Bretagna  
Sofia di Grecia  
Ernesto Augusto di Brunswick Ernesto Augusto di Hannover  
 
Thyra di Danimarca  
Federica di Hannover  
Vittoria Luisa di Prussia Guglielmo II di Germania  
 
Augusta Vittoria di Schleswig-Holstein  
 

Ascendenza patrilineare[modifica | modifica wikitesto]

  1. Cariberto di Hesbaye, 555-636
  2. Crodoberto I di Tours, vescovo di Tours, 653-695
  3. Lamberto I di Hesbaye, conte di Hesbaye, ?-dopo il 650
  4. Crodoberto II, ?-678
  5. Lamberto II di Hesbaye, conte di Hesbaye, 669-741
  6. Roberto I di Hesbaye, conte di Hesbaye, 697-748
  7. Turimberto di Hesbaye, conte di Hesbaye, 735-770
  8. Roberto II di Hesbaye, conte di Hesbaye, 770-807
  9. Roberto III di Hesbaye, conte di Hesbaye, 781/790-834
  10. Roberto il Forte, marchese di Neustria, 820-866
  11. Roberto I di Francia, re dei Franchi, 860/866-923
  12. Ugo il Grande, conte di Parigi, 898-956
  13. Ugo Capeto, re di Francia, 940-996
  14. Roberto II di Francia, re di Francia, 972-1031
  15. Enrico I di Francia, re di Francia, 1008-1060
  16. Filippo I di Francia, re di Francia, 1052-1108
  17. Luigi VI di Francia, re di Francia, 1081-1137
  18. Luigi VII di Francia, re di Francia, 1120-1180
  19. Filippo II di Francia, re di Francia, 1165-1223
  20. Luigi VIII di Francia, re di Francia, 1187-1226
  21. Luigi IX di Francia, re di Francia, 1214-1270
  22. Roberto di Clermont, signore di Borbone, 1256-1317
  23. Luigi I di Borbone, duca di Borbone, 1279-1341
  24. Giacomo I di Borbone-La Marche, conte di La Marche, 1319-1362
  25. Giovanni I di Borbone-La Marche, conte di La Marche, 1344-1393
  26. Luigi I di Borbone-Vendôme, duca di Vendôme, 1376-1446
  27. Giovanni VIII di Borbone-Vendôme, duca di Vendôme, 1428-1477
  28. Francesco di Borbone-Vendôme, duca di Vendôme, 1470-1495
  29. Carlo IV di Borbone-Vendôme, duca di Vendôme, 1489-1537
  30. Antonio di Borbone-Vendôme, duca di Vendôme, 1518-1562
  31. Enrico IV di Francia, re di Francia, 1553-1610
  32. Luigi XIII di Francia, re di Francia, 1601-1643
  33. Luigi XIV di Francia, re di Francia, 1638-1715
  34. Luigi, il Gran Delfino, delfino di Francia, 1661-1711
  35. Filippo V di Spagna, re di Spagna, 1683-1746
  36. Carlo III di Spagna, re di Spagna, 1716-1788
  37. Carlo IV di Spagna, re di Spagna, 1748-1819
  38. Francesco di Paola di Borbone-Spagna, 1794-1865
  39. Francesco d'Assisi di Borbone-Spagna, duca di Cadice, 1822-1902
  40. Alfonso XII di Spagna, re di Spagna, 1857-1885
  41. Alfonso XIII di Spagna, re di Spagna, 1886-1941
  42. Giovanni di Borbone-Spagna, conte di Barcellona, 1913-1993
  43. Juan Carlos I di Spagna, re di Spagna, 1938-
  44. Filippo VI, re di Spagna, 1968-

Onorificenze e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Stendardo di Filippo VI di Spagna

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Filippo di Spagna ai Giochi Olimpici di Barcellona
Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Collare dell'Ordine di Carlo III - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile di Alfonso X il Saggio - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine di San Raimondo di Peñafort - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine al merito costituzionale - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile della Solidarietà Sociale - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile della Salute - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito delle Telecomunicazioni e delle Società d'Informazione - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Postale - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito dell'Agricoltura, della Pesca e dell'Alimentazione - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine reale del merito sportivo - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine al Merito del Piano Nazionale Anti droghe - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine di Cisneros - nastrino per uniforme ordinaria
Sovrano dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro del Real Ordine del Riconoscimento Civile alle Vittime del Terrorismo - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Civile al Merito Ambientale - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine al Merito della Polizia - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Croce d'Oro dell'Ordine al Merito della Guardia Civil - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine di San Ferdinando - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sant'Ermenegildo - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Santa Maria di Montesa - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Militare di Calatrava - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere dell'Ordine di Santiago - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce con decorazione bianca dell'Ordine al Merito Militare - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce con decorazione bianca dell'Ordine al Merito Navale - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere di Gran Croce con decorazione bianca dell'Ordine al Merito Aeronautico - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia Plus Ultra - INI - nastrino per uniforme ordinaria
— 14 ottobre 1991[20]
Medaglia d'oro del congresso - nastrino per uniforme ordinaria
«Al raggiungimento della maggiore età e in occasione del suo giuramento come Principe Ereditario della Corona di Spagna.»
— 30 gennaio 1986
Medaglia d'oro del senato - nastrino per uniforme ordinaria
«Al raggiungimento della maggiore età e in occasione del suo giuramento come Principe Ereditario della Corona di Spagna.»
— 30 gennaio 1986

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine di Agostinho Neto (Angola) - nastrino per uniforme ordinaria
Collare dell'Ordine del Re Abd al-Aziz (Arabia Saudita) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Decorazione d'Onore in Oro con Fascia dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Maggio (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria
Collare dell'Ordine del liberatore San Martín (Argentina) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata (Casa di Savoia) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria
Collare dell'Ordine al Merito (Cile) - nastrino per uniforme ordinaria
Collare d'oro dell'Ordine olimpico (Comitato Olimpico Internazionale) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Collare dell'Ordine di Boyacá (Colombia) - nastrino per uniforme ordinaria
Grande Medaglia Gwanghwa dell'Ordine al merito del servizio diplomatico (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine di Mugunghwa (Corea del Sud) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine dell'Elefante (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Nazionale di San Lorenzo (Ecuador) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Argento dell'Ordine Nazionale José Matías Delgado (El Salvador) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di I Classe dell'Ordine della Croce della Terra Mariana (Estonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Sikatuna (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Lakandula (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran croce dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria
Classe speciale della gran croce dell'Ordine al merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria
Collare dell'Ordine del Crisantemo (Giappone) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine Supremo del Rinascimento (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Salvatore (Grecia) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine di Francisco Morazán (Honduras) - nastrino per uniforme ordinaria
«Per l'alto merito d'appoggio e l'integrazione della cooperazione ispanica con i paesi centroamericani; onorificenza consegnata il 23 gennaio 2019»
— 27 ottobre 2018[43]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 25 ottobre 2021[45][46]
Commendatore di Gran Croce dell'Ordine delle Tre Stelle (Lettonia) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Cordone dell'Ordine al Merito (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine militare e civile di Adolfo di Nassau (Lussemburgo) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine della Sovranità (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria
Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca (Messico) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Reale Norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Orange-Nassau (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'Investitura di Re Guglielmo Alessandro (Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Vasco Núñez de Balboa (Panama) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Sole del Perù - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Collare dell'Ordine del Sole del Perù - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito per Servizio Distinto (Perù) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Cristo (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Collare dell'Ordine della Torre e della Spada (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Collare dell'Ordine della Libertà (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce con Stella d'Oro dell'Ordine di Cristoforo Colombo (Repubblica Dominicana) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine Reale Vittoriano (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'incoronazione del Re Carlo III (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Stella di Romania - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Collare dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'Associazione di politica estera (Stati Uniti) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia dell'Associazione di politica estera (Stati Uniti)
«Per il suo internazionalismo responsabile e il suo lavoro per ampliare la comprensione pubblica degli affari internazionali.»
— 26 maggio 2022[72]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia commemorativa per il cinquantesimo genetliaco di Carlo XVI Gustavo (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica ungherese - nastrino per uniforme ordinaria
Premio onorario Serge Lazareff - nastrino per uniforme ordinaria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Constitución española de 1978 - Título II. De la Corona, art. 57.
  2. ^ Filippo è diventato re di Spagna.
  3. ^ (ES) Felipe VI, Rey de España (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2018).
  4. ^ Felipe, Crown Prince de Borbón, su sports-reference.com. URL consultato il 10 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  5. ^ Il re di Spagna ha abdicato, al suo posto il principe Felipe., Corriere della Sera, 2 giugno 2014
  6. ^ il Fatto Quotidiano, Video della dichiarazione di Rajoy. URL consultato il 19 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2014).
  7. ^ (ES) ¿Cómo se hará la sucesión?: El Gobierno prepara una ley orgánica.
  8. ^ Costituzione spagnola, art. 56, par. 2.
  9. ^ Real Decreto 1368/1987, de 6 de noviembre, sobre régimen de títulos, tratamientos y honores de la Familia Real y de los Regentes.
  10. ^ Órdenes Militares. URL consultato il 20 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2015).
  11. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  12. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  13. ^ Civil Guard Merit Gold Cross for Prince Felipe., El País, 12 October 1990.
  14. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  15. ^ Dignities and Knights. Spanish Military Orders official website. URL consultato il 5 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2014)..
  16. ^ Borbón y Grecia, Felipe de, Príncipe de Asturias, La web de las biografías..
  17. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  18. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  19. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF).
  20. ^ El Príncipe de Asturias, medalla del INI de Oro.. ABC (15/10/1991). Consultado el 2 de diciembre de 2012.
  21. ^ El rey Salman de Arabia recibe a Felipe VI con los máximos honores.
  22. ^ Repubblica Austriaca (PDF).
  23. ^ Noblesse et Royautes (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2013). (French), State visit of Argentina in Spain, 9 February 2009
  24. ^ Visita de Estado de Argentina a España.
  25. ^ Foro Dinastías., State visit of Belgium in Spain, 1994, Cristina & Queen Sofía (JPG).
  26. ^ Elenco dei Cavalieri dell'Ordine supremo della Santissima Annunziata
  27. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2011). (French), State visit of Chile in Spain, March 2011
  28. ^ Visita de Estado del Presidente de Chile a España.
  29. ^ Visita de Estado del Presidente de Chile a España, su hola.com. URL consultato il 7 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2018).
  30. ^ Spain, su google.com. URL consultato il 1º novembre 2014.
  31. ^ Spanish sport still shines after failed Olympic bid, Crown Prince says, La Prensa, 18 dicembre 2013. URL consultato il 26 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).
  32. ^ Cena de Gala en Honor del Presidente de Colombia y su esposa, su hola.com. URL consultato il 2 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2018).
  33. ^ Kongehuset
  34. ^ Visita de Estado del Presidente del Ecuador a España, su hola.com. URL consultato il 9 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2018).
  35. ^ Foro Dinastías.
  36. ^ Estonian State Decorations - Bearers of decorations, Felipe. - official website of the President of the Republic of Estonia
  37. ^ Getty Images, State visit of Philippines President in Spain, December 2007, Group Photo.
  38. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016). (French), Sarkozy's visit in Madrid, on 27 April 2009, Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2012).
  39. ^ Vanitatis.
  40. ^ Forum Príncipes de Asturias, State visit in Spain, 1999, Group photo 1 (JPG). & Group photo 2 (JPG).
  41. ^ Hemeroteca El País.
  42. ^ Foro Dinastías., State visit of Stephanopoulos in Spain, 2001, Group Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2018).
  43. ^ Casa Real.
  44. ^ Sito web del Quirinale.
  45. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato..
  46. ^ Quirinale website.
  47. ^ Latvian Presidency, Recipients list (.doc) (DOC) (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2013).
  48. ^ Getty Images, State Visit of Latvian President, October 2004, Group photo. and Felipe & Letizia.
  49. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016). (French), State visit of Lebanon in Spain, October 2009
  50. ^ Foro Dinastías, State visit of Luxembourg in Spain, 2001, Group Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  51. ^ Publications of Luxembourgish government (PDF) (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2006)., p66-67 : state visit of Grand-Dukes of Luxembourg in Spain, 07-09/05/2001
  52. ^ Getty Images, Visit to Morocco, July 2014, Group photo (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2015).
  53. ^ State Visit of Mexican Presidente, 11 June 2008, Group photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2012).. Queen Sofia and Prince Felipe would be entitiled to receive the "Sash in Special Category", as the reform of 2011 changed the award conditions.
  54. ^ El Presidente de México de Visita Oficial en España.
  55. ^ Bollettino Ufficiale della Federazione.
  56. ^ Willem-Alexander and Maxima's wedding guests. URL consultato il 14 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016)., Photo of Felipe wearing the order (JPG).
  57. ^ "Noblesse et Royautés" (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016). (French), State visit of Panama in Spain, 24 November 2008
  58. ^ Visita de Estado del Presidente de Panamá a España.
  59. ^ Visita de Estado del Presidente de Perú a España, su hola.com. URL consultato il 6 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2014).
  60. ^ Visita de Estado del Presidente de Perú a España.
  61. ^ Visita de Estado a Perú.
  62. ^ Internetowy System Aktów Prawnych.
  63. ^ a b c d e f (PT) Cidadãos Estrangeiros Agraciados com Ordens Portuguesas, su ordens.presidencia.pt, presidencia.pt. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  64. ^ Viaje de Estado a la República Portuguesa.
  65. ^ Cena de gala en Portugal en honor a don Felipe y doña Letizia.
  66. ^ Decreto 224-87 di 24 aprile 1987
  67. ^ (ES) Almudena Martínez-Fornés, La Reina llevará tocado y la Princesa pamela, su abc.es, 28 aprile 2011. URL consultato il 10 giugno 2012.
  68. ^ Visita Oficial de la Reina Isabel II a España.
  69. ^ [1]
  70. ^ Romanian Presidency, Star of Romania recipients list (.xls) (XLS) (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2014).
  71. ^ Getty Images, State visit of Romanian President in Spain, November 2007, Group Photo.
  72. ^ [2]
  73. ^ Photo (JPG) (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012). taken at Princess Victoria's Wedding. Letizia has no swedish decoration.
  74. ^ Immagini.
  75. ^ Getty Images, State Visit of Hungarian President, January 2005, Group photo. & Felipe & Letizia.
  76. ^ Serge Lazareff Prize 2017-2020" (PDF), su shape.nato.int, SHAPE-NATO. URL consultato il 25 marzo 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Spagna Successore
Juan Carlos I dal 19 giugno 2014 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN76570199 · ISNI (EN0000 0003 5505 050X · LCCN (ENn81031730 · GND (DE119250373 · BNE (ESXX923874 (data) · BNF (FRcb146233790 (data) · J9U (ENHE987009349352805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81031730