Reale ordine di San Ferdinando e del merito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reale ordine di San Ferdinando e del merito
Orde van de Heilige Ferdinand en van de Verdienste Napels 1800 Grootkruis en ster.jpg
Due Sicilie
Regno di Napoli, Regno delle Due Sicilie
TipologiaOrdine dinastico
MottoFIDEI ET MERITO
Statusconcesso solo privatamente
Capoin disputa tra Pietro di Borbone Due Sicilie e Carlo di Borbone-Due Sicilie
IstituzioneNapoli, 1º aprile 1800
Primo capoFerdinando IV di Napoli
CessazioneNapoli
Ultimo capoFrancesco II delle Due Sicilie
GradiCavaliere di Gran Croce
Commendatore
Cavaliere
Precedenza
Ordine più altoInsigne e reale ordine di San Gennaro
Ordine più bassoReale Ordine delle Due Sicilie
Royal Order of Saint Ferdinand and of Merit.png
Nastro dell'ordine

Il Reale ordine di San Ferdinando e del merito, fu un ordine cavalleresco del Regno di Napoli prima, poi del Regno delle Due Sicilie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lord Nelson con la medaglia del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito (la terza da destra). Egli fu il più famoso decorato dell'Ordine.

Esso venne fondato il 1º aprile del 1800 dal re Ferdinando IV, tornato a Napoli dopo l'esilio dovuto all'occupazione napoleonica. Attraverso questa istituzione, che pose sotto il patronato di san Ferdinando, suo patrono, antenato e patrono del Regno, egli decise di ricompensare coloro che avevano dato prova di devozione e gli erano rimasti fedeli durante il non facile periodo appena trascorso che lo aveva visto costretto a rifugiarsi in Sicilia, nonché forniva la possibilità al monarca di premiare anche personalità di fede non Cattolica, altrimenti non premiabili per le prerogative di Cattolicità espresse negli Statuti degli Ordini in quel momento contemporanei nel Regno (l'Ordine di San Gennaro e l'Ordine Costantiniano).

Originariamente, l'ordine era diviso nelle due classi di "gran croce" e di "commendatore", alle quale venne in seguito aggiunta anche quella di "cavaliere". I cavalieri di gran croce, godevano del titolo di eccellenza ed avevano il diritto di tenere il capo coperto in presenza del re (retaggio spagnolo concesso anche ai grandi di Spagna di I classe), e non potevano essere più di ventiquattro, le cui nomine spettavano esclusivamente al gran maestro.

Meriti speciali erano riservati a quei generali valorosi che si fossero distinti sul campo, che venivano premiati solitamente con la gran croce e coloro che avessero difeso un luogo strategico fondamentale o preso possesso di una città, venivano premiati con la commenda. In entrambi i casi, spettava al re concedere o meno una pensione annua in ricompensa al valore dimostrato.

Le insegne[modifica | modifica wikitesto]

Divisa.Ord.SanFerdinandoMerito.png
Royal Order of Saint Ferdinand and of Merit.png
Cavaliere
Ord.SanFerdinandoMerito-COM.png
Commendatore
Ord.SanFerdinandoMerito-GC.png
Cavaliere di Gran Croce

Le insegne dell'ordine sono costituite da una stella composta di sei raggi d'oro alternati ad altrettanti gigli d'argento con al centro uno scudo d'oro, recante l'immagine di san Ferdinando, orlata di smalto azzurro recante il motto FIDEI ET MERITO. Il nastro era di colore turchino, orlato di rosso cupo.[1]

Membri celebri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ insegne dell'ordine
  2. ^ Archivo General Militar de Madrid, Secc. 1, Célebres, Expediente Personal de Joaquín Navarro Sangrán

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]