Cavalieri di San Marco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine di San Marco della Serenissima Repubblica di Venezia
Flag of Most Serene Republic of Venice.svg
Repubblica di Venezia
TipologiaOrdine cavalleresco
IstituzioneVenezia
CessazioneVenezia, 12 maggio 1797
GradiCavaliere (classe unica)

L'Ordine di San Marco della Serenissima Repubblica di Venezia è il più importante tra gli ordini cavallereschi fondati nell'ambito della Repubblica di Venezia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente riportato come l'unica onorificenza equestre, il Cavalierato di San Marco era indubbiamente uno degli ordini veneti più importanti della storia della Repubblica. Esso variava perlopiù d'importanza e considerazione pubblica a seconda che fosse maggiore o minore l'autorità per decreto della quale veniva concesso, cioè che la deliberazione di nomina provenisse dal Maggior Consiglio, dal Senato o dal Doge. La funzione di consegna del collare dell'Ordine si compiva o nel Pien Collegio o nelle stanze private ducali. I Cavalieri, in ogni modo, venivano sempre armati dal Capo della Repubblica, che toccava loro le spalle con uno spadone pronunciando le seguenti parole: "ESTO MILES FIDELIS". Successivamente, se al decorato era stato decretato il dono di una collana d'oro (anch'essa simbolo dell'Ordine), questa gli veniva posta al collo dal Doge stesso.

I Cavalieri di San Marco potevano portare, come tutti i cavalieri d'ogni parte del mondo, la spada, gli speroni d'oro, la cappa rossa (con ricamata sulla spalla la croce bianca dalle punte biforcate) e la cintura dorata. Ai patrizi era concesso di portare una stola dorata sopra la cappa. Nessuno però in Venezia adottava questi contrassegni.

Il cavalierato non era ereditario. Solamente al conte Giacomo Zanotto, per il ruolo svolto nella Battaglia di Lepanto, nominato Cavaliere di San Marco dal doge Alvise I Mocenigo con diploma il 16 dicembre 1571 ("con beneficio trasmissibile a tutti i suoi discendenti legittimi in perpetuo") e a Benedetto Quirini, nel 1597, fu concesso questo merito per le sue grandi benemerenze durante la carestia e la peste che infestarono il Regno di Candia nel 1590 e 1592.

Nulla si conosce riguardo alla fondazione o istituzione di tale Ordine, sappiamo però che nel 1769 il Serenissimo doge Alvise IV Mocenigo conferì, in perpetuo, il titolo di Cavaliere di San Marco anche ai reverendissimi Canonici del Venerabile Capitolo della Cattedrale di Treviso.

L'Ordine si è estinto il 12 maggio 1797, quando il Doge e i magistrati deposero le insegne del comando ed il Maggior Consiglio abdicò e dichiarò decaduta la Repubblica di Venezia.

L'insegna[modifica | modifica wikitesto]

L'insegna dell'Ordine era costituita da una medaglia d'oro caricata dal leone di San Marco, nimbato e accovacciato, con la testa posta di fronte, tenente con le zampe anteriori un libro aperto scritto dalle parole in lettere maiuscole romane PAX TIBI MARCE EVANGELISTA MEUS.

Nel caso dei patrizi, questi nelle occasioni ufficiali non potevano portare la medaglia, ma indossavano una stola dorata, che per l'appunto li faceva definire "Cavalieri dell'Ordine della Stola d'Oro".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bratti R. I cavalieri di San Marco, Ed. Visentini, Venezia, 1898

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]