Ordine della Milizia Cristiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ordine della Milizia Cristiana
Arms of Vincenzo I Gonzaga, Duke of Mantua.svg
Ducato di Mantova
TipologiaOrdine cavalleresco
StatusCessato
IstituzioneOlmütz, 1619
Primo capoCarlo I Gonzaga
Cessazione1637
Ultimo capoCarlo I Gonzaga
Gradi

Gran Maestro
Gran Priore
Cavaliere di gran croce
Commendatore
Cavaliere

Ordine più altoOrdine del Cordone Giallo

L'Ordine della Milizia Cristiana[1] fu un Ordine cavalleresco del Ducato di Mantova.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pierre Dumonstier, ritratto del Duca di Mantova Carlo I Gonzaga con la Croce dell'Ordine (a destra), con il collare dell'Ordine del Redentore

La prima fondazione da parte dei fratelli Petrignani[2][3] fu un tentativo di creare un ordine religioso italiano. La benedizione papale e il tentativo di diffonderla in Francia e Germania possono essere visti come un fallimento; solo il secondo tentativo di fondare l'ordine cavalleresco ebbe successo. Lo scopo dell'Ordine era quello di attaccare e cacciare i Turchi nel Mediterraneo.

L'ultima dotazione fu fatta da Carlo I di Gonzaga-Nevers, duca di Nevers e con Michele Adolfo conte di Althann. Questi nobili si incontrarono ad Olmütz il 6 novembre 1618 per fondarne uno nuovo, diverso dall'ordine italiano, da istituire a Vienna l'8 marzo 1619. Il nuovo scopo era ora la liberazione degli "oppressi miscredenti e la promozione dell'unità tra i principi cristiani". Era l'organizzazione di accoglienza dei volontari greci e il nucleo di un esercito europeo.[4]

Molti tedeschi, italiani, francesi e polacchi si unirono fin dall'inizio. Il duca di Mantova Ferdinando Gonzaga in seguito si unì con uno dei fratelli Petrignani.

L'Ordine era conosciuto e conosciuto anche con il titolo di Ordine della Gloriosa Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria sotto la Regola di San Francesco e sotto la Protezione di San Michele Arcangelo e San Basilio. Papa Urbano VIII diede la sua benedizione nel 1623. Dopo il suo cambio di religione, il conte Althann volle sostanzialmente avere i successori maschi di nome Michele e le femmine di nome Maria dei membri dell'Ordine. L'Ordine cadde in rovina con la morte del fondatore, il duca di Nevers.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

La decorazione dell'Ordine era una croce d'oro, a otto punte, smaltata di blu. Sulla parte anteriore del medaglione c'era l'immagine della Santa Vergine Maria con il bambino Gesù. Il rovescio mostrava l'immagine di San Michele.

Il nastro azzurro aveva un bordo dorato e la croce veniva portata al collo. Ciò includeva un abbigliamento religioso. I cavalieri indossavano un mantello con una stella ricamata in oro sul lato sinistro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Goffredo di Crollalanza, Enciclopedia araldico cavalleresca, Pisa, 1878, pp.420-421.
  2. ^ Catalogo della biblioteca del fu conte Giacomo Manzoni, 1893.
  3. ^ Lettere di Guido Bentivoglio nunzio in Francia al cardinale Scipione Borghese, 1870.
  4. ^ (DE) Heinz Gollwitzer, Geschichte des weltpolitischen Denkens (Vom Zeitalter der Entdeckungen bis zum Beginn des Imperialismus), Vandenhoeck & Ruprecht, 1972, S. 80.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]