Pietro di Borbone-Due Sicilie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pietro di Borbone-Due Sicilie
Capo del Casato di Borbone-Due Sicilie (disputato)
Duca di Calabria
Stemma
Predecessore Carlo
Erede S.A.R. il Principe Don Giacomo
Nome completo Pedro Juan María Alejo Saturnino y Todos los Santos
Altri titoli Conte di Caserta,[1] Sovrano Gran Maestro e Grande di Spagna
Nascita Madrid, Spagna, 16 ottobre 1968 (49 anni)
Dinastia Borbone delle Due Sicilie
Padre Infante Carlos, Duca di Calabria Conte di Caserta
Madre Principessa Anna d'Orléans
Consorte Sofia Landaluce y Melgarejo
Figli Principe Giacomo, duca di Noto
Principe Juan
Principe Pablo
Principe Pedro
Principessa Sofia
Principessa Blanca
Principessa Maria
Religione Chiesa cattolica

Pietro di Borbone-Due Sicilie y Orléans, Duca di Calabria[2][3][4] (nome completo: Pedro Juan Maria Alejo Saturnino y Todos los Santos; Madrid, 16 ottobre 1968), Duca di Calabria e Conte di Caserta, è un principe della dinastia dei Borbone-Due Sicilie, Grande di Spagna, pretendente al trono del Regno delle Due Sicilie rappresentante del ramo italo-spagnolo; in contrapposizione con Carlo di Borbone-Due Sicilie, duca di Castro, rappresentante del cosiddetto ramo italo-francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'Infante di Spagna Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie, già duca di Calabria, e della principessa Anna d'Orléans, figlia di Enrico d'Orléans, Conte di Parigi, e di Isabella d'Orléans-Braganza.

Nella persona di Pietro di Borbone-Due Sicilie vive l'attuale Primogenito Farnesiano, ossia l'esponente in linea diretta di discendenza dei Borbone-Due Sicilie ereditaria dei titoli nobiliari e degli ordini cavallereschi appartenuti alla dinastia Farnese.

In Spagna dal 2014 succede al padre nel presiedere, come Gran Commendatore, lo spagnolo Ordine militare di Alcántara[5] e come Presidente del Real Consiglio degli Ordini Militari (di Santiago, di Calatrava, di Alcántara e di Montesa),[6] istituzione statale incaricata del funzionamento e della gestione dei ordini cavallereschi.

Duca di Noto dalla nascita, dal 5 novembre 2015 (data della morte del padre) è Duca di Calabria, Conte di Caserta, in contrapposizione con S.A.R. il principe Carlo di Borbone-Due Sicilie Duca di Castro, che rivendica gli stessi titoli di Gran Maestro dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, del Reale e militare ordine di San Giorgio della Riunione, dell'Ordine di San Gennaro, del Reale ordine di San Ferdinando e del merito e del Reale ordine di Francesco I.

Il Regno di Spagna riconosce i diritti dinastici di Pietro di Borbone-Due Sicilie,[7] così come alcune Case Reali non più regnanti.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ha sposato il 30 marzo 2001 a Madrid Sofia Landaluce y Melgarejo, figlia di José Manuel Landaluce y Domínguez e di Blanca Melgarejo y González (nipote del V duca di San Fernando de Quiroga), dalla quale ha avuto sette figli:

  • Giacomo (Jaime) di Borbone-Due Sicilie, nato il 26 giugno 1993. Gran Prefetto del Sacro Militare Ordine di San Giorgio, Gran Connestabile del Real Ordine Militare di San Giorgio della Riunione e Duca di Noto dal 5 novembre 2015 (già Duca di Capua dall'11 maggio 2015);
  • Giovanni (Juan) di Borbone-Due Sicilie (nato il 18 aprile 2003);
  • Paolo (Pablo) di Borbone-Due Sicilie (nato il 26 giugno 2004);
  • Pietro (Pedro) di Borbone-Due Sicilie (nato il 3 gennaio 2007);
  • Sofia di Borbone-Due Sicilie (nato il 12 novembre 2008);
  • Bianca (Blanca) di Borbone-Due Sicilie (nata il 7 aprile 2011);
  • Maria di Borbone-Due-Sicilie (nata il 21 aprile 2015, Filippo VI è il suo padrino di battesimo[8]).

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

Disputa dinastica[modifica | modifica wikitesto]

La sua pretesa al trono del Regno delle Due Sicilie è disputata con Carlo di Borbone-Due Sicilie, duca di Castro.

Il 25 gennaio 2014 è stato firmato a Napoli un atto di riconciliazione tra i due rami della famiglia in cui si riconoscono mutualmente i loro titoli.[9]

Il 14 maggio 2016, però, Carlo di Borbone-Due Sicilie, non avendo figli maschi, e per la prima volta nella storia del Casato dei Borbone-Due Sicilie, decide di non riconoscere le regole di successione che privilegiano la linea maschile, abolendo il criterio di successione della legge salica, richiamandosi al diritto europeo (Trattato di Lisbona, 2009) che proibisce la discriminazione tra uomini e donne. Questa decisione viene contestata[10] da Pedro di Borbone-Due Sicilie, in quanto illegittimo rispetto al codice legislativo dell'ex Regno delle Due Sicilie[11] e rispetto alle leggi ed alle tradizioni di famiglia[12].

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Pedro di Borbone-Due Sicilie Padre:
Carlo Maria di Borbone-Due Sicilie
Nonno paterno:
Alfonso Maria di Borbone-Due Sicilie
Bisnonno paterno:
Carlo Tancredi di Borbone-Due Sicilie
Trisnonno paterno:
Alfonso di Borbone-Due Sicilie
Trisnonna paterna:
Maria Antonietta di Borbone-Due Sicilie
Bisnonna paterna:
Maria de las Mercedes di Borbone-Spagna
Trisnonno paterno:
Alfonso XII di Spagna
Trisnonna paterna:
Maria Cristina d'Asburgo-Teschen
Nonna paterna:
Alice di Borbone-Parma
Bisnonno paterno:
Elia di Borbone-Parma
Trisnonno paterno:
Roberto I di Parma
Trisnonna paterna:
Maria Pia di Borbone-Due Sicilie
Bisnonna paterna:
Maria Anna d'Austria
Trisnonno paterno:
Federico d'Asburgo-Teschen
Trisnonna paterna:
Isabella di Croÿ
Madre:
Anna d'Orléans
Nonno materno:
Enrico d'Orléans
Bisnonno materno:
Giovanni d'Orléans
Trisnonno materno:
Roberto d'Orléans, Duca di Chartres
Trisnonna materna:
Francesca Maria d'Orléans
Bisnonna materna:
Isabella d'Orléans
Trisnonno materno:
Filippo d'Orléans
Trisnonna materna:
Maria Isabella d'Orléans
Nonna materna:
Isabella d'Orléans-Braganza
Bisnonno materno:
Pietro d'Orléans-Braganza
Trisnonno materno:
Gastone d'Orléans
Trisnonna materna:
Isabella del Brasile
Bisnonna materna:
Elisabetta Dobrzensky de Dobrzenicz
Trisnonno materno:
Conte Giovanni Dobrzensky de Dobrzenicz
Trisnonna materna:
Contessa Elisabetta Kottulinsky von Kottulin

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze borboniche[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie)
— 2015
Gran Prefetto del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio fino al 5 novembre 2015 - nastrino per uniforme ordinaria Gran Prefetto del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio fino al 5 novembre 2015
— [13]
Gran Maestro  dell'Insigne Real Ordine di San Gennaro (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Insigne Real Ordine di San Gennaro (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie)
— [14]
Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di San Ferdinando e del Merito (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie)
Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie)
Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione fino al 5 novembre 2015 - nastrino per uniforme ordinaria Gran Connestabile del Reale e Militare Ordine di San Giorgio della Riunione fino al 5 novembre 2015
— [15]
Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro del Reale Ordine di Francesco I (in disputa con Carlo di Borbone-Due Sicilie)

Onorificenze spagnole[modifica | modifica wikitesto]

Gran Commendatore dell'Ordine militare di Alcántara - nastrino per uniforme ordinaria Gran Commendatore dell'Ordine militare di Alcántara
— 2014[16]
Presidente del Real Consiglio degli Ordini Militari Spagnoli - nastrino per uniforme ordinaria Presidente del Real Consiglio degli Ordini Militari Spagnoli
— 2014[17]
Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Valencia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Valencia
— 1972[18]
Cavaliere del Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid
— 23 gennaio 2012
Cavaliere Protettore del Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Protettore del Real Cuerpo de la Nobleza de Madrid
— 21 dicembre 2015[19]
Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Zaragoza - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Zaragoza
Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Sevilla - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Real Maestranza de Caballeria de Sevilla

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Balì di Gran Croce d'Onore e Devozione del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
— 6 ottobre 2010
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme
— Real Basílica de San Francisco el Grande, Madrid, 5 novembre 2016
Cittadinanza onoraria del comune di Noto[20] - nastrino per uniforme ordinaria Cittadinanza onoraria del comune di Noto[20]
«In questo contesto, il conferimento della Cittadinanza Onoraria a S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone Due Sicilie, duca di Noto, rappresenta una occasione storica, un momento irripetibile di presa di coscienza della nostra identità più profonda, mentre la Sua Augusta accettazione costituisce un onore e un omaggio alla nostra Città, che vede in tal modo ampliare in maniera significativa le prospettive di sano sviluppo, inerente a tutti gli aspetti dell'umano[21]
— Noto, 15 marzo 2014, Delibera del Consiglio Comunale n. 7.
Cittadinanza onoraria del comune di Palermo - nastrino per uniforme ordinaria Cittadinanza onoraria del comune di Palermo
— Palermo, 20 maggio 2017, nei locali della Società Siciliana di Storia Patria[22][23]

Altre Distinzioni

  • Protettore (Protector) della Real Academia Matritense de Heráldica y Genealogía di Madrid (Spagna)[24].
  • Socio Onorario dello storico Circolo Bellini, Palermo (Italia), dal 20/05/2017[25].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.elmundo.es/loc/2015/10/15/561e6c9022601dc7778b4576.html
  2. ^ Amadeo Rey, Prince Don Pedro of Bourbon-Two Sicilies, Duke of Noto, Baylie Grand Cross of Honour and Devotion of the Order of Malta, Monarquia Confidencial, 11 novembre 2010. URL consultato il 17 novembre 2010.
  3. ^ Darryl Lundy, Pedro di Borbone, Duca di Noto, m thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  4. ^ Paul Theroff, TWO SICILIES, Paul Theroff's Royal Genealogy Site. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  5. ^ http://www.ordenesmilitares.es/orden-de-alcantara/galeriadeimagenes/
  6. ^ http://www.ordenesmilitares.es/real-consejo/galeriadeimagenes/presidentes-del-real-consejo-de-las-ordenes-militares/
  7. ^ Venivano già pienamente riconosciuti i diritti del padre di Pietro Borbone-Due Sicilie, ossia l'Infante di Spagna Carlo Maria. Il primo pronunciamento appare nella Lettera del giorno 8 Marzo 1984: http://www.constantinianorder.org/printable/downloads/0013_mondejar.pdf . Seguirono ulteriori bollettini: ad esempio Instrucción General 06/12 del Ministero della Difesa di Spagna, e l'Orden Circular del Ministero degli Esteri spagnolo (n. 4/2014).
  8. ^ cfr. url: http://www.hola.com/realeza/casa_espanola/2015092281125/felipe-vi-bautizo-duque-noto/
  9. ^ Notiziario araldico
  10. ^ Lettera di contestazione del 29 giugno 2016 mediante il seguente documento: http://constantinianorder.org/downloads/comunicado-y-carta-italiano.pdf
  11. ^ [1]
  12. ^ Polémica entre los Borbón Dos Sicilias por el cambio en la sucesión, su El Confidencial Digital. URL consultato il 1° giugno 2016.
  13. ^ Ramhg
  14. ^ Insigne e Reale Ordine di San Gennaro
  15. ^ Cfr. Roberto Saccarello, Il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Sotto la Regola di San Basilio, 'Ed. Araldiche', Viterbo 2012, p. 47
  16. ^ Commendatores Maggiores de la Ordine di Alcántara
  17. ^ Presidentes del Consiglio Reale delle Ordine Militare Spagnolo
  18. ^ Come attestato da sito ufficiale nella categoria "Persone Reali": http://www.rmcv.es/historia/la-corona/personas-reales
  19. ^ Come attestato dagli eventi di rinomanza storica per il Corpo: http://www.rcnoblezademadrid.es/p/momentos-historicos.html
  20. ^ Al tempo del conferimento della Cittadinanza Onoraria netina, il Principe Don Pietro Borbone Due Sicilie era ancora titolato come Duca di Noto e Gran Prefetto del S.M. Ordine Costantiniano di San Giorgio.
  21. ^ Intervento del Sindaco dal testo della delibera comunale pp. 5-8: http://www.comune.noto.sr.it/files/noto/images/stories/comune/consiglio/deliberazioni/13.pdf
  22. ^ cfr. url: http://www.italpress.com/sicilia/il-principe-pedro-di-borbone-visita-palermo
  23. ^ cfr. url:https://realcompagniamariacristina.wordpress.com/2017/05/22/il-governatore-tommaso-romano-riceve-la-placca-del-sacro-militare-ordine-costantiniano-di-san-giorgio-e-la-medaglia-di-benemerenza-giubilare-dargento-al-cancelliere-antonino-sala-viene-conferita-me/
  24. ^ Apertura dell'Anno Accademico 2016-2017: https://www.ramhg.es/index.php/the-news/noticias-de-la-academia/528-2016-10-31-09-30-00
  25. ^ cfr. url: http://www.italpress.com/sicilia/il-principe-pedro-di-borbone-visita-palermo
Predecessore Capo della Casa Reale delle due Sicilie (disputato) Successore Coat of arms of the Kingdom of the Two Sicilies.svg
Carlo Maria dal 2015 in carica
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie