Duomo di Monreale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Santa Maria Nuova
Monreale Cathedral exterior BW 2012-10-09 10-23-10.jpg
La facciata
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Monreale-Stemma.png Monreale
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Monreale
Stile architettonico Architettura arabo-normanna, bizantino, normanno, rinascimentale, barocco
Inizio costruzione 1172
Completamento 1267 (con aggiunte successive)
Sito web Sito ufficiale della parrocchia

Coordinate: 38°04′54.69″N 13°17′31.44″E / 38.081858°N 13.292067°E38.081858; 13.292067

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall’UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale
(EN) Arab-norman Palermo and the cathedral churches of Cefalù and Monreale
Christ Pantocrator (Monreale).JPG
Tipo architettonico
Criterio C (ii) (iv)
Pericolo no
Riconosciuto dal 2015
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

La cattedrale di Santa Maria Nuova è il principale luogo di culto cattolico di Monreale, nella città metropolitana di Palermo, sede arcivescovile dell'arcidiocesi omonima.[1]

Costruita a partire dal 1174 per volere di Guglielmo II d'Altavilla, re di Sicilia dal 1166 al 1189, è famosa per i ricchi mosaici bizantini che ne decorano l'interno.

Nell'agosto del 1926 papa Pio XI l'ha elevata alla dignità di basilica minore[2].

Dal 3 luglio 2015 fa parte del Patrimonio dell'umanità (UNESCO) nell'ambito dell'"Itinerario Arabo-Normanno di Palermo, Cefalù e Monreale".

Cenni al culto[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo II dedica la Cattedrale di Monreale alla Vergine.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda, Guglielmo II il Buono[1][3], succeduto al padre sul trono di Sicilia, si sarebbe addormentato sotto un carrubo, colto da stanchezza, mentre era a caccia nei boschi di Monreale. In sogno gli apparve la Madonna, a cui era molto devoto, che gli rivelò il segreto di una “truvatura” con queste parole: “Nel luogo dove stai dormendo è nascosto il più grande tesoro del mondo: dissotterralo e costruisci un tempio in mio onore”. Dette queste parole, la Vergine scomparve e Guglielmo, fiducioso della rivelazione in sogno, ordinò che si sradicasse il carrubo e gli si scavasse intorno. Con grande stupore venne scoperto un tesoro in monete d'oro che furono subito destinate alla costruzione del Duomo di Monreale, cui furono chiamati per la realizzazione maestri mosaicisti greco-bizantini (“i mastri di l'oru”) dell'interno.[4]

Biografi, storici, commentatori, fra i quali Tommaso Fazello ammorbidiscono la figura e l'operato di Guglielmo il Buono, ma stroncano le motivazioni della leggenda. Plaudono alla costruzione di una meraviglia architettonica motivata da sinceri e profondi intendimenti religiosi, attribuendone senza tema di smentita, il finanziamento agli enormi proventi e tesori raccolti da un re avarissimo e depredatore qual era stato Guglielmo il Cattivo, considerato un rapace e razziatore delle ricchezze del suo regno. Magnificenza altrimenti descritta da Giorgio Vasari Nella Vita di Lapo Architetto Fiorentino.[4]

Altre considerazioni ruotano attorno le vicende circa le competizioni tra i cantieri dei grandi poli monumentali nella città di Palermo e immediate vicinanze. Guglielmo è promotore e patrocinatore dell'edificazione di tutto il complesso benedettino di Monreale, al tempo stesso come sovrano, appoggia e sostiene il vescovo Gualtiero Offamilio nella ricostruzione della cattedrale di Palermo. Per i due, le imprese costituirono vere e proprie sfide di grandezza e autocelebrazione, ognuna di esse condotta con l'obiettivo di surclassare in potenza ed eccellenza il proprio avversario.

Guglielmo il buono si concentrò più sull'abbellimento dell'aspetto interno del duomo, dotandolo di mosaico dorato, poiché lo accostava all'animo dell'essere umano, come aspetto fondamentale dell'essere piuttosto che l'aspetto esteriore. Al contrario l'arcivescovo curò maggiormente l'aspetto esterno della cattedrale di Palermo, poiché per lui la bellezza esteriore era quella che colpiva di più l'attenzione delle persone.

Il primo favorì la diffusione del messaggio evangelico tra i ceti meno abbienti attraverso i preziosi cicli figurati tratti dalle Sacre Scritture, il secondo esaltò la potenza dello spirito mediante le ardite strutture architettoniche. A termine dei lavori entrambi visitarono la cattedrale edificata dal concorrente, constatando quello che mancava alla propria che l'altro aveva posto in essere.

Epoca araba[modifica | modifica wikitesto]

Con l'invasione dell'isola da parte dei Saraceni, nel lungo contesto della dominazione araba, che a Palermo e nell'immediato circondario spazia dall'anno 831 al 1072, la cattedrale metropolitana primaziale della Santa Vergine Maria Assunta è trasformata in luogo di culto musulmano: la «Grande Moschea Gami».[5]

La corte vescovile è invitata con la costrizione ad abbandonare le sedi cittadine, trovando temporaneamente rifugio presso luoghi di culto nella cittadina di Monreale. L'evento in futuro determinerà la costituzione dell'arcidiocesi di Monreale. Il ruolo di cattedrale panormitana fu ricoperto da modesta, piccolissima chiesa: la «Aghia Kiriaki» ovvero la chiesa di Santa Ciriaca o Santa Domenica. Il luogo di culto dedicato a Santa Ciriaca al quale Papa Alessandro III fa riferimento nella bolla pontificia emanata il 30 dicembre 1174, con la quale ratifica la costruzione della nuova cattedrale monrealese, indicandone l'ubicazione con le parole ... Super Sanctam Kjriacam.[6][7]

Epoca normanna[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione del grande tempio fu avviata nel 1172 e terminò nel 1267.[8] Concepito come chiesa dell'annessa abbazia territoriale benedettina, indipendente dalla cattedra di Palermo, nel 1178 l'abate Guglielmo ottenne da Papa Lucio III che fosse costituita l'arcidiocesi metropolitana di Monreale e la chiesa abbaziale elevata al rango di cattedrale.

Alla costruzione seguono una sequenza infinita di privilegi e concessioni reali, da parte delle alte gerarchie ecclesiastiche locali, riconoscimenti consistenti in castelli, terre, chiese, opifici, rendite di vario genere sparsi in tutta la penisola italiana, i primi tre: 15 febbraio 1175, 15 agosto 1176 concessione di Guglielmo II che assegna i castelli di Gaito, di Coriglione e Calatrasi e relativi possedimenti, concessioni riconfermate per privilegio di Margherita di Navarra e di Sicilia.[9]

Epoca angioina[modifica | modifica wikitesto]

La solenne consacrazione avvenne solo sotto il regno di Carlo d'Angiò il 25 aprile 1267 dopo circa 95 anni dall'inizio dei lavori. Cerimonia presieduta dal cardinale Rodolfo (Raoul Grosparmi), vescovo di Albano, alla presenza di Papa Clemente IV, dedicazione alla «Natività della Beata Vergine Maria».

Nel 1270, durante il contesto della fallimentare ottava crociata, con la morte avvenuta a Tunisi, nella cattedrale fu sepolto Luigi IX, re di Francia, fratello di Carlo d'Angiò e futuro santo.

Epoca spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1547 e il 1569 lungo il fianco settentrionale della cattedrale fu realizzato il portico più antico, edificato su progetto di Giovanni Domenico Gagini e Fazio Gagini in stile rinascimentale, coperto con volta a crociera e aperto sull'esterno con undici archi a tutto sesto poggianti su colonne corinzie. In corrispondenza dell'arcata centrale sormontata da un tondo in terracotta invetriata raffigurante la Madonna col Bambino, si apre il portale laterale, i cui battenti bronzei furono realizzati intorno al 1185 da Barisano da Trani.[1][10] Nel 1559 fu realizzata gran parte della pavimentazione interna.

Nel 1595 l'arcivescovo Ludovico II de Torres promosse la costruzione della Cappella di San Castrense, l'altare contiene le reliquie del santo. Nel 1690 - 1692 adiacente all'Absidiola di San Paolo sorse in stile barocco la Cappella della Crocifissione, su progetto del gesuita Angelo Italia di Licata.

Epoca borbonica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1770 è aggiunto il portico sul prospetto anteriore. Nel 1807 a seguito dell'impatto di un fulmine fu seriamente danneggiata la torre meridionale sinistra, con la distruzione totale dei due ordini di celle campanarie, che non furono mai ricostruite.

L'11 novembre 1811 un incendio distrusse il soffitto di matrice fatimida,[1] che fu restaurato tra il 1816 e il 1837, seriamente danneggiati il mosaico e le tombe reali. Durante i restauri furono realizzati i nuovi stalli del coro in stile neogotico, i sarcofagi di Guglielmo I e Guglielmo II ripristinati nella loro forma precedente.

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata.

La cattedrale di Santa Maria Nuova si trova nel centro storico di Monreale, adagiato sulle pendici del monte Caputo.

L'edificio segue il modello delle grandi basiliche benedettine di provenienza cluniacense. La facciata, prospiciente una piazza quadrangolare, è stretta fra le due torri campanarie, delle quali quella di sinistra rimasta incompiuta al primo ordine. L'ingresso è preceduto dal portico settecentesco, in stile barocco, che si apre sull'esterno con tre archi a tutto sesto poggianti su colonne tuscaniche; al di sotto di esso, vi è il portale, chiuso da due battenti bronzei, opera di Bonanno Pisano e risalenti al 1185 - 1186.[10]

Nella parte superiore della facciata, terminante con un basso timpano triangolare, si apre una monofora ogivale incorniciata da una decorazione ad archetti ciechi intrecciati fra di loro. Caratteristica peculiare dell'arte scultorea e architettonica normanna di Sicilia è il baton brises elementi scultorei architettonici a zig-zag di origine anglo-normanna presenti nella cattedrale di Monreale e ampiamente utilizzati in Inghilterra e in Sicilia sia in età normanna che in seguito.

L'esterno, modificato nei secoli XVI e XVIII, nell'area absidale conserva intatta l'impronta normanna ed è ornato a vari disegni formanti una serie di archi di pietre bianche e nere con cerchi al di sotto, assai ben combinati e disposti tra loro. La decorazione delle tre absidi, caratterizzata dal fitto intreccio di archi acuti, evoca atmosfere arabeggianti esaltate dalla decorazione policroma creata dall'alternanza di tarsie di calcare e di pietra lavica.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Interno

Il vasto interno della cattedrale ha pianta a croce latina con transetto poco sporgente che di fatto è una continuazione ai lati del presbiterio delle navate laterali. Le navate, terminante ciascuna con un'abside semicircolare, sono divise da colonne antiche con pulvino e capitelli anch'essi antichi con clipei di divinità che sostengono archi a sesto acuto di tipo arabo.[1] I soffitti sono a travature scoperte dipinti nelle navate e a stalattiti di tipo arabo nella crociera, questi ultimi rifatti nel 1811 dopo un incendio che aveva distrutto parte del tetto. Il pavimento, completato nel XVI secolo è musivo, con dischi di porfido e granito e con fasce marmoree intrecciate a linee spezzate.

All'interno è poi possibile osservare sul fianco destro dell'abside il sarcofago in porfido di Guglielmo I, morto nel 1166, e quello marmoreo di Guglielmo II il Buono.[11] Sul lato sinistro, dentro tombe ottocentesche, si trovano invece le spoglie di Margherita di Navarra e di Sicilia, moglie di Guglielmo I, e dei figli Ruggero ed Enrico[12] e la Cappella di San Luigi dei Francesi con i resti del re Luigi IX.[12]

I mosaici dell'abside con il Cristo Pantocratore

La parte più bassa delle pareti, dal fregio “a palmizi” al piano pavimentale, sul modello della Cappella Palatina di Palermo, è uniformemente resa ad incrostazione marmorea e fasce verticali (in tutto 493 unità), in mosaico ruotato, a motivi geometrici. Tali opere, assieme al pavimento del grande presbiterio e agli intarsi sugli arredi marmorei e sulle membrature architettoniche, costituiscono un complesso esecutivo di consistente estensione (circa 300 m² per le fasce a parete, e 975 m² per il pavimento del grande presbiterio) e un repertorio di motivi decorativi straordinariamente vario e numeroso. La cronologia esecutiva copre un arco temporale che va dalle origini della costruzione normanna fino ai primi anni del secolo scorso, con un incremento di intensità operativa nel corso dell'Ottocento, durante il quale si attuarono consistenti ed estesi interventi di restauro e integrazione. In attesa che giunga a compimento il lavoro di studio del prof. Giuseppe Oddo, sul mosaico decorativo in opus sectile a motivi geometrici del duomo di Monreale non sussiste al momento uno studio complessivo e organico.

Transetto[modifica | modifica wikitesto]

Absidiola di San Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Sulla parete destra della campata antistante all'absidiola di San Pietro (diaconico), nel 1492, per volere del cardinale Giovanni Borgia, fu aperto il vano d'ingresso all'attuale sacrestia.[13]

Absidiola di San Paolo[modifica | modifica wikitesto]

Sulla parete sinistra della campata antistante all'absidiola di San Paolo (protesi), è documentato il passaggio in direzione del primitivo Palazzo Reale.[13]

Altare maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Il presbiterio, rialzato di alcuni gradini rispetto al resto del piano di calpestio della chiesa, occupa interamente l'area della crociera, nella quale è cinto da transenne neogotiche, e dell'abside maggiore. Ospita, nella crociera, su due file gli stalli lignei del coro, in stile neogotico e, sotto l'arco absidale, contrapposti, il trono reale e la cattedra episcopale. L'altare maggiore barocco è una raffinata opera del 1771,[12] eseguita dall'argentiere romano Luigi Valadier. Nei cinque medaglioni in argento e bronzo sulla mensa sono raffigurati episodi della vita della Vergine: Annunciazione, Visitazione, Maternità, Sposalizio e Fuga in Egitto. Nel paliotto due angeli sorreggono la Natività di Maria delimitata da putti, delimitata dalle scene della Pentecoste e dell'Assunzione.

Cappella di San Giovanni Battista[modifica | modifica wikitesto]

Chapel of Holy of Holies - Cathedral of Monreale - Italy 2015 (2).JPG
Chapel of St Castrense - Cathedral of Monreale - Italy 2015.JPG
Niche of St John the Baptist - Cathedral of Monreale - Italy 2015.JPG
Tomb of Louis IX of France - Cathedral of Monreale - Italy 2015.JPG
Absidiola di San Paolo o Cappella del Santissimo Sacramento Cappella di San Castrense Cappella di San Giovanni Battista Cappella di San Luigi dei Francesi

La Cappella di San Giovanni Battista:[3][11] nicchia - altare con mosaico nella calotta raffigurante San Giovanni Battista recante l'iscrizione ECCE AGNVS DEI, ECCE QVI TOLLIT in prossimità dell'ingresso lungo la parete meridionale.[8][14] La cappella fu voluta dal sovrano dopo la costruzione della chiesa per celebrare fattivamente la "nascita" della sede metropolitana. La statua bronzea del Precursore è collocata su un fusto di un primitivo fonte battesimale.

Cappella di San Luigi dei Francesi[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella di San Luigi dei Francesi fu eretta nel 1270 per ospitare le spoglie di Luigi IX di Francia morto a Tunisi durante l'ottava crociata assieme al cardinale Rodolfo (Raoul Grosparmi) vescovo di Albano, fervente sostenitore della campagna contro gli infedeli. Filippo III di Francia dispose il trasferimento dei resti mortali del padre nella basilica cattedrale di Saint Denis. Nella cappella altare che ospitò la sepoltura rimase un'urna contenente il cuore e le viscere.

Per sdebitare il favore ricevuto, il re donò alla cattedrale un reliquario contenente la "Sacra Spina" appartenente alla Corona di Spine custodita a Parigi. Attualmente il cofanetto laccato è conservato nell'attigua Stanza del Tesoro. Alla fine del XVI secolo il vescovo Luigi de Torres restaurò il manufatto che oggi si presenta come espressione di stile barocco con un sarcofago recante le insegne regie poggiato su mensole. L'edicola sovrastante contenente il quadro raffigurante il sovrano è delimitata da colonne marmoree con capitelli corinzi sormontate da un timpano con volute a ricciolo e targa intermedia sovrastata da aquila coronata.

Cappella di San Benedetto[modifica | modifica wikitesto]

Primitiva Cappella di San Cataldo, nel 1561 il cardinale Alessandro Farnese fece trasferire l'altare di San Benedetto, in occasione del rifacimento della navata centrale. La Cappella di San Benedetto[12][15] era l'unico luogo previsto in epoca normanna deputato alla sepoltura dei membri dell'Ordine benedettino. L'ambiente occupa l'area compresa fra la parete meridionale e il portico del chiostro, era arricchito con affreschi di Antonio Novelli sostituiti da dieci bassorilievi marmorei di Giovanni Marino del 1728 raffiguranti scene di vita del fondatore dell'ordine, sull'altare il rilievo Gloria di San Benedetto di Ignazio Marabitti del 1776 che sostituisce un quadro del Novelli.

Cappella del Crocifisso[modifica | modifica wikitesto]

Le cappelle del Crocifisso e di San Benedetto sono due notevoli esempi del barocco siciliano.[12] Nel 1692 Antonio Grano affrescò l'ambiente con la Battaglia degli angeli contro Lucifero, opera perduta, e, nelle immediate adiacenze un Cristo deposto, attribuitogli per stile.

Cappella di San Castrense[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella di San Castrense fu voluta da Guglielmo II per le reliquie portate a Monreale nel 1179 da Alfano, vescovo di Capua, quale dono di nozze per il sovrano. L'evento introdusse in Sicilia il culto a San Castrense. L'ambiente in stile barocco occupa il vano occidentale compreso tra la parete meridionale e il portico del chiostro. Presenta un ciborio con baldacchino, il quadro raffigurante San Castrense di Antonio Novelli padre di Pietro, il sepolcro di Ludovico II di Torres con effigie marmorea. Sculture di Pietro Bacchiotta, fiorentino e Marco Antonio d'Aprile palermitano.

Tesoro[modifica | modifica wikitesto]

Il tesoro della cattedrale conserva, fra le altre cose, arredi sacri (anche di fattura francese), una cassetta di rame smaltato del XIII secolo e un reliquario della Sacra Spina (della corona di Cristo), risalente al periodo gotico. La cappella del tesoro è di epoca barocca.

I mosaici della cattedrale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Mosaici del duomo di Monreale.
Fascia inferiore dei mosaici della parete sud della navata
Fascia inferiore dei mosaici della parete nord della navata

Buona parte della cattedrale è rivestita da mosaici di scuola bizantina a fondo oro, eseguiti tra il XII e la metà del XIII secolo da maestranze in parte locali e in parte veneziane, formatesi alla scuola bizantina.[1] I mosaici che rivestono l'interno del Duomo presentano caratteristiche stilistiche e decorative nuove rispetto al passato nonostante le evidenti similitudini -sia a livello stilistico che iconografico- con le decorazioni musive della Cappella Palatina. Obiettivo di Guglielmo II fu infatti quello di realizzare un complesso artistico senza precedenti che potesse mostrare la magnificenza raggiunta dalla città durante il periodo della dominazione normanna.

La distribuzione dei mosaici[modifica | modifica wikitesto]

I mosaici che adornano il Duomo rappresentano prevalentemente (almeno nelle pareti del capocroce e della navata centrale) le storie dell'Antico e del Nuovo Testamento, comprendendo svariati episodi biblici che vanno dai sette giorni della creazione alla fondazione della Chiesa di Cristo sulla terra per mezzo degli Apostoli. A tali raffigurazioni si innestano poi altre decorazioni musive rappresentanti uno schieramento ieratico di angeli, santi e profeti.

Seguendo l'asse longitudinale della navata principale della Chiesa, è possibile identificare le scene della Creazione che cominciano all'estremità orientale della parete destra con gli episodi legati al Paradiso terrestre per poi terminare con l'episodio della lotta di Giacobbe con l'angelo all'estremità orientale sinistra.

Monreale creation earth.jpg
Monreale creation.jpg
Monreale god resting after creation.jpg
Monreale creation Adam.jpg
Monreale adam entering.jpg
Monreale photo ru Sibeaster16.jpg
Adam and Eve before God after their sin.jpg
Abel and Cain offer their sacrifice to God.jpg
Monreale cain and abel.jpg
Creazione del Cielo e della Terra Creazione dei Pesci e degli Uccelli' Il Riposo del Creatore Creazione di Adamo Adamo è introdotto nel Paradiso Terrestre Adamo ed Eva con l'Albero della Conoscenza del Bene e del Male Il Rimprovero dell'Eterno Sacrificio a Dio di Abele e Caino Caino uccide Abele

Nel transetto è invece rappresentata la vita di Cristo: il corpo centrale è dedicato agli episodi della sua infanzia, mentre il braccio destro e quello sinistro sono rispettivamente dedicati alla sua vita pubblica e alla sua Passione con annessi gli eventi dell'Ascensione e della Pentecoste. Al termine delle due navate, lo sguardo dell'osservatore è inevitabilmente attirato dall'immensa raffigurazione del Cristo Pantocratore che occupa interamente il catino absidale.

Christ cleans ten leper men in Samaria.jpg
Christ banish tradesmen from Temple (Monreale).jpg
Christ anв Samaritan woman (Monreale).jpg
Christ in the pharisee's house (Monreale).jpg
Christ cleans leper man.jpg
Christ heals tne man with paralysed hand.jpg
Christ heals two Jericho blind men.jpg
Daughter of the head of synagogue is resurrected by Christ.jpg
Nain widow's son is resurrected by Christ.jpg
Guarigione dei Dieci Lebbrosi Gesù caccia i Mercanti dal Tempio Gesù e la Samaritana Guarigione dell'Idropico Gesù guarisce il Lebbroso Guarigione del Paralitico Guarigione dei due Ciechi di Gerico Guarigione della Figlia del Capo della Sinagoga Resurrezione del Figlio della Vedova Nain

Nel santuario e nella solea, l'immagine del Cristo Pantocratore è circondata dai membri eletti della sua corte celestiale: La Vergine, gli angeli, gli apostoli, alcuni Santi e re e profeti dell'Antico Testamento.

Accanto allo schema fondamentale dell'organizzazione decorativa del Duomo, sia la navata maggiore che quelle minori presentano rappresentazioni aggiuntive, sempre realizzate con mosaici. Nella prima ad esempio è inserito un gruppo di tre raffigurazioni che riguardano la biografia di tre santi legati all'Italia meridionale: San Castrense, San Cassio e San Casto. Nelle seconde invece, diversi spazi sono dedicati all'illustrazione dei miracoli compiuti da Cristo. Proseguendo nell'esame degli elementi iconografici supplementari, altre decorazioni musive degne di nota rappresentano:

  • la vita e l'opera di evangelizzazione degli apostoli Pietro e Paolo, rispettivamente nelle due cappelle a destra e a sinistra della solea;
  • Medaglioni con busti di martiri, sugli intradossi della arcate che dividono la navata principale dalle minori;
  • Personaggi appartenenti alla genealogia di Cristo, sugli intradossi dei quattro grandi archi che delimitano il corpo centrale del transetto;
  • Il Velo della Veronica, sulla faccia orientale dell'arco che separa la solea dal transetto;
  • Incoronazione di Guglielmo II e dono della Chiesa dal Sovrano alla Vergine, sui pilastri sostenenti l'arco d'ingresso dalla solea al santuario;

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

L'organo a canne della cattedrale è stato costruito tra il 1957 e il 1967 dalla ditta organaria padovana Fratelli Ruffatti su progetto dell'organista titolare Antonino Orlando; il concerto inaugurale ebbe luogo il 24 aprile 1967 e venne eseguito da Fernando Germani.

Lo strumento si compone di circa 8000 canne che sono così suddivise in tre corpi sonori:

  • dietro l'altare maggiore, senza mostra, si trovano le canne del Positivo aperto e del Solo espressivo (rispettivamente prima e quarta tastiera) con la relativa sezione del Pedale;
  • nella crociera, sul lato sinistro, con mostra "ad ali" e cuspide centrale, si trovano le canne del Grand'Organo e dell'Espressivo (rispettivamente seconda e terza tastiera) con la relativa sezione del Pedale;
  • nella crociera, sul lato destro, con mostra "ad ali" e cuspide centrale, si trovano le canne dell'Organo antico espressivo e dell'Eco espressivo (rispettivamente quinta e sesta tastiera) con la relativa sezione del Pedale.

L'organo ha due consolle. Quella maggiore è collocata alla sinistra dell'altare barocco ed è costituita da un mobile in legno decorato con rilievi scultorei. Essa conta, come detto, sei tastiere di 61 note ciascuna e pedaliera concavo-radiale di 32 note e 195 placchette a bilico per i registri, gli accoppiamenti, le unioni e gli annullatori. Sul lato opposto, invece, vi è una seconda consolle, con due tastiere di 61 note ciascuna e pedaliera concavo-radiale di 32 note, che comanda il corpo situato dietro l'altare.

Monastero[modifica | modifica wikitesto]

Il chiostro[modifica | modifica wikitesto]

« Le colonne sono tutte scanalate, alcune sono tortili, altre diritte. Sono tutte incrostate di mosaici colorati e dorati, di granito, di porfido, di ogni tipo di marmo che forma piccoli disegni di incantevole esattezza. I capitelli sono una mescolanza di fiori, frutta, di figure di animali di ogni specie… Questo chiostro è il monumento più completo, più ricercato che sia possibile costruire nel suo genere. È in questo luogo sublime che i più reclusi riammirano al mondo e alle sue pompe »
(Jean Houel, Viaggio pittoresco nelle isole di Sicilia, di Lipari e di Malta (1787))
Il chiostro

Il Duomo è affiancato dal chiostro dell'antico monastero benedettino, realizzato sul finire del XII secolo.[12] Si tratta di una costruzione prettamente romanica, a pianta quadrata di 47 metri di lato, con portico ad archi ogivali a doppia ghiera e con singolarissimo “toro” nell'intradosso.

Gli archi sono sostenuti da colonne binate, di ornamentazioni alterne, talune intagliate ad arabeschi ed altri con intarsi a mosaico. I capitelli sono istoriati con scene bibliche. Nell'angolo meridionale vi è un recinto quadrangolare delimitato da tre arcate per lato.

Al centro è una fontana la cui acqua scaturisce da una colonna riccamente intagliata a forma di fusto di palma stilizzato, con figure in piedi, teste foglie a rilievo. L'acqua fuoriesce in sottili getti da bocche umane e leonine. Le basi delle colonne del chiostro raffigurano un'amplissima varietà di motivi: foglie stilizzate, rosette, zampe di leone, teste di fiere, gruppi di uomini e animali, rane e lucertole. La loro esecuzione presenta grandi differenze con quella dei capitelli, tanto da far supporre che sia stata affidata ad artigiani subordinati. I capitelli dei gruppi di quattro colonne d'angolo sono particolarmente curati. Diverse sono le origini degli artisti, da Ile-de-France a Provenza, dalla Longobardia alla Puglia, realizzato in periodi differenti.

Palazzo arcivescovile[modifica | modifica wikitesto]

Al di là delle absidi del Duomo sorge il Palazzo Arcivescovile,[1] edificato nel XV secolo e restaurato nel 1816, preceduto da una terrazza in cui è un grande sarcofago romano con leoni artiglianti gazzelle. Da allora è sede stabile degli arcivescovi. È stato sede del seminario arcivescovile e oggi è sede del museo diocesano.

«Fabbrica del Duomo»[modifica | modifica wikitesto]

...

  • 1595, Pietro Antonio Novelli, «Capo maestro del Duomo», padre di Pietro Novelli, nel 1606 restauratore dei mosaici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Touring Club Italiano, pp. 222
  2. ^ (EN) Catholic.org Basilicas in Italy
  3. ^ a b Michele del Giudice, pp. 3
  4. ^ a b Michele del Giudice, pp. 42
  5. ^ Francesco Abbate, Storia dell'arte nell'Italia meridionale: Dai Longobardi agli Svevi
  6. ^ Pagina 100, Giovanni Luigi Lello, "Historia della chiesa di Monreale. Scritta da Giovanni Luigi Lello" [1], Luigi Zannetti, Roma, 1596.
  7. ^ Michele del Giudice, pp. 8 II parte
  8. ^ a b Touring Club Italiano, pp. 221
  9. ^ Michele del Giudice, pp. 8 e 9
  10. ^ a b Pagina 8, Gioacchino di Marzo (Conte Antonio Cavagna Sangiuliani di Gualdana Lazelada di Bereguardo), "I Gagini e la scultura in Sicilia nei secoli XV e XVI; memorie storiche e documenti." [2], Volumi I e II, Stamperia del Giornale di Sicilia, Palermo.
  11. ^ a b Touring Club Italiano, pp. 223
  12. ^ a b c d e f Touring Club Italiano, pp. 224
  13. ^ a b Michele del Giudice, pp. 7
  14. ^ Michele del Giudice, pp. 4
  15. ^ Michele del Giudice, pp. 5

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4214236-2