Fiumefreddo di Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fiumefreddo di Sicilia
comune
Fiumefreddo di Sicilia – Stemma
Fiumefreddo di Sicilia – Veduta
La spiaggia di Marina di Cottone
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Catania-Stemma.svg Catania
Amministrazione
SindacoSebastiano Nucifora (Lista civica "Ricominciamo") dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate37°47′32″N 15°12′27″E / 37.792222°N 15.2075°E37.792222; 15.2075 (Fiumefreddo di Sicilia)Coordinate: 37°47′32″N 15°12′27″E / 37.792222°N 15.2075°E37.792222; 15.2075 (Fiumefreddo di Sicilia)
Altitudine62 m s.l.m.
Superficie12,16 km²
Abitanti9 489[1] (31-8-2017)
Densità780,35 ab./km²
FrazioniBorgo Valerio, Botteghelle, Castello, Civì, Diana, Feudogrande, Gona-Vignagrande, Ponte Borea, Liberto, Torrerossa
Comuni confinantiCalatabiano, Mascali, Piedimonte Etneo
Altre informazioni
Cod. postale95013
Prefisso095
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT087016
Cod. catastaleD623
TargaCT
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantifiumefreddesi
PatronoSan Giuseppe
Giorno festivo19 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fiumefreddo di Sicilia
Fiumefreddo di Sicilia
Fiumefreddo di Sicilia – Mappa
Posizione del comune di Fiumefreddo di Sicilia nella città metropolitana di Catania
Sito istituzionale

Fiumefreddo di Sicilia (Ciumifriddu in siciliano[2]) è un comune italiano di 9.489 abitanti[3] della Città metropolitana di Catania in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Fiumefreddo di Sicilia è situato alle pendici nord orientali dell'Etna lungo la Strada statale 114 Orientale Sicula, sulla costa jonica.

Il territorio presenta un’estensione pari a 12,05 km² (1205 ettari); confina ad Est con il Mar Ionio, ad Ovest con il Comune di Piedimonte Etneo, a Nord con quello di Calatabiano e a Sud con quello di Mascali.

Al centro di un’importante zona agrumaria, che in passato faceva parte della Contea di Mascali, il territorio è quasi tutto in pianura, soprattutto nella parte che si estende verso il mare e la spiaggia di Marina di Cottone. La parte Ovest e Nord-Ovest è, dalle pendici dell’Etna verso il mare, è circondata da colline in parte coltivate.

Confina con Calatabiano, Mascali, Piedimonte Etneo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese è presente un clima mediterraneo, pur con alcuni connotati di tipo subtropicale e continentale.

L'inverno assicura temperature massime diurne generalmente piuttosto miti ma l'escursione termica rispetto alle ore notturne può essere anche abbastanza pronunciata. L'estate, di lunga durata, si presenta molto calda, a volte con alti tassi di umidità.

Le precipitazioni raggiungono un minimo estivo molto marcato e un moderato picco nella stagione autunnale.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Fiumefreddo deriva dall'omonimo fiume Fiumefreddo ed è detto di Sicilia per distinguerlo da Fiumefreddo Bruzio in provincia di Cosenza. Originariamente il paese era chiamato "Castel Fiumefreddo" poiché l'originario nucleo cittadino era situato presso l'attuale quartiere Castello.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini (XVIII secolo) e i primi sviluppi[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio dell'odierna Fiumefreddo di Sicilia fu, fino al 1296, parte del grande feudo di Calatabiano, da all'incirca quella data in poi divenne un feudo indipendente. Nel 1592 la famiglia Gravina, che era già proprietaria dei feudi di Calatabiano e Piedimonte, acquistò anche quello di Fiumefreddo, fino ad allora appartenente a Giovanni Pietro Cottone.[4]

Nell'area del moderno quartiere Castello, una torre venne costruita dai baroni alla fine del XVI secolo per presidiare il territorio. Attorno alla torre, vennero eretti una piccola chiesa – dedicata alla Madonna del Rosario – ed un cimitero, nucleo del futuro centro abitato[5]. Oltre alla torre-castello e al palazzo baronale, il centro si sviluppò con un grande casale (conosciuto attualmente come Casale Papandrea)[6].

Dopo aver cambiato nuovamente proprietario nel corso degli anni, nel 1726 il feudo ritornò ai Gravina già Principi di Palagonia e Baroni di Calatabiano. Il 29 marzo 1762 il Barone di Fiumefreddo Francesco Gravina-Cruyllas donò ai fedeli la chiesetta di Castello[7].

Nel frattempo, ad ovest del quartiere Castello, lungo il percorso delineato da Via Pompeia - un’antica strada romana adesso sostituita dalla Orientale Sicula che congiungeva Messina a Siracusa – si formò un secondo nucleo abitato. Trattandosi di un luogo di forte transito, il piccolo quartiere fu subito caratterizzato dalla presenza di numerose botteghe. Questo spiega perché fu chiamato Putieddi (Botteghelle). Nel corso degli anni si assisterà ad un graduale spostamento del centro del paese dall'iniziale quartiere Castello al quartiere Botteghelle[8].

Da feudo a Comune[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1798 il feudo raggiunse una popolazione di circa 500 abitanti, fu allora chiesto e nel 1801 concesso di elevare Fiumefreddo a Comune e nel 1812, con l'abolizione del sistema feudale, il comune divenne autonomo a tutti gli effetti. Venne scelto come Santo Patrono San Giuseppe e la Chiesa Maria SS. del Rosario divenne chiesa Matrice.

Da questo momento in poi, per il piccolo paese iniziò un periodo di sviluppo, in particolare per quanto riguarda le condizioni igienico-sanitarie.

I moti rivoluzionari del 1848 coinvolsero una piccola parte della popolazione, provocando, al ritorno dei Borboni, persecuzioni e arresti. Dal 1860, dopo lo sbarco di Garibaldi a Marsala, le vicende politiche del Comune seguirono quelle del resto della Regione.

Nel 1875 il Consiglio Comunale concesse a Francesco De Maria la possibilità di ricercare, a sue spese, fonti d'acqua sotterranee e, per via di un accordo di enfiteusi perpetua redimibile, di disporne di tutta la quantità rinvenuta eccetto di 11,65 litri/sec da destinare al Comune. Le ricerche non portarono però i risultati sperati al punto che, dopo un incidente nella galleria che portò alla morte di tre operai, il sig. De Maria, ormai sfiduciato ed indebitato, fu vicino ad abbandonare la ricerca. Secondo la tradizione popolare fu l'apparizione in sogno dell'Immacolata a incoraggiare De Maria a proseguire gli scavi. La Madonna gli rivelò infatti che continuando a cercare avrebbe presto trovato acqua in abbondanza e così avvenne. Francesco De Maria allora, devoto e riconoscente alla Madonna, nel 1880 donò all'appena ultimata chiesa del quartiere centro, un prezioso simulacro della Madonna Immacolata che ancora oggi si trova nella cappella della navata sud della chiesa a lei dedicata. Questa statua, di pregevole fattura, fu scolpita in un unico tronco di pioppo siciliano dal noto scultore messinese Antonio Saccà. Per ricordare l'avvenimento, nel 1950 Francesco Pelluzza e Antonino Maugeri composero l'inno "Tutta Santa" dedicato all'Immacolata, in cui è presente un verso che ricorda la scoperta dell'acqua.[9]

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Nel XXI secolo, Fiumefreddo è un importante centro di produzione e commercio di agrumi e di prodotti florovivaistici, la cui coltura interessa gran parte della superficie coltivata. Anche la piccola industria dà un discreto apporto economico alla cittadina, così come il turismo estivo (forte anche della Bandiera Blu assegnata al mare di Marina di Cottone, località balneare di Fiumefreddo). Negli anni sessanta e ottanta Fiumefreddo è stata destinazione di un forte flusso immigratorio dovuto alla presenza sul territorio delle cartiere SIACE (chiuse alla fine degli anni ottanta) e KEYES (la cui attività è cessata all'inizio degli anni 2000). Le spiagge comunali sono state premiate con la Bandiera Blu nel 1988, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010 e 2011. Importante è anche la riserva del Fiume Fiumefreddo per la sua valenza naturalistica.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma del comune

Nello stemma del comune di Fiumefreddo di Sicilia campeggia la Torre Rossa con una banda trasversale azzurra. La Torre Rossa, verosimilmente edificio funebre di età romana, è ancora parzialmente visibile nell'omonimo quartiere. I resti dell'edificio con il terreno circostante sono stati recentemente acquisiti dal Comune.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Madre (Matrice) Maria Santissima Immacolata[modifica | modifica wikitesto]

Un affresco nella Chiesa Madre

Chiesa Maria Santissima Del Rosario[modifica | modifica wikitesto]

La tradizionale festa in onore di Maria SS. della Catena

Fu eretta a partire dal XVIII secolo.

Edifici storici[modifica | modifica wikitesto]

Castello degli schiavi[modifica | modifica wikitesto]

Castello degli schiavi

Situato sulla via Marina, anticamente via Mulinelli, che da Fiumefreddo di Sicilia conduce verso Marina di Cottone, il castello è un'espressione del barocco rurale siciliano del '700.

Torre rossa[modifica | modifica wikitesto]

Torre Rossa con Etna sullo sfondo

Edificio funebre di età romana che si erge in un agrumeto a ridosso della SS 120. La costruzione, seppur compromessa nei secoli dall'azione degli agenti atmosferisci, ha forma di un parallelepipedo ed è realizzata interamente in mattoni di terracotta, da qui ne deriva la denominazione "rossa".[10]

Dipinto raffigurante la torre rossa

Riserva Naturale[modifica | modifica wikitesto]

Quartieri e Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Castello[modifica | modifica wikitesto]

L'antica chiesa Maria SS.del Rosario di Castello

L'attuale quartiere "Castello" rappresenta il nucleo originario del paese. Secoli fa il paese era un feudo appartenente alla famiglia Gravina, già proprietaria dei feudi di Calatabiano e Piedimonte.

Il nome "castello" deriva dalla presenza di una torre che serviva a controllare le terre dall'alto e a fornire un'abitazione ai feudatari. Accanto a questa torre vi erano l'antico cimitero e l'originaria chiesa dedicata alla "Madonna del Rosario", donata ai fedeli nel 1762.

Proprio per l'importanza del nucleo abitativo creatosi, il paese originariamente prese il nome di "Castel Fiumefreddo", in latino "Castrum Fluminis Frigidi".

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2011 la popolazione straniera era di 356 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Fiumefreddo di Sicilia è servita da uno svincolo dell'autostrada A18 Messina-Catania ed è attraversata dalla strada statale 114 Orientale Sicula in direzione nord-sud ed è caposaldo della strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Fiumefreddo di Sicilia.

Nel territorio comunale di Fiumefreddo di Sicilia è presente una stazione ferroviaria.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ai treni locali, regionali e diretti, che fermano nella omonima stazione Fiumefreddo è collegata da servizi bus con i comuni limitrofi e con i capoluoghi di provincia Catania e Messina. Nel periodo estivo vengono istituiti dei servizi-navetta verso la località balneare di Marina di Cottone. Dista 37 chilometri da Catania e 53 da Messina.

Fiumefreddo è anche provvista di una breve pista ciclabile in sede separata della lunghezza complessiva di circa 750 metri per separare fisicamente il traffico delle automobili e centauri da quello delle biciclette.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci eletti dal consiglio comunale (1946-1993)[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
18 febbraio 1946 16 settembre 1948 Fichera Sindaco
1951 23 novembre 1960 Felice Carmelo Maimone Sindaco
23 novembre 1960 17 novembre 1961 Dott. Antonino Belfiore Sindaco 1ª volta
17 novembre 1961 9 dicembre 1964 Dott. Domenico Miano Sindaco 1ª volta
9 dicembre 1964 4 luglio 1970 Dott. Antonino Belfiore Sindaco 2ª volta
4 luglio 1970 25 gennaio 1973 Salvatore Zagami Sindaco
25 gennaio 1973 28 febbraio 1974 Giuseppe Fiume Sindaco
28 febbraio 1974 13 settembre 1975 Angelo Leonardi Sindaco 1ª volta
13 settembre 1975 19 dicembre 1975 Dott. Carlo Emanuele Giannetto Sindaco
19 dicembre 1975 23 febbraio 1977 Rosario Sorbello Sindaco
23 febbraio 1977 27 giugno 1980 Angelo Leonardi Sindaco 2ª volta
27 giugno 1980 5 agosto 1982 Prof. Sebastiano Valastro Sindaco 1ª volta
5 agosto 1982 21 novembre 1983 Antonino Aloisi Sindaco
21 novembre 1983 26 luglio 1985 Salvatore Sgroi Sindaco
26 luglio 1985 3 giugno 1987 Prof. Sebastiano Valastro Sindaco 2ª volta
3 giugno 1987 6 luglio 1987 Mariano Lo Giudice Sindaco 1ª volta
6 luglio 1987 3 marzo 1988 Carmelo Famà Sindaco
3 marzo 1988 28 dicembre 1988 Mariano Lo Giudice Sindaco 2ª volta
28 dicembre 1988 13 luglio 1990 Dott. Giuseppe Forzisi Sindaco
13 luglio 1990 18 ottobre 1991 Giuseppe Patanè Sindaco 1ª volta
18 ottobre 1991 25 novembre 1992 Dott. Domenico Miano Sindaco 2ª volta
25 novembre 1992 5 dicembre 1993 Giuseppe Patanè Sindaco 2ª volta

Sindaci eletti direttamente dai cittadini (dal 1993)[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 dicembre 1993 29 maggio 2002 Prof.ssa Marinella Fiume Lista Civica Sindaco
29 maggio 2002 9 maggio 2012 Sebastiano Nucifora Lista Civica Sindaco
9 maggio 2012 12 giugno 2017 Dott. Marco Alosi Lista Civica Sindaco
12 giugno 2017 Sebastiano Nucifora Lista civica Sindaco primo sindaco nella storia fiumefreddese ad essere eletto per un 3º mandato

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Fiumefreddo di Sicilia fa parte delle seguenti organizzazioni sovracomunali: regione agraria n.7 (Colline litoranee di Acireale)[12].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Il calcio a Fiumefreddo ha un discreto trascorso a livello regionale, la principale squadra è stata l'Unione Fiumefreddo, società calcistica nata nel 1970 che ha vinto il campionato di Promozione nel 2005/2006 (dove giunge fino alla finale della coppa di categoria perdendo poi 2-1 contro il Terrasini), nella stagione 2006/2007 partecipa al campionato di Eccellenza piazzandosi al 7º posto (miglior risultato in assoluto per il calcio fiumefreddese), prima di veder ceduto il titolo sportivo all'Aci Sant'Antonio. Da ricordare è, nella stagione 2011/2012, il record della Fiumefreddese F.C., capace di vincere 26 partite consecutive e stabilire così un primato a livello continentale. Nella stagione 2017/2018, grazie allo spostamento del titolo del Milo, a Fiumefreddo si ritorna a disputare il campionato di Promozione, con la denominazione A.S.D. Atletico Fiumefreddo. Tuttavia il calcio è praticato anche da altre due società, il Fiumefreddo 2008 che partecipa al torneo UISP e il Real Fiumefreddo che partecipa al campionato provinciale di Serie D di calcio a 5.

Pallavolo[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente è attiva una sola società, la Bruno Euronics Papiro Volley fondata nel 2009 e militante dalla stagione 2014/2015 nel campionato nazionale di serie B2, prima società sportiva fiumefreddese a raggiungere tale livello professionistico. Al contempo la squadra femminile partecipa invece al campionato regionale di serie D. In passato sono state attive anche due società "al femminile", la Virtus Fiumefreddo e la Torrerossa, che nel campionato 2009/2010 raggiunge il massimo traguardo per il volley femminile fiumefreddese partecipando al torneo di serie D e giungendo al 7º posto.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

La nascita della Pallacanestro nella comunità di Fiumefreddo risale alla fine degli anni 80, quando un gruppo di cittadini appassionati diedero vita ad una piccola società sportiva che si ricorda per una splendida e brillante serie C Femminile. Nel 1989, con l'intento di rafforzare sempre più la cultura della palla a spicchi in loco, nasce la Libertas Fiumefreddo, società che riesce subito a dar vita ad un settore giovanile.I risultati sono sotto gli occhi di tutti: Finale Nazionale Libertas (Montefiscone), vittoria Campionato Promozione Maschile 1995/1996, terzo piazzamento nel campionato di serie D nel 1996/97. Dopo diverse problematiche a livello societario ed un lungo letargo a livello giovanile, la società riesce a restare in vita grazie alla tenacia di Giuseppe Trimarchi, storico dirigente che col suo impegno ha permesso a tanti alunni di continuare in modo amatoriale la pratica della Pallacanestro. Nell'estate del 2013 il cambio di rotta. Giovanni Spinella (ex giocatore Libertas nonché consigliere Provinciale Fip),diventa il nuovo Presidente coadiuvato dalla passione di ex giocatori/giocatrici che hanno vestito la maglia Bianco/Verde. Sempre nell'estate 2013 per la prima volta la Libertas diventa ufficialmente centro MiniBasket riconosciuto a livello federale con all'attivo circa 70 atleti (Promozione Maschile, under 15/14/13/esordienti/Aquilotti/Avviamento minibasket).

Associazioni Sportive[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. Papiro Volley Fiumefreddo, pallavolo maschile (serie B2), femminile (Serie D)
  • GS Libertas Fiumefreddo, Basket / MiniBasket (Promozione Maschile / Under 15/14/13/esordienti / aquilotti/avviamento Minibasket)
  • Fiumefreddo 2008, UISP
  • Real Fiumefreddo, Calcio a 5 serie D
  • Tennis Club Fiumefreddo
  • Team Sporting Liu-bo
  • Racing Karting Club Fiumefreddo
  • A.S.D. Etna Running

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 275.
  3. ^ Dato Istat al 31/01/2011, su demo.istat.it. URL consultato l'8 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  4. ^ (IT) La Storia | Comune di Fiumefreddo di Sicilia, su www.comune.fiumefreddodisicilia.ct.gov.it. URL consultato il 18 aprile 2018.
  5. ^ Maria SS. della Catena - Cenni Storici, su www.azzurronet.it. URL consultato il 19 aprile 2018.
  6. ^ Angelo Russo, Una goccia di storia a cavallo di tre secoli – le acque Bufardo e Torrerossa (PDF), p. 20. URL consultato il 19 aprile 2018.
  7. ^ Russo, p. 21.
  8. ^ (IT) La Storia | Comune di Fiumefreddo di Sicilia, su www.comune.fiumefreddodisicilia.ct.gov.it. URL consultato il 19 aprile 2018.
  9. ^ Acque Bufardo e Torrerossa, su www.acquebufardo.it. URL consultato il 18 aprile 2018.
  10. ^ Torre Rossa | Comune di Fiumefreddo di Sicilia, su www.comune.fiumefreddodisicilia.ct.gov.it. URL consultato il 23 aprile 2016.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ GURS Parte I n. 43 del 2008, su gurs.regione.sicilia.it. URL consultato il 5 luglio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129203757 · GND (DE4719385-2
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia