Anfinomo e Anapia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pii fratres)
Jump to navigation Jump to search
Anfinomo e Anapo fuggono con in spalla i propri genitori, affresco di Annibale Carracci del Camerino Farnese. Sulla sinistra giace Polifemo accecato.

Anfinomo e Anapia (in greco antico: Ἀμφίνομος, Amphínomos e Ἀναπίας, Anapías), detti in latino Pii fratres ("fratelli pii") o fratres Catanenses ("fratelli catanesi"), erano due fratelli, protagonisti di un mito della mitologia greca.

Mito[modifica | modifica wikitesto]

Anfinomo e Anapia vivevano nella città di Catania, ai piedi dell’Etna.

In una eruzione del vulcano, il fuoco raggiunse ed incendiò Catania. Mentre gli abitanti cercavano di salvare le proprie ricchezze, i due fratelli pensarono solamente a porre in salvo i loro genitori. L’uno caricò il padre, l’altro la madre sulle spalle, fuggirono attraverso le fiamme che divoravano tutte le case della loro strada. Gli Dei, mossi dalla pietà filiale di questi due fratelli, fecero sì che le fiamme non li toccassero, lasciando loro libero il passaggio[1].

Anfinomo e Anapia si resero tanto celebri per tale azione, che vennero chiamati "pii" e Siracusa e Catania iniziarono a disputarsi l’onore di aver loro dato culla e fecero gara nell'innalzare templi alla pietà filiale in memoria di tale avvenimento[1].

L'episodio era ben noto nell'antichità come esempio di pietas, cioè la devozione filiale. Era considerato un vanto di Catania ed era spesso rappresentato in monete battute in questa città. Tale sentimento ispirò la figura di Enea che trae in salvo il padre Anchise dalle fiamme di Troia nell’Eneide di Virgilio.

Raffigurazioni numismatiche[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a due denari e alla moneta di bronzo di Katane, esiste anche un'altra moneta di Catania legata a questo episodio. Presenta al diritto Dioniso e al rovescio i pii fratres[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b F. S. Villarosa, Dizionario mitologico-storico-poetico, vol. I, Napoli, Tipografia Nicola Vanspandoch e C., 1841, p. 37.
  2. ^ (Calciati 10; cfr. SNG John Morcom Collection, 560[collegamento interrotto] e SNG Fitzwilliam Museum, 301[collegamento interrotto]).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche
Fonti moderne
  • Robert BEDON, « Les pii fratres de Catane, Amphinomos et Anapias, chez Solin », dans Th. GESZTELYI (éd.), Mélanges Lazlone Havas, Acta Classica Universitatis Debreceniensis, XL-XLI, 2004-2005, Debrecen (Hongrie), 2004, p. 339-354.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]