Altavilla Milicia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Altavilla Mìlicia
comune
Altavilla Mìlicia – Stemma Altavilla Mìlicia – Bandiera
Altavilla Mìlicia – Veduta
La costiera altavillese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Palermo-Stemma.png Palermo
Amministrazione
SindacoGiuseppe Virga (Lista civica "Io Amo Altavilla") dal 28/11/2016
Data di istituzione15 settembre 1621
Territorio
Coordinate38°02′32″N 13°33′01″E / 38.042222°N 13.550278°E38.042222; 13.550278 (Altavilla Mìlicia)Coordinate: 38°02′32″N 13°33′01″E / 38.042222°N 13.550278°E38.042222; 13.550278 (Altavilla Mìlicia)
Altitudine73 m s.l.m.
Superficie23,78 km²
Abitanti8 367[1] (31-07-2018)
Densità351,85 ab./km²
Comuni confinantiCasteldaccia, Trabia
Altre informazioni
Cod. postale90010
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT082004
Cod. catastaleA229
TargaPA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona B, 869 GG[2]
Nome abitantiAltavillesi, Milicioti in siciliano
PatronoMaria SS. Lauretana
Giorno festivo8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Altavilla Mìlicia
Altavilla Mìlicia
Altavilla Mìlicia – Mappa
Posizione del comune di Altavilla Milicia nella città metropolitana di Palermo
Sito istituzionale

Altavilla Mìlicia ('A Mìlicia in siciliano) è un comune italiano di 8367 abitanti della città metropolitana di Palermo in Sicilia.

Sorge su di una collina a 73 m s.l.m., in posizione panoramica, come una terrazza sul Mar Tirreno.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita di Altavilla Milicia si deve alla famiglia Beccadelli di Bologna. Proprietari di diversi feudi, all'inizio del Seicento acquistarono anche i feudi della Mìlicia. Fra il 1620 e il 1623 Francesco Maria avviò la richiesta e ottenne la licentia populandi, cioè l'autorizzazione dal Re di Spagna Filippo III a fondare la terra di Alta Villa. Il primo impianto urbano fu curato da Mariano Smiriglio, architetto e scultore autore dell'urna di Santa Rosalia e dell'apparato scultoreo dei Quattro Canti di Palermo, a partire da un preesistente baglio fortificato cui era annesso il mulino della cannamela.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il paese ha una struttura urbanistica lineare, a scacchiera, con una complessiva forma a “clessidra”dell’abitato che si è formata nel tempo sul calco dell'originario progetto dello Smiriglio; all'interno del centro abitato sono pochi i monumenti apprezzabili. Il belvedere e il santuario mariano costituiscono le attrattive principali del paese. Il belvedere è costituito da due piazze contigue poste all'estremità settentrionale dell'altura su cui sorge il centro abitato, proprio di fronte al mare. Il panorama che si ammira va da Capo Zafferano a Cefalù, sino alle isole Eolie. La via principale è stata denominata Via Loreto.

Il santuario Mariano Diocesano, che si affaccia sul Belvedere, fondato nel XVII secolo, ospita il Quadro della Madonna, opera di un artista di cultura toscana, attento alle tematiche giottesche e la cui attività è da porre entro la seconda metà del XIV secolo.

La porta della vita - Santuario della Madonna di Loreto

La pittura, realizzata con la tecnica della tempera all'uovo, raffigura una Madonna incoronata in trono con Gesù Bambino in piedi sulle sue ginocchia, che tiene nella mano sinistra un plico. San Francesco, invece, con la mano destra indica una figura (che inizialmente si credeva fosse un secondo figlio di Maria o un angelo, ma in seguito si scoprì che si tratta del committente), inginocchiata ai suoi piedi in atteggiamento di preghiera. È molto probabile che il quadro sia giunto ad Altavilla attraverso scambi commerciali, contrariamente alla miracolosa provenienza dal mare antistante sostenuta dalla tradizione popolare locale la quale racconta che il quadro sia arrivato grazie ai pirati saraceni che, avendo difficoltà nel navigare verso Capo Zafferano, attribuirono l’impedimemto all’immagine sacra che colpirono diverse volte con le sciabole prima di gettarlo in mare. Resta valida l'ipotesi che lega l'opera al marchese Francesco Maria Beccadelli di Bologna: è infatti plausibile che egli abbia voluto collocare nella cappella annessa al proprio palazzo un'immagine di famiglia in cui erano raffigurati i suoi due santi eponimi, Maria e Francesco.

Altavilla Milicia - Torre di guardia

Nella prima metà del XIX secolo la figura della Madonna è stata ricoperta da una rizza d'oro, adorna di grosse pietre preziose incastonate, tra le quali smeraldi, rubini, zaffiri e topazi, dalle dimensioni notevoli che la rese simile alla Madonna di Loreto (tale copertura è stata rimossa anni fa durante l’opera di restauro che operò anche tramite radiografie, tra le quali una portò alla luce che vi era un dipinto al di sotto delle coperture preziose). Il Santuario è arricchito da pregiate tele del Bagnasco, i recenti affreschi del Bonanno e numerose statue. Il Santuario è meta di pellegrinaggio, soprattutto durante la festa patronale dei giorni 6, 7 e 8 settembre.

Nel 2000 è stata installata nel santuario una porta monumentale in bronzo di Vincenzo Gennaro.

Tra i monumenti da segnalare gli affascinati ruderi della chiesa di Santa Maria di Campogrosso, detta Chiesazza (ossia "grande chiesa" dalla trad. nella lingua siciliana che propone l'apparente dispregiativo come accrescitivo) posti su un'altura affacciata sul mare, della quale si conservano gran parte delle mura perimetrali. Nel 2016, sono state portate alla luce le sepolture (circa 30) e le monete sepolte al di sotto della Chiesazza.

Più a valle, non molto distante dalla Chiesazza, si trova il cosiddetto Ponte Saraceno, sul torrente San Michele. Il ponte, ricordato per la prima volta in un documento del 1248, è una delle ultime testimonianze rimaste della strada medievale fra Palermo e Termini Imerese, che ricalcava in buona parte la romana Via Valeria. E' a schiena d’asino e presenta un arco a sesto acuto a doppia ghiera (7,35 m), simile a quelli del Ponte dell'Ammiraglio di Palermo. Sopravvissuto ad alluvioni e intemperie, versa oggi in stato di penoso abbandono, e negli ultimi anni il suo degrado si è sensibilmente accelerato. Scendendo fino al greto del torrente potrete osservare meglio la struttura del ponte, fatta di piccoli blocchi di calcarenite, disposti con molta cura, e i segni d’erosione lasciati dall’acqua sui piloni, che indicano come nei secoli passati il clima fosse più umido, e la portata del torrente, almeno in inverno, notevolmente maggiore di oggi.

Tipiche del paesaggio altavillese sono anche le tre torri costiere di guardia spesso impropriamente considerate normanne:

  • Torre delle Mandre, ubicata su Capo Crosso lungo la S.S.113 tra Altavilla Milicia e Trabia. La sua esistenza è stata attestata nel 1557.
  • Torre Colonna, ubicata in via consolare, non molto distante dalla Torre delle Mandre. Esistenza attestata nel 1582
  • Torre Milicia, ubicata vicino l'uscita dell'autostrada A19, accanto alla strada che porta in paese. Esistenza attestata nel 1578.

Le fortificazioni di questo tipo in realtà risalgono a periodi più tardi, aragonese le due della Milicia e del Capo Grosso e probabilmente viceregio Torre Colonna. Le torri rispondevano infatti alle necessità di difesa dagli attacchi dei corsari e pirati maghrebini che sempre più frequentemente saccheggiavano i territori costieri siciliani fra XV e XVII secolo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Ad Altavilla Milicia, in contrada Sperone, si trova uno stabilimento di imbottigliamento di acqua minerale, inoltre, in contrada Incaria si trovano due stabilimenti di produzione di birra artigianale.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Secondo i dati ISTAT[4], al 31 luglio 2018, erano residenti 4177 maschi e 4190 femmine.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT[5] al 31 dicembre 2017 la popolazione straniera residente era di 173 persone. Le comunità più rappresentate erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 settembre 1988 10 giugno 1992 Salvatore Scaletta lista civica Sindaco [6]
13 luglio 1990 7 ottobre 1991 Enzo Livio Damiano lista civica Sindaco [6]
15 settembre 1992 7 giugno 1993 Giovanbattista Leone Comm. straordinario [6]
7 giugno 1993 22 novembre 1995 Salvatore Lombardo lista civica Sindaco [6]
11 luglio 1996 30 novembre 1998 Francesco Paolo Errante Comm. straordinario [6]
11 luglio 1996 30 novembre 1998 Fulvio Sodano Comm. straordinario [6]
11 luglio 1996 30 novembre 1998 Antonio Cirafisi Comm. straordinario [6]
30 novembre 1998 27 maggio 2003 Salvatore Scaletta lista civica Sindaco [6]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Salvatore Scaletta lista civica Sindaco [6]
17 giugno 2008 26 settembre 2011 Francesco Camarda lista civica Sindaco [6]
4 novembre 2011 8 maggio 2012 Angelo Sajeva Comm. straordinario [6]
8 maggio 2012 11 febbraio 2014 Antonino Parisi lista civica Sindaco [6]
11 febbraio 2014 17 luglio 2015 Rosalia Eleonora Presti Comm. straordinario [6]
11 febbraio 2014 17 luglio 2015 Salvatore Tartaro Comm. straordinario [6]
11 febbraio 2014 17 luglio 2015 Domenico Fichera Comm. straordinario [6]
17 luglio 2015 20 gennaio 2016 Antonino Parisi lista civica Sindaco
28 gennaio 2016 28 novembre 2016 Rosalia Eleonora Presti Comm. straordinario [7]
28 gennaio 2016 28 novembre 2016 Salvatore Tartaro Comm. straordinario [7]
28 gennaio 2016 28 novembre 2016 Domenico Fichera Comm. straordinario [7]
28 novembre 2016 In carica Giuseppe Virga lista civica Sindaco

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2000 sono state girate alcune scene della miniserie L'attentatuni - Il grande attentato, interpretata da Tony Sperandeo e Veronica Pivetti.

Anche alcune scene del film "il 7 e l'8" del duo comico Ficarra e Picone sono state girate nel comune di Altavilla Milicia.

Il 18 gennaio 2016 è stata conferita a Pino Maniaci, direttore di Telejato, la cittadinanza onoraria.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138416120 · GND (DE4342598-7
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia