Bompietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bompietro
comune
Bompietro – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitana Provincia di Palermo-Stemma.png Palermo
Amministrazione
Sindaco Lucio Di Gangi (lista civica) dal 7-6-2009
Territorio
Coordinate 37°45′N 14°06′E / 37.75°N 14.1°E37.75; 14.1 (Bompietro)Coordinate: 37°45′N 14°06′E / 37.75°N 14.1°E37.75; 14.1 (Bompietro)
Altitudine 685 m s.l.m.
Superficie 42,41 km²
Abitanti 1 443[1] (31-12-2014)
Densità 34,02 ab./km²
Frazioni Locati, Chiarisi - Cicchettoni, Guarraia, Salerna
Comuni confinanti Alimena, Blufi, Calascibetta (EN), Gangi, Petralia Soprana, Resuttano (CL), Villarosa (EN)
Altre informazioni
Cod. postale 90020
Prefisso 0921
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 082012
Cod. catastale A958
Targa PA
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti bompietrini
Patrono Madonna delle grazie
Giorno festivo ultima domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bompietro
Bompietro
Bompietro – Mappa
Posizione del comune di Bompietro nella città metropolitana di Palermo
Sito istituzionale

Bompietro (Bompietru in siciliano) è un comune italiano di 1 443 abitanti della città metropolitana di Palermo in Sicilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A conclusione della guerra dei Vespri Siciliani (31 marzo 1282-1302) la Sicilia fu assoggettata agli spagnoli i quali, perpetuando il sistema feudale, la divisero in vari ducati.

Alla famiglia spagnola dei Ferrandina nel 1400 fu donato, con molti altri feudi, il territorio di Bompietro. I Ferrandina cedevano le terre ai contadini perché le bonificassero e per loro fecero costruire una piccola chiesa cui donarono in dote il feudo di "Donna Morosa". I contadini, a quei tempi, abitavano in grotte scavate nel terreno arenario (se ne vedono ancora oggi alcune in Contrada Salerna). Verso il 1500 i contadini cominciarono a fabbricare le prime case sui terreni che lavoravano e di cui erano divenuti proprietari. Sorsero così le frazioni di cui si compone il Comune. Ogni frazione porta, in genere, il nome della prima famiglia che vi pose sede stabile.

Piraino, probabilmente, porta il nome di un pero selvatico diffuso in quei paraggi. La borgata più antica è Guarraia.

"Bompietro" è il nome del quartiere centrale sorto attorno alla chiesa e che a lungo fu chiamato "Borgata Chiesa". La prima strada principale fu Via Madre Chiesa.

È incerto se il nome "Bompietro" sia derivato da un certo Pietro, uomo particolarmente buono che abitava a Guarraia, o dal quadro dei SS. Pietro e Paolo che si trovava sull'altare della chiesetta e che "si dice" sia stato donato dai Sopranesi.

La Chiesa Madre fu ricostruita e ingrandita, con la collaborazione di tutti, nel 1790, come attestato dalla iscrizione esistente:

DABO GRATIAM POPULO HUIC IX.3,2,1790

La pietra, utilizzata per la costruzione della chiesa fu trasportata da Geragello e da Chiarisi, facendone trascinare da buoi i massi appositamente forati e legati con catene.

La campana grande, che apparteneva al monastero di Montevergini di Palermo, fu trasportata a spalla da Villalba.

Per lungo tempo la chiesa fu cappellania della parrocchia di Petralia Soprana. Fu costituita Parrocchia dal Papa Gregorio XVI, con Bolla del 20 maggio 1844, entrata in vigore il 12 luglio dello stesso anno.

Primo parroco fu Don Gioacchino Mazzola da Castelbuono. Le parrocchie nel 1818 passarono dall'Arcidiocesi di Messina alla Diocesi di Nicosia e nel 1842 a quella di Cefalù.

Il campanile fu eretto nel 1900 dai Pollara di Petralia Sottana.

L'arciprete Vincenzo Grippolidi provvide a far rinnovare il pavimento rimuovendone le sepolture sottostanti e facendo erigere l'artistico pulpito in legno nel 1916. A metà degli anni sessanta il pavimento della chiesa fu rifatto in "botticino" e fu modificato il presbiterio togliendone l'inferriata che lo circondava.

Amministrativamente Bompietro fu borgata del Comune di Petralia Soprana fino al 1820. I primi atti amministrativi archiviati risalgono al 1875, ma l'ufficio di Stato Civile funzionava già dal 1º gennaio 1820. Il primo bambino registrato fu Pepe Giachino Giuseppe nato il 12 gennaio 1820. Il primo Sindaco fu Santo Giuseppe Antonio.

Lo stemma fu riconosciuto con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri in data 21 aprile 1959.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazione[modifica | modifica wikitesto]

L'unica frazione è Locati, sede, un tempo, di un carcere. L'origine di Locati, all'epoca territorio della Contea di Collesano, è alquanto incerta. Le prime notizie storiografiche risalgono alla conclusione della guerra dei Vespri allorquando la Sicilia fu assoggettata agli Spagnoli, in particolare alla famiglia dei Ferrandina, che fece di Collesano una contea autonoma il cui territorio si espandeva dal fiume Roccella fino all'Himera meridionale e l'odierna Locati segnava il punto di confine con il territorio di Petralia Sovrana e L'Alimena.

Notizie storiche riportano che Caterina Moncada moglie di Giuseppe Federico Alvarez Toledo duca di Ferrandina e marchese di Villafranca, figlia di Ferdinando Aragon Moncada y Moncada e nipote di Luigi Guglielmo Moncada il quale fu Presidente del Regno dal 1635 al 1637, Viceré di Sardegna nel 1647, Viceré di Valenza nel 1657; Commendatore di Belvis della Sierra, tre volte Grande di Spagna, generale della Cavalleria del Regno di Napoli e maggiordomo maggiore di re Carlo, dopo la morte del padre Ferdinando, avvenuta nel 1713, venne in incognito a Locati per verificare l'efficienza della gendarmeria doganale e, vedendo che il territorio intorno era tutto acquitrinoso e non coltivabile ne donò ai poveri alcune parti. Quella terra incoltivabile, priva di alberi e di case venne bonificata apportando migliorie fondiarie e quindi urbanizzata. Il ricordo della sua azione in favore delle popolazioni locali è tuttora menzionato nella denominazione di una via in suo onore: Via Ferrandina, mai modificata da allora.

Proprio per la sua posizione di frontiera, Locati era posto di dogana dove le merci venivano controllate e veniva pagato il dazio necessario per transitare sul proprio territorio attraverso la regia trazzera Catina-Thermae, da Enna a Termini Imerese, che scendendo dall'Imera Meridionale sfruttando i valloni Gangitano e Passo di Mattina, raggiungeva Alimena transitando a Nord del Castello di Resuttano. La trazzera diretta a Catania "di Passo della Mattina" e "di Sagnefere", era adoperata come grande via di comunicazione tra i paesi della fascia pedemontana delle Madonie. La trazzera attualmente è denominata via Rampanti.

Particolare importanza per la nascita e lo sviluppo di Locati ebbe la costruzione di un carcere, di cui esiste tuttora la medesima via, sia perché nei suoi dintorni vennero costruiti i primi insediamenti rurali, come residenze per le maestranze e le guarnigioni che per il sorgere di locande che offrivano ospitalità e ristoro a viandanti e animali che vi sostavano prima di riprendere il loro viaggio.

Tale sosta era di fondamentale importanza e si rendeva indispensabile non solo perché la presenza della guarnigione rendeva il luogo sicuro per custodirne le merci ma anche per evitare di attraversare, nelle ore notturne, un luogo detto “maluppassu” Mal Passo in cui i briganti dell'epoca tendevano vere e proprie imboscate ai passanti derubandoli dei beni che trasportavano.

Cominciò così a sorgere un vero aggregato rurale, i primi insediamenti nascono nella parte a sud del paese e la via più antica è il Largo Bisicchia larga appena 1 metro e lunga poco meno di 5.

Proprio allocare è tuttora considerato come il più attendibile derivante della denominazione Locati che a quell'epoca si soleva chiamare "E Lucati" cioè "Gli Allocati" e oggi Locati.

Per origini, modi di vivere, personalità, la popolazione di Locati si differisce notevolmente da quella di Bompietro. Da sempre Locati ha brillato di luce propria, e nonostante la decimazione della popolazione, questa frazione vive, fiera delle proprie tradizioni e continua ad essere laboratorio di nuove idee innovative e sperimentazioni.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Confraternite di Bompietro[modifica | modifica wikitesto]

Confraternite di Locati[modifica | modifica wikitesto]

Feste a Locati[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa in onore di San Giuseppe Lavoratore - 1º maggio
  • Festa in onore di Maria Santissima del Rosario - 1ª domenica di agosto
  • Festa in onore del Santissimo Crocifisso - 6 settembre

Feste a Bompietro[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa patronale di Maria SS. delle Grazie

La Festa Patronale di Maria SS. delle Grazie si celebra a Bompietro piccolo paese nella città metropolitana di Palermo, il 25 e il 26 di agosto. La festa è preceduta dalla tradizionale quindicina, in cui viene portata in processione dalle donne, su di una piccola vara, la statua della Madonna delle Grazie, che per quindici giorni percorre e tocca i vari quartieri del piccolo centro e viene ospitata nelle case dei fedeli, con la recita della Coroncina e del Santo Rosario e a seguire la SS. Messa. Giorno 25 agosto " Vigilia della Festa" lo splendido simulacro della Madre delle Grazie viene portato in processione per le vie principali del suggestivo paesino, con la presenza delle numerose confraternite e delle autorità civili e religiose, insieme al pregevole simulacro ligneo del Patriarca "San Giuseppe",che gode di una profonda devozione e in egual modo del simulacro del SS. Crocifisso. Momento commovente e conclusivo della processione vigiliare è il rientro delle statue in Chiesa Madre. Il 26 agosto, giorno della festa si svolge nuovamente la solenne processione della Madonna, in cui il simulacro percorre la maggior parte delle vie cittadine tra la commozione e le preghiere dei fedeli. Vari gli intrattenimenti e le manifestazioni, con giochi pirotecnici, banda musicale e spettacoli.

Festa dell'Autunno[modifica | modifica wikitesto]

Si svolge l'ultimo sabato e domenica di settembre, momento molto caro ed aspettato dalla comunità bompietrina. In quei giorni vi è la degustazione di prodotti tipici locali, gruppi folkloristici e sfilate equestri.

Festa degli Emigranti[modifica | modifica wikitesto]

La festa degli emigranti si svolge a Bompietro ogni anno, rigorosamente il 23 agosto, nei giorni antecendenti la festa patronale. Momento gioioso di incontro e di ritrovo per tutti gli emigrati sparsi nel mondo. Particolarità di questa festa è la degustazione di prodotti tipici locali, tra cui fave, formaggi e dolci di ogni tipo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Laborioso centro agricolo, oltre ai cereali e al grano, si distingue per la produzione di prodotti quali olio di oliva, legumi, frutta, mandorle e uva da mosto.

Molto diffuso è anche l'allevamento di bestiame.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
29 giugno 1989 5 luglio 1991 Calogero Scalone Democrazia Cristiana Sindaco [2]
5 luglio 1991 5 dicembre 1993 Giuseppe Termine Partito Democratico della Sinistra Sindaco [2]
6 dicembre 1993 1º dicembre 1997 Giuseppe Geraci - Sindaco [2]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Giuseppe Geraci lista civica Sindaco [2]
8 ottobre 1998 28 maggio 2002 Rosolino Greco Comm. straordinario [2]
28 maggio 2002 21 dicembre 2003 Paolo Pietro Brucato lista civica Sindaco [2]
15 giugno 2004 8 giugno 2009 Francesco Alleri lista civica Sindaco [2]
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Luciano Di Gangi lista civica Sindaco [2]
27 maggio 2014 in carica Luciano Di Gangi Sindaco [2]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

http://www.assarca.com/public/sicilia/bompietro_sicilia_sicily.jpg http://www.casemadonie.it/images/stories/campanile_bompietro http://www.cefaluedintorni.it/images/paesi/Chiesa_Locati.jpg

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia