Giancarlo Cancelleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giancarlo Cancelleri
Giancarlo Cancelleri.jpg

Viceministro delle infrastrutture e dei trasporti
In carica
Inizio mandato 16 settembre 2019
Vice di Paola De Micheli
Presidente Giuseppe Conte
Predecessore Edoardo Rixi

Vicepresidente dell'Assemblea Regionale Siciliana
Durata mandato 21 dicembre 2017 –
17 settembre 2019
Presidente Gianfranco Micciché
Predecessore Antonio Venturino
Successore Angela Foti

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Diploma di istituto tecnico
Professione Impiegato

Giovanni Carlo Cancelleri, detto Giancarlo (Caltanissetta, 31 maggio 1975), è un politico italiano, dal 16 settembre 2019 viceministro delle infrastrutture e dei trasporti nel governo Conte II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cancelleri nasce a Caltanissetta il 31 maggio 1975. Nel 1999 inizia a operare presso l'ARCI della sua città.

Dal 2000 fino al 2007 ha lavorato presso una ditta specializzata metalmeccanica nel ruolo di magazziniere fino ad essere promosso a geometra presso lo studio tecnico dell'azienda.

Grazie all'attività svolta dal comico Beppe Grillo, nel 2007 fonda la lista Grilli Nisseni, che confluirà poi nel 2009 nel Movimento 5 Stelle[1]. Nel 2010, insieme ad alcuni cittadini, fonda il comitato Scorta Civica, nato per supportare i magistrati che ricevono continue minacce di stampo mafioso, e a cui è stata dedicata anche una puntata del programma Annozero.

Candidatura alle elezioni regionali siciliane del 2012[modifica | modifica wikitesto]

Sempre nel 2012 inizia la sua carriera politica candidandosi a presidente della Regione Siciliana in vista delle elezioni regionali. Il 28 ottobre si piazza al terzo posto con il 18,17% dei voti dietro al candidato del centro-sinistra Rosario Crocetta, eletto governatore, e a Nello Musumeci del centro-destra. Nonostante il risultato viene comunque eletto deputato all'Assemblea Regionale Siciliana.

Candidatura alle elezioni regionali del 2017[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 decide di ricandidarsi a governatore della Sicilia per le elezioni regionali, dove si piazza al secondo posto con il 34,65% delle preferenze dietro al candidato vincente Nello Musumeci, venendo, però, rieletto deputato in quanto presidente non eletto con il maggior numero di voti.

Il 21 dicembre successivo viene eletto vicepresidente dell'ARS.

Viceministro delle infrastrutture e dei trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 settembre 2019 viene nominato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte viceministro delle infrastrutture e dei trasporti nel suo secondo governo, prestando giuramento insieme agli altri viceministri e sottosegretari tre giorni dopo[2]. Lo stesso giorno annuncia le proprie dimissioni sia da deputato regionale che da vicepresidente dell'ARS[3].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È fratello della deputata Azzurra Cancelleri, eletta anch'essa nelle fila del Movimento 5 Stelle[4][5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]