Belmonte del Sannio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Belmonte del Sannio
comune
Belmonte del Sannio – Stemma Belmonte del Sannio – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Isernia-Stemma.png Isernia
Amministrazione
SindacoAnita Di Primio (La Torre) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate41°49′N 14°25′E / 41.816667°N 14.416667°E41.816667; 14.416667 (Belmonte del Sannio)Coordinate: 41°49′N 14°25′E / 41.816667°N 14.416667°E41.816667; 14.416667 (Belmonte del Sannio)
Altitudine864 m s.l.m.
Superficie20,32 km²
Abitanti695[1] (31-12-2019)
Densità34,2 ab./km²
Comuni confinantiAgnone, Castiglione Messer Marino (CH), Schiavi di Abruzzo (CH)
Altre informazioni
Cod. postale86080
Prefisso0865
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT094004
Cod. catastaleA761
TargaIS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiBelmontesi
Patronosan Anacleto
Giorno festivo13 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Belmonte del Sannio
Belmonte del Sannio
Belmonte del Sannio – Mappa
Posizione del comune di Belmonte del Sannio nella provincia di Isernia
Sito istituzionale

Belmonte del Sannio è un comune italiano di 695 abitanti[1] della provincia di Isernia in Molise. Fino al 1807, per circa 600 anni, è sempre stato parte integrante del Giustizierato d'Abruzzo e dell'Abruzzo Citeriore.[2]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

È situato su un colle che si eleva sul versante destro dell'alta valle del torrente Sente affluente del fiume Trigno, ed è un borgo agli estremi confini della provincia di Isernia verso l'Abruzzo, con cui è collegato da uno dei più alti ponti d'Europa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Moneta sannita della Guerra sociale, coniata a "Corfinium", si vede l'immagine dell'Italia e sul verso il giuramento dei guerrieri e il sacrificio del.maiale

Il nome secondo alcuni (La Regina), potrebbe derivare dal neutro latino "bellum" (cioè "guerra", monte della guerra) oppure dal termine volgare che indica la bellezza del panorama del paese. L'aggiunta di specificazione "del Sannio", fu aggiunta dopo l'Unità d'Italia.

Sicuramente l'area fu popolata dai Sanniti e sono state trovate tracce di fortificazioni a vallo del IV secolo a.C., costruite contro l'avanzata romana nelle guerre sannitiche. La prima testimonianza storica è data da Tito Livio che nel X Libro della sua opera ricorda il sacerdote Ovio Paccio, che fece fare il giuramento sacro i guerrieri sanniti a Pietrabbondante. Presso colle Sant'Angelo infatti è stata trovata la presunta tomba di Ovio, come riportato dalle iscrizioni.

Medioevo e rinascimento[modifica | modifica wikitesto]

Altre menzioni del borgo, come castello, si hanno nell'XI secolo, quando al comfine col fiume Sente, esisteva l'abbazia benedettina di Santa Maria della Noce, oggi scomparsa, che aveva in feudo vari territori a nord del Trigno, come Schiavi d'Abruzzo.

In quest'epoca Belmonte è feudo dei Borrello, poi nel 1438 passò a Jacopo Caldora per volere di Alfonso di Napoli. In seguito passerà ai Caracciolo e a Carlo Tappia, giureconsulto di Lanciano, distretto entro cui Belmonte stette sino al 1799, facendo parte dell'Abruzzo Citeriore. Dei Caracciolo si ricorda il palazzo baronale costruito sopra il castello di cui resta il torrione.

Epoca moderna e contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Antico sigillo

Fino al 1807 fece parte, insieme ad Agnone, Cantalupo e Pietrabbondante, dell'Abruzzo Citeriore; in seguito al riodinamento napoleonico venne ceduto al Molise.

Dopo l'unità di Italia ebbe il nome attuale, inserita nella provincia di Campobasso, sino al 1970,quando è passata a Isernia.

Patrimonio artistico[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Salvatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo vari terremoti del 1800, fu costruita nuovamente nel 1865, con la manodopera di Carlo da Pescopennataro. La struttura è molto simile alle chiese quattrocentesche con pianta a croce latina e muratura in pietra. Solo l'interno è diverso perché a navata unica. L'interno è neobarocco con reperti della vecchia chiesa: altari di San Rocco e della Concezione.

Torre longobarda[modifica | modifica wikitesto]

Costruita nel IX secolo, si trova nel borgo vecchio e ha pianta circolare. Ha una entrata con finestra in cima.

Tomba Sannitica di Ovio Paccio[modifica | modifica wikitesto]

Ovio Paccio fu un generale dei Sanniti, che secondo lo storico romano Tito Livio, combatté contro Roma nelle guerre sannitiche. La tomba si trova fuori città, ed è a forma di mausoleo con pietra disposta a mo' di sarcofago.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2 luglio 1985 24 aprile 1995 Errico Borrelli Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 2004 Bambino Palomba Centro Sindaco [4]
14 giugno 2004 27 maggio 2019 Errico Borrelli Uniti per Belmonte Sindaco [4]
27 maggio 2019 in carica Anita Di Primio La Torre Sindaco [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ http://asciatopo.xoom.it/ammi_ch.html
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ a b c d http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Molise Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Molise