Barberino Val d'Elsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Barberino Val d'Elsa
ex comune
Barberino Val d'Elsa – Stemma
Barberino Val d'Elsa – Bandiera
Barberino Val d'Elsa – Veduta
Barberino Val d'Elsa – Veduta
Porta Senese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitanaProvincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
ComuneBarberino Tavarnelle-Stemma.svg Barberino Tavarnelle
Amministrazione
Data di soppressione31 dicembre 2018
Territorio
Coordinate43°32′32.29″N 11°10′17.26″E / 43.542304°N 11.171462°E43.542304; 11.171462 (Barberino Val d'Elsa)
Altitudine373 m s.l.m.
Superficie65,98 km²
Abitanti4 369[1] (31-12-2018)
Densità66,22 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale50028 (già 50021)
Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT048003
Cod. catastaleA633
TargaFI
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 337 GG[3]
Nome abitantibarberinesi
Patronosan Bartolomeo
Giorno festivo24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Barberino Val d'Elsa
Barberino Val d'Elsa
Sito istituzionale
Posizione dell'ex comune di Barberino Val d'Elsa (1893-2018) all'interno della città metropolitana di Firenze

Barberino Val d'Elsa[4] è una frazione del comune italiano di Barberino Tavarnelle, nella città metropolitana di Firenze, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Barberino Val d'Elsa è posto sulle colline ad Est della Val d'Elsa e si trova a un'altitudine di 373 metri s.l.m.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima a Barberino, rispetto al capoluogo Fiorentino, prevede estati più fresche ed inverni più rigidi, a causa della maggiore altitudine. In inverno non di rado si hanno precipitazioni nevose, però solo occasionalmente con grande accumulo. Le precipitazioni medie annue sono in linea con quelle del capoluogo Fiorentino e si attestano tra 850 e 900 mm annui. La stazione meteorologica più prossima al capoluogo è quella di Poggibonsi-Strozzavolpe della quale riportiamo le medie degli ultimi 30 anni:

POGGIBONSI STROZZAVOLPE Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 10,211,614,618,823,227,530,930,627,220,714,710,910,918,929,720,920,1
T. min. mediaC) 0,71,03,46,39,213,015,314,912,78,35,42,31,36,314,48,87,7

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sua storia è legata alla distruzione di Semifonte da parte dei Fiorentini nel 1202 e il suo sviluppo fu legato soprattutto al fatto di essere sulla Strada Regia Romana che collegava Firenze con Roma.

Da qui ebbe origine la famiglia Tafani, detta da Barberino, e poi semplicemente Barberini, che tanto successo ebbe prima a Firenze e poi a Roma, con papa Urbano VIII e numerosi cardinali.

Ha dato i natali allo scrittore Andrea de' Mengabotti, conosciuto come Andrea da Barberino, autore de Il Guerrin Meschino.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il Codice Araldico Cappugi 623[5] conservato presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, riporta come insegna di Barberino castello uno scudo d'azzurro, al tronco di tigre in maestà, d'oro, uscente dal fianco sinistro dello scudo. È questa la prima testimonianza conosciuta della figura della tigre, che al tempo dell'Unità d'Italia il conte Passerini riprenderà per la compilazione del suo blasonario, aggiungendo il commento: «La tigre, fiera dell'Affrica, e come anticamente dicevasi di Barberìa, fa di quest'arme una di quelle che diconsi allusive» con riferimento al nome Barberino.[6]

Lo stemma del Comune di Barberino Val d'Elsa era stato riconosciuto con decreto del capo del governo del 19 giugno 1931.[7]

«D'azzurro, alla tigre rampante, al naturale.»

Il gonfalone, concesso con regio decreto del 18 luglio 1930[7], era costituito da un drappo di azzurro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Pretorio a Barberino

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Sono qui riportati gli abitanti dell'ex comune di Barberino Val d'Elsa fino al 2011.

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2015 la popolazione straniera residente nell'ex comune di Barberino Val d'Elsa era di 340 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

La sua forma urbana è a pianta ellittica e si conservano le due porte di accesso al borgo (porta Romana, o Senese, è integra, porta Fiorentina è ricostruita).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute nel comune di Barberino Val d'Elsa fino alla sua soppressione il 31 dicembre 2018.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
3 luglio 1985 2 giugno 1990 Gianni Vivoli Partito Comunista Italiano Sindaco [9]
26 giugno 1990 24 aprile 1995 Gianni Vivoli Partito Democratico della Sinistra, Partito Comunista Italiano Sindaco [9]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Armando Conforti centro-sinistra Sindaco [9]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Michele Bazzani lista civica Sindaco [9]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Maurizio Semplici Centro sinistra per Barberino Sindaco [9]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Maurizio Semplici Centro sinistra per Barberino Sindaco [9]
26 maggio 2014 31 dicembre 2018 Giacomo Trentanovi lista civica: Barberino Sindaco [9]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune ha sancito nel 2015 un patto di gemellaggio letterario con il comune di Montemonaco nel nome di Andrea da Barberino.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2018, su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Sulla pronuncia del toponimo vedi Bruno Migliorini et al., Scheda sul lemma "Elsa", in Dizionario d'ortografia e di pronunzia, Rai Eri, 2016, ISBN 978-88-397-1478-7.
  5. ^ Tito Cappugi, Blasone o sia l'Armolario, contenente l'Armi Gentilizie delle Famiglie Toscane e delle Città, Terre e Castelli,… ricavato da altro simile esistente nell'Archivio Segreto di S.A.R., Manoscritti Cappugi 623.
  6. ^ Comune di Barberino Tavarnelle, su araldicacivica.it.
  7. ^ a b Barberino Val d'Elsa, su Archivio Centrale dello Stato.
  8. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  10. ^ Gemellaggio Barberino - Schliersee, su Comune di Barberino Val d'Elsa.
  11. ^ Gemellaggio Barberino - Publier, su Comune di Barberino Val d'Elsa.
  12. ^ Barberino Val d'Elsa: sancito un gemellaggio letterario con il Comune di Montemonaco, nelle Marche, su met.provincia.fi.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235244483 · GND (DE4582385-6 · WorldCat Identities (ENlccn-n98062640
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana