Castelnuovo d'Elsa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castelnuovo d'Elsa
frazione
Castelnuovo d'Elsa – Veduta
Veduta di Castelnuovo d'Elsa
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitanaProvincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
ComuneCastelfiorentino-Stemma.png Castelfiorentino
Territorio
Coordinate43°38′06.14″N 10°56′15.65″E / 43.63504°N 10.93768°E43.63504; 10.93768 (Castelnuovo d'Elsa)Coordinate: 43°38′06.14″N 10°56′15.65″E / 43.63504°N 10.93768°E43.63504; 10.93768 (Castelnuovo d'Elsa)
Abitanti545 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale50051
Prefisso0571
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticastelnovini
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castelnuovo d'Elsa
Castelnuovo d'Elsa

Castelnuovo d'Elsa è una frazione del comune italiano di Castelfiorentino, nella città metropolitana di Firenze, in Toscana.

Il centro abitato sorge su una collinetta dominate la strada che collega Castelfiorentino a San Miniato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla sua origine era uno dei trentasei castelli appartenenti al distretto di San Miniato. Risultava già circondato da mura agli inizi del XII secolo[1].

Vi sono evidenti tracce del suo passato medievale: la struttura murata circolare, le chiesa, il cassero.

Nel 1173 subì l'assedio dalle truppe di Cristiano di Magonza ma la comunità riuscì a respingere l'assalto e rimanere indipendente. Dopo la caduta di San Miniato, a metà del XIV secolo, entrò a far parte dell'orbita fiorentina.

Mantenne comunque l'autonomia della sua amministrazione di Comune rurale fino al 23 maggio 1774, quando in virtù della riforma leopoldina, fu soppresso e annesso prima a Montaione e poi a Castelfiorentino.

Edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Costruita nella parte più alta del paese, poggia le fondamenta del suo campanile sui resti della fortificazione del cassero. All'interno si conserva una pregevole Annunciazione di Neri di Bicci. L'edificio ha subito pesanti rimaneggiamenti nel XVIII secolo.

L'edificio di origine medievale ad un'unica navata terminante con un'abside semicircolare, domina la piazzetta centrale del paese. Nella parete di fondo dell'altare maggiore conserva un ciclo di affreschi attribuiti a Paolo Schiavo (1397 - 1478).

Altre immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Renato Stopani - Marco Frati, 1995, pp. 173 - 174

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Allegri – M. Tosi, Castelfiorentino terra d'arte, collana “Valdelsa Millenaria”, Certaldo (Fi), Federighi Editori, 2005, pp. 218 – 220.
  • Renato Stopani - Marco Frati, Chiese medievali della Valdelsa. I territori della via Francigena tra Firenze, Lucca e Volterra, Empoli, Editori dell'Acero, 1995, pp. 173 – 174. ISBN 88-86975-18-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana