San Nicola dell'Alto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Nicola dell'Alto
comune
(IT) Comune di San Nicola dell'Alto
(AAE) Bashkia e Shën Kollit
San Nicola dell'Alto – Stemma San Nicola dell'Alto – Bandiera
San Nicola dell'Alto – Veduta
San Nicola dell'Alto in una foto del 1930.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
ProvinciaProvincia di Crotone-Stemma.png Crotone
Amministrazione
SindacoFrancesco Scarpelli[1] dal (8/6/2009)
Territorio
Coordinate39°18′N 16°58′E / 39.3°N 16.966667°E39.3; 16.966667 (San Nicola dell'Alto)Coordinate: 39°18′N 16°58′E / 39.3°N 16.966667°E39.3; 16.966667 (San Nicola dell'Alto)
Altitudine575 m s.l.m.
Superficie7,85 km²
Abitanti785[3] (31-7-2018)
Densità100 ab./km²
Comuni confinantiCarfizzi, Casabona, Melissa, Pallagorio
Altre informazioni
Cod. postale88817
Prefisso0962
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT101021
Cod. catastaleI057
TargaKR
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantisannicolesi
PatronoSan Michele Arcangelo[2]
Giorno festivo8 maggio[2]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Nicola dell'Alto
San Nicola dell'Alto
San Nicola dell'Alto – Mappa
Posizione del comune di San Nicola dell'Alto nella provincia di Crotone
Sito istituzionale

San Nicola dell'Alto (IPA: [sanˈniˈkɔla delˈlalto][4], Shën Koll in arbëreshë[5]) è un comune italiano di 785 abitanti[3] della provincia di Crotone, in Calabria.

Il piccolo centro è situato su una collina e sorse nel 1480. Le sue origini risalgono ad una delle prime migrazioni delle popolazioni albanesi dell'Albania meridionale e dalla Morea. I suoi abitanti conservano la cultura e la lingua arbëreshe, ma hanno abbandonato, per una serie di vicissitudini (obbligati dall'ambiente latino circostante), il rito bizantino-greco. Il paese è chiamato inequivocabilmente Shin Koll, che propriamente significa San Cola, che deriva da Shën Koll, forma corretta in lingua albanese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

San Nicola dell'Alto sorse nel XV secolo per opera di profughi albanesi che si stabilirono tra il monte San Michele e il monte Pizzuta, località disabitata, ma rispondente a quelle caratteristiche montane, analoghe a quelle della madrepatria. La sua è una storia di dominazioni: fu feudo dei Canaviglia, degli Aragona e dei Pisciotta, quindi passò ai Marchesi, agli Spiriti ed ai Rossi; nel corso del XVIII secolo fu dei Moccia, dei Crispano ed infine dei Capecelatro.

La strage di Monongah[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Disastro di Monongah.

La comunità di San Nicola dell'Alto è stata duramente colpita dalla più grave sciagura mineraria mai verificatasi negli Stati Uniti d'America il 6 dicembre 1907 a Monongah (Virginia Occidentale). Alcune delle vittime della catastrofe erano emigranti italiani originari proprio di San Nicola dell'Alto.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristico è il centro storico, con pietre che richiamano l'architettura medievale.

La Chiesa di San Nicola[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa è situata nel cuore del centro storico. Sorge infatti nel 1675 con la vecchia struttura e ricostruita in parte nel secolo scorso. A navata tripla e possiede acquasantiere in pietra e un ciborio seicentesco.

Scultura invocazione della pace[modifica | modifica wikitesto]

Sulla punta della località La Pizzuta, nel comune di San Nicola dell'Alto, c'è un monumento alto oltre 7 metri, opera dell'artista calabrese Antonio Cersosimo. La scultura si chiama "Invocazione alla Pace" ed è realizzata in marmo pregiatissimo Acquabianca di Carrara e con base in granito Silik.La statua che raffigura un assemblamento di donne e uomini con le mani alzate verso il cielo che implorano la pace del mondo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Feste[modifica | modifica wikitesto]

La festa patronale di S.Michele si svolge nella prima settimana di maggio. Suggestiva e partecipata la processione del santo che parte dalla chiesa parrocchiale nelle ore serali percorrendo il borgo giunge nella sua chiesetta verso le ore 23:00.La festa è sentita dai Sannicolesi che mostrano nei due giorni di festa particolare devozione ed emozione al santo patrono.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Molto sviluppato era anticamente il settore tessile oggi ancora praticato.

Amministrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
13 giugno 1999 12 giugno 2004 Luigi Rizzuti Democratici di sinistra Sindaco
12 giugno 2004 7 giugno 2009 Pace Vincenzo Lista civica Sindaco
7 giugno 2009 in carica Francesco Scarpelli Partito Democratico Sindaco

Gemellaggi

Il comune ha stipulato nel 1995 un gemellaggio con la città di Prato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amministrative 2014 a San Nicola dell'Alto, i voti dei candidati lista per lista, ilcirotano.it. URL consultato il 27 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2014).
  2. ^ a b Comune di San Nicola dell'Alto, comuni-italiani.it. URL consultato il 28 dicembre 2015.
  3. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 luglio 2018.
  4. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, su dipionline.it. URL consultato il 22 marzo 2014.
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 586.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN258008519 · GND (DE1024823350